Consigliere artistico speciale.

Thomas Walter Hampson è un baritono lirico americano, un cantante classico che è apparso in tutto il mondo nei maggiori teatri d'opera e sale da concerto e ha realizzato oltre 170 registrazioni musicali.

  • Professione: Baritono (Washington)
  • Residenze: Spokane.
  • Nato: 28-06-1955

Il repertorio operistico di Hampson comprende una gamma di oltre 80 ruoli, inclusi i ruoli principali in Don Giovanni di Mozart, Guillaume Tell di Rossini e Il barbiere di Siviglia, Amleto di Ambroise Thomas e Eugene Onegin di Tchaikovsky. Il centro del suo repertorio verdiano rimane Posa in Don Carlo, Germont in La Traviata, i ruoli principali in Macbeth e Simon Boccanegra, e più recentemente anche Amfortas in Parsifal di Wagner e Scarpia in Tosca di Puccini.

Come recitalista, Hampson ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo per i suoi programmi attentamente studiati e costruiti in modo creativo che esplorano il ricco repertorio di canzoni in una vasta gamma di stili, lingue e periodi. È uno dei più importanti interpreti della canzone romantica tedesca - noto soprattutto per le sue interpretazioni della musica di Gustav Mahler - e, con la sua collaborazione al progetto "Song of America" ​​con la Library of Congress, è diventato noto come "ambassador" della canzone americana.

La discografia diversificata ed espansiva di Hampson gli è valsa un Edison Award alla carriera, quattro Edison Awards, quattro Echo Prizes, numerosi VEB Deutsche Schallplatten, Gramophone Awards e Grand Prix du Disque, oltre a sei nomination ai Grammy Award e un Grammy Award.

La dama Elisabeth Schwarzkopf una volta ha detto del suo studente, "[Thomas è] il miglior cantante in Europa in questo momento."

Il suo debutto in recital negli Stati Uniti avvenne il 14 aprile 1986 al The Town Hall di New York, dove il New York Times lo elogiò per "il bell'aspetto, una presenza scenica imponente e, anche entro i confini del formato del recital, e apparentemente vivida teatralità ...". Poco dopo, ha debuttato al Metropolitan Opera il 9 ottobre 1986 come il conte in Le Nozze di Figaro. Nel 1986, è stato invitato a un'audizione per Leonard Bernstein, che ha portato alla partecipazione di Hampson alla performance semi-messa in scena del 1987 di La bohème a Roma, guidata da Bernstein, e, subito dopo, alle loro leggendarie esibizioni con la Filarmonica di Vienna del Kindertotenlieder di Gustav Mahler (1988), Rückert-Lieder e Lieder eines fahrenden Gesellen (1989). Da questo momento in poi, è stato riconosciuto come "tra i principali baritoni lirici della fine del secolo".

Nel 1990, Hampson pubblicò il suo primo album da solista su Teldec intitolato Des Knaben Wunderhorn, in collaborazione con Geoffrey Parsons. Il New York Times ha elogiato la registrazione, affermando che "le esibizioni hanno una bellezza luminosa e incantano un narratore". A febbraio e marzo dello stesso anno, Hampson ha continuato la sua collaborazione con Bernstein, prima in una performance ampiamente apprezzata di Mahler's Rückert-Lieder e Lieder eines Fahrenden Gesellen, e poi per il suo debutto alla Carnegie Hall, eseguendo i due cicli di Mahler con la Filarmonica di Vienna (le ultime esibizioni pubbliche di Bernstein nel locale). A novembre ha debuttato alla San Francisco Opera, interpretando il ruolo principale in Monteverdi Il ritorno d'Ulisse in Patria e debutto nel ruolo di Don Giovanni al Metropolitan Opera.

Hampson iniziò il 1993 eseguendo la sua prima interpretazione del personaggio del titolo in Amleto di Ambroise Thomas a Monte Carlo. La performance è stata successivamente registrata per EMI / Angel. Quell'anno, ha continuato ad aggiungere al suo repertorio con spettacoli tra cui Il Barbiere di Siviglia alla Royal Opera House, al Covent Garden e al Met, il suo debutto nel ruolo di Posa nel Don Carlo di Verdi a Zurigo, il ruolo del protagonista in Hans Werner Henze Il principe di Homburge Choräbe in I Troiani al Met. Il 1993 vide anche l'inizio del coinvolgimento istituzionale di Hampson nel mondo classico, quando tenne una serie di masterclass al Tanglewood Festival di Lenox, Massachusetts. È stato anche insignito di un dottorato onorario in musica nella sua città natale di Spokane, Washington dal Whitworth College nello stesso anno, e ha avuto un ruolo importante nella pubblicazione di una nuova edizione critica delle canzoni di Mahler, accanto alla quale ha pubblicato una registrazione in collaborazione con Geoffrey Parsons.

Nel gennaio 1994, Hampson ha debuttato con la Houston Symphony Orchestra, cantando Mahler e Copland, e diretto da Christoph Eschenbach. Nello stesso mese è stato nominato cantante dell'anno dagli International Classical Music Awards. Ha quindi intrapreso un tour di cinque mesi che lo ha portato in oltre venti città, con debutti in recital a Reutlingen, State College, Washington, DC, Iowa City, Fort Worth, Quebec e Buffalo, New York. A luglio ha aperto il Mostly Mozart Festival in una trasmissione televisiva in diretta dal Lincoln Center, e poi in agosto si è esibito al Festival di Salisburgo con un recital solista di Barber e Mahler. A settembre, ha cantato il ruolo principale nella prima mondiale dell'opera di Conrad Susa e Philip Littell, The Dangerous Liaisons, e poi in ottobre ha registrato i 20 Lieder und Gesänge basati sulla sua ricerca e su quella del dottor Renate Hilmar-Voit.

Nel 1995, Hampson ha ricevuto due premi per il suo contributo alla musica classica: il Cannes Classical Music Award per Singer of the Year nel 1994 e l'Echo Music Prize per il miglior cantante maschile. Quell'anno, ha continuato a esibirsi in una serie di produzioni significative, tra cui Das Lied von der Erde alla Carnegie Hall sotto la direzione di James Levine, una trasmissione televisiva Live from Lincoln Center con Kathleen Battle, un'esibizione del Requiem di guerra di Britten a Roma diretta di Wolfgang Sawallisch, un recital di tutte le canzoni di Gustav Mahler (la nuova edizione critica di Hampson) per il Mahler Festival al Concertgebouw, e un altro impegno con Sawallisch e l'Orchestra di Filadelfia all'Accademia di Musica.

All'inizio del 2000, Hampson è tornato al fascino di Gustav Mahler, esibendosi in un recital incentrato su Mahler alla Carnegie Hall a febbraio. Ha anche ripreso la sua interpretazione in Doktor Faust al Met. Quell'anno, è stato membro del Comitato artistico per il Kennedy Center Honours e ha cantato alla Celebrazione del Centenario per Elinor Remick Warren presso la Cattedrale Nazionale di Washington. Apparendo di nuovo con Renée Fleming, Hampson ha anche pubblicato una registrazione di Thaïs di Massenet alla fine dell'anno.

Oltre al suo programma di esibizioni, gran parte della carriera moderna di Hampson è stata incentrata sulla borsa di studio e sull'istruzione musicale. Pertanto, nel marzo 2010 ha guidato la prima musica classica in live streaming disponibile su un'app mobile: una master class sulle canzoni di Mahler, ospitata dal programma di apprendimento a distanza della Manhattan School of Music. Quell'anno, si è esibito nel monologo musicale di 19 minuti del compositore John Adams, The Wound-Dresser. Inoltre è apparso in una produzione tormentata di La Traviata quell'anno, sotto la direzione di Leonard Slatkin, che in seguito si ritirò dalla produzione.

Sempre nel 2010, Hampson è stato eletto nell'American Academy of Arts and Sciences.

Nel 2011, Hampson ha cantato il ruolo di Rick Rescorla nella prima mondiale di Heart of a Soldier di Christopher Theofanidis con la San Francisco Opera, basata su una storia vera dell'9 settembre. Hampson ha continuato le attività nella comunità Mahler, esibendosi in oltre 11 concerti della musica di Mahler nel 50 in onore del centenario della morte di Mahler.

Quell'anno vide anche il debutto della serie radiofonica Song of America, coprodotta dalla Hampson Foundation e dal WFMT Radio Network di Chicago. Ospitata da Hampson, la serie si compone di 13 programmi di un'ora che esplorano la storia della cultura americana attraverso il canto; è andato in onda in più di 200 mercati statunitensi.

Foto: Jiyang Chen

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: