Guida all'ascolto - Movimento 2: In gemächlicher Bewegung

Trascrizione

Il movimento dello scherzo di Mahler è tanto inquietante e grottesco, quanto il primo movimento è spensierato e parodistico. È dotato di un violino solista scordatura, un violino che è accordato a un passo più alto rispetto al resto delle corde. Questo serve per ottenere un suono aspro e stridente. Mahler dirige che sarà suonato come un violino, è di qualità ruvida e stridula, adatta al personaggio di Freud Hein, una figura leggendaria nella mitologia tedesca associata alla morte, che colpisce la band, è come una combinazione di Mefisto e il violinista sul tetto . Qui dirige l'orchestra in un movimento di danza in cui un contorto tema del proprietario terriero gira e rigira serpeggiando attraverso una varietà di affascinanti materiali sussidiari, a cui prendono parte tutti i gruppi.

Il movimento è stato giustamente chiamato una danza McCobb da Neville Carter e una danza della morte da Dika Newlin. Il suo mitico Violinista, guidando i partecipanti con molta delicatezza, arriva astutamente negli inferi. Proprio come il violinista oscuro invita i due bambini perduti a seguirlo nell'oblio in delius abilità d'opera Romeo e Giulietta. Come sottolinea Lagrange, questo è l'unico vero movimento di danza di Mahler poiché le gonne aggiunte della Prima Sinfonia anticipano i prestatori della quinta e della nona sinfonia. Mahler non avrebbe potuto essere più esplicito sulla sua intenzione di creare musica che apparirà grottesca e spaventosa. A tal fine, dà agli ottoni un ruolo di primo piano. Avere loro imitare suoni spettrali che vanno a sbattere nella notte, attraverso l'uso inventivo di accenti penetranti e toni fermi macabra. Contrasti netti e esplosioni sorprendenti evocano visioni spettrali, figure di semicrome ripetute e trilli mutevoli aggiungono tocchi ritmici e decorativi alle apparizioni oscure evocate dagli ottoni. Tuttavia, come ha notato Derek Cooke, l'effetto complessivo non è raccapricciante, ma inquietante. Ciò che Mahler richiama qui è più la natura di una fiaba Wunderhorne di visioni da incubo che potrebbero non fare altro che spaventare la sensibilità tenera di un bambino, quindi e la visione orribile di terrificanti demoni che cercano la loro preda. Infatti i terzetti, dominati da legni e tavole su basi, esibiscono una bonaria giovialità austriaca.

Il secondo trio anticipa le gioie celestiali del finale, come spesso è tipico delle gonne di Mahler, quei passaggi grotteschi suonano più mefistofelici, che satanici, potrebbero mandare un brivido lungo la schiena ma non inorridire. Mentre in forma di scherzo ampliato con due trii. La struttura del movimento contiene anche elementi di una rando o di una danza rotonda che contrasta con il soggetto principale dei livellatori in un montaggio di interazione drammatica e motivica. Per tutto il suo filare contrappuntistico di materiale melodico e ritmico. L'orchestrazione è relativamente snella, mastica effetti più orribili che potrebbero essere stati prodotti da tromboni, tuberi e percussioni. La struttura è modellata sulle gonne della seconda Sinfonia e, come il suo predecessore, è spesso tenuta in movimento da un ritmo sottostante. Con l'uso di questa corrente sotterranea di moto perpetuo, la gonna rimanda così al movimento di apertura che contiene un ritmo di fondo simile. Nonostante le intenzioni contrarie espresse da Mahler, c'è anche qui un implicito senso di parodia, come c'era nel primo movimento, un uso frequente di manierismi e ornamenti barocchi e rococò. Ricordiamo il personaggio in stile classico girato nell'Allegro di apertura. Ricordiamo che il tema principale del primo movimento è nello stile di un valzer, nonostante sia suonato in un rigoroso tempo di 4/4, mentre il tema del primo trio nel movimento dello scherzo, sebbene in metrica tripla, suona molto come una marcia.
Queste incongruenze provocatorie funzionano come effetti parodistici che hanno modificato il pubblico della festa della mamma e hanno causato molto scalpore durante la prima delle sinfonie. L'introduzione di sette battute che inizia lo scherzo contiene tre elementi motivici che giocheranno un ruolo importante in tutto. Innanzitutto, una misteriosa figura di corno che apre il movimento, iniziando con tre note che salgono gradualmente, così come i primi movimenti del primo e del quarto tema e un secondo minore discendente e crescente, tratto da una variante del motivo delle campane della slitta nel primo movimento. Il secondo elemento, consiste in un sedicesimo staccato ripetuto in oboi e fagotti, che termina con un secondo discendente, la cui prima nota è trillata. Questo si riferisce anche al modo della campana della slitta e terzo, una figurazione di semicrome simile a Calliope, suonata da flauti contro una versione invertita nei clarinetti, un riferimento a una frase simile nella canzone Wundahorn, Lob des hohen Verstandes, da cui Mahler usa occasionalmente materiale tematico frammentario per aggiungere un tocco umoristico, e torneremo semplicemente nel movimento centrale del quinto, ecco l'inizio del movimento per mostrare la disposizione sequenziale di questi tre elementi.

La struttura e il tenore di questa introduzione possono essere paragonati alle battute iniziali di un'altra canzone dei Wunderhorn, Rheinlegendchen. È un primo esempio della propensione di Mahler per l'inizio delle gonne o del movimento con una breve dichiarazione sequenziale delle modalità principali dei movimenti che forniscono all'ascoltatore una sorta di personaggio drammatico di principio, materiale tematico o motivico che giocherà un ruolo significativo durante il movimento. Dopo che il motivo tre si rigira alcune volte contro i secondi minori ripetuti dal motivo uno, il primo tema entra nel violino solista risintonizzato, con un altro levante ascendente di tre note, che lo mette in relazione con il primo tema del movimento di apertura. A differenza di quel tema, queste note introduttive salgono diatonicamente e terminano con una nota sbagliata, e il Re dal suono naturale conferisce al tema un carattere diabolico. È un landler ma molto curioso che gira su se stesso e poi si svolge su una frase di una sedicesima nota che si riferisce al motivo tre, e quindi ad abbassare i loro standard.

Il tema dei violini solisti è interrotto a metà della corrente dall'aspetto imprevisto dei secondi temi, la tonalità cambia improvvisamente in Do maggiore su un accordo di fiato aperto sostenuto che crea un'atmosfera nebbiosa, gli archi smorzati suonano una figurazione di note da un sedicesimo che contiene una variante del motivo tre, e un frammento capovolto del primo tema, punteggiato da punture taglienti nell'arpa che fanno rizzare i peli sulla parte posteriore del collo, un'improvvisa spinta su un insolito sporge inaspettatamente dalla sommessa figura tremolante delle corde che fa sobbalzare la tonalità e facendo reagire con rabbia i violini con una rapida raffica discendente di note appiattite. I legni rispondono con un frammento del primo tema, che suona ancora di più come una variante del motivo tre quando suonato separatamente dal tema principale.

Il primo tema viene reintrodotto in modo strano. Suonavano dapprima i violini divisi, seguiti dai legni uniti dal violino solista solo per la frase di apertura dei temi. Mentre la tonalità si sposta ai motori minori uno e due dall'introduzione tornano ad arrotondare la gonna, così i calli di sezione nel loro registro acuto, diretti a far risuonare e i clarinetti nel loro contrarre il registro grave si spostano nel primo trio in un tempo più rilassato , su una variazione del motivo un olustee della versione un po' arrogante del motivo del terrore della Seconda Sinfonia, senza il suo aspetto terrificante.

Quando la chiave si modula in Fa maggiore, l'inquietudine della sezione scherzo lascia il posto a un'atmosfera più leggera e rilassata. I clarinetti si affermano pomposamente a un piccolo passo di danza, marcato divertente: allegramente e giocato con build up. Questa figura diventa il tema principale del primo trio. Questo tema del trio si collega al tema principale del primo movimento a causa del suo carattere ländleresco. Enfatizza un secondo maggiore discendente con un trillo sulla prima nota che gli conferisce un carattere gaio o più civettuolo.

Il tema del trio è simile alla pomposa melodia dell'oboe della marcia funebre del terzo movimento delle sinfonie e al tema del clarinetto dello scherzo del terzo, i violini suonano una figura ritmica punteggiata che è una citazione diretta dal Rheinlegendchen canzone.

Dopo i fiati, fai alcuni giri per sviluppare il tema del trio. Una melodia melodica nei violini genera un bagliore caldo, che contrasta con la vivace variante del tema del trio suonato da un corno solista.

In tonalità morbide e toni gentili, la musica diventa tranquillamente pastorale e presto svanisce gradualmente fino alle corde basse su una figura ritmica, due ottavi seguiti da due sedicesimi che sono una versione invertita del richiamo del clarinetto che ha introdotto il trio .
L'introduzione del movimento torna ora nella sua forma originale, a segnare la ripresa della sezione scheletrica. Questa volta, il violino solista di Mistun suona con più passione come se supplicasse i suoi ascoltatori di seguire il suo esempio. È ambientato su un tortuoso corno solista che combina una varietà di elementi ritmici e motivici dal soggetto dello scherzo in un controtema. Il tema del violino solista sembra assumere una colorazione più cupa, ha una tromba in sordina che suona una variazione del motivo di terrore che apre il trio.

La trama orchestrale si assottiglia man mano che i legni e poi i violini si alternano con il primo tema altamente flessibile, il primo che gli conferisce un carattere vivace e giocoso, la scala che suona più lirica. Presto il secondo tema ritorna condito con i trillati secondi cadenti del primo trio, suonato da oboe e clarinetto. motivo si getta un'ombra sulla musica, sebbene nascosta nel registro più grave dei corni, e si presume che anticipi il ritorno dello scherzo, la sua introduzione. Lo scherzo si chiude come prima, ma questa volta trombe in sordina disturbano il flusso musicale con un accordo penetrante suonato in levare che fa scappare la violenza su una sequenza discendente di sedicesimi accentati, corni e legni riportano i motivi introduttivi per inaugurare il ritorno del primo tema.

Ancora una volta ambientato in un controtema di corno. Motivo due sfarfallio sullo sfondo mentre il tema e il controtema vengono ulteriormente sviluppati. Un breve ululato ascendente divampa sul violino solo e due flauti anticipando la sezione di chiusura dei movimenti, motivi uno e due combinati con la figurazione del secondo tema, apparentemente intenzionati a chiudere la sezione della gonna così con una variante della rapida discesa del piatto e 16° con cui si era concluso in precedenza. Questa volta, non c'è nessuna spinta contro cui reagire, così i sedicesimi discendenti sono ora suonati docilmente su una scala diatonica dal violino solo la sua linea discendente, continuata da tre sedicesimi pizzicati negli archi bassi. Un momento di silenzio conduce al secondo terzetto. La versione più leggera del motivo di terrore che ha aperto il primo trio in clarinetti e corni, è ora invertita, e declamata dalla prima tromba per introdurre una nuova variazione del primo albero o tema, iniziata dai clarinetti e continuata dai primi violini. Come prima il ritmo si distende e la musica sembra sorridere piacevolmente con un pizzico di perdono. Di nuovo, un secondo in discesa trillato è prominente. Il primo corno delinea il tema prestatore alla figurazione decorativa nei violini in poche misure i primi violini galleggiano su solve nuvola di secondi minori contro una variazione della stessa figurazione trasferita alla seconda violenza.

La piccola frase arrogante del passo di danza suonata per prima nella sezione precedente del trio dai clarinetti ritorna, in oboe e clarinetti contro morbide corde fluenti, che hanno continuato a sviluppare figure ritmiche dal tema del trio. Per un breve momento, la sezione di chiusura prefigura la chiusura dell'intera Sinfonia in una frase di sedicesima discendente in archi, lasciando il posto alla stessa figura ritmica che chiude il primo trio suonato questa volta solo da contrabbasso e archi di basso.

Segue una breve sezione di sviluppo che funge da transizione alle sezioni dello scherzo che riprendono l'emergere del re maggiore all'inizio di questa sezione crea una tonalità calda e morbida contro la quale i clarinetti declamano categoricamente l'ennesima rielaborazione del secondo tema del trio, si intravede il la serenità celeste dei finali in glissando primaverili incrociati. Sotto striduli clarinetti, creando una meravigliosa giustapposizione di linee e temperamenti divergenti. Un'altra dichiarazione arrogante della figura del passo di danza del clarinetto conduce a una versione per archi teneramente lirica del tema del trio. Svanisce presto quando gli archi di basso riprendono la figura ritmica che suonavano durante la chiusura dei trii, mentre un corno con sordina segue l'esempio con il motivo uno per reintrodurre la sezione dello scherzo nella sua chiave originale il motivo tre nei legni accompagna il tema dello scherzo nel violino solo , ora suonato dal secondo violino principale in accordatura naturale, e più esitante se non meno graziosamente di prima. Un nuovo controtema e un primo oboe presto subentrano accompagnati da una variante di se stesso sul primo clarinetto, formando un delizioso anche se breve trio. il motivo due è poi fortemente pronunciato dall'ottavino contro il motivo uno nel primo corno e il tema principale nel violino accordato naturalmente.

Dopo un'altra versione del trio di legni, sia l'accordamento che i violini accordati naturalmente si sono combinati con un corno muto, suonando una variante del motivo che termina con la figura convulsa verso l'alto ascoltata in una precedente sezione di scherzo sui violini. Una viola solista suona la seconda parte del tema dello scherzo. A questo punto Mahler non smette mai di rimodellare e reintegrare il suo materiale musicale, accostando continuamente diverse varianti tematiche in diverse combinazioni. Gli affascinanti raggruppamenti strumentali che compaiono occasionalmente e le sinfonie di Mahler, fanno rimpiangere di non aver composto per piccoli ensemble nella sua maturità. Presto il luccichio, o il secondo tema ritorna in do maggiore, con il motivo della campana della slitta aggiunto come ornamento alla figurazione degli archi. Il violino solista riaccordato riprende i potenti orologi dell'arpa che ora forniscono il contrappunto in ottavi accentati. Anche i timpani hanno un ruolo importante da svolgere qui, in primo luogo nell'enunciare con calma la piccola figura ritmica suonata per la prima volta dai corni durante il primo trio. Una versione del movente uno funge da ponte verso il codice finale.

I tre motivi introduttivi presi dall'ordine originale sono presentati in fiati e poi archi. Conducono al primo tema dello scherzo, che sarà al centro della sezione di chiusura. Violini e Piccolo formano una piccola piroetta sulla frase di apertura di questo tema per introdurre i brani letti di violino solista, suonando la frase nella sua forma originale. Fiati bassi e archi richiamano la figura ritmica con cui le corde dei bassi chiudono le sezioni del trio. Dopo la comparsa finale dei primi temi sul violino solo, i motivi uno e due vengono sussurrati delicatamente in un piccolo insieme di fiati e archi bassi. La notte sembra chiudersi su questa piccola serenata spettrale, ma vivace. Mentre gli strumenti svaniscono nell'aria della sera. La cerva fritta è scomparsa e tutto ciò che rimane sono i frammenti motivazionali che conferiscono alla sua tomba una qualità spettrale. Violoncelli e bassi estendono la modalità di uno alle urla ascendenti suonate in precedenza dai violini, aumentando l'intervallo con ogni misura. Quindi gli oboi iniziano debolmente il motivo jingle che termina con una spinta inaspettatamente forte di un quarto cadente, invece del secondo cadente previsto, per esagerare il suo carattere grottesco. Con questa sorprendente interruzione, il movimento si interrompe bruscamente.

Come in molti dei movimenti di Mahler Scherzo, gli elementi principali si rompono e si esauriscono alla fine. Questo è il contrario del solito procedimento, dove appare un materiale frammentario all'inizio del movimento. Molti dei temi e dei motivi prominenti in questo movimento forniranno materiale per il primo scherzo inconsueto che si spostava metricamente che doveva essere incluso nel decimo sintomo incompleto.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: