La Boston Symphony Orchestra (BSO) è un'orchestra americana con sede a Boston, Massachusetts. È una delle cinque maggiori orchestre sinfoniche americane comunemente denominate "Big Five". Fondato nel 1881, il BSO suona la maggior parte dei suoi concerti alla Symphony Hall di Boston e in estate si esibisce al Tanglewood.

Nei primi anni

Il BSO è stato fondato nel 1881 da Henry Lee Higginson. Il suo primo direttore fu George Henschel, che era un noto baritono nonché direttore d'orchestra e un caro amico di Johannes Brahms (1833-1897). Per l'orchestra, Henschel ideò innovative tabelle di disposizione dei posti per orchestra e le inviò a Brahms, che rispose con approvazione e commentò le questioni sollevate dalle sezioni di corno e viola in una lettera di metà novembre 1881.

I quattro successivi direttori musicali dell'orchestra si sono formati in Austria, compreso il seminale e molto influente direttore di origine ungherese Arthur Nikisch (1855-1922), secondo i gusti di Higginson. Guglielmo Gericke (1845-1925) servito due volte, dal 1884 al 1889 e di nuovo dal 1898 al 1906. Secondo la revisione della corrispondenza di Joseph Horowitz, Higginson prese in considerazione 25 candidati per sostituire Guglielmo Gericke (1845-1925) dopo aver ricevuto l'avviso nel 1905. Decise di non offrire la posizione a Gustav Mahler, Fritz Steinbach e Willem Mengelberg (1871-1951) ma non ha escluso i giovani Bruno Walter (1876-1962) se nessuno più anziano dovesse accettare. Ha offerto la posizione a Hans Richter (1843-1916) nel febbraio 1905, che rifiutò, a Félix Mottl (1856-1911) a novembre, che era stato precedentemente fidanzato, e poi al precedente regista Nikisch, che ha rifiutato; il posto è stato finalmente offerto a Carlo Muck (1859-1940), che accettò e iniziò le sue funzioni nell'ottobre 1906. Fu direttore d'orchestra fino al 1908 e di nuovo dal 1912 al 1918.

Il direttore musicale 1908-1912 era Max Fiedler. Ha diretto la prima della Sinfonia in si minore "Polonia" di Ignacy Jan Paderewski nel 1909.

Durante la prima guerra mondiale, Carlo Muck (1859-1940) (nato in Germania ma cittadino svizzero sin dall'infanzia), fu arrestato, poco prima di una rappresentazione della Passione di San Matteo nel 1918, e internato in un campo di prigionia senza processo né accusa fino alla fine della guerra, quando fu deportato. Ha promesso di non tornare mai più, e da allora in poi condotto solo in Europa. I successivi due direttori titolati della BSO furono francesi: Henri Rabaud, che subentrò da Carlo Muck (1859-1940) per una stagione, e poi Pierre Monteux dal 1919 al 1924. Monteux, a causa di uno sciopero di musicisti, riuscì a sostituire 30 musicisti, cambiando così il suono dell'orchestra; l'orchestra ha sviluppato una reputazione per un suono "francese" che persiste in una certa misura fino ad oggi.

1914 Orchestra Sinfonica di Boston (BSO) con Carlo Muck (1859-1940).

Koussevitzky e Munch

La reputazione dell'orchestra è aumentata durante la direzione musicale di Serge Koussevitzky. Un milione di ascoltatori radiofonici si sintonizzarono quando Koussevitzky e l'orchestra furono i primi a esibirsi in un concerto dal vivo per la trasmissione radiofonica, cosa che fecero sulla NBC nel 1926.

Sotto Koussevitzky, l'orchestra ha tenuto regolarmente trasmissioni radiofoniche e ha stabilito la sua residenza estiva a Tanglewood, dove Koussevitzky ha fondato il Berkshire Music Center, che ora è il Tanglewood Music Center. Quelle trasmissioni radiofoniche di rete andarono dal 1926 al 1951, e di nuovo dal 1954 al 1956. L'orchestra continua a fare regolarmente trasmissioni radio in diretta fino ai giorni nostri. La Boston Symphony è stata strettamente coinvolta con la WGBH Radio di Boston come sbocco per i suoi concerti.

Koussevitzky commissionò anche molti nuovi brani a importanti compositori, tra cui la Sinfonia n. 4 di Sergei Prokofiev, la Seconda Rapsodia di George Gershwin e la Sinfonia dei Salmi di Igor Stravinsky. Hanno anche tenuto la prima del Concerto per orchestra di Béla Bartók, commissionato dalla Koussevitzky Music Foundation su istigazione di Fritz Reiner e Joseph Szigeti.

Koussevitzky iniziò una tradizione di commissioni che l'orchestra continuò, comprese nuove opere di Henri Dutilleux per il suo 75 ° anniversario, Roger Sessions e Andrzej Panufnik, per il 100 °, e recentemente per il 125 ° opere di Leon Kirchner, Elliott Carter e Peter Lieberson. Altre commissioni BSO hanno incluso la Sinfonia n. 2 di John Corigliano per il 100 ° anniversario della Symphony Hall. Hans Werner Henze ha dedicato all'orchestra la sua ottava sinfonia.

Sebbene Koussevitsky abbia raccomandato il suo protetto Leonard Bernstein (1918-1990) per essere il suo successore dopo il ritiro nel 1949, la BSO assegnò la carica al maestro alsaziano Charles Munch. Munch aveva debuttato come direttore a Boston nel 1946. Ha guidato l'orchestra nel suo primo tour all'estero e ha anche prodotto la loro prima registrazione stereo nel febbraio 1954 per la RCA Victor. Nel 1952, Munch nominò la prima donna a detenere una cattedra principale in una grande orchestra statunitense, il flautista Doriot Anthony Dwyer, che rimase come preside della BSO per 38 anni.

Leinsdorf, Steinberg e Ozawa

Erich Leinsdorf divenne direttore musicale nel 1962 e mantenne l'incarico fino al 1969. William Steinberg fu allora direttore musicale dal 1969 al 1972. Steinberg era "malato e malato" secondo il compositore / autore Jan Swafford, e "per quattro anni rimase indisposto per gran parte il tempo." Dopo il ritiro di Steinberg, secondo il fiduciario di BSO John Thorndike (che era nel comitato di ricerca) il consiglio di amministrazione della sinfonia ha parlato con Colin Davis e "ha indagato molto a fondo" sulla sua nomina, ma gli impegni di Davis con la sua giovane famiglia non hanno permesso il suo trasferimento a Boston dall'Inghilterra ; accettò invece la carica di direttore ospite principale della BSO, che ricoprì dal 1972 al 1984. Mentre la ricerca continuava, Leonard Bernstein (1918-1990) ha incontrato quattro membri del consiglio e ha raccomandato Michael Tilson Thomas, che era stato assistente direttore e direttore associato sotto Steinberg, per la direzione, ma il giovane direttore "non aveva un sostegno sufficiente tra i giocatori di BSO", secondo il giornalista Jeremy Eichler. Il comitato alla fine scelse Seiji Ozawa, che divenne direttore musicale nel 1973 e mantenne l'incarico fino al 2002, il mandato più lungo di qualsiasi direttore della Boston Symphony. (Bernard Haitink (1929) è stato direttore ospite principale dal 1995 al 2004 ed è stato nominato direttore emerito nel 2004.)

Il mandato di Ozawa ha comportato dissensi e controversie significativi. Una delle preoccupazioni era la sua gestione del Tanglewood Music Center. Greg Sandow scrisse sul Wall Street Journal nel dicembre 1998 che Ozawa “aveva preso il controllo della scuola con ciò che molti pensavano fosse una brutalità sorprendente e improvvisa. I membri della facoltà, essi stessi di fama mondiale, si erano dimessi con rabbia ". La prima partenza avvenne nell'autunno del 1996, quando Ozawa licenziò Richard Ortner, l'amministratore del Festival. Dopo una stagione tumultuosa, alla fine dell'estate 1997, il pianista Gilbert Kalish si è dimesso dalla facoltà inviando a Ozawa quella che il pianista / direttore Leon Fleisher in seguito ha descritto come "una bollente lettera di dimissioni, e l'ha resa pubblica"; Fleisher, che era anche un membro a lungo termine della facoltà di Tanglewood, scrisse: "La maggior parte dei docenti sentiva che stava parlando per loro". Ozawa ridusse il ruolo di Fleisher al Centro, offrendogli invece un "ruolo da burattino cerimoniale", e Fleisher si dimise, scrivendo a Ozawa che il ruolo proposto era "in qualche modo simile a farmi tagliare le gambe alle ginocchia, poi mi hai gentilmente preso dal braccio e invitandomi a fare una passeggiata. Devo rifiutare l'invito. " (D'altra parte, il critico musicale Richard Dyer ha scritto che "... non tutti i cambiamenti sono stati per il meglio ... Ma non ci sono dubbi sul fatto che Tanglewood sia un luogo più affollato, più avventuroso e più eccitante di quanto non fosse prima che Ozawa diventasse direttore musicale. ")

Una preoccupazione più basilare riguardava le carenze percepite nella leadership musicale di Ozawa; come scrisse Sandow nell'articolo del 1998, "ciò che contava di più era quanto male suonasse il BSO". Notò che un gruppo di musicisti della Boston Symphony aveva pubblicato in privato una newsletter, Counterpoint, esprimendo le proprie preoccupazioni; nell'estate del 1995 il primo violoncello Malcolm Lowe e il primo violoncellista Jules Eskin scrissero che durante le prove Ozawa non dava "una guida specifica in materia di tempo e ritmo", nessuna "espressione di attenzione per la qualità del suono" e nessuna "concezione distintamente trasmessa del carattere di ogni pezzo che la BSO suona. "

L'amministratore delegato della BSO, Mark Volpe, ha risposto che alcuni membri del consiglio consideravano l'articolo di Sandow un "lavoro di ascia" e alcuni "osservatori" senza nome della BSO sono stati detti nel Boston Globe per credere che Sandow "potrebbe affilare le lame per i membri della BSO con asce da macinare". Sandow ha definito il suggerimento "una sciocchezza", dicendo: "Li ho trovati (giocatori che criticano Ozawa nel suo articolo), non mi hanno trovato". André Previn ha scritto al Wall Street Journal difendendo Ozawa, e Lowe ha scritto al Journal che era "frustrato e sconvolto nel vedere il mio nome allegato all'articolo poiché il tuo giornalista non mi ha contattato e ha scelto di citare una lettera pubblicata quasi quattro anni fa in una pubblicazione dell'orchestra interna. " Il presidente del Boston Symphony Board of Trustees Nicholas T. Zervas ha descritto Sandow come l'espressione di "" una visione offensiva, riduttiva e razzista di (Ozawa) come un samurai tenuto al suo posto per raccogliere denaro giapponese "- un punto che Sandow ha confutato in una lettera a il Journal, dicendo: “Queste sono cose che non ho detto. Avevo sentito l'accusa sui soldi giapponesi mentre scrivevo il mio pezzo, quindi ho chiesto a Mark Volpe, direttore generale della BSO, cosa ne pensava. Mark lo ha confutato e l'ho citato con approvazione. " Il critico Lloyd Schwarz ha difeso Sandow nel giornale alternativo di Boston, The Boston Phoenix.

Vari critici musicali attuali descrivono un declino nel modo di suonare dell'orchestra durante il mandato di Ozawa. Jan Swafford scrive: "Di tanto in tanto dava una performance eccezionale, di solito nella letteratura tardo-romantica e del XX secolo, ma la maggior parte delle volte ciò che veniva fuori erano superfici scintillanti senza nulla di sostanziale sotto: nessun concetto distinguibile, no visione." In un'indagine del 20 sulle registrazioni di The Rite of Spring di Igor Stravinsky, un critico musicale newyorkese, il compositore Russell Platt, scrive del "resoconto decisamente deprimente di Seiji Ozawa, registrato nel 2013: la brillantezza sonora della Boston Symphony Orchestra, sviluppata dai predecessori di Ozawa Monteux e Charles Munch, sta gocciolando via, i suoi musicisti scoraggiati perdono il senso di responsabilità individuale nei confronti della colonna sonora. È un record di una relazione professionale che è durata troppo a lungo. "

Il 22 giugno 1999, la sinfonia annunciò la partenza di Ozawa come direttore musicale, a partire dal 2002, in seguito all'improvviso annuncio della nomina di Ozawa a direttore musicale dell'Opera di Stato di Vienna - una decisione di cui il consiglio aveva sentito parlare solo un giorno prima, dove Volpe aveva detto era "un po 'sorpreso del momento". Ha tenuto il suo ultimo concerto con l'orchestra nel luglio 2002.

Levine e Nelsons

Nel 2004, James Levine è diventato il primo direttore musicale americano della BSO. Levine ha ricevuto elogi dalla critica per aver rivitalizzato la qualità e il repertorio dall'inizio del suo mandato, anche per aver sostenuto i compositori contemporanei. Durante il mandato di Levine, nel febbraio 2009 la BSO aveva eseguito 18 prime mondiali, 12 delle quali dirette da Levine. Per finanziare il più impegnativo e costoso dei progetti musicali di Levine con l'orchestra, l'orchestra ha istituito un "Fondo per l'iniziativa artistica" di circa 40 milioni di dollari. Levine ha sofferto di infortuni ricorrenti e problemi di salute durante il suo mandato in BSO, che hanno portato alle sue dimissioni da direttore musicale di BSO a partire dal 1 settembre 2011.

In seguito alle dimissioni di Levine, Andris Nelsons ha fatto la sua prima apparizione come direttore d'orchestra con la BSO nel marzo 2011, come sostituto d'emergenza per Levine alla Carnegie Hall di Mahler 's Sinfonia n. 9. Successivamente ha diretto come ospite la BSO a Tanglewood nel luglio 2012 e ha fatto la sua prima apparizione con la BSO alla Symphony Hall nel gennaio 2013. Nel maggio 2013, la BSO ha nominato Nelsons come suo 15 ° direttore musicale, la stagione 2014-2015. Il suo contratto iniziale è di 5 anni, con 8-10 settimane di presenze programmate nel primo anno di contratto e 12 settimane negli anni successivi. Nelsons ha ottenuto il titolo di direttore musicale designato per la stagione 2013-2014. Nell'agosto 2015, la BSO ha annunciato l'estensione del contratto di Nelsons come direttore musicale per la stagione 2021-2022, con un nuovo contratto di 8 anni per sostituire il contratto iniziale di 5 anni, e che contiene anche una clausola evergreen per il rinnovo automatico.

conduttori

  1. 1881-1884 Giorgio Henschel 
  2. 1884-1889 Guglielmo Gericke (1845-1925)
  3. 1889-1893 Arthur Nikisch (1855-1922)
  4. 1893-1898 Emil Paur
  5. 1898-1906 Guglielmo Gericke (1845-1925)
  6. 1906-1908 Carlo Muck (1859-1940)
  7. 1908-1912 Max Fiedler
  8. 1912-1918 Carlo Muck (1859-1940)
  9. 1918-1919 Henri Rabaud
  10. 1919-1924Pierre Monteux
  11. 1924-1949 Serge Koussevitzky
  12. 1949-1962 Carlo Munch
  13. 1962-1969 Erich Leinsdorf
  14. 1969-1972William Steinberg
  15. 1973-2002 Seiji Ozawa
  16. 2004-2011 James Levin
  17. 2014-presente Andris Nelsons

Conduttori titolati

  1. Bernard Haitink (1929) (Direttore emerito)
  2. Seiji Ozawa (Premio direttore musicale)

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: