Guida all'ascolto - Movimento 3: Scherzo. Schattenhaft

Trascrizione

Il movimento di Scherzo della Settima Sinfonia è la danza macabra di Mahler, una fantasia da incubo simile a un fantasma che contrasta una ragnatela di terzine e archi intrecciati e ondeggianti, punteggiata da toni di vento guizzanti che sembrano provenire da ogni direzione. Con valzer spensierato che trabocca di esuberanza e vitalità. Una vorticosa tarantella spettrale ambientata in un'atmosfera notturna ombrosa si alterna a quella che Derek Cook chiamava musica popolare selvaggiamente distorta waltz. Gli spostamenti dal maggiore al minore abbondano, ma sono completamente dissociati dal motivo cordale del destino a cui tali spostamenti armonici si riferirebbero altrimenti, come fanno ad esempio nella Sesta Sinfonia. Invece, questi cambiamenti di accordi sembrano solo un aspetto giocoso, persino scherzoso dell'auto-parodia di Mahler, il soggetto dello scherzo in re minore contiene un motivo in re maggiore che anticipa il trio in re maggiore a venire. L'ambiguità tonale è prevalente come nel primo musica nacht, come quel movimento e il finale, lo scherzo giustappone, e talvolta unisce anche soggetti musicali radicalmente diversi. Sia il trattamento spettrale di una tarantella nella sezione dello scherzo che l'audace trio di valzer sono permeati dall'uso grottesco di strilli di fiati e tromboni con cui le note fortemente accentate esplodono dalla loro inquietante immobilità, come fantasmi ultraterreni. Enormi salti intervallari distorcono la linea musicale, esagerati glissando di archi immergono nelle profondità un enorme colpo di batteria su un timpano allargato, leggende la musica fino a un punto morto e un progressivo colpo di cinque forte pizzicato frantuma la spettrale atmosfera notturna. Questi strani rumori fanno sembrare la sezione dello scherzo demoniaca, mentre urla selvagge e mutilazioni grottesche distorcono il walltz. Questo scherzo relativamente breve è probabilmente l'esempio più allettante dell'affinità di Mahler per la parodia diabolica. Il suo trattamento della musica popolare valzer viennese in modo grottesco e farsesco anticipa Il valzer di Berg Woyzeck.

Tuttavia, lungi dall'essere spaventosa, la musica sembra più una caricatura di Berlioz, Dream of a Witches Sabbath, a Halloween Night to Remember. È certamente uno dei più originali dei cinque movimenti e anticipa simili scherzi demoniaci nella nona e decima sinfonia. Mahler parodia anche il tradizionale trio di scherzi formato dall'inserimento di lunghe sezioni di sviluppo, contrappone la musica oscura dello scherzo con un trio leggero in linea con il simbolismo giorno-notte che attraversa gran parte di questa sinfonia. Contrariamente alle opinioni di diversi commentatori, lo scherzo fa riferimento ad altri movimenti, il motto di Verdi e la morte del primo movimento si intromette nella musica da ballo e la seconda parte del trio si basa su un motivo del primo movimento che oscilla tra maggiore e minore su una figura tematica frigia. Quest'ultimo è un altro esempio di melodie ebraiche che si trovano occasionalmente nella musica di Mahler. L'oboe è una brillante melodia folk che appare nel trio ricorda l'assolo post-corno dal movimento così spaventato della terza sinfonia, così come il secondo trio dal così spaventato della quinta sinfonia. Mahler segna questa semplice melodia trasformandola in un tema vuoto simile a una cadenza per il segmento del muro.

In Waltz Mahler continua a parodiare la musica tradizionale e a prendere in giro i propri tratti contrapponendo un soggetto spaventoso e così spaventato a un muro spensierato. sfumature della notte più buia avvolgono la sezione di apertura. Il movimento inizia con la più breve delle figure motiviche sono due note vendute in ritmo giambico corto lungo, costituito da un colpo di timpano su un levare, seguito da una nota pizzicata a corda bassa. All'inizio è suonato dolcemente e ripetuto dopo brevi silenzi, ma poi è seguito da pungenti note staccate di corni e clarinetti bassi che evocano l'immagine di una figura raccapricciante che si avvicina gradualmente con passi esitanti e zoppicanti. Un fluido aggiunge una figura ritmica punteggiata che introduce e si combina con le due note vende ora sui temi dello scherzo in questo modo fondendo insieme piccole cellule musicali durante l'introduzione. Il primo soggetto è costituito da terzine vorticose che si intrecciano gradualmente insieme alla figura ritmica puntata dell'intro, questa figurazione di terzina sale e scende su onde esagerate che accentuano il debole terzo tempo della misura, tessendo una misteriosa rete di suoni attraverso la sezione degli archi , prima e violini e poi centrato su archi bassi, scanditi da note staccate isolate. Diminuendo i secondi minori il motivo di Whoa, anticipando il secondo soggetto, discendendo cromaticamente nella figurazione di terzine grottesche super ottave tuffi e armonie modali impreziosiscono ulteriormente questa musica inquietante.

Il primo soggetto si sposta direttamente nel secondo dal corno inglese e dai flauti che agitano sulla tripletta di apertura fino a quando non incontra un nuovo tema in flauti e oboi. Sempre in re minore e marcato klagend lamentosamente è una melodia malinconica, che enfatizza il secondo cadente del valzer come una qualità slava generata dal taglio della prima nota nella sua seconda misura. È accompagnato dalla figurazione di terzine scoiattolo dal primo soggetto, mentre gli accenti sui tempi deboli mantengono il tema dell'equilibrio.

Esprimendo dolore e mistero, i primi due soggetti sono quindi compatibili, ma differiscono notevolmente dal terzo che entra dopo che il viaggio vorticoso è scomparso. Dopo un'introduzione di due battute che apparirà come parte del terzo soggetto, che sottolinea il secondo tempo, entra un muro inaspettatamente luminoso e vivace e violini in re maggiore, e in un umore un po' vivace. La grazia rilevata con il sesto balzo su cui inizia questo terzo tema, lo mostra per quella che è veramente una stupida caricatura del valzer dello scherzo della Quinta Sinfonia. Mahler sembra divertirsi a modificare i viennesi per la loro presunta raffinatezza con le sue perverse distorsioni della musica del valzer. Qui si sbizzarrisce ancora più sfacciatamente accostando il tema del Valzer alla spettrale tarantella che procedeva, salti di super ottava e lunghi tuffi per formare questo tema mentre esagerava, è esuberanza. Stanno capovolgendo la giocosità registrando le prime canzoni dei molari Scheiden und Meiden.

Come abbiamo sentito alla fine dell'ultimo segmento, improvvisamente un lungo tuffo nei violini interrompe il terzo soggetto, e siamo inaspettatamente riportati alla prima sezione, con i suoi stravaganti frammenti di musica sulla vendita a due tempi di apertura. In questa sezione di sviluppo che segue Mahler inserisce un elemento di forma sonata in quella che è fondamentalmente una struttura di trio scherzo. Un assolo di basso suona con una figura di turno, e una scala cromatica discendente, ripresa e ampliata dai fagotti. E sottolineando i battiti deboli. Le terzine ondeggianti e intrecciate del primo soggetto riappaiono, muovendosi avanti e indietro tra le diverse sezioni di archi, esplosioni spettrali e spinte guizzanti su nervosi mentre perforano l'atmosfera spettrale.
Oboi e corno inglese cantano il secondo tema contro viole smorzate che vorticano la figurazione di terzine, il ritmo allungato e cadente punteggiato del secondo tema la terza misura è presa dalla figura di apertura della prima mossa nel secondo tema. Quando il tema del valzer riappare, viene suonato un'ottava più in basso rendendolo più ruvido di prima, ed è accompagnato inizialmente da rigonfiamenti negli archi bassi seguiti da una frase ritmica di due battute che risponde al tema del valzer. Il sei saltellante con cui inizia questo tema diventa presto una super ottava. Man mano che il tema diventa sempre più grottesco, i suoi intervalli si allungano al limite, il lamentoso secondo tema intercede brevemente, solo per essere deviato da un cenno scortese della mano dal tema balzante del valzer, ancora una volta lunghi tuffi deformano questa musica punteggiata, i legni strillano selvaggiamente su una versione espansa della figura di croma dalla seconda misura del tema, tirandola verso il basso fino a raggiungere il controfagotto, che urta proprio nella terzina di apertura del primo soggetto negli archi bassi. Il prossimo brano inizia dal ritorno del tema del valzer.

La sezione di sviluppo dello scherzo si conclude con la sua vorticosa figurazione di terzine, e infine si conclude e si sposta direttamente nel trio. Senza alcuna preparazione, il trio in re maggiore inizia su un semplice motivo, suonato in modo commovente dagli oboi. Richiama il tema della prima canzone, Nicht wiedersehen e così come la sezione trio dal movimento scherzo della Quinta Sinfonia. Il suo lineare lirismo infantile è rovinato, tuttavia, da un sgraziato Un naturale che pone fine all'antecedente e viene imitato da inserimenti di ritagli di spaventoso la figurazione simile a un valzer suonava molto più veloce, ricordando le rapide raffiche di sedicesimi che interrompevano bruscamente il tema del minuetto durante il trio del movimento dello Scherzo della sesta sinfonia. Questo potrebbe essere stato inteso da Mahler come auto-parodia. Dopo il secondo di questi piu mosso le interiezioni cadenti sono cadenti ritmiche cella dalla seconda parte del primo soggetto, mutuato dal secondo tema del primo movimento, ritorna docilmente e viole e violoncelli.

Questa figura ritmica porta a un accenno al Valzer dello Scherzo, il terzo tema, improvvisamente spazzato via da una sola battuta del flippin piu mosso figurazione. Come prima, la figura ritmica punteggiata, suonata alla velocità del muro, cerca di farsi strada nel tema del valzer, solo per essere fermata ancora una volta, da una singola misura di rapida figurazione. Quando il ritmo puntato si espande, cercando ancora una volta di riportare il Valzer, l'intercessione della rapida figurazione non riesce a dissuadere una frase valzer il richiamo è il primo tio del secondo movimento, il ritmo puntato cadente comincia a prendere piede. La frase di valzer sale di un'ottava e conduce in un'unica misura di nient'altro che tre colpi suonati pesantemente ma con coraggio di meraviglioso gioco di parole sul ritmo del valzer. Il trio chiude il suo tema stranamente distorto in corni e violoncelli contro la figurazione degli accordi in clarinetti e fagotti, quattro misure di figurazione frammentata e battute di valzer riportano la tonalità al Re minore, in modo da gettare le basi per il secondo sviluppo dello scherzo, che immediatamente segue ecco l'intera sezione del trio.

Il primo spettrale tema ritorna con le sue terzine svolazzanti e guizzanti, suonate da un gruppo da camera composto da archi, pochi fiati e timpani. Presto i legni riportano il secondo tema e il Mi bemolle minore, accompagnati da ondate di figurazione di terzine dal primo soggetto. Improvvisamente, la figura balzante del terzo tema intercede, per poi scomparire in un lungo tuffo discendente negli ottoni, che termina con un tremendo tonfo di timpano. La musica si ferma di colpo.

Dopo una breve pausa, l'introduzione ritorna con i suoi tratti isolati, e due figure ritmiche di note su timpani e archi inferiori pizzicati, pizzicati cromatici discendenti, con forti accenti su ogni ingresso, danno l'impressione di un'apparizione che sfreccia dentro e fuori la scena. Presto i primi soggetti che intrecciano terzine ritornano in viole scoscese accompagnate da nient'altro che stabilizzazione della punteggiatura negli archi bassi, la figura girata e la frase cromatica cadente che sono state aggiunte alla ripresa dell'introduzione all'inizio della sezione di sviluppo dei movimenti, da un solo di archi il basso, ora ritorna nella tuba, suonando ancora più mostruoso di prima.

Dopo un ulteriore sviluppo del primo soggetto, il secondo tema entra nei flauti e negli oboi mentre la figurazione di terzina del primo soggetto li accompagna nei fagotti, il violino canta questo triste motivetto popolare, espressivamente come i legni mantengono la figurazione di terzina in modo che il tema non perdere completamente la sua compostezza indulgendo eccessivamente al dolore. Come le precedenti 4/8 note del tema del valzer, reintroducilo nell'intera orchestra, di nuovo in re maggiore e con un tempo più fugace. I salti verso l'alto che iniziano questo tema, continuano a salire sempre più in alto finché non cadono liberamente su ritmi puntati nel secondo tema. Ora in si bemolle minore, allungamenti intervallari più ampi e colpi di scena armonici distorcono ulteriormente questo povero piccolo tema.

Un'enorme spinta verso l'alto sulla figura ritmica che inizia il tema del valzer porta a una scala cromatica rapidamente discendente suonata in staccato dai violini. All'inizio si imbattono in un forte accordo dissonante e poi continuano con l'accompagnamento di una figura ritmica puntata cadente suonata dai corni in intervalli dissonanti. L'ultima di queste figure cade per una settima minore che suona volgare. Dopo che la scala cromatica continua a scendere negli archi bassi, i legni stridenti irrompono con una sciocca figurazione di crome che conclude il tema del valzer. Scende anche come se cercasse un terreno solido, l'ultima volta che abbiamo sentito questa figurazione è andata a sbattere contro un potente colpo di timpano. Questa volta è interrotto da un mostruoso pizzicato sotto le corde pizzicate con una forza così enorme 5 forte che il suono riverbera sulla tastiera viene ripetuto con una marcatura dinamica ridotta a tre forte. Alcuni direttori suonano entrambe le note pizzicate dalla tastiera, altri solo la prima, questi enormi toni pizzicati inaugurano la ripresa della sezione dello scherzo. Ascoltiamo questo segmento da dove entra il tema del valzer.

La ripresa della sezione di Scherzo inizia con tre misure della figura in battuta dell'introduzione e poi va dritta al primo soggetto. Ritorna ora la figurazione spettrale della tripletta del primo soggetto, tessendo il suo magico incantesimo. Questa volta una frase simile ad un arco su ritmi puntati accompagna una configurazione di terzine dalla forma simile su un forte rigonfiamento. i violini entrano direttamente in un po' del secondo tema, mentre i legni mantengono la vorticosa figurazione di terzine. Una ripresa del tema del valzer marcata selvaggiamente, segue direttamente in tutta l'orchestra in profusione maniacale, i suoi elementi musicali apparentemente confusi sulla loro appartenenza.
Come suona grottesco il tema, quando suonato dal trombone e dalla tuba, con il suo mi diesis stonato che suona ancora più distorto che mai. Di tutte le cose, il valzer è ora interrotto dall'insano piu mosso figurazione che ha rotto il tema del trio. Quindi il tema del valzer stesso si confonde con uno zoccolo nel secondo tema fino a quando non emerge inalterato nei violini. Il piu mosso la figurazione intercede di nuovo a segnare le pareti come frivolezza mentre la musica raggiunge una cadenza completa. Qui inizia la coda, un battito di valzer in pizzicato di corda spezzata sostiene la caduta dei tre nodi e il ritmo dal tema del valzer, che è suonato con arroganza da un corno inglese in stretto, con il controfagotto questa figura a tre nodi si combina con l'apertura di il tema del valzer in clarinetto con corno inglese, ma il piu mosso la figurazione continua a intercedere, cercando di impedire che i muri riprendano. Quando sembra che questa fastidiosa interruzione sia finalmente riuscita a deviare i muri, un tema trio entra nei violoncelli, Mahler fa suonare questo tema contorto ancora più grottesco cambiando l'intervallo di caduta che termina il suo antecedente in un quinto diminuito, il famigerato diabolus in musica.

Come è caratteristico dei movimenti scherzosi di Mahler, il materiale musicale inizia a frantumarsi in frammenti sparsi, suonati da un'orchestra ridotta. A un certo punto, i legni si impennano ed emettono una balena rumorosa e rauca e le corna fanno rizzare i capelli con un'ondata agghiacciante da un accordo di mi maggiore in un accordo di re maggiore ghiacciato che viene immediatamente soffocato da un tono fermo.

Da qui, la musica si dissolve sui frammenti del flitting piu mosso figurazione, il ritmo puntato successivo e il valzer accelerano in una cadenza perfetta della nota tonica negli archi bassi. Poi scatta un clarinetto con un frammento dell'accompagnamento al tema del valzer, e un fagotto solitario aggiunge la figura di 4/8 della seconda battuta di quel tema contro il tempo del valzer. Un momento di silenzio sembra attendere la conclusione di questo tema. Potrebbe essere che il movimento sia effettivamente finito? Certamente no.

Dopo la breve pausa, Mahler conclude il movimento con un ultimo pezzo di furia consentita dal colpo di timpano, seguito da un pizzicato accordole su un accordo di re maggiore in viole, che sembra essere stato aggiunto, come ripensamento. È come se Mahler ci conducesse alla fine di questo movimento, come fa di solito negli scherzi, e poi anticipando le nostre aspettative li prendesse in giro terminando con questo piccolo tag ending a due nodi rumoroso e assurdo che enfatizza il secondo battito tipico in un valzer viennese. Ci scuote dalle nostre ipotesi e ci fa capire che si stava solo divertendo, dopotutto. Iniziamo il nostro ultimo estratto dalla ripresa del tema del valzer, poco prima della coda.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: