Stefan Zweig (1881-1942).

  • Professione: scrittore, drammaturgo, giornalista, biografo.
  • Residenze: Vienna, Londra, New York, Brasile.
  • Relazione con Mahler: Atlantic 1911 Eastbound 08-04-1911 fino al 16-04-1911 SS Amerika, ha scritto la poesia "Der Dirigent" per il 50 ° anniversario di Mahlers (vedi sotto).
  • Corrispondenza con Mahler:
  • Nato: 28-11-1881 Vienna, Austria.
  • Morto: 22-02-1942 Petropolis, Rio de Janeiro, Brasile. 60 anni. Suicidio.
  • Sepolto: cimitero municipale, Petropolis, Rio de Janeiro, Brasile.

Sposato con:

  1. Friderike Maria von Winternitz (nata Burger) (1920-1938, divorziata),
  2. Lotte Altmann (1939-1942, fino alla sua morte).

Nessun rapporto familiare con Arnold Zweig (1887-1968).

Stefan Zweig era un romanziere austriaco, drammaturgo, giornalista e biografo. Al culmine della sua carriera letteraria, negli anni '1920 e '1930, era uno degli scrittori più famosi al mondo. Zweig nacque a Vienna, figlio di Moritz Zweig (1845-1926), un ricco produttore tessile ebraico, e Ida Brettauer (1854-1938), figlia di una famiglia di banchieri ebraici. Era imparentato con lo scrittore ceco Egon Hostovský, che lo descriveva come "un parente molto lontano"; alcune fonti li descrivono come cugini.

Stefan Zweig (1881-1942) (in piedi) e suo fratello Alfred Zweig (1879-1977, seduto), Vienna. Circa 1900.

Zweig ha studiato filosofia all'Università di Vienna e nel 1904 ha conseguito un dottorato con una tesi su "La filosofia di Hippolyte Taine". La religione non ha svolto un ruolo centrale nella sua educazione. "Mia madre e mio padre erano ebrei solo per incidente di nascita", ha detto Zweig più tardi in un'intervista. Tuttavia non rinunciò alla sua fede ebraica e scrisse ripetutamente su ebrei e temi ebraici, come nel suo racconto Buchmendel.

Ha avuto un caldo rapporto con Theodor Herzl, il fondatore del sionismo, che ha incontrato quando Herzl era ancora editore letterario della Neue Freie Presse, allora il principale quotidiano di Vienna; Herzl ha accettato per la pubblicazione alcuni dei primi saggi di Zweig. Zweig credeva nell'internazionalismo e nell'europeismo, come chiarisce The World of Yesterday, la sua autobiografia. Secondo Amos Elon, Zweig ha definito il libro di Herzl Der Judenstaat un "testo ottuso, una sciocchezza".

All'inizio della prima guerra mondiale, il sentimento patriottico era diffuso ed esteso a molti ebrei tedeschi e austriaci: Zweig, così come Martin Buber e Hermann Cohen, mostrarono tutti sostegno. Zweig prestò servizio negli Archivi del Ministero della Guerra e adottò una posizione pacifista come il suo amico Romain Rolland, vincitore del Premio Nobel per la letteratura 1915.

Friderike e Stefan Zweig (1881-1942).

Zweig sposò Friderike Maria von Winternitz (nata Burger) nel 1920; hanno divorziato nel 1938. Come Friderike Zweig ha pubblicato un libro sul suo ex marito dopo la sua morte. In seguito ha anche pubblicato un libro illustrato su Zweig. Nel 1939, Zweig sposò la sua segretaria Lotte Altmann. La segretaria di Zweig a Salisburgo dal novembre 1919 al marzo 1938 fu Anna Meingast (13 maggio 1881, Vienna - 17 novembre 1953, Salisburgo).

Stefan Zweig (1881-1942) a Salisburgo.

Nel 1934, in seguito all'ascesa al potere di Hitler in Germania, Zweig lasciò l'Austria. Visse in Inghilterra (prima a Londra, poi dal 1939 a Bath). A causa della rapida avanzata delle truppe di Hitler verso ovest, Zweig e la sua seconda moglie attraversarono l'Oceano Atlantico e si recarono negli Stati Uniti, dove si stabilirono nel 1940 a New York City, e viaggiarono.

Richard Strauss, Stefan Zweig e "Die schweigsame Frau" (The Silent Woman)

Da Elektra e Der Rosenkavalier, con la sola eccezione di Intermezzo, tutte le opere precedenti di Richard Strauss (1864-1949) erano basati sui libretti di Hugo von Hofmannsthal (1874-1929), che morì nel 1929. Stefan Zweig, che allora era un celebre scrittore, non aveva mai incontrato Strauss, che era il suo più anziano di 17 anni. Nella sua autobiografia The World of Yesterday, Zweig descrive come Strauss si è messo in contatto con lui dopo la morte di Hofmannsthal per chiedergli di scrivere un libretto per una nuova opera. Zweig ha scelto un tema di Ben Jonson.

Strauss era considerato un'importante icona della musica tedesca dai nazisti, che avevano preso il potere in Germania nell'aprile 1933. Strauss stesso stava cooperando con i nazisti e divenne il presidente della Reichsmusikkammer nel novembre 1933. Zweig aveva conosciuto Strauss bene grazie alla sua collaborazione e in seguito scrisse:

cooperare con i nazionalsocialisti era inoltre di vitale interesse per lui, perché nel senso nazionalsocialista era decisamente in rosso. Suo figlio aveva sposato un'ebrea e quindi temeva che i suoi nipoti, che amava sopra ogni altra cosa, sarebbero stati esclusi come feccia dalle scuole; le sue prime opere sono state contaminate dal mezzo ebreo Hugo von Hofmannstahl; il suo editore era un ebreo. Pertanto, a lui sembrava sempre più imperativo creare sostegno e sicurezza per se stesso, e lo fece in modo molto perseverante.

Il fatto che Zweig fosse un ebreo stava creando potenziali problemi per l'esecuzione dell'opera: nell'estate del 1934 la stampa nazista iniziò ad attaccare Strauss su questo tema. Zweig racconta nella sua autobiografia che Strauss ha rifiutato di ritirare l'opera e ha persino insistito affinché fosse accreditata la paternità del libretto di Zweig; la prima rappresentazione a Dresda fu autorizzata dallo stesso Hitler. Ricerche successive hanno dimostrato che il racconto di Zweig è in gran parte corretto. Ora sappiamo che c'era una lotta di potere interna in corso all'interno del governo nazista.

Joseph Goebbels voleva usare la reputazione internazionale di Strauss ed era disposto ad allentare la regola contro le opere con artisti non ariani. Tuttavia, Alfred Rosenberg era più critico nei confronti dell'insondatezza di Strauss sulla "questione ebraica" e voleva rimuovere Strauss dalla sua posizione e sostituirlo con il membro del partito Peter Raabe.

Goebbels portò la questione a Hitler, che inizialmente decise a suo favore. Tuttavia, la Gestapo aveva intercettato la corrispondenza tra Strauss e Zweig, in cui Strauss era stato sincero sulle sue opinioni critiche sul regime nazista e sul suo ruolo in esso. Questa lettera fu mostrata a Hitler, che poi cambiò idea. L'opera fu autorizzata a girare per tre spettacoli e poi bandita.

Il 6 luglio 1935 Strauss ricevette la visita a casa sua da un funzionario nazista inviato da Goebbels e gli fu detto di dimettersi dalla sua carica di presidente della Reichsmusikkammer per motivi di "cattiva salute", meno di 2 anni dopo che aveva assunto l'incarico. Fu debitamente sostituito da Peter Raabe, che rimase in carica fino alla caduta del regime nazista.

Sebbene bandita in Germania, l'opera è stata rappresentata alcune volte all'estero, tra cui Milano, Graz, Praga e Zurigo. Non sarebbe stata la prima volta che una delle sue opere era stata bandita: Kaiser Wilhelm aveva bandito Feuersnot nel 1902. In effetti, la propensione dei regimi totalitari a vietare le opere non era limitata alla Germania: pochi mesi dopo, all'inizio del 1936, l'opera Lady Macbeth di Dmitri Shostakovich di Mtsensk è stato bandito dal regime sovietico.

Zweig e Strauss continuarono a lavorare insieme in segreto (con Joseph Gregor), principalmente sul libretto dell'opera Friedenstag che fu presentata per la prima volta nel 1938. La storia era quasi interamente di Zweig, ma l'ideale di pacifismo che incarnava era caro a entrambi.

Strauss sopravvisse al regime nazista di quattro anni e fu felice quando l'opera fu ripresa subito dopo la fine della guerra. Scrisse a Joseph Keilberth, il direttore del Teatro dell'Opera di Dresda dove l'opera fu ripresa per la prima volta: "Ora, dopo dieci anni, l'onorevole Sir Morosus è stato liberato dal campo di concentramento della Reichstheaterkammer ed è tornato nella sua città natale, dove dodici anni fa ho avuto molte difficoltà a ottenere il nome del librettista nel programma ”.

Stefan Zweig non ha mai ascoltato l'opera eseguita. Si era trasferito dalla sua nativa Austria in Inghilterra nel 1934 dopo che i nazisti salirono al potere in Germania (sebbene visitò l'Austria fino all'Anschluss nel 1938). Subito dopo lo scoppio della guerra nel 1940 si trasferì negli Stati Uniti e poi in Brasile. Depresso dalla crescita dell'intolleranza, dell'autoritarismo e del nazismo, sentendosi senza speranza per il futuro dell'umanità, si suicidò il 23 febbraio 1942.

Fu eseguita per la prima volta alla Semperoper di Dresda il 24-06-1935, diretta da Karl Böhm. Dopo la caduta del regime nazista, l'opera fu ripresa a Dresda (1946) seguita da Berlino, Monaco e Wiesbaden.

24-06-1935. Dresda. Semperoper. Prima di "Die schweigsame Frau" (The Silent Woman) Un'opera comica in tre atti di Richard Strauss (1864-1949) con libretto di Stefan Zweig (1881-1942) dopo Epicoene di Ben Jonson, o la donna silenziosa.

Stefan Zweig (1881-1942) attraversando l'Atlantico nel suo primo viaggio in Brasile, 1936.

Il 22 agosto 1940, si trasferirono di nuovo a Petrópolis, una città di montagna colonizzata dai tedeschi a 68 chilometri a nord di Rio de Janeiro, nota per ragioni storiche come la città imperiale del Brasile. Sentendosi sempre più depresso dalla crescita dell'intolleranza, dell'autoritarismo e del nazismo e sentendosi senza speranza per il futuro dell'umanità, Zweig scrisse una nota sui suoi sentimenti di disperazione.

Stefan Zweig (1881-1942) con il suo editore americano Ben W. Huebsch (a destra). Foto: proprietà privata di Jeffrey B. Berlin. Pubblicazione per gentile concessione.

Il 23-02-1942 gli Zweig furono trovati morti per overdose di barbiturici nella loro casa nella città di Petrópolis, tenendosi per mano. Era disperato per il futuro dell'Europa e della sua cultura. "Penso che sia meglio concludere in tempo utile e nel sopportare una vita in cui il lavoro intellettuale significa la gioia più pura e la libertà personale il bene più alto sulla Terra", ha scritto. La casa degli Zweig in Brasile è stata successivamente trasformata in un centro culturale ed è ora conosciuta come Casa Stefan Zweig.

Stefan Zweig (1881-1942). Casa Zweig a Petrópolis, vicino a Rio de Janeiro, Brasile.

Work

Zweig è stato uno scrittore di spicco negli anni '1920 e '1930, facendo amicizia con Arthur Schnitzler e Sigmund Freud. Era estremamente popolare negli Stati Uniti, in Sud America e in Europa, e tale rimane nell'Europa continentale; tuttavia, è stato ampiamente ignorato dal pubblico britannico.

La sua fama in America era diminuita fino agli anni '1990, quando iniziò uno sforzo da parte di diversi editori (in particolare Pushkin Press, Hesperus Press e The New York Review of Books) per riportare Zweig in stampa in inglese. Plunkett Lake Press Ebooks ha iniziato a pubblicare versioni elettroniche dei suoi lavori di saggistica. Da quel momento c'è stata una marcata rinascita e un certo numero di libri di Zweig sono tornati in stampa.

L'opinione critica della sua opera è fortemente divisa tra coloro che disprezzano il suo stile letterario come povero, leggero e superficiale, e coloro che ne lodano l'umanesimo, la semplicità e lo stile efficace. Michael Hofmann è sprezzante nei confronti del lavoro di Zweig, che ha soprannominato un "dithering vermicolare", aggiungendo che "Zweig ha un sapore falso. È la Pepsi della scrittura austriaca ".

Anche la nota di suicidio dell'autore ha lasciato Hofmann preso da “l'irritante ascesa della noia a metà strada, e la sensazione che non lo intendesse, il suo cuore non c'è (nemmeno nel suo suicidio)”.

Stefan Zweig (1881-1942).

Zweig è meglio conosciuto per i suoi romanzi (in particolare The Royal Game, Amok e Letter from an Unknown Woman - che fu girato nel 1948 da Max Ophüls), romanzi (Beware of Pity, Confusion of Feelings e The Post Office Girl pubblicato postumo ) e biografie (in particolare Erasmo da Rotterdam, Conqueror of the Seas: The Story of Magellan e Mary, Queen of Scotland and the Isles e anche pubblicato postumo, Balzac).

Un tempo le sue opere venivano pubblicate senza il suo consenso in inglese con lo pseudonimo di "Stephen Branch" (una traduzione del suo vero nome) quando il sentimento anti-tedesco era alto. La sua biografia della regina Marie-Antoinette è stata successivamente adattata come un film di Hollywood, con l'attrice Norma Shearer nel ruolo del titolo.

L'autobiografia di Zweig, The World of Yesterday, fu completata nel 1942 il giorno prima che si suicidasse. È stato ampiamente discusso come un record di "cosa significava essere vivi tra il 1881 e il 1942" nell'Europa centrale; il libro ha attirato elogi della critica e rifiuto ostile.

Zweig ha avuto una stretta collaborazione con Richard Strauss e ha fornito il libretto per Die schweigsame Frau (The Silent Woman). Strauss ha notoriamente sfidato il regime nazista rifiutando di autorizzare la rimozione del nome di Zweig dal programma per la prima dell'opera il 24 giugno 1935 a Dresda. Di conseguenza, Goebbels ha rifiutato di partecipare come previsto e l'opera è stata bandita dopo tre spettacoli.

Zweig successivamente collaborò con Joseph Gregor, per fornire a Strauss il libretto per un'altra opera, Daphne, nel 1937. Almeno un'altra opera di Zweig ricevette un'ambientazione musicale: il pianista e compositore Henry Jolles, che come Zweig era fuggito in Brasile per escape the nazis, compose una canzone, "Último poema de Stefan Zweig", basata su "Letztes Gedicht", che Zweig scrisse in occasione del suo 60 ° compleanno nel novembre 1941.

Durante la sua permanenza in Brasile, Zweig scrisse Brasilien, Ein Land der Zukunft (Brasile, Terra del Futuro) che era un'analisi accurata del suo paese di recente adozione; in questo libro è riuscito a dimostrare una giusta comprensione della cultura brasiliana che lo circondava.

Stefan Zweig (1881-1942) e Lotte Altmann.

Zweig era un appassionato collezionista di manoscritti. Ci sono importanti collezioni Zweig alla British Library e alla State University di New York a Fredonia. La collezione Stefan Zweig della British Library è stata donata alla biblioteca dai suoi eredi nel maggio 1986. È specializzata in manoscritti musicali autografi, comprese opere di Bach, Haydn, Wagner e Mahler. È stata descritta come "una delle più grandi collezioni al mondo di manoscritti autografi".

Un oggetto particolarmente prezioso è il “Verzeichnüß aller meiner Werke” di Mozart, ovvero il catalogo tematico scritto a mano del compositore delle sue opere. In suo onore è stato intitolato l'anno accademico 1993–1994 al College of Europe.

Stefan Zweig e Lotte Altmann suicidio

In esame una raccolta di giornali e riviste del 1942, oltre ad alcune biografie di Stefan Zweig. Il suicidio di Stefan e Lotte è diventato la storia ufficiale, tuttavia sono state trovate 23 discrepanze. La raccolta dei giornali mi è stata tramandata dal prestigioso psicoanalista Dr. Jacob Pinheiro Goldberg il 28 febbraio 1999.

La data in cui la coppia è stata trovata morta è il 23 febbraio 1942, cioè più di 57 anni fa, circa sei mesi dopo essersi stabilita a Petropolis. Tutto sembra essere stato pianificato meticolosamente: lo stipendio dei dipendenti della casa, un po 'di soldi da donare, l'ultima dichiarazione legale che dà la destinazione ai loro beni, gli ultimi scritti da pubblicare, il pagamento dell'affitto, le istruzioni su come dovrebbero essere i loro vestiti. da regalare ai propri dipendenti e ai poveri, anche il destino di “Bluchy” il cagnolino era artificioso, sarebbe rimasto alla signora Margarida Banfield (la proprietaria della casa che avevano in affitto).

Diverse lettere di addio furono scritte e inserite in buste affrancate e indirizzate. Sembra che la preparazione per il tragico evento abbia richiesto cinque o sei giorni.

L'ultima lettera, il documento d'addio, “Dichiarazione” è una nota frettolosa apparentemente non rivista; era datato 22 febbraio 1942; (il tentativo suicida sarebbe avvenuto il giorno successivo). Inizia con una dichiarazione che afferma di essere per sua volontà che "si allontana dalla vita". Era grato a questo magnifico paese "Brasile", per avergli dato un'accoglienza così calorosa. Non si fa alcun accenno alla "partenza" di sua moglie e lei non ha lasciato alcun messaggio.

Come motivo del suo presunto gesto suicida, ha affermato: "Sarebbero necessari sforzi strenui per ricostruire la mia vita", una ragione abbastanza diversa, essendo lui uno scrittore acclamato dal mondo, che domina diverse lingue e porta la cittadinanza britannica.

Inoltre, ha menzionato la sua stanchezza per vagare attraverso paesi diversi come un "uomo privo di nazionalità". È curioso che abbia lasciato l'Austria anni prima di perdere la cittadinanza austriaca, e in realtà era uno dei pochi esiliati che poteva scegliere liberamente una nuova patria, se vagasse sulla terra, fu principalmente, a quanto pare, per sua scelta .

Sui giornali c'era un facsimile della sua “Dichiarazione” con una traduzione portoghese che presentava la strana omissione delle ultime due frasi: “Vorrei che tutti voi possiate rivedere l'alba dopo questa lunga notte. Troppo impaziente, vado prima di questo ”; sembrava si riferisse ai tumulti di quella guerra in corso e alla sua ambita sconfitta del nazismo. In accordo con la stampa, del 1 marzo 1942, l'autore di quella soppressione era lo scrittore Claudio de Sousa (un ex professore di medicina di terapia presso la scuola di farmacia - USP; un "simpatizzante nazista" in accordo con un editoriale della stampa di marzo 1 ° secolo 1942 - Correio do Povo - Porto Alegre - “Stefan Zweig si fidava della sconfitta del nazismo”.

Accusa che Sousa ha negato con veemenza in seguito, anche se aveva scritto un paio di anni prima un testo chiamato "La nostra razza" in cui faceva affermazioni su una "razza latina" sviluppata "come conseguenza della decadenza semitica".

In quel testo tracciava un'analogia positiva con l'orgoglio razziale di tedeschi e austriaci). Era anche l'amico che ha telefonato alle 3 per invitare Stefan a fare una passeggiata, poco dopo la coppia è stata trovata morta (alle 4 finalmente i dipendenti - Antonio e Dulce Moraes - sono riusciti a fare irruzione nella stanza, attraverso il porta ). Più tardi, in una dichiarazione alla stampa come amico di Stefan Zweig, Claudio de Sousa avrebbe detto: "il suicidio era stato causato dalle perdite finanziarie di Zweig in Europa e dalle vittorie travolgenti dell'Asse", cosa piuttosto interessante quando tutti gli Zweig amici personali hanno dichiarato di essere completamente sorpresi prima del suicidio della coppia. Inoltre, Claudio de Sousa ha preso l'iniziativa di chiamare il Palazzo Presidenziale, richiedendo le disposizioni per la sepoltura.

Stefan ed Elisabeth furono sepolti solennemente il giorno successivo, il 24 febbraio alle 4, a Petropolis, a spese del governo federale. La settimana precedente, domenica 15 febbraio, Claudio de Sousa aveva trascorso il pomeriggio con Stefan Zweig, aiutandolo a tradurre dal francese una risposta a un giornale che aveva precedentemente pubblicato un attacco personale ingiustificato contro Zweig (il 16 febbraio, Stefan Zweig confidò tutti questi fatti a Ernst Feder, un caro amico), il destinatario non ha mai ammesso di aver "ricevuto" la risposta di Zweig, a quanto pare, nessuna copia di questa lettera è stata prodotta da nessuna parte e Claudio de Sousa non ha confermato l'esistenza di un tale documento che avrebbe tradotto dal francese al portoghese.

Nella sua biografia di Stefan Zweig, Donald Prater ha menzionato lettere anonime minacciose ricevute pochi giorni prima della tragedia.

Ad ogni modo, la conclusione a favore del suicidio è stata assunta abbastanza prontamente, non è stata fatta alcuna indagine ufficiale e al funerale, l'esposizione della bara aperta all'Accademia delle lettere di Petropolis è avvenuta senza un'effettiva interferenza religiosa. (La bara di Lotte fu tenuta chiusa solo perché il suo cadavere stava già marcendo). Anche se nessun documento è stato affermato di essere trovato con una richiesta speciale che dispensasse una destinazione cimiteriale ebraica.

Nonostante ciò, c'era una petizione di Zweig al suo editore per una semplice sepoltura in un cimitero ebraico (apparentemente ritrovata solo qualche tempo dopo). Inoltre, Elisabeth era la nipote di un rabbino. Per insistenza religiosa ci sono state al cimitero di Petropolis alcune preghiere condotte, citando testi teologici di Stefan Zweig.

Il certificato di morte aveva come informatrice Sr. Sady Ferreira Barbosa, apparentemente una persona sconosciuta a Stefan Zweig, e oltre all'indirizzo e alla città, c'è una informazione personale abbastanza incompleta: “Stephan Zweig (il nome Stefan è prodotto come Stephan); maschio; bianca; scrittore; genitori: legittimi; sposato; data di morte: 23 febbraio 1942; ora: 12:30; causa della morte: suicidio per ingestione di sostanze tossiche; medico che attesta: Dr. Mario M. Pinheiro ”.

Nessuna necroscopia è stata eseguita a causa delle istruzioni che presumibilmente provenivano dal palazzo presidenziale di Petropolis. (in quella data e in seguito il presidente Getulio Vargas nel suo Diario non scrive nemmeno una parola su Stefan Zweig, tuttavia, il 28 febbraio menziona che la guardia del suo palazzo doveva ricevere rinforzi per un atteso imminente attacco da parte degli adepti del nazismo; a un mese prima, il 28 gennaio, il Brasile aveva interrotto le relazioni diplomatiche con l'Asse).

C'è una prima presentazione fotografica di "come sono stati trovati", lei era sdraiata a letto al suo fianco. Nella seconda presentazione fotografica, apparsa sulla stampa alcuni giorni dopo, lei era sdraiata su di lui, con un braccialetto da polso sinistro che mancava nella prima presentazione fotografica. La curiosa prima presentazione fotografica aveva una caratteristica improbabile, la sua mano sinistra e l'avambraccio fluttuavano nello spazio (suggerendo "rigor mortis" in un corpo spostato dalla sua posizione originale) dimostrando che questa prima e ultima presentazione fotografica ufficiale è abbastanza improbabile. Le immagini portate alla vista richiamano la nostra attenzione: Lotte indossa una camicia da notte e Stefan è vestito come se fosse pronto per una passeggiata; forse erano impostati per intenti diversi ...

C'era una conclusione ineludibile ampiamente diffusa: la coppia ben informata avrebbe ormai saputo del destino dell'umanità, "il nazismo prevarrà". Inoltre, “nemmeno nella morte, gli ebrei hanno avuto il coraggio di assumere la loro identità culturale o religiosa”. Non era in gran parte in linea con l'atteggiamento pubblico più coraggioso in difesa degli esiliati, costantemente assunto da Stefan Zweig.

In un cestino di carta c'era un documento scartato e strappato con la dichiarazione sulle terribili condizioni di vita degli ebrei in Europa e anche che non gli era ignoto che era considerato dai nazisti (Berchtesgaden come metafora) il loro peggior nemico intellettuale ( “L'intellettuale ebreo più pericoloso”), cosa lo lasciò perplesso (“Thomas e Heinrich Mann sono più meritori di me…” - “O Globo” il 24 febbraio 1942). Ecco la domanda più intrigante, come è stato informato del suo essere considerato il peggior nemico intellettuale dei nazisti? Per quanto si sa, non è stato ufficialmente cacciato da loro.

È abbastanza sorprendente che in tutti questi 57 anni rimangano ancora domande estremamente importanti senza risposta senza una spiegazione convincente. A Petropolis, gli unici ricordi di Stefan Zweig sono la tomba degli sposi al cimitero e la targa degli amici austriaci in suo onore all'ingresso del suo ultimo indirizzo, una residenza privata non visitabile.

 

Il direttore (Der Dirigent) scritto da Stefan Zweig nel 1910 per il 50 ° anniversario di Gustav Mahler (1860-1911)

 

Der Dirigente

 

Ein goldner Bienenkorb, a Dessen Waben

Summend das Volk sich drängt, so scheint

Das Haus mit seinem cerniereströmten Licht

Und der Erwartung vieler Menschen, muori

In schwärmender Erregung sich versammeln.

Tutti i Gedanken hanno un sapore unblässig

Dort an die dunkle Bacchetta, dahinter sich

In einer Wolke unbestimmter Ahnung

Die Traume bergen.

                             Unten schäumt der Kessel,

Darin sich die gefährliche Magie

Der Tone Braut. Die bunten Stimmen brodeln

In erster Hitze, zucken, siten, spritzen

Schon manchmal eine kleine Melodie

Wie Schaum herauf. Allein sie zittert schwank

Sono hohen Raum und stürzt dann wie zerbrochen

Zurück ins Ungefähr der andern Stimmen.

 

Und plötzlich wo ein Klang: das Licht verlischt,

Der Ring des Raums zerrinnt in Grenzenlose,

Nacht stürzt herab, und alles wird Musik.

(- Denn sie, im Unbegrenzten heimisch schweifend,

Gibt schamhaft ihre körperlose Seele

Denn Blicken nicht und ausgestreckten Händen:

Urschwesterlich sind Dunkel und Musik.)

Und was vordem im ausgesparten Raume

Uno zagen Stimmen suonò come fine, era sich

Noch scheu und ganz vereinzelt erst versuchte,

Das Greift Jetzt Ineinander, Flutet über,

Più wird es, più, das seine Wellen calvo

Wie Knabenhaar verliebt und eitel kräuselt,

Calvo sie wie Fäuste ballt, ein Meer,

Das auf zu Sternen lo farà. Nun sprengt es hoch

Bis ans Gebälk die farblos heiße Gischt

Der Töne, wirft sie gegen unser Herz,

Das sich noch weigert (denn wer gibt sich gern

Un ein gefährlich unbekannt Gefühl

Ganz ohne Zagen hin?) Allein es reißt

Gewaltsam mit in senna cieca Kraft,

Und Flut sind wir mit ihm, nur wesenlos

Verströmte Flut, die calvo zum Wogenkamm

Des seligsten Entzückens hochgeschleudert

In weißen Schäumen funkelnd sich zersprüht,

Bald wie begraben in der jähen Trauer

Des Niederstürzens ins smaragdne Dunkel.

Wir alle, sonst vieltausendfach zerstückt

Durch Zufall, Schicksal und geheime Neigung,

Sind eine Welle zitternder Entzückung,

Drin unser eigen Leben unbewußt

Und ohne Atem, ohne Willen flauto,

Ertronken in den Tönen.

                                    Aber dort,

Hoch über diesem Più, schwebt einer noch,

Wie eine schwarze Möwe mit den Schwingen

Hinreisend über das erregte Stürmen

Des namenlos beseeelten Elements.

Er ringt damit, taucht calvo hinab, als Griff

Er Perlen von dem Grund, calvo schnellt er hoch

Wie ein Delphin sich aus dem wildgepeitschten

Gewirr der brennend lodernden Musik.

Ein Einziger, da wir schon cernierarissen

Und schwank verströmt sind, selber Wind und Welle,

Kämpft er noch mit den losen Elementen,

Gebändigt halb und halb der Töne Meister. -

Der Stab in seiner Hand (ist er der gleiche,

Mit dem einst Prospero den grausen Sturm

Hinwetternd auf die Insel warf?)

Scheint, ein Magnet, das fließend Erz der Töne

Hinaufzuzwingen in Die Starke Hand,

Und all die Wellen, drin wir uns verbluten,

Strömen ihm zu, dem roten Herz, drin

Die Unruh Rhythmus wird, das wirre Leben

Der Elemente Klare Melodie.

 

Wer ist der Zauberer, vero? Mit einem Wink

Hat er des Vorhangs harte Nacht gespalten.

Sie rauscht hinweg. Und hinter ihr sind Träume

Mit blauem Himmel, aufgeblühten Sternen,

Mit Duft und Wind e Bildern wie von Menschen.

Nein, nein! Mit Menschen! Cappello di denn kaum er jetzt

Die Hand gehoben, so bricht diesem schon,

Den er bedeutet, Stimme aus der Wunde

Der aufgerißnen Brust, und jetzt den andern!

Sie atmen Leid und Lust. e tutto ciò che è,

Wie er gebietet. Seht, die Sterne löschen

Jetzt mählich aus, die Wolkenzüge brennen

Vom Feuerhauch der neuen Dämmerung,

Und Sonne naht und mit ihr andre Träume.

Und über all dies schüttet er Musik,

Die er von unten aus dem unsichtbaren

Geström mit seinen losen Händen schöpft.

Tag wird aus Nacht. Cappello da donna er Gewalt,

Daß ihm die Töne dienen, Menschen sich

Ausbluten im Gesang e daß wir alle

Hier leise atmend wie im unruhvoll

Erregten Schlafe sind, vom süßen Gift

Des Klangs betäubt? Und daß ich immer

Das Zucken seiner Hand so spüren muß,

Als riß er eine angespannte Saite

In meiner Brust entzwei?

                           Wohin, Wohin

Treibt er uns forte? Wir gleiten nur wie leise

Barken des Traums auf niegesehnen Wassern

Ins Dunkel weiter. Sirene d'oro

Neigen sich manchmal über unsre Stirnen,

Doch er lenkt weiter, steil das Steuer in

Die feste Faust gepreßt. Wir gleiten, gleiten

Zu stillen Inseln, sturmzerrißnen Wäldern.

Wer weiß, wie lang? Sind's Stunden, Tage,

Is es ein Jahr?

                               Da affondato der Vorhang zu.

Die Barke fermati. Wir wachen wie verschreckt

In unsre Wirklichkeit. Doch er, wo ist

Er hin, in dessen Händen wir gewesen,

Der dorten stand, ein unbewegter Stern

Über dem Aufschwall geisternder Gewässer?

Hat ihn die Flut, die er bezwang, nun doch

Hinabgerissen in ihr Dunkel? - Nein!

Dort stirbt ein Schatten weg. Der heisse Blick

Greift rasch ihm nach. Doch ringum schwillt

Schon Unruh und Geräusch, die Menge bricht

In tausend Stücke, einzelne Gesichter,

Zerrint in Worte, die sich laut verbreitern,

Der Jubel dröhnt! Aufflammen alle Lichter, -

Wir sind am Strand, daran die Träume scheitern.

  

Ultima nota

Nel 1942 Stefan Zweig ha lasciato una nota che termina con le seguenti frasi: “Saluti a tutti i miei amici! Possano ancora vedere il primo bagliore dell'alba dopo la lunga notte. Troppo impaziente, sto andando avanti! "

Bibliografia

Le date indicate di seguito sono le date della prima pubblicazione in tedesco.

Fantasia

  • Forgotten Dreams, 1900 (titolo originale: Vergessene Träume).
  • Spring in the Prater, 1900 (Titolo originale: Praterfrühling).
  • A Loser, 1901 (titolo originale: Ein Verbummelter).
  • In the Snow, 1901 (titolo originale: Im Schnee).
  • Two Lonely Souls, 1901 (titolo originale: Zwei Einsame).
  • I miracoli della vita, 1903 (titolo originale: Die Wunder des Lebens).
  • The Love of Erika Ewald, 1904 (Titolo originale: Die Liebe der Erika Ewald).
  • The Star Over the Forest, 1904 (titolo originale: Der Stern über dem Walde).
  • The Fowler Snared, 1906 (titolo originale: Sommernovellette).
  • The Governess, 1907 (titolo originale: Die Governante).
  • Scarlet Fever, 1908 (titolo originale: Scharlach).
  • Twilight, 1910 (titolo originale: Geschichte eines Unterganges).
  • A Story Told In Twilight, 1911 (Titolo originale: Geschichte in der Dämmerung).
  • Burning Secret, 1913 (titolo originale: Brennendes Geheimnis).
  • Fear, 1920 (titolo originale: Angst).
  • Compulsion, 1920 (titolo originale: Der Zwang).
  • Gli occhi di mio fratello, per sempre, 1922 (titolo originale: Die Augen des ewigen Bruders).
  • Notte fantastica, 1922 (titolo originale: Phantastische Nacht).
  • Lettera da una donna sconosciuta, 1922 (titolo originale: Brief einer Unbekannten).
  • Moonbeam Alley, 1922 (titolo originale: Die Mondscheingasse).
  • Amok, 1922 (Titolo originale: Amok) - novella, inizialmente pubblicata con molti altri in Amok. Novellen einer Leidenschaft.
  • The Invisible Collection, 1925 (Titolo originale: Die unsichtbare Sammlung).
  • La caduta del cuore, 1927 (Titolo originale: Untergang eines Herzens ”).
  • The Invisible Collection vedi Collected Stories di seguito, (titolo originale: Die Unsichtbare Sammlung, pubblicato per la prima volta in forma di libro in "Insel-Almanach auf das Jahr 1927").
  • The Refugee, 1927 (Titolo originale: Der Flüchtling. Episode vom Genfer See).
  • Confusion of Feelings or Confusion: The Private Papers of Privy Councilor R. Von D, 1927 (Titolo originale: Verwirrung der Gefühle) - novella inizialmente pubblicata nel volume Verwirrung der Gefühle: Drei Novellen.
  • Ventiquattro ore nella vita di una donna, 1927 (Titolo originale: Vierundzwanzig Stunden aus dem Leben einer Frau) - novella inizialmente pubblicata nel volume Verwirrung der Gefühle: Drei Novellen.
  • Buchmendel, 1929 (titolo originale: Buchmendel).
  • Racconti brevi, 1930 (Titolo originale: Kleine Chronik. Vier Erzählungen) - include Buchmendel.
  • Did He Do It ?, pubblicato tra il 1935 e il 1940 (Titolo originale: War er es?).
  • Leporella, 1935 (Titolo originale: Leporella).
  • Racconti raccolti, 1936 (titolo originale: Gesammelte Erzählungen) - due volumi di racconti:
  1. The Chains (Titolo originale: Die Kette);
  2. Caleidoscopio (titolo originale: Kaleidoskop). Include: Conoscenza casuale di un mestiere, Leporella, Fear, Burning Secret, Summer Novella, The Governess, Buchmendel, The Refugee, The Invisible Collection, Fantastic Night e Moonbeam Alley.
  • Incidente sul Lago di Ginevra, 1936 (Titolo originale: Episode an Genfer See, versione rivista di "Der Flüchtung. Episode vom Genfer See" pubblicata nel 1927).
  • Il candelabro sepolto, 1936.
  • Beware of Pity, 1939 (titolo originale: Ungeduld des Herzens) romanzo.
  • The Royal Game or Chess Story or Chess (Titolo originale: Schachnovelle; Buenos Aires, 1942) - novella scritta nel 1938-41.
  • Journey into the Past, 1976 (titolo originale: Widerstand der Wirklichkeit).
  • Clarissa, romanzo incompiuto del 1981.
  • The Debt Paid Late, 1982 (Titolo originale: Die spät bezahlte Schuld).
  • The Post Office Girl, 1982 (titolo originale: Rausch der Verwandlung. Roman aus dem Nachlaß; The Intoxication of Metamorphosis).

Biografie e testi storici

  • Béatrice Gonzalés-Vangell, Kaddish et Renaissance, La Shoah dans les romans viennois de Schindel, Menasse et Rabinovici, Septentrion, Valenciennes, 2005, 348 pagine.
  • Emile Verhaeren, 1910.
  • Three Masters: Balzac, Dickens, Dostoeffsky, 1920 (Titolo originale: Drei Meister. Balzac - Dickens - Dostojewski. Tradotto in inglese da Eden e Cedar Paul e pubblicato nel 1930 come Three Masters).
  • Romain Rolland. The Man and His Works, 1921 (Titolo originale: Romain Rolland. Der Mann und das Werk).
  • Nietzsche, 1925 (Pubblicato originariamente nel volume intitolato: Der Kampf mit dem Dämon. Hölderlin - Kleist - Nietzsche).
  • Momenti decisivi nella storia, 1927 (Titolo originale: Sternstunden der Menschheit. Tradotto in inglese e pubblicato nel 1940 come The Tide of Fortune: Twelve Historical Miniatures).
  • Adepts in Self-Portraiture: Casanova, Stendhal, Tolstoy, 1928 (Titolo originale: Drei Dichter ihres Lebens. Casanova - Stendhal - Tolstoi).
  • Joseph Fouché, 1929 (Titolo originale: Joseph Fouché. Bildnis eines politischen Menschen) Ora disponibile come libro elettronico.
  • Guaritori mentali: Franz Mesmer, Mary Baker Eddy, Sigmund Freud, 1932 (Titolo originale: Die Heilung durch den Geist. Mesmer, Mary Baker-Eddy, Freud) Ora disponibile come libro elettronico.
  • Marie Antoinette: The Portrait of an Average Woman, 1932 (Titolo originale: Marie Antoinette. Bildnis eines mittleren Charakters) ISBN 4-87187-855-4.
  • Erasmo da Rotterdam, 1934 (titolo originale: Triumph und Tragik des Erasmus von Rotterdam).
  • Maria Stuart ISBN 4-87187-858-9.
  • Il diritto all'eresia: Castellio contro Calvino, 1936 (Titolo originale: Castellio gegen Calvin oder Ein Gewissen gegen die Gewalt).
  • Conqueror of the Seas: The Story of Magellan, 1938 (Titolo originale: Magellan. Der Mann und seine Tat) ISBN 4-87187-856-2.
  • Amerigo, 1942 (Titolo originale: Amerigo. Geschichte eines historischen Irrtums) - scritto nel 1942, pubblicato il giorno prima di morire ISBN 4-87187-857-0.
  • Balzac, 1946 - scritto, come Richard Friedenthal (de) descrive in un poscritto, da Zweig nella capitale estiva brasiliana di Petrópolis, senza accesso ai file, quaderni, elenchi, tabelle, edizioni e monografie che Zweig ha accumulato per molti anni e che portò con sé a Bath, ma che lasciò quando andò in America. Friedenthal ha scritto che Balzac “doveva essere il suo capolavoro, e ci lavorava da dieci anni. Doveva essere un riassunto della sua esperienza di autore e di ciò che la vita gli aveva insegnato ". Friedenthal ha affermato che "Il libro era stato finito", sebbene non tutti i capitoli fossero completi; usò una copia funzionante del manoscritto che Zweig gli aveva lasciato per applicare "gli ultimi ritocchi" e Friedenthal riscrisse i capitoli finali (Balzac, tradotto da William e Dorothy Rose [New York: Viking, 1946], pp. 399, 402) .

Riproduce

  • Tersites, 1907 (titolo originale: Tersites).
  • Das Haus am Meer, 1912.
  • Jeremiah, 1917 (titolo originale: Jeremias).

Altro 

  • Il mondo di ieri (Titolo originale: Die Welt von Gestern; Stoccolma, 1942) - autobiografia.
  • Brasile, Terra del futuro (Titolo originale: Brasilien. Ein Land der Zukunft; Bermann-Fischer, Stoccolma 1941).
  • Journeys (titolo originale: Auf Reisen; Zurigo, 1976); raccolta di saggi.

Lettere

  • Lettere sudamericane 1940-1942 di Stefan e Lotte Zweig: Darién J. Davis; Oliver Marshall, a cura di. (2010). New York, Argentina e Brasile. New York, Continuum. ISBN 1441107126. Una traduzione tedesca di questo libro è apparsa per la prima volta nel gennaio 2017: Stefan und Lotte Zweigs Südamerikanische Briefe. Hg. von Darién J. Davis e Oliver Marshall. Hentrich & Hentrich, Berlino 2017, 336 pagine.
  • La corrispondenza di Stefan Zweig con Raoul Auernheimer e con Richard Beer-Hofmann (1866-1945), ed. Jeffrey B. Berlin e Donald G. Daviau. Vol. 20. Studies in German Literature, Linguistics, and Culture (Columbia, South Carolina: Camden House 1983), 273 p.
  • Stefan Zweig: Briefwechsel mit Hermann Bahr (1863-1934), Sigmund Freud (1856-1939), Rainer Maria Rilke (1875-1926) , Arthur Schnitzler (1862-1931), hrsg. von Jeffrey B. Berlin, H. Lindken u. Donald A. Prater (Francoforte aM: S. Fischer Verlag 1987), 526 p.
  • Stefan Zweig: Briefe 1897-1942, hrsg. von Knut Beck e Jeffrey B. Berlin, 4 Bde. (Francoforte aM: S. Fischer Verlag 1995-2005).
  • Vol. I Briefe 1897-1914 (1995) = 589 p.
  • Vol. II Briefe 1914-1919 (1998) = 665 p.
  • Vol. III Briefe 1920-1931 (2000) = 725 p.
  • vol. IV Breve 1932-1942 (2005) = 882 p.
  • Stefan Zweig - Friderike Zweig. "Wenn einen Augenblick die Wolken weichen." Briefwechsel 1912-1942, hrsg. von Jeffrey B. Berlin und Gert Kerschbaumer (Francoforte aM: S. Fischer Verlag 2006), 448 p.

Adattamenti

  • L'artista Jeff Gabel ha creato un adattamento in lingua inglese di Vierundzwanzig Stunden aus dem Leben einer Frau in un formato a fumetti su larga scala nel 2004, intitolato 24 ore nella vita di una donna.
  • Un adattamento di Stephen Wyatt di Beware of Pity è stato trasmesso da BBC Radio 4 nel 2011.
  • Il film francese del 2013 A Promise (Une promesse) è basato sul romanzo di Zweig Journey into the Past (Reise in die Vergangenheit).
  • Il film svizzero del 2013 Mary Queen of Scots diretto da Thomas Imbach è basato su Maria Stuart di Zweig.
  • I titoli di coda del film del 2014 di Wes Anderson The Grand Budapest Hotel dicono che il film è stato ispirato in parte dai romanzi di Zweig. Anderson ha detto di aver "rubato" ai romanzi di Zweig Beware of Pity e The Post-Office Girl nello scrivere il film, e presenta gli attori Tom Wilkinson come The Author, un personaggio basato liberamente su Zweig, e Jude Law come il suo giovane, idealizzato auto visto nei flashback. Anderson ha anche detto che il protagonista del film, il concierge Gustave H., interpretato da Ralph Fiennes, era basato su Zweig. Nella sequenza di apertura del film, una ragazza adolescente visita un santuario dell'Autore, che include un suo busto che indossa occhiali da Zweig e celebrato come il "tesoro nazionale" del suo paese.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: