Guida all'ascolto – Movimento 1: Adagio

Trascrizione

Nel suo grandioso design, contenuto tematico e struttura concettuale, il primo movimento del decimo è un degno successore del finale del nono. Come nel movimento di chiusura dell'Adagio della Nona Sinfonia, il decimo movimento di apertura presenta due temi contrastanti, sia in tempi lenti che con elementi comuni. L'atmosfera è generalmente oscura, cupa e nei momenti di crisi piena di spaventose visioni profetiche di annientamento. In passaggi culminanti di incredibile potenza, Mahler rilascia il terribile dolore del crepacuore che ha sofferto per la perdita dell'amore di sua moglie, in strazianti accordi dissonanti che ci sconvolgono nel profondo del nostro essere. Non c'è dubbio che la morte aleggia su ogni battuta, che sia espressa in una musica di inquietante immobilità, di diabolica derisione o di esplosivo Cataclysm, un vetro di Bruchneria incombe sulla scrittura melodica e contrasta con momenti che potrebbero essere descritti come espressionistici in cui penetranti dissonanze germinano la pervasiva tensione sottostante e il movimento ritmico, e gli accordi diminuiti sostenuti creano un'atmosfera inquietante, Mahler riprende dalla nona lunghe linee melodiche serpeggianti non armonizzate, come appare nel soggetto Andante suonato dalle sole viole all'inizio del movimento.

Il predecessore più ovvio di questo tema di apertura sono gli ampi passaggi per violoncelli non accompagnati segnati da intasamento o, purtroppo, nel secondo movimento della Quinta Sinfonia. Tuttavia, qui, un morbido rullo di timpani accompagna i violoncelli in tutto, e toni sostenuti e viole vengono aggiunti verso la metà del passaggio. Questo tema Andante monofonico stranamente intorpidito apre il decimo contrasto con un tema Adagio polifonico e intensamente appassionato che è completamente armonizzato e intrecciato con sovrapposizione contrappuntistica. Questi due temi hanno elementi musicali comuni, particolarmente evidenti nel loro uso di ritmi dattilici, se Mahler avrebbe alla fine addensato la trama di passaggi tematici relativamente snelli è da indovinare.

Il nono contiene musica sia polifonia straordinariamente complessa, sia omofonia estremamente semplice e leggera, un mestiere che divenne sempre più evidente negli ultimi lavori di Mahler. Il design formale del movimento ha generato disaccordo, Richard Speck lo vede come un rondò libero basato su due soggetti principali, Theo Roland analizza il movimento in sezioni A, B e C che si susseguono in un'alternanza sequenziale asimmetrica. Nella sua ampia analisi di questo movimento, Eberhard Clemen suggerisce che la sequenza alternata dei due temi principali presentati in numerose variazioni sia l'essenza della struttura del movimento. Considera il tema dell'Adagio, ma una variazione del tema dell'Andante come sottolinea Costantino Floros, queste variazioni cambiano solo l'aspetto esteriore dei temi, mentre il significato del personaggio, il contenuto di essi rimane lo stesso.

Come nella Nona Sinfonia, le variazioni tematiche contengono spesso intervalli espansi e gli accordi corali forniscono uno sfondo armonico. La somiglianza del tema dell'Adagio con entrambi i temi principali nel finale della nona collega i due movimenti in più di carattere d'umore e colore orchestrale. Foros paragona il tema dell'Andante alla melodia dolente del pastorello suonata dal corno inglese all'inizio del terzo atto di Tristano. Il soggetto sussidiario scherzando, spesso condito con riferimenti al motivo della danza del diavolo, a cui il tema dell'Andante si riferisce chiaramente, funge da intermediario tra la malinconia sommessa e inquietante del tema dell'Andante e le più forti emozioni angosciose dell'Adagio tema. Il movimento procede per sequenze alternate dei soggetti Andante e Adagio, combinandoli occasionalmente durante lo sviluppo, poiché nel corrispondente movimento della nona si verifica un'eruzione cataclismica al culmine della sezione di sviluppo ma qui si tratta di un episodio privo di riferimento alle materie principali, e nella tonalità non correlata di un la bemolle minore. La sua unica connessione con il resto del movimento è introdurre il tema scherzando costituito da una serie sequenziale di triadi sostenute sovrapposte che si combinavano per produrre uno degli accordi dissonanti più atrocemente dolorosi mai scritti.

Questo evento catastrofico è senza dubbio sia un grido di immenso dolore che una rappresentazione musicale di un caos abissale, nel suo valore di shock, il rumore definito prodotto da questi accordi dissonanti ammucchiati fa impallidire sia lo scoppio culminante del motivo X nel primo movimento della nona sinfonia, sia la terrificante visione della scena del cimitero nel corrispondente movimento di Das Lied Von der Erda. Tutti e tre i passaggi trasmettono con forza assoluta, l'orribile presentazione della catastrofe imminente.

Un'altra connessione tra i primi movimenti della nona e della decima è che entrambi terminano in un tranquillo riposo su frammenti tematici isolati e armonie sostenute che si concludono con una morbida nota pizzicata. Alla conclusione del primo movimento teso, il nodo pizzicato interrompe un accordo sostenuto piuttosto che punteggiarne l'ingresso come nel corrispondente movimento della nona. Al contrario, il tratto pizzicato che conclude il primo movimento di La canzone segue un breve momento di silenzio, suonato con grande forza, e senza un tono sostenuto che estende il suono. Viene dopo una potente ripresa del Trinklied sezione di apertura, mettendo così un punto esclamativo provocatorio sulla forte dichiarazione di nichilismo demoniaco del movimento. Ma i primi movimenti sia della nona che della decima sinfonia non si concludono in modo così assertivo, il decimo movimento di apertura termina ritirandosi nel silenzio, incapace di giungere a una conclusione che risolva le paure generate dall'esperienza traumatica degli accordi dissonanti accatastati che ha preceduto la ripresa del tema dell'Adagio prima della coda finale come con la maggior parte dei primi movimenti di Mahler, il decimo imposta semplicemente il conflitto che è il punto focale della narrativa drammatica delle sinfonie.

Il dramma sinfonico deve svolgersi su un'interpretazione mondana prima che sia possibile una risoluzione. Senza introduzione, le viole non accompagnate iniziano molto dolcemente il primo movimento con il suo primo tema segnato Andante. È una lunga linea, melodia contemplativa e fa diesis maggiore che vaga senza meta come in trance, combinando ampi salti su intervalli dissonanti con un movimento modale graduale, crea l'atmosfera per l'intero movimento, lancio e incantesimo ipnotico che sembra essere un naturale sviluppo delle battute finali della nona, mentre suonato piano e senza espressione, questo tema dell'Andante genera un senso di presentimento che fa presagire un'imminente esplosione di emozione, predominano alcune figure motiviche, una combinazione di ritmi trocaici e dattilici, quest'ultimo prefigurando il comparsa successiva del motivo della danza del diavolo, un accenno al motivo der Tag ist schön dalla quarta canzone di Kindertotenlieder, che ebbe un ruolo importante nel finale della nona, frase modale cadente, e figura anapestica che ricorda il passaggio nel movimento X di Das Lied Von der Erda dove la musica esplode improvvisamente con fervore ed emozione, come se desiderasse un sollievo dalla solitudine. Ecco l'intero tema Andante.

Il tema dell'Andante si inquadra direttamente nel secondo soggetto impostato in un tempo dell'Adagio e sempre in chiave tonica, i violini suonano dolcemente il tema dell'Adagio, su mutevoli armonie corali e figure motiviche del primo tema, combinate con ritmi dattilici, e il Il giorno frase, entrambe suonate dalle viole, più espressiva e appassionata rispetto al tema dell'Andante, il tema dell'Adagio inizia con una frase di quattro note su ampi salti intervallari, e si tuffa ricordando il secondo tema delle seste sinfonie finali, esso stesso una versione distorta del motivo arcuato della redenzione, poiché il tema dell'Adagio sviluppa elementi motivici dal tema dell'Andante, in particolare le sue figure trocaiche e dattiliche e le frasi modali cadenti, appaiono con maggiore frequenza. La relazione tra i due temi principali è così sorprendente che Clemen pensava che il secondo fosse semplicemente una variazione del primo, ma Mahler li tratta come temi distinti in tutto il movimento. Entra un corno con una frase discendente simile a un motto che si riferisce al motivo del volt del lavoro del movimento dei Cavalieri dell'Adagio. Un accenno al tema sussidiario scherzando appare nelle viole poco prima che ripetano la battuta iniziale del tema dell'Adagio, che si sviluppa in una serie di crescendo che alla fine non sono riusciti a raggiungere il culmine. Ogni volta che il tema dell'Adagio raggiunge il culmine di un crescendo, improvvisamente si acquieta, procedura utilizzata anche nel finale della nona sinfonia. Con ogni costruzione, il tema diventa più intenso e appassionato, l'ultima volta che si costruisce, lascia bruscamente il posto a un soggetto scherzando goblinesco contornato in frasi arcuate di onde che salgono e scendono del XVI, quest'ultima in realtà una versione diminutiva della frase cadente dal primo tema, scheletrici come i pizzicati che accompagnano il soggetto, gli conferiscono un carattere grottesco.
Introdotto brevemente lo scherzando lascia presto il posto al ritorno del tema imperterrito, ora nella tonica minore. Ecco la prima apparizione del tema Adagio e il soggetto sussidiario scherzando, così come l'inizio del ritorno dei temi Andante alla fine.

Gli archi continuano il loro accompagnamento ritmico scheletrico mentre il tema dell'Andante entra silenziosamente nei primi violini, creando un forte contrasto tra tema e accompagnamento. L'infusione del motivo della danza del diavolo, cambia il carattere del tema Andante. Il ritmo dattilico dei motivi con un lungo trillo di note, rende il tema dell'Andante più demoniaco.

In sole tre battute, il soggetto scherzando ha scacciato il tema dell'Andante. Ora le frasi arcuate dello scherzando sono allungate, suonando così più grottesche per essere costretti a fare un lungo tuffo, piuttosto che scendere su una corsa di semicrome come prima. Dopo sole sei battute, la musica dello scherzando scompare improvvisamente e le viole sono lasciate sole a riformulare il tema dell'Andante in una versione abbreviata e leggermente variata.

Come prima, il tema dell'Adagio in chiave tonica succede immediatamente al ritorno abbreviato dei temi dell'Andante. Ancora una volta, la frase discendente del tema dell'Andante compare nei violoncelli come contrappeso alla figura ascendente che inizia la seconda battuta del tema dell'Adagio nei violini. Dopo le prime due battute del tema dell'Adagio, la viola suona la sua prima battuta contro quella del primo violino della terza battuta. Varianti del motivo Der Tag sono incluse nel tema Adagio. Una figura di svolta così importante nel finale della nona viene aggiunta dai violini a questo tema man mano che si espande. Ascoltiamo la ripresa del tema dell'Adagio, dopo che è terminato il ritorno abbreviato del tema dell'Andante.

A questo punto, e per la prima volta nel movimento, l'intera orchestra entra in fortissimo sul tema dell'Adagio, flauti e secondi violini sovrappongono armonicamente il motivo arcuato della redenzione. Quando il tema inizia poche battute dopo, vengono aggiunti sia il motivo della danza del diavolo che i motivi di Der Tag, mentre un corno riporta il soggetto di contropartita che si sentiva durante la prima affermazione dell'Adagio, ora in una versione ampliata a partire dall'etichetta motivo, inizialmente peloso nel suo aspetto iniziale, la strana colorazione armonica crea una premonizione di sventura.
Una versione invertita del tema dell'Adagio appare nei clarinetti e negli archi interni, con flauti e primi violini che forniscono un controtema nei loro registri acuti che infonde alla musica una passione ardente. Mentre i primi violini si elevano verso l'alto, il tema dell'Adagio sembra lottare per ascendere sulla sua figura dattilica, ma tenuto a una stridente super ottava Re naturale, è impedito di raggiungere il suo obiettivo da una strana forza soprannaturale. Anche l'aggiunta di una variante ritmica di Der Tag non è di alcun aiuto, le spinte degli accordi trafiggono la musica a metà misura, come se cercassero di liberarla dai suoi confini. Ma tutto inutilmente, ei violini scendono dall'alto mentre le viole continuano a ripetere il ritmo della danza dei diavoli dattilici, in sequenze cadenti, finché non si sente il motivo di Whoa, la seconda minore successiva.

Fuori dall'oscurità generata da questo motivo carico di sventura di Whoa. Il tema dell'Andante ritorna ancora una volta in fa diesis minore e in un tempio più fugace, ora si combina con il suono spaventato sulla musica, mentre i legni aggiungono l'etichetta di tutti i motivi, un ritmo di appostamento nella base, flauti svolazzanti o variante di trillo del motivo della danza del diavolo e le figure di base rimbombanti si sono combinate per creare un'atmosfera spettrale che non sarebbe fuori luogo in Berlioz Symphony Fantastico, viole e poi i legni espandono il soggetto scherzando in si bemolle minore, la sua figura arcuata trovandosi nella prima misura del tema dell'Adagio.

Presto i secondi violini accennano al ritorno del tema Andante, mentre i flauti impreziositi da svolazzanti note di grazia, i violini del pizzicato a doppia calza del violino continuano con lo scherzando della musica, combinando una versione nota di grazia del motivo Der Tag con il motivo della danza del diavolo. Alla fine della sezione, la musica cade nel basso, un violoncello solista suona la figura inarcata scherzando contro i violini anticonformisti, i corni del pizzicato crescendo su un accordo di si bemolle minore fermato, seguito da un penetrante accordo di sesta tedesco nei clarinetti, che ricorda un accordo simile che ha aperto il finale della Sesta Sinfonia, ed è apparso di nuovo nel terzo movimento della Nona. Si sentono solo le viole che cadono per quarti su brontolii e violoncelli, anticipando il ritorno del tema dell'Andante.

Quando il tema dell'Andante ritorna, gli elementi aggiunti della viola dai legni musicali scherzando e gli archi d'opera entrano per iniziare lo sviluppo dello scherzando, tuttavia, un'indicazione della sua crescente importanza nel corso del movimento.
Come in precedenza, la danza dei diavoli trillati, al largo del pizzicato e degli accordi di corno fermi, impreziosisce il carattere demoniaco dello scherzando. Presto il tema dell'Andante entra in un violino solo con frammenti del soggetto scherzando in altri legni, di nuovo, il tema dell'Andante svolge una doppia funzione di soggetto principale e materiale di transizione. Infatti in sole due battute il tema dell'Andante si interrompe lasciandone accenni in un oboe e una tromba, combinati con lo scherzando di due elementi in flauto, clarinetto e viola. Il violino solista re entra per espandere il tema dei sandali spaventati come introduzione alla ripresa del tema dell'Adagio. Quindi suonato dolcemente da violini e flauto per il brano successivo, salteremo il ritorno del tema dell'Andante e andremo alla ripresa dei soggetti scherzando con elementi del tema dell'Andante interconnessi al suo interno.

Prima che il tema possa continuare, il violino solista reclama il centro della scena e continua ad espandersi sulla musica dello scherzando, flauti e oboe hanno cercato di riportare il tema dell'Adagio di nascosto suonando la sua inversione, ma lo scherzando non sarà scacciato via con mezzi così sottili. Ancora una volta, prevale quando il tema dell'Adagio cade dopo solo due battute, i violini hanno continuato a sviluppare la frase ad arco verso l'alto dello scherzando contro frammenti del resto del tema, continuata da flauto e oboe contro la danza dei diavoli del trillo, che cadono in sequenza nel viole mentre la tonalità si sposta in si minore. Il ritmo scheletrico di stalking, suonato da secondi violini in pizzicato di ottava, e flauti con grazia notata di ottavi ritorna qui e il suo contrasto con ottavi insoliti e volubili terzine di 32esimi nell'oboe. Su un penetrante ottimismo di Lebe Wohl! echeggiato da una tromba in sordina e accompagnato dai sedicesimi cadenti della frase d'arco scherzando, il primo violino riafferma improvvisamente la versione invertita del tema dell'Adagio, con intervalli allungati. I secondi violini aggiungono il tema dell'Andante due battute più tardi, circondati da materiale scherzando. Su un forte accordo di Fa maggiore, i flauti ei violini affermano con forza il motivo della redenzione, mentre gli archi inferiori continuano con il soggetto dello scherzando in due parti Contrappunto. svettando verso le altezze, flauti e violini si espandono al momento della redenzione, mentre si costruiscono bassi accordi di ottoni, come se si avvicinassero a un climax e i secondi violini continuano a sviluppare la musica scherzando ma non si verifica alcun climax, invece, una variante espansa e sincopata della seguente frase da la redenzione si combina con l'essenza della figurazione scherzando infilandosi nella ripresa del tema dell'Adagio, inizierà il prossimo estratto dal ritorno del tema imperterrito nei violini all'inizio della sezione di sviluppo.

Ora il tema originale dell'Adagio viene suonato insieme alla sua versione invertita in ampi salti intervallari di violini antifonali che distorcono ulteriormente la linea tematica che i violini perforano attraverso un potente orchestrale tutti, mentre si elevano verso l'alto sulla figura dell'etichetta. I primi e i secondi violini dialogano brevemente su vari elementi di entrambi i temi principali, terminando con uno sfogo orchestrale dell'inizio del tema dell'Adagio in ottave che incorpora il cadente Lebe Wohl! figura, ed è suonato in strett con la sua inversione in legni e viole. Questa improvvisa eruzione orchestrale si conclude bruscamente in sole due battute, e il tema dell'Andante ritorna tranquillamente nei primi violini, accompagnato da elementi scherzando negli archi rimanenti. Ancora una volta, la violenza è salita al cielo, come se implorasse sollievo dalla sofferenza. Un crescendo si basa intensamente sulle ripetizioni della figura di sedicesimi cadenti scherzando, ma ancora una volta, l'accumulo drammatico non riesce a raggiungere il suo obiettivo, portando invece a una semplice cadenza che porta una nuova variazione del tema Andante suonato dolcemente e incorporando la frase arcuata di lo scherzando, Mahler inserisce quella frase nel tema dell'Andante come abbellimento figurativo.

Durante tutto il movimento, lo scherzando si intromette o si intreccia con entrambi i temi principali, avvolgendosi attorno ad essi come un serpente che si prepara a colpire. Velocemente un altro crescendo inaugura una nuova variazione del tema dell'Andante che viene enfaticamente affermato dai primi violini. Gli intervalli del tema sono di nuovo gravemente allungati. Una variante della frase arcuata dello scherzando continua a intromettersi con frequenza sempre crescente. La danza dei diavoli del trillo e il pizzicato insolito accompagnano ulteriori distorsioni del tema dell'Andante. Un'improvvisa spinta verso l'alto nella linea tematica viene rapidamente soffocata mentre lo scherzando prende il sopravvento in un ensemble da camera di fiati e violini. I legni in stretto offrono ancora un'altra variante della barra di apertura dei temi Adagio nel corso di questa breve rielaborazione del materiale scherzando, cambiando quel tema quasi irriconoscibile. Il brano successivo inizia con un forte passaggio orchestrale che conclude il tema dell'Adagio e conduce alla morbida e gentile ripresa del tema dell'Andante.

Ora, i violini prendono il sopravvento per sviluppare ulteriormente il tema dell'Adagio, con tromboni e tube che forniscono un supporto armonico sobrio. Ancora una volta, i violini salgono mentre la musica si costruisce con maggiore urgenza, sulla variante invertita dei secondi violini del tema dell'Adagio, i primi violini salgono su un la bemolle acuto, che anticipa la tonalità dell'episodio travolgente che verrà presto. Cadono da questa grande altezza sulla figura discendente di semicrome del soggetto scherzando, mentre i secondi violini salgono nella stratosfera. Improvvisamente la musica si addolcisce e i violini restano soli. I primi violini continuano esitante con il tema Andante, supportato da toni alti sostenuti, e i secondi violini che sono stati una versione allungata del tema Andante, un senso di presentimento raffredda l'atmosfera mentre i primi violini scendono sul primo tema, questo passaggio di transizione sembra avviarsi gradualmente verso la chiusura, ma sull'orlo di quella che dovrebbe essere una cadenza cupa, l'intera orchestra esplode con una terrificante esplosione di la bemolle minore e un corale di ottoni travolgente emerge da questo gigantesco accordo, dando l'impressione che il Giorno di Il giudizio è a portata di mano, glissando dell'arpa a cascata e la rapida figurazione degli archi che scendono in una tonalità e salgono in un altro mondo attorno agli accordi di ottoni. Si potrebbe considerare questa sconvolgente esplosione orchestrale come l'inverso dello scoppio di mi maggiore in un altro movimento dell'Adagio nella Quarta Sinfonia, quando un'ondata di luce solare illumina la musica, dopo che questa esplosione torrenziale si placa, i legni entrano prepotentemente con la figura arcuata dello scherzando al accompagnamento di pizzicati scheletrici tintinnanti su arpa e archi interni. Dopo le due battute i clarinetti e le viole aggiungono una variante invertita per i temi dell'Adagio, misure di apertura, ma prima che il tema possa procedere ulteriormente indugia su un tono sostenuto un acuto e naturale nei primi violini. Da questo monotono morbido ma inquietante, diversi gruppi orchestrali entrano in una sequenza sfalsata di potenti accordi triadici che si accumulano l'uno sull'altro, fino a quando l'aggregazione produce una dissonanza assordante così straziante da essere praticamente insopportabile.

Mai prima o dopo, una dissonanza accordale così stupenda ha avuto un tale impatto dopo che la pila di accordi raggiunge le sue piene proporzioni, viene momentaneamente interrotta, lasciando solo quell'acuto naturale suonato da una singola tromba, replicando il tono tenuto dai violini che ha portato a questo episodio. Piuttosto che schiarire l'aria, questo tono di tromba è frantumato dalla piena forza della raccolta di accordi che procedeva, schiantandosi su di essa come un'esplosione atomica. È una visione di sventura, simile a quella invocata durante la scena del cimitero nel movimento dei gingilli di Das Lied, e all'improvvisa esplosione del motivo del destino che nega la vita che inizia la ricapitolazione del primo movimento della nona sinfonia, minacciando il completo annientamento .
Ancora una volta, il terribile accordo viene interrotto da un LA naturale della tromba, ma questa volta i secondi violini colpiscono al cuore su un re naturale super ottavo acuto, che scende di un'ottava, e poi scende di un secondo maggiore, suggerendo in un frammento del tema dell'Adagio. Sembra una nota di disperazione. i violoncelli riecheggiano questa frase cadente, che poi continua a discendere cromaticamente come introduzione al ritorno del tema dell'Adagio. Il tema inizia qui con gli stessi fotogrammi che cadono. Ascolteremo ora l'intero episodio, iniziando con i violini che suonano sommessamente il tema dell'Andante.

La visione apocalittica appena assistita è musicalmente estranea a tutto ciò che l'ha preceduta, ma riapparirà nel finale. Dopo aver sopportato questo orrore, il tema dell'Adagio ora suona sorprendentemente comune, poiché ritorna dopo che la musica si è calmata e sprofonda nelle profondità. La sua breve apparizione funge da preludio alla ripresa del tema dell'Andante, i primi violini lo suonano dolcemente in dialogo con le viole e poi i secondi violini, accompagnati dai violoncelli sui pizzicati tintinnanti del soggetto scherzando durante l'estensione del tema imperterrito, si è ricorda un precedente passaggio di transizione, in cui una versione cadente sincopata del motivo della redenzione accompagnata da materiale scherzando ha portato alla ripresa dei temi dell'Adagio qui, tuttavia, è il tema dell'Andante ad essere infuso con elementi scherzando che accompagnano la linea discendente dei violini. Il connubio tra tema andante e materia scherzando continua a svilupparsi fino a quando un improvviso sgorgare della misura del coperchio riporta con sussulto, il cadere dopo una frase che ha concluso l'episodio apocalittico di accordi accatastati su dissonanti. Good ora introduce una variazione del tema dell'Adagio che inizia con la stessa ottava discendente. Tutta la tensione e l'angoscia del tema dell'Adagio sembrano svanire. Invece di un sentimento di quiete e di calma accettazione avvolge l'atmosfera, eliminando ogni ansia e timore, poiché alla fine della Nona Sinfonia è il primo movimento, sentiamo di aver assistito a una terribile premonizione di morte senza emettere un grido di disperazione. Dopo aver sopportato le torture dell'ansia crivellata dalla morte, siamo rafforzati dall'esperienza e salvati dall'effetto potenzialmente deleterio del suo potere distruttivo. Come alla fine della Nona Sinfonia, l'orchestra è ridotta a un insieme d'archi, mentre il movimento si avvicina alla coda sull'ottava discendente del tema dell'Adagio, allungato nei violoncelli a una nona minore.

Completamente pacificata, la musica sembra risplendere di una morbida lucentezza simile a un alone mentre la coda inizia una versione invertita dell'ottava discendente che inizia il tema dell'Adagio, viene suonata delicatamente nel registro superiore delle viole. i violini suonano toni isolati che sono in realtà frammenti del tema dell'Adagio. I secondi violini entrano di nuovo sulla frase di ottava cadente, per poi continuare con un po' più del tema dell'Adagio, mentre prima i violini muti e poi un oboe di tono tenero il motivo della redenzione. I primi violini riappaiono con il tema dell'Andante suonato dolcemente ma espressivamente come una fervente preghiera, la frase di ottava cadente ora si alza con rinnovata speranza.

Come due volte prima il suono orchestrale è interrotto da un La naturale questa volta suonato molto, molto dolcemente dai soli violini, quattro linee sopra il rigo, un suggerimento che la tonalità potrebbe spostarsi nel minore, invece, secondi violini e viole affermano con forza il frase di ottava cadente, spingendo i primi violini a spostare il loro sostenuto di un mezzo tono naturale più in alto, ristabilendo così la tonica. Questo passaggio dal minore al maggiore è un accenno di redenzione, di trasfigurazione che può portare sollievo dalla terribile visione della morte vissuta in precedenza, come sia in Das Lied che nel nono, quell'evento redentore avverrà quando lo spirito umano accetterà incondizionatamente la vita con tutto delle sue fatiche e sofferenze, così come della sua bellezza e gioia. La frase di ottava discendente è impostata in un breve dialogo con una frase di tre note ascendente dal tema dell'Adagio che conduce in un lungo accordo sostenuto, che rimane sospeso in silenzio, mentre le corde del basso e l'arpa salgono lentamente su toni diatonici nella chiave della dominante . È come se la musica si allontanasse gradualmente verso un piano lontano, dove si potrebbe trovare pace e esplosione, un rimedio allo shock dell'episodio. La musica sale sempre più in alto fino a quando i flauti suonano una versione allargata della frase di ottava cadente contro la sua inversione nei secondi violini, seguita di nuovo dalla frase discendente, questa volta suonata due volte più lentamente nel clarinetto e nelle viole. Infine, la chiave tonica viene raggiunta su un accordo sostenuto nelle regioni più alte dei flauti e degli archi. È interrotto da una morbida nota pizzicato, che mette un periodo finale a questo straordinario movimento.

In questo movimento di apertura, come in tanti altri, Mahler presenta un drammatico conflitto che fornisce il soggetto dell'intera Sinfonia. La sua risoluzione deve essere rimandata al finale per esplorare, nei movimenti intermedi, altri aspetti del dilemma umano a cui si riferisce il conflitto. Da questo punto di vista, la struttura drammatica della decima è essenzialmente mahleriana. Aggiunge un'altra dimensione all'argomento di Das Lied Von der Erda e della Nona Sinfonia, poiché fa i conti con la mortalità umana.


Di Lew Smoley

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: