Guida all'ascolto - Movimento 5: Rondo-Finale. Allegro - Allegro giocoso. Frisch

Trascrizione

Nel finale, Mahler tenta di risolvere i conflitti e rispondere alle domande esistenziali presentate nei movimenti che procedono, le interconnessioni tematiche e motiviche con ciascuno dei movimenti precedenti rendono il finale il punto focale della sinfonia. Mahler offre qui una ricchezza di materiale musicale, sia di nuova concezione che richiamato da altri movimenti, ad eccezione del ritorno del tema dell'adagietto e del grande corale dal secondo movimento. Il materiale tematico finale è derivato dalle misure di apertura dei movimenti, dove i motivi principali sono presentati in forma embrionale. Lo stato d'animo gioioso suggerisce che le questioni esistenziali circa l'ingiustizia intrinseca della sofferenza umana e l'apparente impossibilità di realizzazione nella vita mortale, che sono presentate nella prima parte, saranno risolte positivamente nel finale. Quella risoluzione è direttamente correlata e si fonde con l'adagietto, l'espressione più personale dell'amore umano di Mahler. In quel movimento, espone le sue paure più profonde di entrare in una relazione d'amore, dati i suoi forti sentimenti di alienazione dal mondo che rispecchia il suo conflitto interno. Idealizzare una relazione del genere, come apprenderà in seguito, non è sufficiente per legarla completamente e completamente, deve affermare gli aspetti stessi della vita che lo riempiono di paura e disgusto se vuole donarsi completamente a un altro innamorato. Dopo aver sopportato il dolore e l'angoscia, infuriandosi per l'ingiustizia della morte inevitabile e l'assurdità della sofferenza umana insensata, e messo a nudo i suoi dubbi e le sue paure sull'amore, Mahler può ora affermare la vita accettandone e superandone gli aspetti negativi. L'amore è l'unica giustificazione possibile per un mondo impazzito per la brutalità e l'inanità, sulla scia della paura e del tremore interiorizzati e della propria mortalità, ma nulla deve essere perso o distrutto. Senza gli aspetti negativi della vita, l'amore non avrebbe valore.
A questo proposito, la quinta è l'espressione sincera di Mahler di Nietzsche Amor Fati, questo amore per il destino non si esprime come una vittoria eroica sulla vita interna o esterna che deroga le forze come nella prima e nella terza sinfonie, come spiritualismo trascendentale nella seconda, o come la semplice fede di un bambino innocente nella quarta, qui Mahler dà Per noi una risoluzione mondana, persino profana, il ritorno del gran corale dal secondo movimento può essere visto come una conseguenza logica dello spirito gioioso da cui emerge. Anche se il gran corale può apparire come una specie di Dio dalla macchina, implicando così una fonte di salvezza ultraterrena, può più appropriatamente essere considerata una fonte interna che emerge improvvisamente come una premonizione della redenzione mondana, che è in grado di realizzazione solo dopo essere stata testata sia nel mondo esterno che in quello interno del conflitto umano nello scherzo e movimenti adagietto. Avendo assorbito e resistito a quei conflitti esterni ed interni, lo spirito umano ha ora la capacità non solo di risolverli, ma di apprezzare di aver sperimentato l'intero arduo processo con profonda gioia.

Alcuni commentatori come Adorno, considerano inautentico lo stato d'animo gioioso di questo movimento, per loro il finale suona forzato e poco convincente. Se confrontato con i movimenti precedenti, sembra fuori luogo, e quindi artificioso, la spinta verso il basso del tema principale che va controcorrente.
Alma pensava che il movimento fosse un'ulteriore prova della schizofrenia o delle grandi osservazioni su ciò che può sembrare un pastiche, dice, se l'allegria del finale di Rondo sembra spesso rasentare la caricatura, è perché, come dice Adorno Mahler, in linea con il classicismo musicale, e certamente con la scomparsa, il cantante associa ancora spesso il contrappunto all'umorismo e al gioco. Si tradisce anche accelerando la bella melodia dell'adagietto, che, come ich bin der welt, aveva simboleggiato il sacro isolamento degli artisti e si ritrova profanata e brutalmente trascinata nel caos della vita quotidiana. Certo, è proprio questo il motivo del riferimento al tema dell'adagietto nel finale, che Mahler ha vinto le sue paure e dubbi sull'amore, rendendolo un elemento essenziale della sua vita personale. Se Mahler intendeva imitare il tema, facendolo sembrare più felice di quanto non fosse, durante l'adagietto, avrebbe potuto farlo in modo più efficace semplicemente accelerando il ritmo o cambiando il costrutto ritmico, ma lascia la seconda parte del tema che cita qui è sostanzialmente intatto, non cerca di snaturarne il carattere, ma allo stesso tempo lo fa suonare gioioso. Sorride piacevolmente piuttosto che ridere di cuore.
Mahler spesso fa di tale trasformazione drammatica una chiave nella risoluzione sinfonica che offre nei suoi finali, ma Le Grange persiste, quanto è buona l'apoteosi corale è presa al valore nominale quando non è altro che una variante aumentata della figura del clarinetto musicale nelle battute di apertura . La risposta è che il mondo piuttosto che la redenzione ultraterrena derivata dalla vita stessa, non appare più come una visione di un altro mondo, come nel secondo movimento. In effetti, il gran corale è una gloriosa trasformazione di quella piccola figura di clarinetto impertinente dell'introduzione, implicando così che tutte le forme di sostanza vivificante sono per eccellenza neutre fino a quando non sono modellate per servire uno scopo particolare, e possono essere usate per il bene o malato da un semplice atto di trasformazione. La trasformazione del tema agrodolce dell'adagietto e della banale figura del piccolo clarinetto che apre il movimento implica che tutti gli aspetti dell'espressione umana abbiano valore.
In termini puramente musicali, la struttura del finale sfida la spiegazione classica. Combina elementi di Rondo e Sonata in modo tale che la loro combinazione come sonata-rondo difficilmente fornisce una spiegazione soddisfacente per le sue complessità. La fanfara di apertura ha toni bruckneriani e armonici. Mentre una citazione dalla canzone di Wunderhorn Lob des hohen Verstandes ricorda la giocosa innocenza della giovinezza di Mahler. Sebbene l'atmosfera sia generalmente spensierata, la tecnica impiegata per ottenerla è più moderna di qualsiasi finale di tutte le sue sinfonie precedenti, le relazioni chiave insolite sull'interazione contrappuntistica sono estremamente complesse. Eppure Mahler ha fatto di tutto per liberare la trama dall'eccessiva densità che potrebbe sminuire la chiarezza della linea.

In un'affascinante analisi di questo finale, basata su principi temporali e fenomenologici, David Greene vede il progresso del movimento come formarsi su una serie di onde che si sforzano di raggiungere il culmine. Ogni tentativo di raggiungere la chiusura e quindi la realizzazione viene interrotto, deviato o ottenuto con uno sforzo troppo piccolo per essere convincente. L'obiettivo finale di questi sforzi è il riemergere del grande corale che porta alla risoluzione finale. Durante questi riti di passaggio, i due temi principali il primo tema, suonato per la prima volta da un corno, che Greene paragona a una danza contadina, e il tema trasformato dell'adagietto vengono sempre più integrati da riferimenti ad altri movimenti. accordi di spinta a cui il verde si riferisce come dossi, interrompono e deviano l'avanzamento della musica. Greene vede questi dossi come rappresentazioni delle vicissitudini inaspettate della vita che ci scuotono momentaneamente fuori dalla routine della vita quotidiana. Queste vicissitudini mettono alla prova la nostra fede nella vita e la nostra forza d'animo per resistere all'impatto di questi cambiamenti spesso inaspettati, se possono servire a rafforzarci e migliorare la nostra capacità di progredire verso il raggiungimento degli obiettivi. Se queste improvvise discontinuità possono essere imbrigliate o dirette a fini positivi, possono servire a uno scopo più creativo rispetto a semplici esperienze dolorose o frustrazioni da evitare. In un certo senso, il finale come banco di prova per lo spirito per dimostrare il suo coraggio è un microcosmo dei movimenti precedenti presi nel loro insieme. Man mano che le corde continuano l'adagietto sul LA basso, che lentamente svanisce. Il finale di Rondo inizia senza sosta, su un proprio La acuto, spinto in avanti dal primo corno e poi sostenuto per un'intera misura. Immediatamente dopo che il LA basso che ha concluso il movimento precedente è scomparso. Le corna di un'ottava più alta di A risuonano come una campana che richiama una rinascita di energia vivificante. Quando i corni LA terminano, i primi violini riprendono silenziosamente lo stesso LA basso con cui hanno concluso l'adagietto come il più semplice dei richiami di ciò che era appena avvenuto, e come tono di collegamento che integra ulteriormente gli ultimi due movimenti. Entrambi questi toni sono tenuti sotto quattro modelli, senza alcun segno sulle tempie, causando all'ascoltatore l'incertezza se il quarto movimento fosse effettivamente terminato prima dell'ingresso delle corna. La sensazione di non sapere del tutto dove siamo viene dissipata nella misura successiva mentre il corno si espande su È A facendolo cadere per un quarto, e poi tornando ad esso. Queste tre note ora suonavano un tempo Allegro affermato. Il quarto intervallo è stato importante nella Quinta Sinfonia, come in molte altre opere di Mahler. Quello che segue è virtualmente un file personaggio drammatico dei motivi di base che verranno sviluppati durante il movimento. Ognuno di questi motivi ha il suo carattere speciale. Quello che chiameremo motivo uno, è questo richiamo di corno a tre note, costituito da una quarta discendente e poi ascendente.

Il motivo due suonato dal fagotto è una citazione dalla figura di apertura della canzone Lob des hohen Verstandesthe termina con una frase discendente graduale in modo spensierato e modo giocoso.

Il motivo tre è una variante invertita del motivo del desiderio che termina con un secondo cadente, suonato timidamente dall'oboe.

Ciascuno di questi motivi è variato o ampliato individualmente e in un ordine diverso. Al motivo per comprare il fagotto viene aggiunta una frase discendente. Chiameremo questo motivo due A.

Il corno solista inverte la quarta cadente del motivo uno, ora un'ottava più bassa e aggiunge una frase composta da una sequenza di tre note doppie, una malaria e metafora dell'innocenza infantile. Queste note si alzano prima di una quarta, poi seguite da una terza e salgono di una sesta minore fino al LA con cui è iniziato il movimento.

Il clarinetto si espande sul motivo tre aggiungendo ad esso, la seconda metà del motivo due, appena suonato dal fagotto, quindi chiameremo questo motivo, motivo tre A.

L'oboe utilizza quindi sulle ultime quattro note della figura espansa dei clarinetti, aggrappandosi con qualche incertezza al si naturale finale. Il corno riprende il si centrale naturale dell'oboe, oscillando direttamente in un vivace nuovo tempio, mentre si tuffa in un tema gay, modellato dalla versione aumentata degli oboi della breve frase discendente che terminava la seconda parte del motivo due al secondo il corno suona l'oboe è una frase discendente in modo strettico come un'imitazione contro accordi di quinta e settima aperti forti in chiave tonica Re maggiore. La semplicità, la linearità e la ripetizione delle frasi cellulari che costituiscono il primo tema sembrano conferirgli il carattere di una danza contadina come suggerisce Greene, sebbene vi sia una spinta iniziale verso il basso, il tema cerca di cambiare il centro di gravità durante il suo sviluppo, quando i legni e le corde basse lo spingono verso l'alto, dopo aver fatto i suoi giri su se stesso in più giri. Le spinte frequenti si ritirano rapidamente, dando l'impressione che il sentimento di felicità che questo tema dovrebbe suscitare, sia alquanto forzato. Il primo tema si conclude con una frase assertiva in fiati che contiene un accenno al grande corale, chiameremo questo motivo X, quando il tema giunge a chiusura su una cadenza, ascolta attentamente per un'imitazione dell'intera figura dal Verstandes canzone citata durante l'introduzione.

Il secondo soggetto inizia sul levare della cadenza di chiusura, un esempio della tecnica telescopica di Mahler. Il levare si alza di una quarta nei violoncelli in una figurazione rapida simile al fugato per archi soggetto del movimento scherzo, spinte levate lanciano il moto in avanti di questa figurazione di equilibrio, di natura fondamentalmente contrappuntistica, il secondo soggetto procede in modo canonico, su vari modi dall'introduzione, in particolare il motivo tre LA e poi la versione estesa del motivo uno A. Anche la figurazione degli archi è davvero un abbellimento di questi motivi e continua in moto perpetuo per tutto il secondo soggetto, spostandosi intorno all'orchestra e intrecciandosi con i suoi motivi costitutivi mentre si sviluppano in una doppia fuga.
Flauti e violini entrano con un nuovo tema vivace basato sul motivo uno, in cui il quarto gioca un ruolo significativo. Il sorgere di una sequenza di trilli, flauti e archi porta a un'affermazione di bravura dell'eroica frase motivo X, suonata con forza dai fiati con le loro campane alzate. Questa frase contiene il grande corale a grandi linee, ha fatto un'apparizione sottile alla fine del primo soggetto.
Mahler aggiunge a questa frase una figura cadente dal motivo due LA, così come i ritmi punteggiati dei motivi tre LA e uno A. I corni iniziano quindi a riunire un tema dai motivi uno e due, aumentando la figura cadente che termina quest'ultimo. Questa melodia appena formata diventa il tema principale del secondo soggetto.

Prima che il secondo soggetto si concluda, la musica si calma un po 'e si centra sulle corde, delicatamente come se in punta di piedi si espandessero sul motivo due LA invertendo la sua prima misura nei primi violini contro la sua seconda misura originale nei secondi violini, il tutto leggermente cosparso con il sottostante figurazione nei violoncelli. I primi violini aggiungono una nuova frase, un tono sostenuto, seguito da tre brevi note. Sembra quasi una filigrana, ma diventerà sempre più importante con il progredire del movimento. Mentre i violini hanno continuato a sviluppare queste figure motiviche, la frase eroica motivo X ritorna e fiati, i semi aggiungono la seconda misura del motivo due LA contro una versione più ampia di esso in fagotti e archi di basso. La profusione di elementi melodici e motivici è tanto sbalorditiva quanto chiaramente delineata. Mahler fa pieno uso della sua orchestra, spostando giocosamente i motivi da una sezione all'altra.

All'improvviso, uno dei sobbalzi di Greene si verifica su un si bemolle indesiderato e sugli ottoni che danno una scossa alla musica, come se cercasse di metterla fuori gioco. Ma in un primo momento, non riesce a farlo poiché il secondo soggetto continua per alcune misure sulla figurazione del motivo tre A. Un altro bernoccolo sembra lasciare scosso anche il secondo soggetto, ma si è notevolmente assottigliato. La scossa di assestamento genera una ripresa dell'introduzione, che inizia con il motivo tre A procedendo nello stesso modo di prima, sebbene con strumentazione diversa in una improvvisa ricomparsa del primo soggetto.

I violini e le corde inferiori si impegnano nell'interazione dei precedenti che trasportano il tema principale, la scala che ripete continuamente la frase di caduta per le note che inizia il tema si unirebbe presto quando vari elementi del tema si sovrappongono e muovono avanti e indietro tra i gruppi strumentali, mentre gli archi continuano con il tema principale, i fiati esplodono gioiosamente, sull'eroico motivo X, imitato in ottoni e archi bassi. La sua ultima ripetizione, funge da bernoccolo che cade di quasi due opzioni, e inaugura il ritorno del secondo soggetto, ora in si bemolle.

Dopo che la vivace figurazione degli archi si avvia per alcune battute, i corni entrano con un'altra permutazione dei motivi principali per modellare un nuovo tema, chiamato tema Y. Al quarto decrescente del motivo uno, Mahler aggiunge una tre note che si alzano in levare, in ottavi staccati da la quarta battuta del tema principale dei primi soggetti, alludendo così alle note di apertura del tema dell'adagietto che presto ricomparirà. Questa stessa figura ottimista è le note di apertura del motivo del desiderio. Può essere trovato in diverse permutazioni in ogni movimento.
Oltre a servire come ottimista dei temi dell'adagietto, inizia anche la prima variante del tema dalla sezione LA del movimento scherzo e inizia il tema ascendente ottimistico dalla prima parte. Il balzo in avanti che ha concluso il primo argomento è ora aggiunto alla fine di un nuovo tema. Questi elementi si combinavano, quasi a far sembrare arroganti i temi scherzosi.
Mahler avrebbe potuto sottolineare il tema dell'adagietto? O voleva che questa caratterizzazione suggerisse che l'amore non ha più bisogno di essere crivellato di angoscia, come era nel movimento precedente quando i legni si impadroniscono del nuovo tema, la Y sostituiscono l'intera nota che seguiva le tre note? ottimista con la canzone movente alle parole Der tag ist schön nella quarta canzone di Kindertotenlieder, suggerendo l'avvento di un nuovo giorno. Quel motivo è apparso anche brevemente nel movimento adagietto, e riapparirà quando una parte del tema principale di quel movimento tornerà in poche misure.

Avendo posto le basi per il suo ritorno, la seconda parte del tema adagietto segue dolcemente e graziosamente nei primi violini con la figurazione fugato che probabilmente l'accompagna nei secondi violini. i violini suonano questa melodia affascinante come un vago ricordo di un desiderio insoddisfatto, espandono il tema più o meno allo stesso modo dell'adagietto, ma senza il suo precedente carattere agrodolce, Mahler dirige che sarebbe suonato schungvoll, con esuberanza, perché ha ricevuto nuova vita e maggiore fiducia per esprimere la ritrovata felicità. Questa meravigliosa trasformazione tematica contrasta con il cambiamento nel tema della marcia funebre dal primo movimento quando è apparso di nuovo e dal secondo. Una tale trasformazione fornisce il mezzo attraverso il quale le inquietanti domande sulla vita e la morte che sono alla base delle parti uno e due possono essere risolte nella terza parte. Si noti che il file Der tag ist schön motivo è inserito nel tema mentre procede.

Il tema dell'adagietto si conclude con una lunga sospensione cadenziale che raggiunge una cadenza piena. I primi violini entrano nella sezione successiva che inizia con una sequenza di misteriosi accordi silenziosi che forniscono un'ambientazione armonica alle viole per intrufolarsi silenziosamente in frammenti isolati del tema dell'adagietto. Quando questi frammenti si spostano prima sul corno nell'oboe e negli archi, il tempio diventa più vivace, quando la tonalità si sposta improvvisamente in Sol maggiore, i legni iniziano tranquillamente una sezione fugle basata sul tema Y, in base alla quale le corde continuano la loro figurazione in movimento perpetuo. Il ritmo punteggiato con accentato levare che ha inaugurato il secondo soggetto con un urto ora spinge la musica in avanti mentre inizia ancora una volta a lottare per l'appagamento.
Nella chiave principale del movimento in Re maggiore, il tema eroico X nei legni ora si combina con il tema principale del primo soggetto e dei violini, quest'ultimo incorporando i modi uno, due e due A. Man mano che la musica diventa più assertiva, il tema principale e i temi Y sono sviluppati in una varietà di combinazioni e permutazioni, tutte sollecitate dalla figurazione di archi che scorrono e le quarte discendenti vengono enfatizzate durante lo sviluppo di entrambi i temi.

Quando la tonalità modula da A a C maggiore, i violini affermano con forza un nuovo tema a grandi passi chiamato tema Z. Questo tema suona come una ricca danza popolare con il suo peso sul secondo movimento, un'enfasi sulla caduta delle quarte dal motivo uno. Suonate in terzine e violini accompagnano il rimbalzo della figurazione di ottavi con archi bassi. Dopo che i corni e la tromba suonano con il motivo tre LA, i fiati sviluppano questo tema eroico Z, conferendogli una qualità un po 'più lirica, mentre gli archi martellati battono una variazione caricaturale del tema adagietto. Anche la figura jodel dello scherzo si unisce al divertimento raramente ha una musica scritta più piccola che esprime una felicità così sconfinata.

In mezzo a tutto questo gioia della vita, un urto si interrompe due volte come prima, sbilanciando la musica e provando di nuovo a forzare il tempo per cambiare marcia. Questa volta, il secondo argomento non si sposterà. Esso, infatti, si avvia con rinnovato vigore, continuando a manifestare i suoi elementi tematici e motivici in una varietà di formulazioni che attraversano una serie di chiavi inusuali. La musica si sforza di nuovo di raggiungere il suo obiettivo, i corni fanno da apripista sulla variante del tema Y che caricatura è il tema dell'adagietto, con un'inversione del suo levare di tre note, ripetuto all'infinito in fagotti e archi bassi. Questo dà la netta impressione che stia per iniziare una marcia celebrativa. Sulle onde della figurazione degli archi, gli sposi l'uomo presto raggiunge un picco febbrile. Mentre la musica si muove verso un climax che ci ricorda la frivolezza vorticosa dello scherzo, specialmente quando le trombe riportano gli accordi sincopati suonati dai corni in quel movimento.

In mezzo a questa gioia apparentemente infinita, torna il tema dell'adagietto interpretato ancora più pieno ed espressivo di prima. Ora è accompagnato da fiati che giocano con gli scarti della figurazione degli archi. Come suona ora completamente felice il tema dell'adagietto, non un accenno di La sua malinconia agrodolce rimane sviluppato a lungo. Si chiude con una versione più breve del passaggio del ponte che ha portato ad una precedente ripresa della sezione fugale, ora suonata da fiati invece che da archi. Mahler esercita la continuazione di questo passaggio di ponte e salta immediatamente nella fuga il secondo soggetto in Si bemolle invece di Sol, le corde staccato iniziano il vivace tema Y passandolo rapidamente ai legni, che aggiungono il Der Tag ist schön motivo come appare nel tema dell'adagietto. La figurazione degli archi rimane una corrente sotterranea su cui i fiati presentano numerose trasmutazioni del tema Y, l'una contro l'altra. Questo segmento può essere considerato una parodia dei deflettori eseguiti nel secondo e terzo movimento, poiché la tonalità si modula da Re minore a Re maggiore, i corni riprendono il tema Y, contro la sua inversione retrograda in stretto su fagotti, e la base, organi poi coinvolgere i tromboni in un gioco più malizioso su questo tema. Ben presto fiati, trombe e tuba si uniscono in un trattamento contrappuntistico di varie inversioni tematiche. Ancora una volta, la musica inizia a tendere verso il culmine. La tonalità fa un altro spostamento, questa volta in La minore, poiché la Y è nuovamente soggetta a innumerevoli colpi di scena. L'intera orchestra batte virtualmente questo tema contro la sua stessa inversione. Presto la musica sembra perdere il suo equilibrio mentre i violini suonano il tema Y in sincope contro la sua versione originale. Un enorme crescendo si costruisce in un enorme climax sulla frenetica figurazione di ottavi in ​​archi e legni mentre i corni proclamano con forza il tema Y e le trombe risuonano con l'eroico tema X. Trombe e tromboni rispondono, con un quarto che cade, il primo aggiunge il motivo due inghiottito da ondate di figurazione di ottavi. Il mondo esasperante ricorda l'insensato trambusto dello scherzo che riecheggia gli accordi discendenti e gli ottoni imitano il piombo nel primo soggetto dell'introduzione. E abbastanza sicuro, quel soggetto ritorna come un ritornello intessuto in un labirinto contrappuntistico di terzine staccato in archi.

La frenesia delle sezioni precedenti sembra aver reso il tema principale ancora più robusto, quasi muscoloso, silenzioso, un accenno di grande corale. Essenzialmente una versione più ampia del tema x può essere ascoltata solo leggermente mentre sale debolmente sopra la folla su un moto ondoso delle trombe.

Archi che giocano allegramente con il tema principale, fino al ih haw figura che appariva in modo così esilarante alla fine del primo soggetto, ora si intromette nei legni del gesto volubile, ma sembra segnare il progresso in avanti della musica. L'ultimo di questi ih haw le figure diventano un bernoccolo, che nuovamente si interrompe e il soggetto fugato rientra prepotentemente in si bemolle maggiore. Una modulazione sconcertante e brusca direttamente dal Re maggiore, suona come se il fondo fosse caduto fuori dalla musica.

I tromboni entrano con la coda del motivo in A ancora un'altra figura in caduta graduale, accompagnata dalla figurazione animata delle corde che mantiene l'energia in movimento. Questo motivo viene quindi contrapposto alla frase in ascesa. Quella caricatura sono le note di apertura dei temi dell'adagietto qui suonate con spigolo vivo. Quando la tonalità si sposta per un momento in Do minore, le trombe suonano il motivo di due in inversione retrograda che è all'indietro e parzialmente capovolta. Poi inizia l'ennesimo sforzo per raggiungere il culmine, la figurazione piena del ghetto si combina con una versione invertita della frase nascente dal tema adagietto, suonata staccatissimo e in continua ripetizione, spingendosi in avanti su un lungo crescendo. Presenta il tema principale del secondo soggetto negli ottoni che suona in modo così brillante alla luce del sole di Do maggiore. Nel cadere fuori da questo tema sparsi per i venti contro ondate di figurazioni dimenticabili che turbinano in archi, la musica ancora una volta si sforza di appagarsi. Nonostante un ampio accumulo, l'obiettivo tanto atteso non è ancora stato raggiunto. Invece, l'avanzata crolla, come per la pura stanchezza, e la base si muove pesantemente con un tema di danza contadina in la bemolle maggiore.

In modo morbido ma deciso, frammenti del tema principale si sovrappongono mentre la tonalità si modula in La maggiore su due accordi morbidi e scintillanti in fiati e arpa, che richiamano il passaggio di transizione che ha portato al soggetto fugace dopo che il tema generale è stato introdotto per la prima volta. Archi inferiori e legni continuano a sviluppare il tema principale del primo soggetto oboi e flauti entrano con una variazione pixelata del tema adagietto contro la vivace figura ritmica nei clarinetti, mentre i corni suonano a intermittenza la prima misura del tema principale dal primo soggetto. Quando la strumentazione cambia in clarinetti e ottoni, la musica diventa più assertiva, poiché inizia ancora un altro sforzo per tendere verso il suo obiettivo, invece di limitarsi a reiterare i suoi sforzi precedenti. L'attenzione si sposta dolcemente sulla versione mimetica del tema dell'adagietto. Ora, quando G major viene suonato dolcemente in ottave su due corni, su una frase piena di quello stesso movimento. Suonata ora da secondi violini e viole, questa frase richiama la spensierata allegria dello spaventato così nell'imitazione canonica, gli archi svolazzano sulla variante del desiderio movente con cui ha avuto inizio il tema dell'adagietto. Fanno un po 'di jig sul Der Tag ist schön motivo, inaspettatamente ammorbidito al pianoforte. Con segni di insolenza, i fiati suonano il motivo della danza del diavolo, che consiste in una figura anapestica con la lunga nota trillo. Questo è un altro promemoria del movimento scherzo.
I violini rispondono con la versione lirica originale del tema adagietto, suonata teneramente e dolcemente in ottave contro la frase inondante che in una compagnia faceva prima ora e gli strumenti a fiato. Si noti che la seguente figura che terminava il motivo due LA del secondo soggetto fugale fa improvvisamente un'apparizione a corde basse, piccoli frammenti di materiale tematico da ciascuno degli ultimi tre movimenti sono cuciti insieme e soffusi con la tenera espressione d'amore dei violini.

Legni, ottoni e archi prendono ciascuno una svolta con questi elementi di contrasto del tema dell'adagietto, mentre iniziano un altro accumulo, cercando la realizzazione più o meno allo stesso modo di prima. I distici di mezza nota del motivo invertito uno cambiano da una quarta ascendente a una sesta, diventano ancora più larghi, ogni nota è fortemente accentata, come se battessero i piedi per dimostrare la sua insistenza affinché l'obiettivo sia finalmente raggiunto. Ma i ritmi del piede fermo che battono presto perdono il loro equilibrio come prima quando suonavano contro la propria inversione, e diventano pesanti per l'eccitazione quando inizia un lungo crescendo, quando la tonalità si sposta su una minore, nel suo cammino verso la tonica D, squillano le trombe un frammento del tatuaggio della tromba che ha aperto la sinfonia annunciando il completamento di questo straordinario viaggio di vita. La musica assume un carattere simile a una marcia in una lunga discesa in semiminime, suonata con forza dai tromboni, i corni evocano il grande corale sullo stesso richiamo che ha inaugurato il secondo climax del finale della Terza Sinfonia. Finalmente gli ottoni risuonano gloriosamente con il magnifico gran corale, in un luminoso re maggiore, energizzato dalla figurazione di ottavi del secondo soggetto in fiati e archi. Invece di cadere dal cielo Deus ex machina, come nel secondo movimento, il gran corale si verifica nel corso naturale degli eventi, risultato di diversi tentativi di lottare per ottenerlo, ognuno dei quali contiene elementi di movimenti precedenti che simboleggiano le esperienze della vita, ora integrati nel mondo di vita in via di sviluppo del finale. La resurrezione del gran corale per così dire, alla fine del finale non è solo il culmine del movimento, ma dell'intera Sinfonia.
Al culmine del tema grandioso dei recinti, ora si eleva nobilmente a un emozionante accordo di sol maggiore e continua a salire fino a la maggiore da cui discende poi su una versione allungata del motivo due A.
Nessuna musica di rabbia e furia segue come era successo dopo che il grande recinto si era placato nel secondo movimento. Gli elementi distruttivi sperimentati nelle parti uno e due sono stati pienamente integrati nel tutto e trasformati in modo da funzionare al servizio della vita e non contro di essa. Rimangono solo la loro energia e vitalità per spingere la musica verso la coda finale.

La coda inizia quando il tempio corre verso una moto Allegro, motivo uno dei primi soggetti del tema della danza contadina, si combina con la gloriosa versione ascendente del tema del grande corale. A questo mix si aggiunge l'ampio la variante del motivo due A che chiude il grande recinto e motivo a dall'introduzione.
L'adempimento è finalmente completo, ma questa non è una redenzione nell'aldilà come previsto alla fine della Seconda Sinfonia, la gloriosa visione del grande corale non arriva dopo un cataclisma che mette fine al mondo. Cosa porta con sé una rivelazione che può portare redenzione nella vita terrena? Una redenzione che porta grande gioia, sebbene ottenuta attraverso una profonda sofferenza, è ancora un altro esempio del principio romantico di ottenere la vittoria attraverso il conflitto.
La musica trabocca di energia booleana, poiché sia ​​la versione originale che quella minuscola delle note di apertura del tema principale del primo soggetto, continuano a ripetersi e a ripetersi, quasi spinte alla distrazione dalla pura gioia dell'autorealizzazione. Ma l'energia impetuosa e il turbine quasi maniacale in cui la musica si consuma ora non è la frivolezza insensata dello scherzo, lo spirito è alleggerito fino a diventare vertiginoso al pensiero di ciò che è stato realizzato. Un ultimo forte urto, una potente esplosione di si bemolle dall'ottone autunnale cerca di far deragliare la felicità che l'amore ha creato. Ma un'onda a cascata spinge questo fastidio invadente a parte il bene e tutto. Mentre i corni tentano di nuovo di iniziare il tema principale del primo soggetto, e sembra che la gioia nella musica continuerà senza tregua, la celebrazione viene interrotta dalla prima misura del motivo tre LA, il mondo straordinario della Quinta Sinfonia termina con un secco colpo.

Nel quinto, Mahler ci accompagna ancora una volta attraverso un viaggio di vita che cerca appagamento e redenzione. Questa volta termina la sua ricerca all'interno piuttosto che oltre il mondo. Piace Vota nel ciclo ad anello. Mahler attraversa il regno terreno, per trovare un mezzo con cui districarsi da ciò che minaccia di distruggere il vero valore della vita. Nella nostra esperienza di questo viaggio di vita, troviamo forza nell'amore che è più forte della morte e ci permette di conquistare e ri-canalizzare la nostra energia emotiva al servizio della vita. A questo proposito, si potrebbe considerare la Quinta Sinfonia come il rimedio di Mahler per i sentimenti di stanchezza del mondo e di alienazione espressi in ciascuno stato sviluppato un legame angekommedopotutto, come scrisse di sé Nietzsche, Non sono solo al mondo. Il mondo è solo in me.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: