Simon Reinink (1966).

  • Professione: dal 02-2014 Direttore generale della Concertgebouw reale di Amsterdam.
  • Relazione con Mahler: Mahler Festival 2020 Amsterdam.
  • Corrispondenza con Mahler: No.
  • Nato: 27-06-1966 Linschoten Estate, Utrecht, Paesi Bassi.

Simon Reinink è cresciuto nella tenuta di Linschoten. Così ha lavorato quando era giovane nelle fattorie della tenuta. A 10 anni ha avuto anche l'idea di diventare un contadino. Suo zio gli consigliò comunque di avere una buona educazione. Reinink era appassionato di arte e cultura: suo padre era un professore di storia dell'arte e sua madre era un'artista. La tenuta è stata ora fusa in una fondazione di cui Reinink è presidente.

Durante la scuola universitaria Simon Reinink ha scoperto i suoi talenti e interessi. Successivamente ha scelto di studiare legge a Utrecht. Ha anche studiato musicologia per un anno. Reinink aveva una vita studentesca molto attiva. Inizialmente è andato all'associazione studentesca CS Veritas, ma è passato all'Utrecht Student Corps (USC). Questa si è rivelata una mossa d'oro, perché nell'ultimo anno del suo studio è diventato rettore del corpo durante l'anno lustro della USC. In questo ha imparato molto sulla gestione aziendale e sulla sponsorizzazione, cose che giocano un ruolo importante anche nel suo attuale lavoro di direttore della sala da concerto.

Quando Reinink ha completato la sua laurea in legge, ha deciso che la professione legale sarebbe stata una buona base per la sua carriera. Tuttavia, già considerava e aspirava a un lavoro come regista nel settore culturale. Ne parlò con l'allora direttore di Het Concertgebouw: Martijn Sanders. Gli consigliò di fare esperienza nel mondo degli affari. Ma prima Reinink ha svolto il tirocinio del suo avvocato. Lo ha fatto a De Brauw Blackstone.

Successivamente, ha voluto fare il passo nel mondo degli affari e quindi ha preso una strada diversa: ha iniziato a lavorare per la casa editrice Wolters Kluwer. Qui ha ricoperto diverse posizioni dirigenziali e ha così iniziato la sua carriera di manager di linea. Dopo otto anni ha continuato così, ma è rimasto nel mondo dell'editoria. Nel 2004 è diventato Direttore editore di ThiemeMeleunhoff. Due anni dopo Reinink è stato nominato da un commissario che conosceva per la lista lunga della posizione di direttore generale di Het Concertgebouw. Ha ottenuto quel lavoro. Reinink ha seguito "icon" Martijn Sanders. Sanders è stato amministratore delegato di Het Concertgebouw per un quarto di secolo.

Reinink amava molto la musica quando era giovane. Oltre ai suoi genitori che lo portavano al Concertgebouw fin dalla tenera età, suonava lui stesso anche uno strumento: la chitarra. Il suo insegnante e fratello, che è un musicologo, pensavano che fosse abbastanza bravo da andare al conservatorio, ma Reinink stesso aveva i suoi dubbi su questo.

Come accennato, ha studiato legge ed è poi finito nell'editoria. Grazie al suo attuale lavoro, alla fine è finito nel mondo della musica. Va a un concerto tre volte a settimana. A causa del suo lavoro spesso fa lunghe giornate e ha poco tempo per altre cose. Simon Reinink è sposato al momento della scrittura, nel 2014, e padre di due figli di dodici e quattordici anni. Per il suo lavoro si è trasferito da Utrecht ad Amsterdam.

11-2016: Articolo nella guida del programma 'Preludium' del Orchestra Royal Concertgebouw di Amsterdam (RCO)

2016. Mahler Festival 2020 Amsterdam. Matthew VanBesien (regista Orchestra Filarmonica di New York (NYPO / NPO)), Jaap van Zweden (1960) e Simon Reinink (1966) (la direttrice Concertgebouw reale di Amsterdam).

Traduzione dall'olandese: pubblicazione ufficiale a New York sull'apertura del Gustav Mahler Festival 2020 Amsterdam ***** a cura di Orchestra Filarmonica di New York (NYPO / NPO) con Sinfonia n. 1. Questa è la prima esecuzione di Orchestra Filarmonica di New York (NYPO / NPO) guidato dal suo nuovo direttore principale Jaap van Zweden (1960) in Amsterdam e il primo concerto del Gustav Mahler Festival 2020 Amsterdam *****. Jaap van Zweden (1960) è molto entusiasta: "Gustav Mahler, le Orchestra Filarmonica di New York (NYPO / NPO) e  Royal Concertgebouwio, e tutto questo nella mia città natale! ”.

Attraverso il livestream il Mahler Festival 2020 Amsterdam sarà condiviso con un vasto pubblico (internazionale). Link in diretta.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: