Sede della più antica università dei Paesi Bassi e luogo di nascita di Rembrandt, Leida (Leida) è stata anche una tappa di diversi anni tra l'Inghilterra e il Nuovo Mondo per i padri pellegrini d'America all'inizio del XVII secolo. Oggi, l'incantevole Leida vanta il secondo centro città olandese più grande dopo Amsterdam. Il Museo Nazionale delle Antichità ha un'impressionante collezione di manufatti egizi. L'Hortus Botanicus, fondato nel 17, fu il sito della piantagione dei primi bulbi di tulipani olandesi nel 1590.

Leida iniziò come insediamento sulla riva sinistra del Reno, dove i due rami del Reno confluivano nei fiumi Mare e Vliet. Qui i Conti d'Olanda avevano la loro corte. Gravensteen (Count's Stone House), Pieterskerkhof (St. Peter's Churchyard) e Burcht (Citadel) ci ricordano quel periodo. Probabilmente alla città fu concessa una carta qualche tempo prima dell'anno 1222. Leida, che aveva una certa importanza come città mercato, sviluppò presto un'industria tessile. A causa della necessità di più spazio e potere, la città fu ingrandita quattro volte nel XIII e XIV secolo.

15th e 16th secolo

I successivi 200 anni si sono rivelati un periodo di stagnazione, con gravi inondazioni, insicurezza, fame e pestilenza. L'industria tessile è andata in declino e alla fine la produzione è stata chiusa del tutto. Poi ci fu l'assedio spagnolo del 1573/1574, un punto di riferimento importante nella storia di Leida, quando la città resistette alle forze spagnole negli anni tumultuosi della "rivolta olandese". la popolazione è passata da 15.000 a 12.000 abitanti. Quando l'assedio finì, Leida ottenne il permesso di fondare la sua università (la prima università nei Paesi Bassi), che da allora ha svolto un ruolo di primo piano negli affari della città. Quando l'economia della città fu ricostruita, l'enfasi fu di nuovo sull'industria tessile. La città adottò misure per attirare lavoratori qualificati e molti arrivarono dalle Fiandre e da altri paesi, di solito profughi dalla persecuzione religiosa (come i Padri Pellegrini). Soprattutto grazie ai loro sforzi l'industria riprese vita e prosperò, ma l'afflusso di immigrati aumentò notevolmente la popolazione di Leida e rese necessaria un'ulteriore espansione nel corso del XVII secolo.

XVII e XVIII secolo

Il XVII secolo fu un periodo di crescita e prosperità per Leida, divenne la seconda città più grande dell'Olanda. Ma questa prosperità serviva solo a riempire le tasche di pochi felici. Le condizioni di lavoro erano atroci. I canali sono stati inquinati, molti hanno sofferto di malnutrizione e, a causa di questo e di altri fattori, ci sono state molte malattie. Circa 17 cittadini morirono per la targa nella prima metà del XVII secolo. Gli ospizi, gli orfanotrofi, gli ospedali ecc. Sono stati fondati da privati. C'erano anche altre forme di assistenza, come i soccorsi poveri, per i malati e gli aiuti di emergenza per le vittime di persecuzioni ed espulsioni: fiamminghi, valloni, ugonotti francesi e protestanti inglesi (alcuni dei quali si imbarcarono in America nel "Mayflower" in 36.000). L'industria tessile andò in declino dopo il 17. Ci fu una ripresa di breve durata alla fine del XVII secolo con l'arrivo degli industriali francesi che dovettero vivere nel loro paese natale a causa della loro religione. Ma in seguito le cose andarono di male in peggio: altre città riuscirono a produrre beni in modo più economico e in condizioni migliori, e la popolazione di Leida scese drasticamente da 1620 nel 1670 a 17 nel 70.000.

19th e 20th secolo

Grazie alla sua posizione favorevole, Leida è stata per secoli un importante mercato per i prodotti dell'agricoltura e della pesca locali. Vari prodotti avevano il loro posto nel mercato del sabato: il mercato del formaggio vicino al Waag (Weigh house), il burro veniva venduto sul Boterbeurs (mercato del burro), il mais sul Korenbeursbrug (Corn Market Bridge) e il pesce d'acqua dolce sul Vismarkt (Mercato del pesce) con la sua fontana, ecc. Il mercato ha gradualmente perso la sua importanza con lo sviluppo dell'industria e del commercio lattiero-caseario. Il mercato del bestiame è rimasto importante. Le condizioni di vita rimasero insoddisfacenti per tutto il XIX secolo, ma ci fu un certo miglioramento verso la fine del secolo, quando furono create diverse nuove industrie intorno a Leida. Oggi Leiden funge da centro commerciale e commerciale per le comunità agricole della zona. La popolazione attuale della città è di circa 19.

1910 Città di Leida.

1910 Città di Leida.

1910 Città di Leida.

1910 Città di Leida.

Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

2016 Città di Leida.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: