Guida all'ascolto – Movimento 2: Scherzo. Schnelle Viertel

Trascrizione

Il secondo movimento che chiameremo Scherzo uno è uno degli Scherzi più originali di Mahler, inizialmente inteso come uno scherzo finale di una Sinfonia molto più breve, questo movimento combina il tradizionale trio di Scherzi formato con elementi di Sonata e giustappone una sezione di Scherzo composta da una metrica soggetto irregolare presentato in intensa polifonia neobarocca con una sezione di trio basata su un soggetto metricamente regolare in una trama contrappuntistica più chiara.
Frequenti cambi di metro nelle sezioni dello scherzo da tre-due, due-due, poi a 5-4 e tre-quattro, siedono in una tempia veloce, anticipano il Il rito della primavera scritto solo pochi anni dopo. Waltz e Lendler sono contrapposti e combinati, come nel secondo movimento della nona, ma qui l'uno non sovverte l'altro, sebbene condividano elementi comuni mentre le sezioni dello scherzo due temi principali mostrano un carattere giocoso e prepotente che ricorda il primo ländler di il secondo movimento della Nona Sinfonia, mostrano anche una qualità leggermente frenetica insolita del tradizionale ländler l'amara ironia e la sarcastica derisione del nono scherzo, il rondò burlesco, sembra molto lontano dalla frivolezza spensierata e gioia della vita, anche se venato di una traccia di ferocia, particolarmente evidente nel primo soggetto, con i suoi colpi per battere la punteggiatura dopo aver letto la frase. Si avverte anche una somiglianza con le gonne della sesta sinfonia, un'indicazione che il demone interiore di Mahler torna alla ribalta.

Il primo tema scheletrico ritmico A, con il suo impulso skip-hop-hop-hop che continua a cambiare metricamente da un bar all'altro è come la musica dance andata storta, un proprietario di casa storpio che zoppica incapace di mettere un piede davanti all'altro a un ritmo costante ritmo. Nonostante la goffaggine del padrone di casa, si afferma con sicurezza. Al contrario, la musica dei trii, che Mahler ha diretto per essere suonata, e il personaggio di un ländler è più simile a un valzer con ritmi agitati di tre metri. jodel come figure piombate, interposte, una nota di crudezza, che trabocca di gioia la gonna così il soggetto manca di ogni traccia di quel caos vertiginoso che caratterizza la sua controparte nel movimento centrale della quinta sinfonia, mentre il suo impeto febbrile ricorda lo scherzo della nona. Al contrario, il tema del trio è più congeniale e vivace, Mahler inverte i ruoli qui interpretati da valzer e landler, conferendo a quest'ultimo un carattere ritmicamente complesso che lo fa sembrare goffo anche se Andante mentre modella il soggetto del muro su una melodia semplice e sana , pieno di vita e di buon umore, libero da ogni tensione aggressiva. Quando questi soggetti contrastanti convergono, si adattano comodamente, nonostante i loro numerosi conflitti e caratteristiche.

Nello scherzo uno, Mahler potrebbe aver tentato di invertire l'esito del movimento del nono secondo combinando i due temi di danza alla fine in un gioioso miscuglio piuttosto che proclamare uno trionfante sull'altro, la struttura armonica di spaventato così e la sua relazione al primo movimento è degno di nota. Scherzo uno contiene diversi cambiamenti armonici radicali, il suo inizio in fa diesis minore mina la pacifica conclusione in fa diesis maggiore del primo movimento. Lo stesso cambiamento di tonalità si verifica nella sesta sinfonia se hai preso il movimento dello scherzo, posizione seconda, tra i primi movimenti che terminano in maggiore e lo scherzo che inizia in la minore.
Quindi il movimento si fa strada attraverso una varietà di tasti, alcuni dei quali molto lontani armonicamente da quelli che hanno successo. Ad esempio, il secondo soggetto viene presentato per la prima volta in sol minore e conduce al primo trio e fa maggiore prima che il primo tema ritorni alla tonica, il secondo trio inizia in mi bemolle maggiore si sposta momentaneamente in si maggiore e poi in la maggiore sforzo tornato al tonico. Questi colpi di scena armonici rispecchiano i modelli metrici mutevoli che creano un senso di squilibrio imbarazzante, tuttavia i cambiamenti tonali si verificano più frequentemente nelle sezioni trio metricamente regolari. Poiché il movimento termina affermativamente in Fa diesis maggiore, si potrebbe dire che la struttura tonale complessiva del movimento è un esempio di tonalità progressiva.

I primi due movimenti si relazionano tra loro più o meno allo stesso modo delle loro controparti nella Nona Sinfonia, un grande primo movimento drammatico contenente l'argomento principale è seguito da un movimento di danza più leggero e frivolo che diventa occasionalmente temporaneo dando l'impressione che ci sia più a questa musica di quanto indichi il suo comportamento spensierato. Più o meno lo stesso è vero per la combinazione di movimenti dell'Allegro scherzo nella sesta sinfonia, ma in quell'accoppiamento, lo spaventato così è una parodia dell'Allegro, mentre nella decima sinfonia, la connessione non è così diretta che risale alla nona per un punto di riferimento. Un coro di corno apre il movimento con un ritmo di danza contadina bilanciato da spostamenti di metri in ogni battuta, due figure ritmiche presentate all'inizio possono unirsi per formare il ritmo di danza di base del primo soggetto. Un mordente a tre nodi in ritmo anapestico, seguito da semiminime saltellanti ripetuti, dapprima quattro, poi accorciati a due o tre, e una nota di grazia alla minima, mentre questo schema ritmico scombussolato procede, sembra bloccarsi nella seconda di queste celle ritmiche, cercando di decidere quante semiminime saltellanti funzioneranno meglio. Il costante cambiamento del numero di semiminime ripetute per la figura ritmica skip-hop, combinato con spostamenti metrici in quasi ogni misura, mantiene la musica da ballo ritmicamente fuori controllo. Quando gli oboi entrano con il primo tema, questo ritmo skip-hop scompare e viene sostituito dal mordente di tre note di apertura, alternato a colpi acuti sulle prime due battute di ogni misura di triplo metro che punteggiano fortemente il tema della danza, così da enfatizzarne la qualità ländleresca. Sebbene ritmicamente, instabile, il primo tema ha un carattere scherzoso con un tocco di demoniaco suscitato da frequenti interiezioni di segni di punteggiatura to-beat che danno al tema un taglio netto. Ben lontano dalla sua solita apparizione in un tema appassionato o lirico, le tre note che salgono in levare nella battuta che inizia il tema ricorda il motivo del desiderio.

Mahler ha già parodiato quel motivo nel finale della Settima Sinfonia. Il primo tema contiene anche la figura anapestica di Morden dal ritmo di apertura delle corna, trattata con varie riconfigurazioni sia un levare a tre nodi in levare che un mordente anapestico a tre nodi, sono i principali elementi motivici che appaiono in tutta la sezione dello scherzo mentre il primo tema continua, la ripetizione incessante di questa figura a tre nodi fa sembrare che il tema stia lottando per liberarsi da qualche forma di ritegno per raggiungere la stabilità. Quindi, nel contesto dei metri mutevoli, queste frasi subiscono varie revisioni nel tentativo di trovare una parvenza di ordine e regolarità. Tuttavia, riescono solo a creare ulteriore confusione, facendo sembrare il proprietario sempre più confuso. Quando sembra arrendersi alla ricerca della stabilità, il padrone di casa esplode con un piccolo peccatuccio in un turbinio di figurazioni frivole che ricordano l'insensato frammento di figurazione rapida interposto nel soggetto del valzer nel secondo movimento della Nona Sinfonia, così come il volubile gesti che continuavano a interrompere il bizzarro minuetto alternativo, nel trio del movimento dello scherzo della Sesta Sinfonia.

Nel frattempo, i corni hanno cercato di far avanzare il tema con materiale tematico che tornerà nel secondo scherzo, estendendo così il primo soggetto fino a che non si telescopi nel ritorno del pattern ritmico skip hop introduttivo sulle trombe. Meno di due misure più tardi, il tema del Landler ritorna in modo più deciso nei secondi violini e nelle viole con i primi violini aggiunti dopo poche battute. Dopo questo gioviale, anche se instabile tema della danza, un frammento della figurazione del picadillo lo fa impallidire, i corni si uniscono al motivo della danza del diavolo come una variante tematica che contiene una seconda maggiore discendente, il motivo dell'addio senza traccia del carattere malinconico datogli nella Nona Sinfonia, gli oboi e la seconda, i violini ostacolano il ritmo skip-hop-hop del livellatore, spingendolo a continuare sulla sua strada allegra, cosa che fa con gioia diabolica e instancabile energia negli ottoni, nei legni e nei violini presentare giocosamente un controtema che si intreccia con il padrone di casa. La musica si costruisce su una forte affermazione di quel tema da parte dell'intera orchestra, e poi gradualmente si attenua man mano che sembra bloccarsi di nuovo su una delle sue figure ritmiche, questa volta il mordan anapestico, nel suo cammino verso il secondo spaventato, così soggetto.

Le viole continuano uno schema ritmico basato sul mordente anapestico e due corni ritornano con lo schema metrico mobile, inaugurando il secondo tema in si bemolle maggiore. Mahler ricostituisce il crescente levare di tre note, la figurazione volubile e il mordente anapestico del primo soggetto in un nuovo tema, enunciato in modo scarno dai secondi violini, e mantenuto sbilanciato dai metri in costante mutamento. Il secondo tema condivide molto con il primo tema e potrebbe anche essere considerato una sua riconfigurazione. Sebbene manchi il bordo tagliente del primo tema, Mahler usa la figura di croma cadente che ha iniziato il secondo tema come accompagnamento ritmico.

Una variazione del pattern ritmico introduttivo nel basso spiazza improvvisamente il secondo soggetto con l'inizio del primo trio in fa maggiore. Si tratta in realtà di una versione riveduta del secondo soggetto, che cerca di svilupparsi in un tema in piena regola per poche battute, finché un corno riporta il secondo tema come immagine speculare del primo, i legni si espandono sul secondo soggetto incorporando la nota di grazia mezza nota e le semiminime ripetute rimbalzanti del ritmo di danza dall'introduzione.

Man mano che il secondo tema si sviluppa, la sua figura anapestica cambia da mordente a frase che ricorda il motivo iniziale a tre nodi del movimento burlesco della Nona Sinfonia. Dopo aver rimbalzato avanti e indietro tra legni e archi, il secondo tema lascia finalmente il posto al tema introduttivo del corno che si presume lasciato solo per reintrodurre il primo tema in chiave tonica e l'ampio sviluppo aggiunge un elemento di forma sonata al design dello scherzo trio. Presto il primo tema diventa arruffato e spinge in avanti, nervosamente, infilandosi su un'estensione della sua misura di apertura nel secondo trio, come in uno sbuffo.

Improvvisamente, il tempo rallenta considerevolmente mentre il secondo trio inizia con una vamp da misurare su una figura di tre note che sale prima di una terza maggiore e poi all'ottava, come un accordo spezzato senza la quinta, il triplo metro e il tonalità piuttosto remote di mi bemolle maggiore sono saldamente stabilite. Sia il flusso ritmico che la tonalità di questo trio sono costanti e regolari in contrasto con il polso irregolare instabile e il ritmo armonico della sezione dello scherzo ma basati su un frammento del tema dell'Adagio del primo movimento, invertendo le sue prime tre note. Il tema principale del secondo trio contiene anche cellule ritmiche dei temi dello scherzo. Mahler ordina che sia interpretato nel personaggio di un proprietario terriero, anche se, come ho detto prima, ha una caratteristica qualità di valzer. Sebbene il secondo tema del trio inizi in modo assertivo, presto si stabilizza e diventa allegro quando suonato piano come quando suonato con forza.

Man mano che il secondo tema si sviluppa, Mahler inverte frequentemente la sua figura diatonica iniziale a tre nodi e la mette in moto contrario con la versione originale ascendente. Elementi ritmici e tematici richiamano il trio del movimento landler dalla Prima Sinfonia, e la prima Wundehorn canzone Verlorne Müh, dopo uno spostamento di chiave per essere naturale, il secondo tema del trio diventa ancora più spensierato prima che ritorni in mi bemolle maggiore, portando con sé un'altra inversione di questo tema valzer com landler, con salti di glissando in super ottava che seguono ogni ripetizione delle sue tre note cadenti figura.
Violini e legni entrano in dialogo su elementi complementari di questo tema a conclusione della seconda sezione del trio. Senza chiusura o transizione, il tema del trio viene interrotto bruscamente a metà mentre il ritorno del primo soggetto dello scherzo.

Durante la prima ripresa della sezione Scherzo, il suo primo tema si impiglia in una fitta trama di elementi motivici propri, subisce diversi cambiamenti di tonalità e continua la sua confusa distensione ritmica su cui apparentemente non è in grado di decidere quante ottave ripetute vuole saltare a quando si suona il pattern ritmico di introduzione. Quando la musica si ammorbidisce per alcune misure e l'orchestra si riduce a un quartetto di ottoni, nel trombone e nella tuba appare un accenno al tema del valzer del trio sotto il primo soggetto suonato da due trombe, il tempo uno diventa abbastanza rapido, mentre il secondo soggetto ritorna in fa diesis minore passando al re maggiore. Sembra ancora più simile a una versione abbreviata del primo tema rispetto a prima. Poche misure prima che i trii riprendano un accenno della figura a tre nodi di apertura del tema del valzer su una variante crescente è suonata da trombe e tromboni, uniti con la sua inversione su un modello ritmico sincopato in violini e legni. Con un'enfatica dichiarazione di questa frase invertita suonata in semiminime, la transizione alla ripresa della sezione trio è compiuta.

Proseguendo in re maggiore, il trio inizia come prima su una figura diatonica a tre nodi ascendente con i corni che invertono la versione sincopata discendente della stessa figura che era appena arrivata nei trii ripresi poche battute prima, varianti ascendente e discendente di questa tre- figura di valzer del nodo in varie forme ritmiche, scherzosamente sul tema del trio. Per un momento, il tema sembra esitare bloccato su una figura giambica che normalmente servirebbe da levare e ripeterlo in sequenza cromatica discendente. Questa esitazione ha un effetto calmante sul valzer, quando riprende molto tranquillamente in do maggiore, parte del suo entusiasmo e della sua brillantezza sono diminuiti. All'inizio, un'altra variante della figura di tre note si combina con un ritmo puntato simile a quello di un landler, il suo metro doppio impostato contro il ritmo del metro triplo della figurazione di crome delle viole.
Presto ritorna il tema del valzer, dapprima incerto su quale forma debba assumere, brevi interruzioni della figura giambica fanno riorganizzare il tema delle pareti in un esilarante spettacolo di variazioni in corso. Un frammento del tema è isolato e violini, è ottimista, ridotto a una tremolante nota di grazia che cade di un settimo aggiungendo un tocco comico. Come per il valzer del secondo movimento della Nona Sinfonia, i ritmi frenetici del tema del trio creano un'atmosfera da circo. Un breve ritardo conduce alla seconda ripresa della sezione dello scherzo su una versione più veloce della figura di tre note in aumento che prosegue perfettamente nella versione originale dei tre nodi in levare al primo tema.

Mahler usa la stessa procedura di transizione nel muoversi verso la ripresa del tema del minuetto Landler nel secondo movimento della Nona Sinfonia. Durante le battute di apertura dei primi temi sono stati pregiati frammenti del valzer che entrano di soppiatto. La variante della figura a tre note udita in precedenza ei violini riappaiono nella base e il ritmo puntato del tema del landler di shcerzo è suonato dai secondi violini contemporaneamente alla figura di base. Senza la minima esitazione, il secondo soggetto entra raucamente nella base.

Il trattamento di Mahler di vari elementi ritmici ricorda lo sviluppo dei soggetti dello scherzo nelle anime spaventate della sesta e della nona sinfonia. La figura delle note ripetute saltellanti si sposta costantemente tra tre colpi brevi e quelli più lunghi ed è impreziosita da note di grazia, mantenendo tutto così ben bilanciato, che il caos totale minaccia di minare l'avanzamento della musica. Ancora una volta, lo scherzo si imbatte nel trio come in un muro di mattoni. La chiave si sposta da Fa maggiore a Fa diesis maggiore, a un ritmo più incerto, una singola tromba diventa lirica su una frase del primo tema. I primi violini contrastano con parte della musica di valzer del trio, l'esaurimento sembra insinuarsi mentre il tempio si allenta.

A poco a poco il tema del valzer si avvia a un ritmo più rilassato, come se sognando ad occhi aperti i metri mutevoli caratteristici dello scherzo, invadessero quello che un tempo era il territorio abbastanza stabile del trio. La musica diventa più cadenzata e sognante nella sua stanchezza. Viene in mente come il valzer della Quinta sinfonia, dalla paura così commovente, sia improvvisamente rallentato, come se mettesse in discussione la propria frivolezza. La figura ritmica puntata sincopata che dà solennemente al valzer la qualità non è che un'inversione del tema del trio di quel movimento. Man mano che la figura si sviluppa, un corno allude alla musica dello scherzo due il quarto momento, quando un oboe con violini, ripete la figura estesa del Landler, i violini calpestano enfaticamente un po' della figurazione volontaria del valzer, dando l'impressione di averne avuto abbastanza di questo folle sogno ad occhi aperti. E così hanno per la musica le pause brevi, dopo lo sfogo audace dei violini, e il soggetto dello scherzo torna bruscamente fresco e vitale come sempre.

Il ritmo puntato del proprietario terriero e la figura diatonica a tre note che sale dalle pareti si insinuano in un gioco da ragazzi tra i metri tripli e doppi, mentre il primo tema procede con forza e vigore. Imperterrito da questi elementi estranei presto si bemolle, stabilito quando il ritorno dello scherzo cambia in fa diesis maggiore, mentre il primo soggetto continua per la sua allegra strada. Senza una ripresa del secondo soggetto dello scherzo, la musica del trio ritorna improvvisamente, questa volta in re maggiore, un acuto acuti di un flauto e secondi violini, pone le basi per la continua espansione del landler come figura ritmica puntata che era prominente durante la precedente apparizione del trio.

Da qui elementi tematici sia dello scherzo che del trio si integrano in modo contrappuntistico e costruiscono un potente climax per orchestra completa in cui il primo tema così spaventato si combina con frammenti sia del valzer che del secondo soggetto. Quindi il tema del trio prende il sopravvento in fa diesis maggiore, ma nel tempio del soggetto dello scherzo, qui Mahler contrappone la figura di valzer a tre note in aumento dal trio negli ottoni e nelle viole contro la figura ritmica puntata di Landler dello scherzo nei violini, ma il soggetto dello scherzo non sarà casualmente messo da parte, si riafferma potentemente proprio mentre il tema del trio diventa più selvaggio che mai.
Nella coda, l'intera orchestra riprende il primo e poi il secondo spaventato così temi in successione, mentre la musica diventa così selvaggiamente agitata, che si avvicina alla follia, proprio quando sembra che lo scherzo avremo l'ultima parola, corni risuona ripetutamente con la crescente figura sincopata di tre note dal tema del valzer dei trii. Legni e viole hanno cercato disperatamente di spiazzare questo tema, con furiose ripetizioni di un frammento del secondo tema dello scherzo, sovrapposto a ondate di figurazione ascendente in trombe, violini e viole. Ciò che segue è simile al mondo in cui la coda del movimento dello scherzo della Quinta Sinfonia viene lasciata in pace, per continuare con il valzer si alza la figura a tre nodi quando il vortice spaventa così la musica si interrompe improvvisamente, come in trionfo, il resto dell'orchestra razionalmente li taglia fuori con un frammento dal soggetto così spaventato messo in moto contrario, come se l'onda si staccasse una volta per tutte dall'antagonista. Così il movimento termina bruscamente, inizieremo l'ultimo brano dalla potente continuazione del primo tema dello scherzo.

Quello che all'inizio sembrava essere nient'altro che soggetti di danza contrastanti diventa presto sempre più competitivo e alla fine antagonista alla fine del movimento, sebbene appaiano come lontani cugini nella maggior parte del movimento, l'eventuale conflitto di questi temi di danza verso la fine del movimento , ha paragonato lo scherzo uno di troppo dei movimenti medi di Mahler che presentano temi di danza in guerra tra loro, esempi di bound, come il secondo movimento della Nona Sinfonia, il terzo movimento della Quinta e il movimento centrale della Settima, ma a differenza questi primi movimenti, nella decima sinfonia, scherzo uno, invece di antagonismo fin dall'inizio, i temi di danza in prima sedia in uno stato d'animo di gioiosa esuberanza, non mostrando alcun segno di ostilità, anche quando si gode un po' di agitazione ma verso i movimenti valzer ravvicinato e landler tornano ad essere avversari in lizza per il dominio fino alla fine.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: