Portret di Saar de Swart (1861-1951) di George Hendrik Breitner.

  • Professione: scultrice.
  • Relazione con Mahler: incontro 27-10-1903, Anno 1903
  • Corrispondenza con Mahler: 
  • Nato: 06-08-1861 Arnhem, Paesi Bassi.
  • Indirizzo:  Villa De Hoeve, Laren, Paesi Bassi
  • Morto: 12-08-1951 Anacapri, Italia.
  • Sepolto: Capri, Italia.

Inoltre: Sara.

La ricca scultrice Sara de Swart fece amicizia con i giovani artisti del Movimento degli Ottanta alla fine del XIX secolo. Ha sostenuto molti di loro finanziariamente acquistando la loro pittura e scultura. Le è valso il soprannome di "muze der Tachtigers". Ma ha anche comprato opere da vari amici artisti stranieri. Così Sara de Swart ha costruito un'impressionante collezione d'arte con dipinti e sculture di Auguste Rodin, Odilon Redon, Émile Bernard, George Breitner, Isaac Israëls, Jan Toorop e molti altri.

A metà della sua vita, i problemi economici costrinsero Sara a vendere gran parte della sua collezione ea "fuggire" all'estero. Insieme alla sua compagna, l'artista Emilie van Kerckhoff, Sara si è stabilita sull'isola di Capri, dove ha vissuto in relativa povertà fino alla morte, quasi tagliata fuori dal mondo dell'arte.

1891 Saar de Swart (1861-1951). Foto di George Hendrik Breitner (1857-1923).

Capri. Emilie van Kerckhoff (1867-1960) (a sinistra) en Saar de Swart (1861-1951) (a destra), con la loro figlioccia Sara-Mila von Hausen-Tollet (1905-1939).

Saar de Swart (1861-1951). Ballerino balinese.

1947 Saar de Swart (1861-1951). Bufalo indiano.

L'ispirazione dei Tachtigers

per Saar de Swart

Sei nata come Elisabeth Sara Clasina de Swart il 6 agosto 1861 ad Arnhem. Il tuo indicativo di chiamata era Saar. Tuo padre era il pittore e disegnatore Corstianus Hendrikus de Swart e tua madre era Elisabeth Sara Yntema. Eri figlio unico e sei cresciuto a Villa Mariaburg ad Arnhem. Tua madre era la figlia di JW Yntema, libraio, editore ed editore degli esercizi della Lettera Vaderlandsche. Il matrimonio dei tuoi genitori è stato infelice e anche la tua infanzia. Sei stato cresciuto in maniera mennonita. Non sei andato a scuola. Tua madre ti ha insegnato lingua e letteratura e tuo padre ti ha insegnato le materie artistiche. Hai anche imparato a leggere la musica ea suonare il piano. Tua madre morì nel 1884 e grazie alla tua eredità potresti frequentare il corso di modella. Intorno al 1887 hai seguito per un breve periodo il corso di modellismo presso la Rijksnormaalschool voor Kunstnijverheid di Amsterdam.

Nel 1888 hai lasciato il corso di modellismo e sei andato a studiare con lo scultore Lambertus Zijl (1866 - 1947), che tra l'altro ha realizzato il Monumento alla regina Emma. Nel 1888 sei andato a vivere al Westeinde in stanze, insieme al tuo amico Baukje di Mesdag. Prima di allora hai vissuto con i parenti. Altrove in città avevi un piccolo studio. Hai preso parte alla vita culturale e notturna dei Tachtigers Jan Veth, Willem Kloos, Alphons Diepenbrock e Willem Witsen. Hai comprato i loro lavori e le loro riviste. Alcuni Tachtigers ti hanno sostenuto finanziariamente. Sei stato interpretato da George Breitner e Jan Veth. Willem Paap è stato ispirato da te e Esther Luzas, il personaggio principale di "Vincent Haman", è basato su di te. Il pittore Eduard Karsen era follemente innamorato di te, ma non aveva possibilità perché eri lesbica. Anche Willem Kloos era innamorato di te.

Nel settembre 1889 andò a Parigi con Baukje, dove incontrò Vincent van Gogh, Émile Bernard e Odillon Redon insieme ad Auguste Rodin. In parte grazie a voi, l'Haagse Kunstkring nel 1894 dedicò una mostra a Redon. Hai anche sostenuto gli scrittori Maurice Maeterlinck e Aurélien Lugné-Poe. Andavi regolarmente nei bar-cabaret dello Chat Noir e del Mirliton. A volte tornavi ad Amsterdam, dove Karsen continuava a perseverare nel suo amore per te. Quando ha capito che eri lesbica, il rifiutato Karsen si è vendicato calunniando te ei tuoi amici. Il 12 ottobre 1891, la corte di un amico nel Café Suisse Karsen non ebbe successo. Lo scrittore Jan Engelman ti ha definito "La musa degli anni Ottanta". Karsen ha continuato a prendere le tazze per il resto della sua vita. Dal 1892 al 1894 hai vissuto con la tua ragazza Anna Vis a Rotterdam, sopra un bar per marinai sulla Stieltjeskade.

Nell'autunno del 1894 gli amici si trasferirono all'Oosterpark di Amsterdam in una casa di Willem Witsen, dove si riunivano i Tachtiger, dove bevevano immensamente e da dove si lanciavano nei pub e nei bordelli. Tu e Anna vi siete presi cura dell'alcolizzato depresso Willem Kloos, insieme al vostro vicino di casa, il pittore Isaac Israëls e la femminista Annette Versluys-Poelman. Tuo padre morì nel 1897. Kloos alla fine fu assorbito, soffrendo di deliri e psicosi. La futura moglie di Willem, Jeanne, ti disprezzava e odiava la tua libertà artistica. Ha anche rovinato e giustiziato Willem. Che Willem in seguito ti abbia denunciato, dice tutto sulla sua sessualità gay oppressa. In sostanza, doveva molto ai tuoi ispiratori auraglan, ma il suo ostinato risentimento lo negava.

Dal 1898 al 1914 hai vissuto con la tua ultima compagna Emilie van Kerckhoff a villa De Hoeve a Laren. Emilie era un'acquarellista e artista dell'ago. Ha ricevuto, tra gli altri, Emile Bernard, Gustav Mahler e Lodewijk van Deyssel. Avevi una bella collezione di arte e antiquariato. Avevi lavori di Anton Derkinderen, Jan Toorop, Breitner, Rodin e Redon.

Con Emilie hai viaggiato in Indonesia, Giappone, India ed Egitto. Nel 1914 ti trasferisci in Italia per ragioni economiche, prima a Roma, dove Emilie e tu ci siamo separati. Nel borgo di Anacapri a Capri avete vissuto entrambi, ma separatamente. Nel 1927 vivevi in ​​un piccolo monolocale vicino a Casa Surya, finanziato tra l'altro da Henriette Roland Holst. Hai finito i soldi e qualche volta hai venduto dei lavori da modella. Ti sei preso cura del giardino di Emilie. Nella seconda guerra mondiale tu e Emilie siamo stati a Roma con le diaconesse tedesche. Dopo la guerra sei tornato a Capri, dove il poeta Jan Engelman è venuto a stare con te due volte. Il 12 agosto 1951 sei morto a Capri. Avevi 90 anni e sei stato sepolto nel cimitero di Anacapri.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: