Gesellschaft der Autoren, Komponisten und Musikverleger Austria

Gesellschaft der Autoren, Komponisten und Musikverleger (ora AKM) è stata fondata nel 1897 ed è quindi (dopo la SACEM francese) la seconda società di gestione collettiva più antica d'Europa. È membro di GESAC, l'associazione ombrello europea delle società di copyright e l'organizzazione ombrello internazionale CISAC.

La storia di AKM è strettamente legata allo sviluppo del diritto d'autore. Gli sforzi fondatori iniziarono poco dopo l'approvazione del Copyright Act nel 1895. Alcuni compositori, autori ed editori musicali si resero immediatamente conto molto chiaramente che non sarebbe stata possibile l'applicazione individuale delle richieste di remunerazione per l'esecuzione pubblica "simile a un concerto" delle loro opere musicali per il singolo ricorrente in pratica. L'assemblea generale costituente della cooperativa si è svolta il 17-10-1897.

Lo scopo e lo scopo dell'AKM in conformità con il suo primo statuto era principalmente quello di salvaguardare gli interessi materiali dei suoi membri, vale a dire garantire che gli organizzatori pagassero una quota di esecuzione corrispondente alla compagnia per l'uso delle opere musicali protette - secondo il loro uso delle opere - distribuite ai suoi membri. La Società ha anche considerato sin dall'inizio la sua missione di promuovere gli interessi professionali dei suoi membri e di fornire assistenza alla vecchiaia e ai sopravvissuti e assistenza finanziaria in caso di emergenza.

Dopo la sua fondazione, l'AKM è stato inizialmente fortemente sfidato a fornire informazioni agli organizzatori di spettacoli musicali. Il numero di autori ed editori musicali è cresciuto costantemente e rapidamente, e dal 1 ° luglio 1901, tutti i compositori e parolieri ben noti e famosi si sono riuniti (oi loro successori legali). Ciò che iniziò con 227 membri nel 1898 è oggi un'associazione con più di 23,000 membri.

Nel 1898 fu firmato il primo accordo di reciprocità con la SACEM. Di conseguenza, agli organizzatori in Austria è stato concesso anche il permesso di eseguire il repertorio straniero, garantendo allo stesso tempo che AKM potesse anche pagare ai suoi membri le royalty per l'esecuzione delle loro opere all'estero.

Nel 1920, l'Austria aderì alla Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche, un desiderio dell'AKM, che aveva ripetutamente sostenuto con forza contro il Ministero della giustizia. La loro persistente lotta per estendere il periodo di protezione da 30 a 50 anni ebbe successo nel 1933.

 Presidente dell'AKM fino al 1938:

Primi membri:

Vedi anche: Gesellschaft der Autoren, Komponisten und Musikverleger Germania.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: