Helsinki (Helsingfors, Helsinge fors, ovvero Helsinge Rapids, Stadi, Helsset)

Quando una città fu fondata nel villaggio di Forsby nel 1548, fu chiamata Helsinge fors, cioè Helsinge Rapids. Il nome si riferisce alle rapide Vanhankaupunginkoski alla foce del fiume. La città era comunemente conosciuta come Helsinge o Helsing, da cui si è sviluppato il nome finlandese Helsinki.

Il nome Helsinki è stato utilizzato nei documenti ufficiali finlandesi e nei giornali in lingua finlandese dal 1819, quando il Senato finlandese si trasferì a Helsinki da Turku (svedese: Åbo). I decreti emanati a Helsinki sono stati datati con Helsinki come luogo di emissione. Questo è il modo in cui la forma Helsinki è stata usata nel finlandese scritto. Come parte del Granducato di Finlandia nell'impero russo, Helsinki era conosciuta come Gelsingfors in russo.

In gergo di Helsinki la città si chiama Stadi (dalla parola svedese stad, che significa "città"). Hesa (abbreviazione di Helsinki), non è usata dai nativi della città. Helsset è il nome dei Sami del Nord di Helsinki.

Anno 1907Città di Helsinki.

Anno 1907Città di Helsinki.

Helsinki fu fondata come città commerciale dal re Gustavo I di Svezia nel 1550 come città di Helsingfors, che intendeva essere una rivale della città anseatica di Reval (oggi nota come Tallinn). Poco venne dai piani poiché Helsinki rimaneva una piccola città afflitta da povertà, guerre e malattie. La peste del 1710 uccise la maggior parte degli abitanti di Helsinki.

La costruzione della fortezza navale Sveaborg (in finlandese Viapori, oggi anche Suomenlinna) nel XVIII secolo contribuì a migliorare lo stato di Helsinki, ma fu solo quando la Russia sconfisse la Svezia nella guerra finlandese e annette la Finlandia come Granducato autonomo di Finlandia nel 18 che la città iniziò a svilupparsi in una città sostanziale. Durante la guerra, i russi assediarono la fortezza di Sveaborg e circa un quarto della città fu distrutto in un incendio del 1809.

Anno 1907Città di Helsinki.

Anno 1907Città di Helsinki.

L'imperatore russo Alessandro I di Russia trasferì la capitale finlandese da Turku a Helsinki nel 1812 per ridurre l'influenza svedese in Finlandia e per avvicinare la capitale a San Pietroburgo. Dopo il Grande Incendio di Turku nel 1827, anche l'Accademia Reale di Turku, all'epoca l'unica università del paese, fu trasferita a Helsinki e alla fine divenne la moderna Università di Helsinki.

Il trasferimento ha consolidato il nuovo ruolo della città e ha contribuito a impostarla su un percorso di continua crescita. Questa trasformazione è molto evidente nel nucleo del centro, che è stato ricostruito in stile neoclassico per assomigliare a San Pietroburgo, per lo più su un piano dell'architetto di origine tedesca CL Engel. Come altrove, i progressi tecnologici come le ferrovie e l'industrializzazione sono stati fattori chiave alla base della crescita della città.

Gustav Mahler

La sua visita a Helsinki costituì un elemento di un lungo viaggio durato dal 19 ottobre al 12 novembre nell'impero russo (all'interno del quale, dal 1809-1917, la Finlandia era un Granducato autonomo. Fu il suo ultimo viaggio di questo tipo mentre Direttore ed è stato ampiamente documentato da Henry-Louis de La Grange. In questo viaggio Mahler condusse due volte a San Pietroburgo e una volta a Helsinki (1907 Concerto Helsinki 01-11-1907), ma ha eseguito la sua musica (la Quinta Sinfonia) solo a San Pietroburgo (il 9 novembre).

Tuttavia, se la visita a Helsinki non ha contribuito direttamente alla diffusione delle sue opere in Finlandia, ha offerto a Mahler un'opportunità per contatti personali e musicali. Non solo si è incontrato Jean Sibelius (1865-1957) più di una volta, ma anche il direttore e compositore Robert Kajanus, con il quale andava piuttosto d'accordo, e che ha ascoltato eseguire brani di Sibelius (Valse triste e Vårsång, op.16) e Josef Suk (Fantastické scherzo, op.25) ; poté anche rinnovare la conoscenza dell'artista, Akseli Gallen-Kallela (1865-1931).

Akseli Gallen-Kallela

Si erano incontrati per la prima volta all'inizio del 1904, all'epoca della XIX Esposizione di Vienna secessione, in cui Gallen-Kallela aveva un certo numero di opere in mostra, e presumibilmente furono introdotte da entrambe Carl Julius Rudolf Moll (1861-1945) or Alfred Rullo (1864-1935) (Head of Stage Design at the Court Opera), entrambi i quali, come membri della Secessione, erano in corrispondenza con il loro collega finlandese.

A sua volta, fu attraverso Gallen-Kallela che Mahler incontrò a Helsinki l'architetto Eliel Saarinen (1873-1950) e visitò Hvitträsk, la casa - `` più un castello davvero '', secondo Mahler - costruita da Saarinen con i suoi due soci, Herman Gesellius e Armas Lindgren. È interessante notare che Mahler ha immediatamente confrontato le tendenze architettoniche viennesi, descrivendolo come "molto à la [Josef] Hoffmann ... come un Hohe Warte finlandese".

Sebbene Mahler non avesse promosso la propria musica, la sua breve visita ha attirato un'enorme quantità di copertura da parte della stampa e ha assicurato che la sua carriera continuasse ad attirare l'attenzione in Finlandia anche dopo la sua partenza dalla sua posizione preminente a Vienna. Quindi fu una cantante, all'epoca relativamente poco conosciuta, con (apparentemente) solo una canzone di Mahler nel suo repertorio, che introdusse la musica di Mahler a circoli musicali più ampi all'interno e oltre la capitale.

Anno 1907. Gustav Mahler. Pittura ad olio di Akseli Gallen-Kallela. Subito dopo che questo dipinto fu completato, Mahler ne scrisse a sua moglie Alma: "Quando si fece il crepuscolo, ci sedemmo al crepuscolo davanti al fuoco aperto, dove enormi tronchi ardevano e risplendevano come in una fucina. Gallen, che per tutto il viaggio aveva tenuto gli occhi fissi su di me nel modo più singolare (come se avesse individuato una lepre), ha improvvisamente sistemato un cavalletto e ha iniziato il mio ritratto. Illuminato solo dal fuoco, piuttosto una Rembrandt…. Passò un'ora: dovevo andare e stavo salutando tutti loro quando il mio ospite portò con sé il cavalletto e lì, con meraviglia di tutti, c'era il mio ritratto - completamente finito. Molto bello come dipinto e anche di forte somiglianza. Saresti sbalordito! '.

Dagmar Hagelberg-Raekallio

Dagmar Hagelberg-Raekallio (nata Sarlin; 1871-1948) è nata nella piccola città finlandese centrale di Viitasaari, si è formata come cantante a Viborg / Viipuri e Parigi, ma sembra non aver sviluppato una significativa carriera di pubblico performativo fino ai trent'anni. Nel caso questo è stato relativamente di breve durata poiché un'operazione alla tiroide ha danneggiato le sue corde vocali. Tuttavia, Hagelberg-Raekallio merita un posto sicuro nella storia delle performance finlandesi per essere stato forse il primo cantante a eseguire canzoni in lingua straniera in finlandese, una strategia controversa in un paese bilingue.

L'obiettivo era apparentemente quello di promuovere una migliore comprensione del testo tra gli ascoltatori che non avevano familiarità con il francese, l'italiano o il tedesco, ma inevitabilmente la pratica ha suscitato accuse di nazionalismo. Il concerto di Hagelberg-Raekallio a Helsinki il 16 novembre 1907 adottò questa strategia, con traduzioni di canzoni di Schubert, Mendelssohn e Chopin che apparvero accanto a canzoni finlandesi, ma i dettagli completi del programma sembrano non essere stati pubblicati sulla stampa.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: