Guida all'ascolto – Movement 1: Andante comodo

Trascrizione

Tipico delle sinfonie di Mahler, il primo movimento presenta un conflitto tra gruppi tematici che funzionano come antagonisti, che porta a un climax catastrofico, dopo il quale la risoluzione rimane incerta. Il dualismo della materia si presenta come la sostanza di una crisi esistenziale dello spirito umano, mentre affronta la vita moderna. Due soggetti principali in tonalità contrastanti di Re maggiore e minore rappresentano forze positive e negative dello spirito umano, una amorevole, calda e gentile, l'altra dura, stridula e brutale. Queste forze opposte diventano sempre più combattive nel corso del movimento, fino a quando un climax travolgente le distrugge entrambe. Eppure, miracolosamente, i fili di questi temi si uniscono e creano un confortante senso di calma serena, che ristabilisce l'ordine alla fine del movimento. Diverse figure cellulari presentate durante l'introduzione fungono da motivi per tutto il movimento:

– In primo luogo, una figura ritmica simile a una marcia di quattro note da un quarto modellate in un arco verso l'alto, omettendo il terzo battito, che io chiamo il motivo del destino che afferma la vita. Ricorda il ritmo pizzicato alla base del tema principale del movimento lento della Quarta Sinfonia.
– Il secondo motivo, una figura sincopata di quattro note di toni ripetuti che suona come una versione ritmicamente distorta e melodicamente orizzontale di questa figura simile a una marcia, che chiamo motivo del destino che nega la vita.

È stato suggerito che questa figura sincopata possa aver avuto la sua origine nell'aritmia cardiaca di Mahler, che rappresenta il suo presunto battito cardiaco difettoso e quindi simboleggia la sua stessa morte. Non ci sono prove di cui io sia a conoscenza per supportare questa teoria se questi due motti fondamentalmente ritmici potessero essere trattati metaforicamente, mettendo in relazione il ritmo costante simile a una marcia del motivo del destino che afferma la vita, a un normale battito cardiaco e al ritmo sincopato di il motivo del destino che nega la vita a un battito cardiaco anomalo. Mahler era certamente ben consapevole del suo problema cardiaco e inconsciamente avrebbe potuto applicarlo in musica a questi motivi dualistici. Un'altra analogia potrebbe essere fatta al passo ritmico di Mahler, rispetto a un ritmo di marcia uniforme. Naturalmente, tali somiglianze tra la fisiologia umana e il ritmo musicale sono sia fantasiose che inutili per la comprensione della dualità motivica presentata da Mahler in queste figure ritmiche contrastanti. Il terzo motivo iniziale è una frase di cinque note che inizia e finisce con una quarta ascendente e suona come un eroico invito ad affermare la vita, si sente per la prima volta su un corno.

Il quarto di questi motivi iniziali è un secondo discendente del motivo d'addio dal loro foglio operativo.

Queste figure molecolari funzionano durante tutto il movimento come elementi simbolici in una lotta simile alla morte tra le forze positive e negative dello spirito umano.

Alban Berg in una lettera a sua moglie, scritta nell'autunno del 1912, descrive la sua impressione del movimento. Dice: “l'intero movimento si basa su una premonizione di morte, che è costantemente ricorrente, tutti i sogni terreni culminano in questo picco. Ecco perché i passaggi del tender sono seguiti da culmini tremendi come nuove eruzioni di un vulcano. Questo, naturalmente, è più evidente di tutto, nel luogo in cui la premonizione della morte diventa conoscenza certa. Dove nell'amore più profondo e angosciato della vita, la morte si annuncia con sommo potere. contro questo non c'è più resistenza, e vedo quella che segue come una sorta di rassegnazione”. Sebbene tale descrizione possa implicare che il linguaggio musicale sia puramente soggettivo.

Theo Adorno avverte un sentimento di distacco, dice, “solo come memoria la vita ha dolcezza, e proprio questo è dolore”. Indica anche un senso di disintegrazione che segue il climax catastrofico nello sviluppo, come se la vita fosse semplicemente andata in pezzi a causa del colpo devastante che ha ricevuto per mano del suo antagonista, la morte.

Philip Barford vede questa caratteristica di disintegrazione come evidente dall'inizio del movimento, "dice che introduce frasi spezzate, figure frammentate e ritmi esitanti". Eppure Adorno suggerisce che l'antitesi di fondo tra disintegrazione e integrazione includa anche la loro identità, così che il materiale musicale lacerato dal terrificante climax alla fine dello sviluppo possa ricomporre se stesso. Di conseguenza, il dualismo delle forze contrapposte presentato nel movimento, sia come una lotta per la vita che per la morte, e una manifestazione armonica di versioni maggiori e minori contrastanti di D, può essere risolto alla fine, anche se tale risoluzione non rappresenta un finale e completo vittoria della vita sulla morte.

Donald Mitchell trova paralleli significativi tra questo movimento e la prima canzone di Kindertotenlieder, entrambi sono costruiti attorno alla giustapposizione delle chiavi, nella canzone, un cambiamento alla chiave maggiore simboleggia una trasformazione da come Mitchell ha detto, "lutto rituale e dolore al promessa di luce rinnovata, il sorgere del sole”.

Nel primo movimento del nono, il tema in re maggiore che abbraccia la vita, è assalito dalle eruzioni del secondo tema in re minore che nega la vita. Sia il canto che gli elementi sinfonici condividono anche la forma strofica, che assume nuove dimensioni nel movimento combinandosi con i principi strutturali della forma sonata. Mitchel suggerisce che mentre il primo e il secondo tema non sono segnati in tempi diversi, Mahler avrebbe potuto benissimo cambiare il tempo di quest'ultimo in un Allegro se fosse vissuto. Tenendo conto di questa possibilità, Mitchel trova nel movimento del processo di Andante, Allegro, crescendo climax, crollo, recupero, che ricomincia nella ricapitolazione, implicando così il principio dell'eterno ritorno che collegherebbe il movimento con Der Absched da Das Lied von der Erde. I suoni gorgoglianti con cui inizia il movimento potrebbero significare la melma primordiale da cui sta per sbocciare un nuovo inizio, fornendo così un'altra connessione con un docile guinzaglio. Strutturalmente, il movimento varia dalla forma sonata regolare come sottolinea Floros riaffermando il primo tema, sebbene in variazioni più volte durante lo sviluppo, inizialmente nell'originale re maggiore. Il ritornello, come la ricomparsa del primo tema, suggerisce la forma di Rondò secondo Floros. L'accento è posto sullo sviluppo che presenta il conflitto di forze che costituisce l'argomento principale del movimento.

L'uso pervasivo di un motivo di addio crea l'impressione che questo conflitto sia visto da una distanza, più temporale e spaziale. Un'ombra che ci è mancata nel golf le misure di apertura, il ritmo è moderatamente lento e rilassato. L'orchestrazione è scarsa e i violoncelli frammentari del materiale musicale iniziano con la prima metà del motivo del destino che nega la vita chiamerà motivo X, con il suo ritmo puntato iniziale suonato molto piano, dopo di che un corno completa il motivo con l'ultimo dei suoi tre Appunti. Il motivo viene quindi ripetuto, si noti che esso e non il suo motivo convergente del destino che afferma la vita è il primo ad apparire. Il suo polso instabile e il registro basso lo fanno sembrare come emerso dalle profondità primordiali dell'abisso. Il suo ritmo sincopato lo fa sembrare goffamente sbilanciato. Segue immediatamente un'arpa con il contrasto nel destino che afferma la vita, motivo, che chiameremo motivo Y, a differenza del motivo X, il suo battito è costante, e anche nel caso di una marcia, sebbene salti il ​​terzo battito, la configurazione intervallare del motivo Y richiama il motto di Der Abschied nascente terzo, che si sposta di un gradino più in alto dopo una pausa di un battito, per poi ricadere al terzo, affermato con forza e risolutezza, contrasta con il modo più impacciato, esitante del motivo compensativo X. Un singolo corno suona una frase più melodica, che chiameremo motivo Z, che inizia e finisce con una quarta ascendente, e contiene alcune caratteristiche sia del motivo X che Y, la sincope del primo e l'arco ascendente di la scala a pioli. Motivo Z suona come un richiamo da lontano, come se chiamasse da un mondo al di là del tempo e dello spazio, ecco l'apertura del movimento con tutte e tre le modalità suonate nella sequenza X, Y e Z.

I più grandi entrano con un ritmo ondulato in terze, che ricorda il ritmo della natura delle sinfonie terze Quarto movimento, che compare anche in Der Abschied. Mentre l'arpa continua a suonare il motivo Y, il corno cerca di estendere il motivo Z, con una sequenza di secondi crescenti che si riecheggiano a vicenda. Mentre i secondi violini entrano in silenzio con un secondo discendente, il motivo dell'addio, prominente anche in Der Abschied. A questo punto, la tonalità di re maggiore è saldamente stabilita, le viole trasformano il motivo Y in una coppia di tremeli gorgoglianti che creano una misteriosa corrente sotterranea. Il motivo dell'addio inizia a prendere forma melodica, man mano che le forze orchestrali aumentano. I secondi violini si espandono sul secondo addio cadente, e quindi generano il primo tema. Un paio di corni suonano un controtema, basato sul motivo dell'addio in dialogo con i secondi violini durante la formazione del primo tema. È come se stessimo assistendo a una rappresentazione musicale della creazione, la vita embrionale che gorgoglia dalle forze primordiali della natura, rappresentata dalla versione tremolo del motivo Y, la forma originale del motivo Y è usata come un battito di marcia nel cuore, e poi esteso in pizzicati di archi bassi che hanno saltato il primo battito di ogni misura, poiché non è ancora sicuro della loro posizione. Allo stesso tempo, l'importanza dell'addio nel primo tema e il suo accompagnamento frammentario nei legni implica una fine piuttosto che un inizio. Una figura di tre note, che cade gradualmente, spesso usata nella musica romantica tedesca per creare l'effetto di nostalgia agrodolce o malinconia, è suonata dal corno inglese e dal corno francese per chiudere la prima parte del primo soggetto. Ecco l'inizio del primo tema.

I primi violini sviluppano poi il primo tema contro diverse versioni del controsoggetto dei corni e clarinetti, secondi violini, violoncelli e contrabbassi, inclusa una versione retrograda del motivo X, suonati melodicamente piuttosto che su toni ripetuti nei violoncelli. Questi elementi motivici e melodici contrastanti tessono una trama contrappuntistica, la loro collocazione individuata, li rende distintamente ordinabili nonostante il livello dinamico pianissimo, alla base di questi elementi contrastanti c'è la ripetizione costante dei tremeli gorgoglianti nelle viole. Il primo soggetto mite ma affermativo oscilla dolcemente e dolcemente con movimento interiore, e occasionalmente si salda su figure in aumento, come a indicare che è lungi dall'essere completo.
Composto per la maggior parte da brevi frammenti messi insieme, il tema sembra mancare di direzione, si conclude con la stessa modalità di addio con cui all'inizio era iniziato, come se il mondo fosse già stanco. Improvvisamente, l'atmosfera si oscura con sfumature di un cambiamento di tonalità che ha alterato radicalmente il temperamento della musica. Quando la tonalità si sposta su un cupo re minore, un corno grida il motivo dell'addio, suonando lugubre piuttosto che rassicurante. I secondi violini rispondono con una figura di tre note discendente trasformata in una curva verso il basso, quando echeggiata dal corno contro questa frase, i violoncelli aggiungono una terzina spezzata ascendente che continua a ripetere in diverse configurazioni ritmiche, come se il desiderio di qualcosa al di là di se stesso fosse sbagliato. l'inquietante accordo di re minore introduce il secondo soggetto nei primi violini, per il suo temperamento duro, spigolosità e carattere aggressivo. Il secondo tema contrasta nettamente con le lievi note rilassanti del primo tema, inizia volontariamente su un ritmo debole e si fa strada verso l'alto, suonando cupo e provocatorio, contro frammenti cadenti del primo tema controtema che ha preceduto, i secondi temi frastagliati contorno melodico con frequenti terze modali minori, è una sorta di linea ascendente, e la giustapposizione di ritmi doppi e tripli ne fanno l'antitesi perfetta all'addio, evocando una tenacia quasi caparbia di aggrapparsi alla vita, o una reazione negativa alla sua necessaria e man mano che i violini sviluppano il secondo tema, suonano una variante deforme della figurazione ascoltata tanto tempo fa durante la prima canzone di Kindertotenlieder quando l'orchestra si è agitata maggiormente dopo che il cantante ha immaginato una luce eterna che simboleggia la speranza di redenzione dal dolore in quella canzone, questo figura relativa al motivo Der Tag ist schön dalla quarta canzone, ma il suo uso qui è nettamente negativo, non solo perché il secondo tema è impostato in chiave minore e suona minaccioso, ma anche per i suoi forti accenti su battute deboli e intervalli dissonanti. Ascoltiamo il brano della prima canzone dei Kindertotenlieder.

Era l'inizio del secondo tema, compreso il riferimento a Kindertotenlieder.

Vengono in mente diverse dualità nel contrastare il primo e il secondo soggetto con Das Lied, in particolare quello della notte e del giorno, della vita e della morte. In mezzo a questo secondo tema aspro e ostinato, il motivo dell'addio si afferma nel secondo violino, echeggiato da fagotti e contrabbasso. Una frase discendente dal primo soggetto appare contemporaneamente nei corni e nelle viole e successivamente nel controfagotto come elemento di contropartita, mentre la musica si sviluppa su un crescendo, e la trama diventa sempre più complessa, con l'apparizione di figure che salgono e scendono e fiati e archi bassi . I frammenti del primo soggetto scompaiono sotto l'assalto del secondo tema, ampi salti, forti accenti insoliti, intervalli allungati e aspre dissonanze combinati per creare una visione di forte terrore. Mentre finisce in ottave alte, cerca disperatamente di riportare il primo soggetto nel mezzo di una violenza crescente, per contrastare la crescente ostinazione del secondo tema. Re maggiore e minori sembrano lottare l'uno con l'altro. Il secondo tema fa ogni sforzo per mantenere il controllo ma si percepisce nella sua configurazione melodica di sentimento di grande dolore nel farlo, i corni affermano contemporaneamente una coppia di figure motiviche, una figura cromatica costituita da una terzina cadente, seguita da un ritmo punteggiato tagliato , e due triplette cromatiche discendenti ripetute. La scala è apparsa all'inizio della scena del cimitero nel primo movimento di polvere di piombo. subito dopo. le trombe suonano una versione sincopata della prima di queste figure, che deriva dal motivo X, la chiameremo X primo. Suona come un grido di totale disperazione, ha affermato come una fanfara che ci invita a rinunciare alle spoglie mortali. Ironia della sorte, l'aspra negatività del secondo soggetto ha una caparbietà che sembra eroica, eppure incerta se nella sua energia debba essere usata a favore o contro la vita, come l'apparente ambiguità del male, a volte mascherato da suo opposto, ritagliato e i ritmi qui si riferiscono sia alla marcia che alla musica da ballo popolare. Lunghi tuffi allungano la chiusura del secondo soggetto, mentre cresce a una grande altezza, solo per ricadere nel primo soggetto, ora suonato in re maggiore dall'intera orchestra in un complesso mezzo polifonico di frammenti melodici e multivacanti. Con il prossimo estratto, riprendiamo il secondo tema da dove eravamo rimasti.

Più deciso di prima il primo soggetto sembra pieno di vita. Incorpora gli ampi tuffi che lo salvarono dal secondo soggetto distruttivo, così come l'eroico motivo del richiamo del corno Z. Dall'introduzione, corni staccati e pizzicato. Gli archi bassi affermano con enfasi il motivo di affermazione della vita Y suonato in quattro ottavi senza alcuna pausa tra di loro. Questa cella di motivo si riferisce e viene suonata contemporaneamente ai tremeli gorgoglianti sulle stesse note della versione ininterrotta di crome del motivo Y, costruendo intensità e forza viscerale, il primo tema sembra scagliarsi in avanti su ampi salti sempre più frequenti e getta un segno della sua posizione irremovibile contro il suo antagonista. Quando raggiunge una cadenza, cade sul motivo dell'addio, si risolve venendo soffocato dall'ingresso prepotente dei fiati mentre la tonalità si sposta in si bemolle maggiore, i secondi violini riprendono il primo tema, la sua assertività si indebolisce, mentre i violoncelli e i corni aggiungono una variante della figura Kindertotenlieder che fa parte del primo tema. Inizieremo il prossimo estratto dal ritorno del primo soggetto.

Con la sua comune natura gentile ristabilita, il primo tema procede dolcemente nei secondi violini con un accompagnamento orchestrale significativamente ridotto. Come conseguenza della trama più sottile, si sentono più distintamente i tremeli e le viole gorgoglianti sotto l'estensione del primo tema e dei flauti e dei secondi violini. Qui Mahler fa un lampante riferimento al movimento dello scherzo della Quarta Sinfonia, come una delle tante allusioni nostalgiche ai suoi primi lavori quando la musica ricomincia a costruire. I primi violini esprimono ripetutamente il motivo dell'addio in ingressi sincopati e insoliti con tenerezza che scioglie il cuore. i corni aggiungono una nuova versione del motivo Y, due ottavi seguiti da due quarti. Nel corso della riformulazione violinistica del primo tema, la musica trabocca di emozione, ma si placa rapidamente solo per ritrovare la sua intensità in un continuo flusso e riflusso, come se anelasse a realizzarsi, ma non del tutto riuscendoci. La ripetizione della figurazione frammentaria negli archi crea un movimento agitato di simbolo della regolarità monotona della vita e quindi ricorda il flusso ritmico del movimento dello scherzo della seconda Sinfonia, oltre a un lavoro aggiuntivo. Un altro crescendo sul primo tema riporta il motivo d'addio suonato dal primo corno contro l'ennesima variante del motivo perché nei tromboni e nei fagotti mossi dal gorgogliare sottofondo degli archi. Improvvisamente il motivo dell'addio va storto, cadendo di un secondo minore invece che di un secondo maggiore nel corno solista. Ha smesso di risolvere il tono, sembra che il movente sia stato strangolato. Addio è diventato amareggiato trasformandosi in un tragico whoa.

Con l'addio risolutivo, il tono soffocato, il secondo tema inquietante riappare, agitato da un ritmo più vivace. I modi Maggiore e Minore lottano tra loro durante il ritorno del secondo soggetto che segue. Dopo che i violini iniziano, i corni del secondo tema aspri gridano il motivo di disperazione che è stato sentito per la prima volta sulle trombe prima del ritorno del primo tema, che si basa sul motivo X. I primi violini suonano il motivo Z, che era appena stato incorporato nel primo tema , anche in questa fase iniziale, gli antagonisti si incontrano in quella che in seguito diventerà una lotta di vita o di morte per la sopravvivenza. Dopo che entrano in contatto, il tempo inizia a premere in avanti su una combinazione di figure ritmiche trillate contro arpeggi di arpa. Anche il motivo dattilico trillato della danza del diavolo fa la sua comparsa, prima nei clarinetti e nei primi violini, poi nei flauti, negli oboi e nei secondi violini.

Ancora una volta, il primo tema si basa su una variante invertita del Der Tag ist schön motivo, cozzando sia con il motivo della disperazione nei corni, sia con il secondo tema, suonato da corno inglese, fagotti e altri corni con un'improvvisa spinta verso l'alto e violini, il tempio si allenta mentre questi elementi avversi costruiscono un potente climax, che porta il tempio torna a un ritmo più vivace su un guazzabuglio di terzine contrastanti e cifre da 16/XNUMX. I primi violini gridano senza pietà su una frase musicale, che è una citazione diretta da Das Trinklied movimento di Das Lied von Der Erde, che è cantato alle parole Du aberUomo. L'intera riga di testo che inizia con queste parole parla della mortalità umana, "tutto tranne l'uomo quanto tempo allora vivi?“Questo ci mette di fronte a una franchezza brutale. Non dovrebbe passare inosservato il fatto che la frase do other men termini con un secondo cadente, il motivo dell'addio. Ecco la frase do Oppermann come è cantata nel movimento scintillante di Das Lied von der Erde.

Ed ecco come appare la frase durante la sezione conclusiva dell'esposizione.

Mentre una complessa rete di elementi musicali contrastanti continua a svilupparsi, prefigurando la battaglia da intraprendere durante la sezione di sviluppo. Il tempo aumenta fino all'Allegro, i corni trasformano il motivo di disperazione in un grido di battaglia, i violini affermano fermamente il motivo Z come appare nel primo tema, mentre i legni e gli archi più bassi combattono contro di esso con una figura di semicrome crescente dal secondo tema. La tensione aumenta diventando ferocemente aggressiva con una furia selvaggia di figurazione di triplette in venti che minacciano il caos. Un crescendo infine riunisce questi elementi convergenti su un accordo climatico di si bemolle maggiore con l'aggiunta di sesta, sul quale un rullo di timpani si gonfia brevemente calmandosi fino a un sussurro dopo la fine dell'accordo. Così, l'esposizione stessa e i suoi accordi conclusivi non si risolvono, ma vengono tagliati prima che sia stato raggiunto qualsiasi obiettivo. Così nell'esposizione abbiamo incontrato gli antagonisti della vita e della morte, che presto saranno rinchiusi in un mortale kombat. Il brano successivo inizia con la ripresa del secondo tema e si conclude alla fine dell'esposizione.

Al diminuire del rullo dei timpani che ha concluso l'esposizione, poiché i corni suonano solennemente il motivo del destino che nega la vita, il motivo X, viene ristabilito il tempo principale del movimento, entrate sfalsate di motivi ritmici e melodici si intromettono nell'atmosfera cupa, con un inquietante senso di presagio, i timpani battono silenziosamente il motivo del destino che afferma la vita, il motivo Y, echeggiato immediatamente da due corni, sull'ultima nota dei quali un terzo corno ruggisce improvvisamente la seconda versione minore dell'addio convertito nel motivo di whoa. Dopo che i corni ripetono questa combinazione di motivi, affermano un frammento del motivo della disperazione, smorzato in modo da suonare come se provenisse da una grande distanza. Legni e violoncelli aggiungono la versione in croma del motivo Y suonata contro il motivo X e le trombe, l'atmosfera è diventata fresca e umida, piena di un senso di mistero e terrore. È come se fossimo improvvisamente trasportati su una vetta lontana, da cui guardiamo in un abisso, da cui emergono suoni spaventosi e allarmanti. Quando ricominciano i corni, con le note del motivo X, un suono più dimostrativo, quelli ancora relativamente poco suonati, così come i colpi dei timpani sul motivo Y regna per un po' l'incertezza nella tonalità mescolando sol minore e si bemolle maggiore, sparso l'orchestrazione enfatizza gli strumenti bassi che creano un oscuro presentimento al di là. Un clarinetto basso suona una serie di frammenti che salgono ascoltati durante l'esposizione. richiamando un'analoga figura del finale della Sesta Sinfonia, i violini in sordina ripetono la versione di crome del motivo Y, cercano ma non riescono ad espanderla nel primo tema, formando figure musicali che anticipano l'apertura del terzo movimento. Ma i corni attutiti interrompono con una forte pronuncia del motivo della disperazione, suonando più viscerale che dolente, mentre i violini si sforzano di riconfigurare, il primo tema si rompe, i tromboni muti gridano più che pienamente il motivo dell'addio mentre si intromettono sui corni . Prima che l'aspetto spaventoso della musica dei fiati offuschi completamente il vano tentativo del violino di riaffermare il primo tema, violoncelli muti entrano dolcemente con una variante calda e tenera di quel tema. In allenta la tensione creata dalla pronuncia dei fiati di doom, arpa e pizzicato di archi bassi è una compagnia che violoncelli con motivo Y, mentre un flauto B balene l'inevitabile fine, con il motivo di whoa, suonando molto meno inquietante del solito. Il ritmo si rallenta man mano che i violoncelli sviluppano il primo soggetto, ampliando il suo riferimento al motivo Der Tag ist schön mentre i corni smorzati punteggiavano ripetuti richiami di addio. Ascoltiamo l'inizio dello sviluppo fino a questo punto.

Questi iniziano un'affascinante transizione che introdurrà un nuovo soggetto basato sul primo tema. La corrente sotterranea gorgogliante dall'inizio del movimento ora ritorna, una sequenza ripetuta di quattro semiminime ascendenti nel cuore, imposta un ritmo di marcia funebre. I secondi violini entrano con toni sostenuti che salgono esitanti di mezzo passo alla volta, apparentemente incerti sul loro obiettivo. I primi violini li assistono, ed entrambi hanno continuato a strisciare verso l'alto, sebbene fuori sincronia l'uno con l'altro, in inciampanti entrate suonate dentro e fuori dal tempo. Su questo ampio passaggio del ponte, la tonalità si sposta gradualmente da Re minore, verso la chiave di casa di Re maggiore, spostandosi avanti e indietro tra maggiore e minore lungo il percorso. Quando il re maggiore è finalmente stabilito, primo e secondo violino modellano una nuova versione del primo tema in dialogo con l'originale, ciascuno prendendo un elemento tematico diverso. La melodia che creano in questo modo insolito è stata paragonata a una delle melodie di Johann Strauss era freúen die leben, goditi la vita. Se quella fosse davvero la fonte di questa melodia, Mahler le dà un ritmo più rilassato, e meno il carattere booleano, in modo che suoni come se fosse stato filtrato attraverso gli anni di una persona negli anni in declino, ecco la melodia dello Strauss Valzer.

Ora il passaggio di transizione verso e includendo il nuovo tema nei violini.

Tremeli d'archi gorgoglianti e una versione fratturata del motivo perché e pizzicato accompagnano questa melodia gentile e aggraziata, un corno entra con l'addio e la espande in elementi della seconda parte del primo tema. Sui sensi in una sensazione statica qui, un affettuoso ricordo di tempi più felici, visti da una grande distanza da occhi invecchiati non più a fuoco, uno spirito in declino non più abbastanza energico per rispondere con entusiasmo a un divertimento così spensierato. Quando la tonalità si sposta in si bemolle maggiore, altri elementi del primo tema riappaiono gradualmente negli archi e nei fiati, tra cui una variante del motivo da tog, suonata dai violini a imitazione del cannone. Ogni volta che un corno suona questo motivo due volte, il ritmo inizia ad accelerare e la nuova versione del primo tema ritorna silenziosamente ma espressiva in un tiffin tutti i primi e secondi violini. le forze orchestrali aumentano, e così la musica si rafforza. le trombe in sordina suonano tranquillamente un tatuaggio a tre gemelli, che simboleggia l'eroe in piedi contro il suo antagonista, le trombe, ripetono i loro tatuaggi e poi li passano ai timpani. Man mano che l'orchestra cresce a piena forza, e si basa su un enorme crescendo, reso più resistente da una sequenza di trilli, toni crescenti e violini. La battaglia che è stata rimandata durante la prima parte dello sviluppo sta per iniziare. Al culmine di un enorme crescendo, fiati e corni fermi, seguiti da trombe risuonano l'eroico richiamo alla battaglia. Legni e archi bassi entrano un tallone più tardi, con un motivo di disperazione, ora reso più aggressivo e temibile da cromatismi discendente nettamente articolati, impostati a un ritmo più rapido e deciso, la prima ondata del conflitto inizia sul serio mentre il l'intera orchestra va in battaglia coraggiosamente.

L'eroe e il suo antagonista si impegnano a vicenda in un violento scontro di motivi frammenti del secondo soggetto, sia tematico che figurativo, entrano nell'incursione, la tortura era dissonanze che torcono il contrappunto ritmico, trilli di fiati che si agitano, e terzine contrastanti e vortice 16 sugli avversari in un mondo caotico in cui dissonanze stridenti diventano praticamente insopportabili, violini e viole allungano il secondo tema fino al punto di rottura, facendolo apparire ancora più feroce. I bassi gorgoglii dell'introduzione riappaiono nei fiati e nei violoncelli. Ma qui sorgono come spinti a farlo dalla configurazione circostante. Per un momento, la competenza sembrò fermarsi, improvvisamente congelata nel mezzo della loro furia selvaggia su un trillo sostenuto in legni e triangolo, i corni entrano con enorme potenza su una variante del richiamo del corno di apertura del motivo Z, e viole e violoncelli rispondere con un frammento del secondo tema, contrastato da una versione estesa del motivo della disperazione, ora violenta sui tromboni.

Questo dialogo di affermazione e risposta continua come legni alti e primi violini una certa affermazione edificante del motivo Z, sotto la quale i corni e i secondi violini sono minacciati da un secondo tema. In questo frangente i timpani scandiscono il motivo del destino che afferma la vita Y, supportati da tuba e archi di basso. Contemporaneamente, legni e corni suonano la versione di croma pari di quel motore, i tromboni continuano la loro aggressività con frammenti del secondo tema, mentre trombe e secondi violini echeggiano il motivo Z, combinazioni di trilli e terzine con rapidi arpeggi di arpa, riportano la vorticosa ripresa del secondo soggetto dell'esposizione. In varie forme suonate a stretto contatto, il motivo della disperazione si riafferma negli strumenti bassi, indicando che il pericolo è in ascesa.
Una raffica discendente di ritmi puntati che si trasformano in terzine in ottoni, minacciava di portare il conflitto a un punto di crisi, dopo due misure del motivo di disperazione, i corni ne suonano una variante discendente contro un trillo sostenuto di legni, figurazione ascendente dagli archi interni, e glissando di arpa. Il loro agglomerato produce un culmine inaugurato da un riverbero di cembali e grida di Du aberUomo dall'orchestra è come una disperata richiesta di sanità mentale, e la fine del conflitto, è uno dei pochi momenti dello sviluppo in cui l'orchestra è quasi completamente unificata su un unico tema. Qui la tonalità modula in mi bemolle maggiore, mezzo tono sopra la tonica, ma la musica prende un picchiata cadendo nel crollo totale, e un enorme balzo di superottava su un ritmo puntato in levare, minaccia di riportare il secondo soggetto, ma invece, conduce in una raffica selvaggiamente rapida di sedicesimi cromatici discendenti e terzine che hanno raggiunto le profondità più basse degli archi sotto un enorme tuffo e fiati, è come una dichiarazione di sventura. Inizieremo il prossimo estratto come il freúen die leben il tema si conclude quando gli eroici tatuaggi della tromba emergono prima dell'inizio del conflitto.

Mentre le corde del basso si sollevano vigorosamente nell'abisso, la musica si placa per la prima volta dall'inizio della battaglia. timpani suono motivo Y, piuttosto docile, la sua resilienza chiaramente sgonfiata dalla fatica della battaglia. I frammenti crescenti di semicrome dal secondo soggetto si ricompongono gradualmente in legni bassi e archi mentre il motivo Y svanisce lentamente, vittoria apparentemente certa, il secondo tema entra con forza e passione negli archi, sollecitando violenza e distruzione. Molti segmenti del secondo tema terminano con il secondo minore cadente di whoa, un presagio della tragedia finale. Ancora una volta, la trama polifonica si addensa con elementi ritmici contrastanti nascosti all'interno di questo intricato contrappunto ritmico sono varianti sia del motivo della disperazione che del secondo soggetto, verso la fine di questo segmento, i violini fanno praticamente a pezzi il motivo del coraggio, con intervalli dissonanti e circonvoluzioni ritmiche. Quando la tonalità si sposta bruscamente in Re maggiore, il ritmo improvvisamente rallenta i corni frammento potentemente assertivo del motivo di disperazione, mentre i violini sviluppano elementi del secondo tema, tra cui la figura del coraggio, una frase cromatica discendente fortemente accentata, e viole e violoncelli trascinano il musica discendente contro violini ascendenti in uno sforzo frenetico di affermare la vita riaffermando il primo soggetto, ma qui viene riaffermato solo il secondo tema, così come la sua tonalità minore, coperta dal motivo della disperazione e dei tromboni e degli archi bassi. Quel tema suona come all'inizio, si era stranamente svuotato di energia e potere, cercando solo la fine del conflitto. le corna gridano il modo d'addio di ripeterlo tre volte, come in completa resa. Anche il tempo soffre di esaurimento e rallenta a passo d'uomo su frammenti debilitati della figura di semicrome in aumento, punteggiato da accordi dissonanti sbocciati da corni fermi. La musica cade magra su frammenti cromatici discendenti fino a quando non si ferma semplicemente, lasciando nient'altro che il motivo dell'addio circondato da un corno, seguito da una provocatoria dichiarazione di disperazione in tromboni e tuba. Sembrerebbe che le forze che negano la vita abbiano vinto o almeno abbiano così indebolito i loro avversari che affermano la vita, che hanno bisogno di una tregua per riprendersi prima che la battaglia riprenda. Ascoltiamo dal ritorno del secondo tema.

Ai ripetuti suoni dell'addio e dei corni fermi, tornano nei violoncelli i primitivi tremeli gorgoglianti del motivo Y, i violini lottano con le note iniziali del secondo soggetto, che si scompongono e scompaiono in poche battute, è come se la loro enunciazione fosse troppo doloroso da sopportare, i corni entrano su un ritmo debole con una versione di terzina cromatica cadente del motivo di disperazione, mentre il gorgoglio svanisce gradualmente. Per un breve momento prevale il silenzio completo, anche se non segnala la fine del conflitto, appena udibile negli archi bassi, il gorgoglio riprende in un'atmosfera d'ombra. In primo luogo, i violini aggiungono gradualmente tono su tono, salendo di mezzo passo, mentre si avvicinano al tanto atteso ritorno del primo soggetto, mentre i violini salgono esitanti, insicuri del loro obiettivo, i corni continuano a ripetere la versione minore dell'addio il motivo di whoa, riconoscendo così che la tragedia è la conclusione inevitabile di un conflitto. I secondi violini sembrano ricominciare da capo con l'allungata ascesa cromatica già in atto nei primi violini, conferendo così alla frase ascendente una qualità inquietante. Finalmente il sollievo è a portata di mano con il ripristino della chiave tonica maggiore D e il ritorno del primo soggetto nel suo tempo originale Andante, misericordiosamente, riporta la calma e l'ordine sono stati ripetuti suoni del motivo d'addio nei corni, e una variante del motivo di affermazione della vita Y sul cuore, ma il primo tema è tutt'altro che completo, essendo frammentato in legni e violini sovrapposti contro deboli gorgoglii e viole. Presto fuggevoli terzine di violoncello beyster l'atmosfera mentre l'orchestra si dirada ancora una volta. Le figure di corda svolazzanti combinavano il motivo Y e il Il giorno figura, la loro apparente leggerezza sembra qui fuori luogo, le corna si alzano su una figura anapestica ripetuta tre volte, ciascuna un passo più in alto e un grado più forte. L'intera orchestra entra con una forte affermazione di una versione cadente di Du aberUomo che ora termina con il secondo minore decrescente di whoa, il ritmo ora diventa sempre più pressato, sollecitato da una rapida figurazione a molla. Qui Mahler scorre la bozza della partitura, le parole amare, i vecchi tempi della giovinezza svaniti, il vecchio amore disperso, un crescendo si costruisce mentre violini e legni cercano di continuare la linea da Der Absched affermando ripetutamente un levare ritmico puntato, nonostante i loro sforzi per farlo, falliscono. Possono invece tornare solo al temuto secondo tema in si maggiore, ora rinvigorito e di nuovo pronto per la battaglia.

Ancora una volta la musica si fa più intensa, con la forza negativa del secondo tema che cerca di rinnovare il conflitto. Brass afferma con forza il motivo della disperazione. Man mano che il secondo tema viene affermato con vigore dai violini, la trama contrappuntistica si fa più densa, ricordando la prima battaglia, il cui esito ha favorito l'antagonista. Fortemente accentati quando gli accordi danno l'impressione di colpi di spada, trombe e clarinetti dolenti nel tono, il Du aber, la frase di Mensch, l'attacco dei corni con la versione per violino del motivo di disperazione e legni e archi continuano a sviluppare vari elementi del secondo tema, il una polifonia sempre più complessa riflette la progressione di questo secondo scontro combattivo, momentaneamente appesantito dalla sua stessa forza di attacco feroce, inizia con terzine discendenti fortemente accentate che creano una figura di svolta, prefigurando il significato del turno sia nel terzo che nel quarto movimento. Qui funziona semplicemente come un'arma nell'arsenale delle forze che negano la vita. Su una figura di turno a cinque nodi contrapposta a una terzina cromaticamente discendente nelle corna. L'orchestra raggiunge l'apice della sua potenza su Du aber, Mensch. L'intera orchestra precipita rapidamente verso il basso in una folle mania di controfigure ritmiche, come se fosse stata costretta nell'abisso. Nel bel mezzo di questo pandemonio, il basso ottono fa esplodere una versione allungata di un movente del destino che nega la vita agisce con il più alto potere. È un momento terrificante, un colpo devastante che ha colpito le forze che affermano la vita. Con questa improvvisa e travolgente esplosione del motivo X. Il motivo che ha aperto la sinfonia, entriamo nella ricapitolazione, la figurazione selvaggia svanisce rapidamente mentre i timpani battono forti colpi del motivo Y, i tromboni e la tuba rispondono con una potente dichiarazione di motivo X in il suo ritmo originale, seguito immediatamente da un motivo Y affievolito che può gestire solo pizzicati fermi negli archi bassi, corni e fagotti gridano il motivo d'addio, dopo di che i violini muti suonano un frammento di figurazione dal primo soggetto, come storditi da ciò che ha accaduto. Anche il motivo dell'eroe suonato dai corni, ora suona debilitato da cose staccatissimo in tromboni e tuba su motivo Y colpi al cuore come avvoltoi che raccolgono la carogna della vita, i legni gridano il motivo dell'addio come per iniziare una marcia funebre. Con le trombe che affermano il motivo dell'eroe che rappresenta tutto ciò che è forte e coraggioso nello spirito umano, i timpani ripetono tranquillamente il motivo Y. Come suona disperato e abbattuto il violino su una cadenza discendente mentre la marcia continua nel ritorno del primo soggetto, un ultimo la tromba in sordina chiama il motivo dell'addio suonando con essa, e la musica cade nella tonalità domestica di re maggiore.

Inizieremo il prossimo estratto dalla forte dichiarazione di Du aberUomo continuare fino alla fine dello sviluppo.

Il ripristino del tonico sembra alleviare il dolore del colpo mortale inferto alla fine dello sviluppo. Immediatamente il fedele motivo Y si sente qui in arpa e archi pizzicati bassi, dandoci una speranza per le forze di affermazione della vita potrebbero non essere state completamente sconfitte, i corni entrano con la continuazione del primo tema, i clarinetti aggiungono tremelo gorgoglianti ai violini scintillanti e trombe e tromboni in sordina fanno rivivere il nobile richiamo del motivo Z. Il primo tema stesso non appena raggiunto, ambientato in un intricato intreccio di elementi motivici intrecciati. Dopo alcuni provvedimenti, la controllata freúen die leben il tema ritorna quando le forze orchestrali aumentano al massimo delle loro forze. Questo tema caldo e affascinante è espresso con grande nostalgia, impreziosito da rigonfiamenti in ottoni e archi, sembra leggermente malinconico, appesantito da una sequenza di accordi di fiati che entrano nel secondo tempo.

In una commovente supplica per la rinascita della vita sul tema di Lehman, lo spirito umano effonde il suo cuore con grande fervore, frequenti ripetizioni di frasi motiviche e melodiche contrapposte, continuano a sottolineare la profondità delle emozioni, suscitate da un richiesta di riscatto. Man mano che l'orchestra si costruisce, il motivo di Der Tag gioca un ruolo significativo nello sviluppo del tema. Forti accordi di trombone continuano ad insinuarsi sul secondo tempo di ogni misura, con un attacco frontale che attutisce il risveglio di speranza in genere generato dall'avanzare dei temi, una cadenza inaspettata viene raggiunta solo dall'intervento del secondo tema nella sua tonalità domestica. Si suona come se tutti i suoi elementi fossero compattati in due misure. Il motivo della disperazione suona prominente, quasi con orgoglio nei tromboni. Su questi elementi che negano la vita, la musica sale a un culmine pietoso su un'appoggiatura crescente che si conclude sul secondo tempo con un potente accordo di re maggiore in ottoni gravi. L'effetto è devastante, rapidamente, la convoluzione delle figure musicali si dissolve e l'orchestra si riduce a un gruppo da camera, mentre il tempio si allenta. Quello che segue non è che un'ombra della precedente mescolanza contrappuntistica della materia Matic che si era ricomposta, per dare nuova vita al primo soggetto. In uno dei segmenti da camera più affascinanti di tutte le sinfonie per flauto di Mahler, con Piccolo aggiunto per una sola battuta e corno, combinato con violoncelli e contrabbassi in un passaggio a ponte basato su nient'altro che una stringa di terzina e figurazione di semicrome tratta da il primo soggetto. Insieme, questi elementi ritmici intrecciati si snodano tranquillamente ma senza meta, come intorpiditi dal climax devastante appena incontrato e incapaci di deviare le restanti energie verso una causa positiva. Queste linee figurative contrastanti hanno movimento, eppure sembrano mantenere la musica in uno stato di animazione sospesa, in bilico tra la vita e la morte in un purgatorio, dove l'emozione è senza direzione e l'esistenza tenue. Presto, questo strano segmento di musica da camera viene interrotto da una rabbiosa riformulazione del secondo tema e degli archi. Le voci superiori suonano la sua seconda parte contro una variante ritmica della prima parte in voci inferiori. Man mano che il secondo tema avanza, incorpora il passaggio del segmento da camera, fino a quando non ritorna l'ultimo re maggiore. trombe corrono nell'aria con la versione violenta del motivo di disperazione, cui risponde la figurazione in sedicesimi del primo soggetto basata sul Il giorno motivo, il ritmo si fa più animato, sembrerebbe che il secondo tema che nega la vita abbia evitato un tentativo da parte del primo tema che afferma la vita di resuscitare se stesso. Ascoltiamo dal segmento di musica da camera alla fine della ricapitolazione.

Frammenti della 16a nascente che in precedenza avevano inaugurato il secondo tema muoiono gradualmente man mano che la tonalità si sposta sul minore. Ma dopo che questi frammenti di spinta verso l'alto svaniscono gradualmente, un corno alza di mezzo tono la minore media per riportare la tonica maggiore, e con essa una sensazione di sollievo che porta alla coda. Arpeggi di arpe crescenti, sostenuti da un accordo di fiato sostenuto, aprono la strada ai corni, ultima affermazione del Du aberUomo frase. Ora suona calmo, sebbene rassegnato alle terzine dondolanti del ritmo della natura e dei violoncelli. Questa volta il corno è in grado di continuare a citare Der Abschied, solo invertendo la frase canzone alle parole essere lungo liebsten fare rispondendo così implicitamente negativamente alla domanda, segue immediatamente il motivo della disperazione ormai del tutto dissipata, nessuna speranza di vittoria rimane solo i flebili suoni della dissoluzione riempiono gli attimi conclusivi. Una capanna solitaria per clarinetto in mi bemolle è una variante del motivo formativo Z, come appare sia nel primo che nel secondo soggetto, a cui flauti e oboi rispondono con il motivo dell'addio.
La vita sembra dare l'ultimo saluto a tutto ciò che è positivo nello spirito umano. L'orchestra si dirada fino a che rimangono solo i legni, a solenni accordi di fiati il ​​primo flauto inizia con l'ottava spinta verso l'alto del secondo soggetto, e poi un tono deciso, morbido, gentile in modalità orientale, e un tono ritmico e sostenuto sembrano suonare da lontano da un regno al di là del tempo e dello spazio.

Questi toni sereni sprofondano al di sotto del piano della vita terrena, fino a inquadrarsi in ciò che resta della freúen die leben tema, suonato dal violino solo, tutto è calmo su questo piano materiale al di là del conflitto cavalcato, regno terreno. Rimangono solo poche vittorie, arpa e archi durante le battute conclusive. Ai ripetuti addii, suonati prima da una coppia di clarinetti, e poi da due corni in terze fondenti, il freúen die leben il tema si disintegra gradualmente come l'invio di accordi spezzati nell'arpa con un quinto accordo aperto e i violoncelli suonano di nuovo Re maggiore su basi solide, dopo che il tema di Freud scompare completamente, e l'oboe suona l'ultimo saluto, sospendendo la sua risoluzione un passo sopra la tonica come il l'arpa si fa strada lentamente verso l'alto sulle note di un accordo di re maggiore. Quando viene raggiunta la nota tonica, è punteggiata da un'unica nota pizzicato, il cui suono è prolungato da un D sostenuto e Piccolo e violoncello nel registro superiore.
Questa combinazione di suoni produce un ping risonante che svanisce nell'oblio.

Si rimane con una forte sensazione di perdita e sconfitta, ma il congedo della vita sembra meno pieno di angoscia che di accettazione. Le forze che negano la vita appaiono trionfanti, non ha avuto amarezze risultati da questa presunta vittoria. Il vero problema qui non è il fatto della mortalità, che non è mai in dubbio, ma la sua accettazione. A questo proposito, la Nona Sinfonia è una cugina filosofica di Das Lied von der Erde, entrambe cercano di affermare la vita di fronte alla morte, ed entrambe trovano una risposta nel concetto di eterno ritorno.
Nelle battute finali di questo primo movimento, assistiamo a una prova generale dei momenti conclusivi della sinfonia e tentiamo di accettare la mortalità umana come parte della vita, tuttavia, lo sforzo umano può sembrare assurdo.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: