Esibizioni dirette da Gustav Mahler con l'Orchestra Filarmonica di Vienna (VPO) (Vedi: 0000 concerto Vienna).

Fino al primo concerto della Filarmonica del 28 marzo 1842, la città che ha dato il nome ai classici viennesi - Joseph Haydn (1732-1809), Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) e Ludwig van Beethoven (1770-1827) - non aveva un'orchestra da concerto professionale. Concerti di opere sinfoniche sono stati eseguiti da ensemble appositamente assemblati per l'occasione. Orchestre composte interamente da musicisti professionisti sono state trovate solo nei teatri.

Mozart, Beethoven, Lachner

Il passo logico di suonare un concerto con una di queste orchestre fu compiuto alla fine del XVIII secolo, quando Wolfgang Amadeus Mozart ingaggiò l'orchestra del Vienna Court Theatre per un ciclo di sei concerti nel 18. Ludwig van Beethoven ingaggiò anche questo ensemble il 1785-02-04 per un concerto in cui ha debuttato la sua prima sinfonia. Il 1800-24-05 l'orchestra della Gesellschaft der Musikfreunde (Società degli amici della musica) e l'orchestra di corte hanno unito le forze con l'orchestra dell'opera di corte per la prima della Nona Sinfonia di Beethoven. Nonostante questi promettenti inizi, tuttavia, l'ensemble più grande e raffinato di Vienna è riuscito a diventare un organizzatore di concerti sinfonici classici solo in modo molto indiretto. Il compositore e direttore d'orchestra bavarese Franz Lachner, direttore del teatro dell'opera di corte dal 1824, ha suonato le sinfonie di Beethoven negli intervalli di spettacoli di balletto. Da questi esperimenti alle prime attività imprenditoriali dell'orchestra dell'opera di corte fu solo un piccolo passo e nel 1830 Lachner fondò a questo scopo il Künstler-Verein. Tuttavia, la società si sciolse dopo soli quattro concerti a causa di carenze organizzative.

Otto Nicolai (1810-1849)

Otto Nicolai fu nominato direttore del Kärntertortheater nel 1841. Incoraggiato da figure influenti della vita musicale di Vienna, fece rivivere l'idea di Lachner e il 28 marzo 1842 diresse un "Gran Concerto" nella Großer Redoutensaal che fu presentato da "tutti i membri dell'orchestra di l'imperiale "Hof-Operntheater". Questa "Accademia Filarmonica", come era originariamente chiamata, è giustamente considerata come l'origine dell'orchestra, perché tutti i principi dell '"Idea Filarmonica", che si applicano ancora oggi, sono stati messi in pratica per la prima volta:

  1. Solo un musicista che suona nell'Orchestra dell'Opera di Stato di Vienna (originariamente Orchestra dell'Opera di Corte, Wiener Philharmoniker) può diventare membro della Filarmonica di Vienna
  2. L'orchestra è artisticamente, organizzativamente e finanziariamente autonoma e tutte le decisioni vengono prese su base democratica durante l'assemblea generale di tutti i membri.
  3. La gestione quotidiana è responsabilità di un organo eletto democraticamente, il comitato amministrativo.

Così, anche prima degli eventi politici del 1848, fu adottata una politica rivoluzionaria - autodeterminazione democratica e iniziativa imprenditoriale intrapresa da un'orchestra come partnership - che pose le basi per esecuzioni tecnicamente e musicalmente superiori di opere sinfoniche classiche. Ovviamente questo era solo l'inizio. L'associazione di musicisti avrebbe subito gravi battute d'arresto e avrebbe imparato lezioni dolorose prima di raggiungere finalmente la vera stabilità.

Hans Richter (1843-1916)

Non c'è stato nessun altro direttore nella storia della Filarmonica di Vienna che abbia lasciato un'impronta così duratura sull'orchestra come Hans Richter, il leggendario direttore della prima della tetralogia di Wagner "L'anello dei Nibelunghi" a Bayreuth. Questa non è solo una valutazione col senno di poi, ma era anche l'opinione predominante dei musicisti di quel tempo. Richter diresse almeno 243 concerti e presiedette l'organizzazione con un'interruzione di un anno dal 1875 al 1898.

Il sodalizio artistico tra Richter e la Filarmonica è stato caratterizzato dal fervore di individui in carne e ossa. L'era di Hans Richter, che viene indicata come la 'Golden Era' non era un periodo di statica compiacenza, ma piuttosto il costante scambio tra un gruppo testardo di musicisti e un direttore d'orchestra eccezionale, che era in realtà un membro dell'ensemble come il primo tra i pari.

Sotto Hans Richter l'ensemble ha raggiunto lo status di orchestra di livello mondiale con una tradizione incomparabile. Contribuirono a questa aura anche gli incontri con Wagner, Verdi, Bruckner, Brahms, Liszt e altri che si esibirono con l'orchestra come direttori e solisti. Durante l '"epoca d'oro" della 2a e 3a sinfonie di Hans Richter Brahms, furono eseguite in prima assoluta la 4a e l'8a sinfonie di Anton Bruckner e il Concerto per violino di Tchaikovsky.

Gustav Mahler (1860-1911)

Gustav Mahler assunse la direzione dei concerti in abbonamento VPO nell'anno 1898, un anno dopo essere stato nominato direttore dell'Opera di Corte di Vienna. Mahler nog ha portato l'orchestra solo a numerosi successi artistici, ma anche nel suo primo tour straniero a Parigi nel 1900.

Anno 1900Orchestra Filarmonica di Vienna (VPO) settembre con Gustav Mahler (1860-1911) (centro).

"Gli oneri della direzione dell'Opera, così come la situazione psicologicamente difficile, come direttore di abbonamento Filarmonico, dipendente dal processo decisionale democratico degli stessi musicisti che nell'opera erano suoi subordinati, hanno portato Mahler a dimettersi dalla direzione del concerti nel 1901 ”(Clemens Hellsberg).

Tuttavia, la collaborazione reciproca tra Mahler e il VPO durò fino al 1907.

Durante la sua breve era, Mahler diresse 22 concerti in abbonamento in cui 68 composizioni di 24 diversi compositori, 18 dei quali furono prime. Anche se ha presentato spesso composizioni contemporanee in questi concerti, le sue selezioni di programma erano generalmente conservatrici, con una forte enfasi posta sulle sinfonie di Ludwig van Beethoven.

Nel 1901, Mahler diresse la prima delle composizioni della sua giovinezza, "Das klagende Lied (La canzone del lamento)". Nel 1905 diresse la prima del suo "Kindertotenlieder (Songs on the Death of Children)", e nello stesso anno la prima esecuzione della sua Sinfonia n. 5. Al suo concerto di addio a Vienna il 24-11-1907, Mahler è salito sul podio del VPO per l'ultima volta, per dirigere la sua Sinfonia n. 2.

"Dopo aver viaggiato così tanto e aver avuto l'opportunità di ascoltare l'orchestra più famosa del mondo, si ha sempre l'impressione, quando si torna a Vienna, che la nostra orchestra sia molto più alta di tutte"

Anno 1900. Lettera di apprezzamento da Francesco Giuseppe I, imperatore (1830-1916) Vai all’email Orchestra Filarmonica di Vienna (VPO). In questa lettera, l'imperatore Francesco Giuseppe ringrazia il VPO per la sua esibizione in tournée Paris. Anche durante questo primo impegno internazionale, i musicisti hanno svolto il loro ruolo non ufficiale di ambasciatori culturali dell'Austria. Ad ogni musicista che all'epoca era al servizio dell'Opera di Corte da almeno dieci anni fu conferito il titolo onorifico di “Musicista di Corte Imperiale”. La Filarmonica di Vienna si esibì per la prima volta all'estero all'Esposizione Mondiale di Parigi nel 1900 sotto la direzione di Gustav Mahler (1860-1911). 

L'orchestra, ufficialmente riconosciuta come associazione dal governo austriaco nel 1908, non iniziò a girare regolarmente fino al 1922 sotto la guida di Felix von Weingartner, che guidò l'orchestra fino al Sud America.

Lo stretto rapporto della Filarmonica con Richard Strauss, ovviamente, è di grande importanza storica e rappresenta uno dei tanti punti salienti nella ricca storia dell'orchestra.

Orchestra Filarmonica di Vienna (VPO) ai tempi di Gustav Mahler.

Ulteriori momenti salienti musicali furono le collaborazioni artistiche con Arturo Toscanini dal 1933 al 1937 e Wilhelm Furtwängler (1886-1954) che, nonostante l'allontanamento dal sistema di direttore d'orchestra in abbonamento, fu in realtà il principale direttore d'orchestra dal 1933 al 1945, e di nuovo dal 1947 al 1954.

Anno 1901. Aprile. Lettera di Gustav Mahler al Orchestra Filarmonica di Vienna (VPO). In questa lettera, Gustav Mahler informa i musicisti della sua decisione di rinunciare alla sua posizione di direttore dei concerti in abbonamento VPO. Né la collaborazione artistica né la stima reciproca tra Mahler e la Filarmonica sono terminate in seguito a questo sviluppo.

conduttori

  1. 1842-1847 Otto Nicolai (1810-1849)
  2. 1860-1860 Karl Anton Eckert
  3. 1860-1875 Felix Otto Dessoff
  4. 1875-1882 Hans Richter (1843-1916)
  5. 1882-1883 Guglielmo Jahn (1835-1900)
  6. 1883-1898 Hans Richter (1843-1916)
  7. 1898-1901 Gustav Mahler (1860-1911)
  8. 1901-1903 Joseph Hellmesberger Jr. (1855-1907)
  9. 1908-1927 Felix von Weingartner (1863-1942) e Edler von Münzberg

La Filarmonica di Vienna non ha mai avuto direttori principali. Ogni anno hanno scelto un artista per dirigere tutti i concerti della rispettiva stagione al Musikverein di Vienna. Questi direttori sono stati chiamati Abonnementdirigenten (direttori in abbonamento) poiché dovevano dirigere tutti i concerti inclusi nell'abbonamento della Filarmonica al Musikverein.

Alcuni di questi affitti annuali furono rinnovati per molti anni, altri durarono solo pochi anni. Allo stesso tempo, la Filarmonica di Vienna ha anche lavorato con altri direttori, ad esempio al Festival di Salisburgo, per registrazioni o occasioni speciali. Con l'ampliamento delle attività della Filarmonica l'orchestra decise di abbandonare questo sistema nel 1933. Da quel momento in poi furono assunti solo direttori ospiti per ogni concerto, sia a Vienna che altrove. Vedere: Gesellschaft der Musikfreunde (Musikverein, Musikvereinsplatz n. 1).

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: