Gustav Mahler ha viaggiato in mezz'ora di treno da Berlino a Zehlendorf e vi è rimasto circa due ore.

Mahler probabilmente incontrò Johann Heinke (meister della fonderia di campane, Mittelstrasse 1 a Zehlendorf, assistente di Gustav Collier).

Ha acquistato le campane della chiesa per la prima esecuzione, trovando tutti gli altri mezzi per ottenere questo suono insoddisfacenti. Ha scritto di questo movimento finale: "La tensione crescente, che arriva al culmine finale, è così tremenda che non mi conosco, ora che è finita, come sono mai arrivato a scriverlo."

Fonderia Collier

  • 1875: Charles Collier si trasferisce nel 1875 da Berlino Nord a Zehlendorf (Ovest).
  • 1883: la fabbrica è terminata.
  • 1893: Guglielmo II aveva visitato la fonderia.
  • 1895: Gustav Louis Guillaume Collier (1845-1908) fu un fondatore di campane che lavorava nell'area di Berlino e le campane della fonderia si trovano in un'ampia area intorno alla capitale tedesca.
  • 1895: Collier, fonderia di campane a Zehlendorf, Glockenstraße 2 (Glockenstrasse 2, Bell Street n. 2) vicino al vecchio villaggio.
  • 1895: Gustav Mahler visita la fonderia. Probabilmente ha incontrato Johann Heinke (meister della fonderia di campane, Mittelstrasse 1 a Zehlendorf, assistente di Gustav Collier).
  • 1914: produzione di cannoni.
  • 1918: Last Collier muore sul fronte francese. Fabbrica chiusa. Circa 3000 campane furono fuse dai Collier.

In una lettera da Berlino dell'08-12-1895 a Anna Bahr-von Mildenburg (1872-1947), Gustav Mahler ha descritto molto graficamente e con una certa allegria confortevole i suoi sforzi per trovare gli strumenti necessari per i suoni delle campane.

La lettera è caratteristica per la cura che Mahler dedicava alla corretta realizzazione delle sue intenzioni. Mostra anche che Mahler non ha usato effetti sonori speciali a causa di un'esperienza pratica con qualche nuovo strumento, ma piuttosto che l'idea del suono era lì prima per lui e che solo più tardi è emersa la domanda sulla sua realizzazione.

“Ho bisogno della mia sinfonia”, scrive, “come sapete, alla fine dell'ultimo movimento, suoni di campane che non possono essere eseguiti da nessuno strumento musicale. Quindi, ho pensato fin dall'inizio che solo un fondatore di campane poteva aiutarmi. Ora, ho finalmente scoperto un tale fondatore; per raggiungere la sua bottega occorre percorrere circa mezz'ora di treno. È nelle vicinanze di Grunewald. Sono partito molto presto la mattina, aveva nevicato meravigliosamente e il gelo ha ravvivato il mio corpo e il mio spirito un po 'depressi, perché anche io avevo dormito poco quella notte. Quando sono arrivato a Zehlendorf - così si chiama il posto - e mi sono fatto strada tra abeti e abeti rossi completamente ricoperti di neve, tutto molto rurale, una bella chiesa che brillava gioiosamente nel sole invernale, il mio cuore si è riempito e ho visto quanto era libero e un uomo diventa improvvisamente felice quando torna di nuovo fuori dal trambusto innaturale e irrequieto della grande città nella casa tranquilla della natura. . .

Dopo una lunga ricerca, ho scoperto la fonderia; Fui ricevuto da un semplice vecchio gentiluomo con bei capelli bianchi e barba e occhi così pacificamente amichevoli, che improvvisamente mi sentii come se fossi stato trasportato ai tempi della vecchia corporazione dei maestri. Tutto era caro e bello per me. Ho parlato con lui, ed era certamente un po 'prolisso e lento con me, quello impaziente. Mi ha mostrato campane gloriose, tra le altre una grande e potente che aveva lanciato su ordine dell'imperatore tedesco per la nuova cattedrale. Il suono era misterioso e potente. Avevo pensato a qualcosa di simile per il mio lavoro. Ma sono già passati i tempi in cui solo le cose più costose e significative sono abbastanza buone da servire una grande opera d'arte. Così ho cercato alcune campane un po 'più modeste che fossero comunque sufficienti per i miei scopi, e ho salutato dopo una permanenza di circa due ore con il caro vecchio. La via del ritorno fu di nuovo gloriosa.

Ma torniamo ora alla direzione generale: il lobbismo era in pieno vigore. Questi volti! Queste persone ossute! Ogni centimetro dei loro volti portava le tracce dell'egoismo tormentoso che rende tutti gli uomini così infelici! Sempre io e io, e mai Tu, fratello mio! "

Bell nel 1892 prodotta da Fonderia di campane Collier.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: