Guida all'ascolto - Movimento 1: Bedachtig-nicht eilen-recht gemachlich

Trascrizione

L'atmosfera spensierata e effervescente del primo movimento ricorda la musica di Mozart e Haydn, mentre è un lirismo dolcemente fluente come un sapore schubertiano, ma sotto quella patina semplice e apparentemente brillante, si trova una ricchezza di materiale automatico e motivico rielaborato creativamente in una miriade di di variazioni, permutazioni e combinazioni. Hans Redlich paragona il trattamento drammatico di Mahler al rimescolamento di un mazzo di carte da gioco. Neville Cardus considera niente di meno che caleidoscopico. Individua fino a cinque temi separati nell'esposizione mentre Costantino Floros ne trova sette.

In generale, il movimento è strutturato come una Sonata classica con elementi Rondò, ma si discosta sensibilmente dalla forma tradizionale del primo movimento in molti modi. Contiene una falsa ricapitolazione e un epilogo in chiave domestica invece delle numerose e sconcertanti pause, spostamenti e meandri dominanti. Anche la predominanza degli accordi di settima e l'enfasi sull'intervallo di seconda sono insoliti. Irvin Stein sottolinea che i temi subordinati sono più predominanti di quanto ci si aspetterebbe nel formato classico. L'uso da parte di Mahler di frammenti di materiale ritmico e melodico di questo movimento nel finale va ben oltre gli occasionali riferimenti tra movimenti del suo predecessore. Nonostante l'affascinante e sbarazzina qualità dei temi espositivi, quel cuoco richiama fischi e l'atmosfera di una passeggiata pastorale attraverso la campagna che Mahler evoca attraverso di essi. C'è un momento in cui le nuvole si sono accumulate progressivamente fino a quando non si verifica un climax da incubo seguito immediatamente da una melodia di tromba gay. Questo passaggio contiene un accenno al tema principale del finale. Pochi movimenti sinfonici di Mahler sono completamente privi del lato oscuro, ma come i movimenti di apertura della prima e dell'ottava sinfonia, questo primo movimento è uno dei più costantemente piacevoli e tranquilli di Mahler. Inizia con un'introduzione di tre battute che sembra iniziare in si minore, solo per condurre direttamente nella tonalità domestica di sol maggiore, durante la quale i flauti creano immediatamente una leggera atmosfera giocosa, con tremolanti crome ripetute, guarnite con note di grazia e accompagnate da campanelli da slitta. Dopo una misura, altri due fluidi entrano con una combinazione di fischi di uccelli e ritmi Yoda, mentre i clarinetti suonano una sequenza di semicrome in esecuzione, tutte trattate in modo più tipico durante il movimento. Da questi ritmi vivaci emerge il primo tema su tre note crescenti in violini leggermente trattenuti, imitando la tipica pratica viennese di iniziare un tema di valzer lentamente e gradualmente lavorando nel tempo. In effetti, questo primo tema principale ha il carattere dei muri, ma è ambientato in 16/4, è stato ammirato per qualità e generi un senso di nostalgia. Questo primo di un numero insolitamente elevato di temi contiene tre importanti motivi:

  • Innanzitutto, una variante del motivo del desiderio nell'aggiornamento a tre nodi in aumento, che poi cade di un sesto, introducendo il tema.
  • In secondo luogo, un gruppetto decorativo piace o gira, figura, motivo di pace.
  • E terzo, una frase cadenziale costruita in due parti, costituita da una scala crescente in ritmo punteggiato, seguita da una filigrana di una sedicesima nota. Mara ha detto che questo tema affascinante rappresenta la beatitudine suprema.

Immediatamente dopo che il tema ha raggiunto una cadenza, le corde inferiori si espandono sulla frase cadenziale, iniziando con un levare di tre note, a forma di arco verso l'alto che prefigura la melodia di apertura del finale. I corni suonano con il ritmo della campana della slitta, con la terzina di 16 note aggiunta all'inizio di ogni distico, mentre gli archi continuano a sviluppare il tema spostando i suoi vari elementi dalle loro posizioni originali. Una varietà di ritmi punteggiati, inversioni, appoggiature, figure imitative, terzine decorative e note di abbellimento, conferiscono alla musica un carattere rococò, dopo che il primo tema ha subito un trattamento approfondito, un nuovo tema in chiave domestica, G major entra in un tempo più vivace e clarinetti, più vivaci ed estroversi del primo tema , si proietta saldamente Gately sulla figurazione di corde accompagnatoria che è essa stessa originata nel primo tema.
Questo secondo tema ha una struttura interessante, la sua seconda misura non è che una variazione della sua prima la sua continuazione in archi su un ritmo che rimbalza è seguita da ritmi dattilici e figurazioni di note in sedicesima che giocano su elementi del primo tema, e termina bruscamente al fine di una lunga scala discendente di una sedicesima nota, che è il contrario della frase ascendente e delle corde basse ascoltate in precedenza.

Poiché questo nuovo tema è presentato in sole sei misure, funziona anche come un passaggio di ponte, in contrasto con il primo tema simile a una danza, e il tema più lirico simile a una canzone e in Re maggiore che segue nei violoncelli, gli oboi aggiungono un tre crescente -nota ottimista a questo terzo tema che lo paragona al primo.

Floros suggerisce che questo bel tema di kuntala è molto simile a una melodia e alla Sonata per pianoforte in mi bemolle maggiore Opus 27 numero uno di Beethoven, i violoncelli aggiungono presto un tema successivo che è essenzialmente una variazione del terzo tema. Quel tema si chiude dopo due brevi fusioni di pura felicità, ma segue il tema successivo nel suo percorso verso una cadenza dolce e fluida, che è a sua volta ostacolata da una causa di respiro appena prima della chiusura.

Il tempo ora si allevia quando un oboe entra con un'altra nuova melodia, sottolineando ritmi ripetuti anapestici brevi-brevi-lunghi e ancora una volta contenenti una seconda misura. Questa è una variazione del primo ottavo brano staccato il fagotto accompagna l'oboe, aggiungendo al carattere vivace civettuolo il nuovo tema quando un corno si unisce all'oboe suonando virtualmente il nuovo tema con archi inversi improvvisamente riprende il tempo, con una rapida corsa discendente del 16 ° spinto da ritmi punteggiati discendenti nei legni che sembrano essere la fine di questo segmento.

Questa spinta al ribasso si interrompe inaspettatamente in modo simile ma più dimostrativo rispetto alle battute conclusive del breve secondo tema. Quindi il quarto tema continua in un trio di clarinetti, offrendo un'altra versione di questo tema vivace. La figura di apertura del tema imitata da archi bassi funge da transizione al ritorno dell'introduzione, per la sua somiglianza con il ritmo delle campane della slitta, con cui è iniziato il movimento. La musica dell'introduzione ora ritorna con altre modalità dall'inizio del movimento leggermente variate e infuse di secondi cadenti. A questo punto, la prima ripresa dei temi in sol maggiore sembra segnalare una ricapitolazione completa, ma serve invece a completare l'esposizione e introdurre un elemento di forma Rondò con le sue frequenti apparizioni durante lo sviluppo e la ricapitolazione. In una sequenza di variazioni del mazzo, il primo tema viene presentato prima e l'imitazione canonica su pizziacati ripetuti con un controtema al basso, clarinetto e fagotto, e poi in interazione con altri frammenti tematici sparsi per l'orchestra. L'abile integrazione di Mahler di materiale tematico divergente all'interno di un ambiente da camera è davvero impressionante. Un breve co-data chiude l'esposizione in tono riposante su un'inversione del primo tema, si distende delicatamente per chiudere sui temi ritmi puntati, suonando ora più come una variante della cifra dell'euro di apertura.
La sezione di sviluppo inizia con le campane a slitta dell'introduzione, dopo di che la figura dello yodel ritorna in un oboe contro una frase ritmica punteggiata ascendente dal primo tema. Ogni cellula tematica è sviluppata, a volte in isolamento e altre volte in congiunzione con altre. Un'improvvisa turbolenta intrusione degli ottavi pizzicato che aveva accompagnato il tema interrompe per un momento il flusso musicale mai respirato in gioco a fiati su elementi del primo tema, il violino suona dolcemente una variazione accattivante di esso, le note di apertura del primo tema crescono in sequenza mentre la musica raggiunge un forte climax, dopodiché i sedicesimi vorticosi sulle corde si abbassano silenziosamente fino alla linea di base.

Dalla figurazione delle corde del basso che conclude questo segmento dello sviluppo arriva il ritmo di ottavi pi greco, a cui si aggiungono un trillo sostenuto e violoncelli, fornendo sia un'introduzione che un accompagnamento per un nuovo quinto tema in la maggiore dichiarato con audacia da quattro flauti in un tempo vivace. Inizia come un richiamo acuto su tre agilità fortemente dichiarate che ricordano le note ripetute di apertura che iniziano il violoncello con un terzo tema. Ricordano anche il motivo dell'Herald dal primo movimento della Terza Sinfonia, una variante del ritmo punteggiato un distico dal primo tema viene aggiunto dal clarinetto basso al trattamento simile a Yoda di questa figura che apparve alla fine dell'esposizione nei violoncelli. La figurazione degli archi mantiene la musica costantemente consapevole del profilo dei temi del flauto che richiama la forma del corale, astenendosi dal movimento dell'angelo della terza sinfonia. Una seconda ondata di note in sedicesimo si riversa nel tema del flauto, ora suonato in modo ancora più audace da un clarinetto con la campana tenuta alta. La terzina di accordi ascendente viene aggiunta come un levare alle note ripetute con cui inizia. Lo stesso levare si aggiunge anche a una scala discendente su ritmi puntati perduti che inverte la forma in cui è apparsa durante l'esposizione.

Improvvisamente, la tonalità si sposta in Mi bemolle, il ritmo della campana della slitta ritorna in flauti, insieme a una scala crescente e un ritmo punteggiato in un oboe, e la figurazione di una nota di sedicesima suonata da un clarinetto. Come in modo creativo Mahler separa e combina piccoli gruppi di ensemble che riconfigurano giocosamente frammenti del materiale tematico, trattati con una varietà di effetti coloristici nelle corde, come col legno, che significa suonare con la parte in legno dell'arco, armoniche dell'arpa, suonare sul ponte pizzicato ecc. Tuttavia Mahler mantiene sempre l'equilibrio e la chiarezza perfetti delle voci interne e le variazioni di tonalità in Fa minore, i legni aggiungono una qualità stridente alla variante del ritmo delle campane della slitta, mentre riprendono il corso dello sviluppo per diverse misure. I richiami degli uccelli e le figure di jodel compaiono appena prima che i violini entrino in una versione in tonalità minore del primo tema che improvvisamente getta un'ombra sull'atmosfera altrimenti luminosa e ariosa.

Man mano che i violini si espandono su questo tema, sempre contro una ricchezza di frammenti tematici sparsi intorno all'orchestra, inizia ad assumere una qualità struggente su intervalli più ampi e variazioni di tonalità minori. Ora si verificherà un cambiamento di umore completamente inaspettato, le corna su una variante crescente del primo tema, inaugurano una sezione che afferma una rinnovata fiducia mentre esplode nello splendore resiliente di una vista soleggiata, i venti maggiori annunciano il sole di mezzogiorno, con un caloroso trattamento del secondo tema, suonando più dimostrativo di prima il secondo tema assume le caratteristiche di una marcia trionfale in miniatura, a cui i corni rispondono con il terzo tema, ora trasformato da un romanzo lirico in un eroico richiamo di corno, triangolo e tamburello forniscono elementi decorativi e che esaltano il luccichio di questa processione sfrenata, frammenti dei primi tre temi si intrecciano in legni per formare innumerevoli linee melodiche, la figurazione di note di 16 archi che spingeva l'esposizione in avanti come un forte sottotono, ma era assente durante lo sviluppo ora ritorna in un impeto di onde sovrapposte che spingono la musica in avanti in un potente accordo dissonante, la bemolle maggiore con aggiunta di un sesto ottimizzato, questo accordo getta un'ombra sulla gioiosa celebrazione.
Dopo un momentaneo minimo, emerge una versione aumentata della figura del turno dal primo tema che sarà trasformato nel tema principale del finale. Segue un sommesso richiamo di tromba, noto come der grosse Appell, il piccolo invito a distinguerlo dal cugino maggiore, il droghiere in salita dal finale della seconda Sinfonia, lo stesso squillo di tromba aprirà la Quinta Sinfonia. Come der Kleine Appell diminuisce un forte segnale di tromba che esplode come un chiarore richiama il movente dell'eroe, ricordandoci la sua intrusione al termine di uno degli intermezzi post-strappati nel terzo momento della Terza Sinfonia.

Mahler crea qui una delle sue transizioni telescopiche brillantemente concepite. Sta per iniziare quella ricapitolazione, ma invece di lasciare che lo sviluppo si concluda con la fine di der Kleine Appell introduce l'inizio del primo tema a fiati, subito dopo le trombe l'ultimo tatuaggio è appeso a mezz'aria. Quindi la musica si ferma di colpo, come se fosse confusa su cosa fare dopo. Perché è semplice, dal momento che i legni sembrano essere arrivati ​​con un tema prima che fosse dovuto. Andiamo avanti piuttosto che ricominciare da capo il tema. Quindi, dopo questa pausa per la riconsiderazione, gli archi riprendono imbarazzati con il tema nel punto preciso in cui i fiati si erano interrotti è questo Jai di Mahler, ma i problemi che i direttori possono incontrare con la musica non familiare.

Per coincidenza, la seconda parte del tema principale con cui inizia Mahler, la ricapitolazione contiene la frase ritmica punteggiata crescente che sarà prominente nel finale. Si può facilmente immaginare il sorriso imbarazzato sulla faccia dei molari quando scrisse questa deliziosa pedina in forma di sonata. Segue ora una resa incapsulata dei temi principali del movimento, con una nuova versione più allegra del terzo tema, affermata con fermezza da una tromba solista in tandem con i legni, fornendo una combinazione provocatoria di elementi dei primi due temi. Tutti terminano selvaggiamente il ritornello in una rapida discesa di una sedicesima nota che si interrompe completamente, poiché nell'esposizione, legni e archi aggiungono una versione più decisa del terzo tema lirico, contrassegnato con effusione di shroom. Mahler aggiunge il levare di tre note del primo tema, come un levare al terzo tema, per portarlo a un enorme climax che porta a una cadenza completa. Dopo che l'orchestra ha ripreso fiato, violoncelli e corno cantano la seconda parte del terzo tema. Ancora una volta questo tema costruisce rapidamente un'orchestra 16/4 con un forte climax, terminando come prima, appena prima che raggiunga la chiusura completa.

Un'altra pausa di respiro sospende brevemente il movimento in avanti della musica. Poi il vivace quarto tema di fiati dell'esposizione si afferma docilmente. violini su un controtema lirico contrastante e, come nell'esposizione, i clarinetti hanno declamato con arroganza il tema dei legni fino a quando non viene interrotto di nuovo su una nuova serie di semicrome discendenti e ritmi puntati che scendono rapidamente lungo la scala in uno sbuffo. Il tema dei legni ritorna ancora una volta, questa volta in una colorazione più scura sul registro grave dei clarinetti, come abilmente mala usa le note di apertura del tema dei legni e degli archi bassi come antipasto al ritorno delle campane della slitta, e con esse la musica dell'introduzione. I frammenti sono il primo tema che segue in variazione, la figura di turno suonata all'indietro dai violini, le figure di jodel suonano ancora più irriverenti di prima, quando suonate nel registro acuto acuto del flauto e del clarinetto. Come suona burbera la figura del giro espansa negli archi bassi staccati, e come demoniaca la frase cinguettio degli uccelli nota la grazia sembra quando suonata da trombe in sordina. La coda inizia quando la musica diventa più riposante, rielaborando ancora il ritmo puntato e trasformando le figure dal primo tema. I violini si protendono verso l'alto, cercando tregua dall'incessante attività del vasto sviluppo.

Il modo di brama con cui è iniziato il primo tema ha ora una qualità struggente che evoca teneramente l'eterna gioia che Nietzsche ha espresso nel passaggio da alzo strux, attraverso la nostra rigorosa messa in musica e il quarto movimento della terza Sinfonia. È come se fossimo attratti dalle stesse lontane vette montuose, a cui Strauss ascese nel suo album Symphony, o il corno suona una variante del primo tema, cui risponde l'apertura originale del tema, che è suonata da un oboe, e poi di nuovo il clacson a sua volta. La musica si ammorbidisce su un accordo di terza minore sostenuto e violini, quindi il corno solista emette un richiamo militare quasar molto simile a quello post della Terza Sinfonia, basato sul motore delle campane della slitta, quindi termina con un secondo decrescente, qualche ottavo pizzicato negli archi a un tocco delicato all'atmosfera raffinata.

Lentamente e silenziosamente, i violini emergono con i primi temi a tre note in levare, ciascuna delle quali viene tenuta come se esitasse timidamente a continuare, quando il levare raggiunge il suo punto più alto, il primo tema si svolge lentamente come se stesse giocando con l'ascoltatore, ma preme rapidamente fino a velocità, anche passandola fino a quando un allegro allegro sul tema del violoncello termina il movimento con gioia sfrenata.

Che divertimento ha qui Mahler con le stranezze dello stile viennese che sapeva che il suo pubblico lo ha deliziato, ad esempio esagerando il modo in cui un valzer di solito inizia lentamente all'inizio e poi aumentando gradualmente nel tempio con un po 'meno esagerazione, aveva introdotto il primo tema all'inizio del movimento. La sua parodia di questa affettazione fornisce il coronamento di una deliziosa parodia dello stile classico, un argomento che Mahler tornerà ai suoi sette semplici.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: