Oskar Fritto (1871-1941).

Gustav Mahler e Oskar Fritto (1871-1941) in piedi davanti a una foto di Arthur Nikisch (1855-1922). Foto Mahler / Fried scattata l'08-11-1905 a Berlino.

Oskar Fried era un direttore d'orchestra e compositore tedesco. Ammiratore di Gustav Mahler, Fried fu il primo direttore d'orchestra a registrare una sinfonia di Mahler. Fried deteneva anche il primato di essere il primo direttore d'orchestra straniero ad esibirsi in Russia dopo la rivoluzione bolscevica. Alla fine lasciò la sua patria per lavorare in Unione Sovietica dopo l'ascesa politica del partito nazista di Adolf Hitler e divenne cittadino sovietico nel 1940.

Nato a Berlino, figlio di un negoziante ebreo, ha lavorato come clown, garzone di stalla e addestratore di cani prima di studiare composizione con Iwan Knorr (1891-92, Hoch Conservatory) ed Engelbert Humperdinck (come studente privato) a Francoforte. Successivamente si trasferisce a Düsseldorf per studiare pittura e storia dell'arte. Dopo un periodo a Parigi, tornò a Berlino nel 1898 per studiare il contrappunto con Xaver Scharwenka.

L'esecuzione della sua composizione Das trunkene Lied (“The Drunken Song”) per coro e orchestra portò Fried al suo primo successo di pubblico e portò alla sua nomina nel 1904 a direttore di una società corale di Berlino.

  • 1905 Vienna: Oscar Fried incontrò per la prima volta Gustav Mahler;
  • 08-11-1905 Berlino: L'incontro a Vienna è sfociato nell'invito a dirigere la Sinfonia "Resurrection" di Mahler a Berlino l'08-11-1905. Come direttore d'orchestra, Oskar Fried non era un grande tecnico; ma era molto devoto alla musica di Mahler. Fu su suggerimento dello stesso Mahler che Fried diresse un'esecuzione della Seconda Sinfonia a Berlino. Mahler ha assistito alla prova generale e, secondo Otto Klemperer, che era a capo della band fuori dal palco, ha dato a Fried un coaching dell'ultimo minuto sui tempi e lo stile del lavoro tra la prova e la performance;
  • 1906 San Pietroburgo: Oscar Fried introduce la Russia alla musica di Mahler quando esegue la stessa opera a San Pietroburgo;
  • 1907 Berlino: fino al 1910, Fried diresse una società corale nota come Sternscher Gesangverein a Berlino;
  • 1913 Berlino: Fried dirige la Filarmonica di Berlino nella seconda esecuzione della Nona sinfonia di Mahler;

Oskar Fritto (1871-1941).

La prima registrazione di una Mahler Sympony (No.2), 1923 o 1924

Nel 1923 o 1924, Fried registrò la sinfonia. Questa è stata un'impresa estremamente avventurosa per una registrazione acustica. Non solo è stato realizzato interamente senza il vantaggio dei microfoni, ma con 83 minuti è stato anche il brano musicale più lungo registrato fino a quel momento. Nonostante i limiti naturali della registrazione acustica, la registrazione ha un grande successo e può essere ottenuta solo mediante un'attenta pianificazione e sperimentazione.

L'equilibrio è generalmente soddisfacente, con l'eccezione di un paio di punti nel primo movimento, come l'oboe alla battuta 131, e il flauto e il violino solista nelle battute 217 - 221. Come è normale per le registrazioni acustiche, la tuba a volte può essere sentito aiutare la linea di basso e gli strumenti a percussione sono i più compromessi. Mentre i timpani suonano bene e sono ben accordati, i piatti, quando sono udibili, suonano più come uno slapstick. Nello Scherzo, il Ruthe (una spazzola di betulla usata per battere il bordo della grancassa) doveva chiaramente essere avvicinato al corno di registrazione, e il triangolo è stato sostituito da campane tubolari intonate che in alcuni punti sono sorprendentemente forti.

Nel realizzare la prima registrazione in assoluto di una sinfonia di Mahler, Fried deve aver sicuramente cercato di seguire il consiglio dettagliato che Mahler gli diede al riguardo quasi vent'anni prima:

  • Fried è l'unico direttore d'orchestra che ho sentito nelle registrazioni che segue alla lettera le istruzioni di Mahler alla battuta 235 del primo movimento (Immer noch etwas vorwärts - premendo sempre in avanti). Altri direttori rimangono a tempo da questo punto per le successive otto battute, mentre Fried si precipita a capofitto nell'abisso, giustificando pienamente il climax e la disintegrazione che seguono. Il tempo all'inizio di questo estratto è di circa MM 72 per il minimo (mezza nota). Alla fine del passaggio Fried ha raggiunto circa MM 108, un aumento del 50%.
  • È evidente che Fried assegna le battute 601 - 611 del finale al contralto, piuttosto che al soprano specificato nella partitura. Mahler aveva suggerito a Fried di farlo per il suo concerto a Berlino, scrivendogli: "Ho sempre questo brano cantato dal solista la cui voce è più adatta alla musica ..." Dopo l'entrata del contralto nelle battute 560 - 587 (O glaube , mein Herz), c'è un breve intermezzo e la voce successiva (O glaube: Du wardst nicht umsonst geboren!) è chiaramente cantata dalla stessa cantante di contralto (Emmy Leisner).

Più tardi

Nel 1922 andò in URSS come primo direttore straniero invitato ad esibirsi dopo la rivoluzione russa e fu accolto da Lenin sul marciapiede della stazione. Nel 1924, ha fatto la prima registrazione di qualsiasi sinfonia di Mahler, la Seconda, con la Staatskapelle di Berlino in una performance che è stata elogiata come "notevole successo" e "un'impresa altamente avventurosa per una registrazione acustica" che ha richiesto "un'attenta pianificazione e sperimentazione ". Nello stesso anno, ha anche realizzato la prima registrazione di una sinfonia completa di Bruckner: la sua settima.

Nel novembre 1927, su invito del pianificatore del programma della BBC e del suo ex studente Edward Clark, fece il suo debutto come direttore d'orchestra britannico, in un programma di Weber, Brahms e Liszt a Londra.

Festa di compleanno in onore di Maurice Ravel a New York, 08-03-1928. Da sinistra a destra: Oskar Fritto (1871-1941), Eva Gauthier, Joseph Maurice Ravel (1875-1937) (al pianoforte), Manoah Leide-Tedesco e George Gershwin.

Spinto dalla Germania dall'antisemitismo del regime nazista nel 1934, emigrò nella città georgiana di Tbilisi, nell'Unione Sovietica. Ha diretto l'opera di Tbilisi e successivamente l'Orchestra Sinfonica della Radio di Mosca, diventando infine cittadino sovietico. Morì a Mosca nel 1941.

Più

Oskar Fried ha mostrato una forte capacità musicale da bambino, imparando a suonare il piano, il violino e il corno. Proveniente da un ambiente umile, fu presto incoraggiato a guadagnare denaro attraverso le sue abilità musicali, cosa che fece suonando in orchestre amatoriali a Berlino. Lasciò Berlino per Francoforte nel 1889, dove inizialmente suonò il corno nella Palmgarten Orchestra prima di unirsi all'orchestra del Teatro dell'Opera di Francoforte e prendere lezioni di composizione con Engelbert Humperdinck. Ha scritto un fantasy orchestrale basato sul lavoro più noto di Humperdinck, l'opera Hänsel und Gretel, e ha anche realizzato arrangiamenti per pianoforte e orchestra dello stesso lavoro per Editori musicali Schott. Fried ha anche trascorso un po 'di tempo a Monaco, dove ha ricevuto lezioni e consigli da diversi musicisti, tra cui Hermann Levi. La sua prima grande composizione, un'ambientazione della Verklärte Nacht per mezzo, tenore e orchestra di Richard Dehmel, apparve nel 1901, non molto tempo dopo l'opera di Arnold Schoenberg del 1899 con quel nome per sestetto d'archi, ispirata allo stesso testo. Altri studi sulla composizione seguirono con Scharwenka a Berlino, dove Fried godette di grandi consensi nel 1904 quando Karl Muck (1859-1940) ha diretto l'Orchestra Filarmonica di Berlino e il Coro Wagnerverein nella sua ambientazione di Das trunkene Lied di Nietzsche, tratto da Also Sprach Zarathustra. Ha seguito questo con un'altra impostazione di Dehmel, Erntelied per coro maschile e orchestra.

Sempre nel 1904 Fried iniziò a dirigere, inizialmente con la Stern Choral Society, dove Otto Klemperer era l'accompagnatore e suo vice. Dopo aver ottenuto un grande successo con il coro nel 1905 in un'esecuzione di Die Legende von der Heiligen Elisabeth di Liszt, è stato di conseguenza invitato a dirigere il Neuen Konzerte a Berlino, e nello stesso anno ha diretto una esecuzione molto apprezzata della Sinfonia n. 2 "Resurrection", in cui Klemperer dirigeva la band fuori dal palco. Lo stesso Mahler era tra il pubblico per questa performance e in seguito ha commentato che non avrebbe potuto dirigere meglio il movimento di scherzo. A questa esibizione Fried evidentemente finì il tempo per le prove, e prima della performance vera e propria disse ai membri dell'orchestra: “Questa sera userò tempi completamente diversi. Per favore seguimi ”, dando così un'idea degli atteggiamenti contemporanei nei confronti della performance.

Fried si stava ormai affermando come direttore: a Berlino diresse la Gesellschaft der Musikfreunde tra il 1907 e il 1910 e l'Orchestra Blüthner dal 1908. I suoi contemporanei ammiravano la sua disciplina e la sua conoscenza degli strumenti orchestrali, ei suoi programmi erano decisamente contemporanei: era il unico direttore d'orchestra tedesco a presentare costantemente nuove opere a Berlino nel primo ventennio del secolo scorso. Tra i suoi concerti c'erano opere di Busoni, Delius, Pfitzner, Scriabin, Schoenberg e Richard Strauss; fu a Fried che Busoni dedicò la sua Nocturne Symphonique del 1912. Fried studiò anche tutte le sinfonie di Mahler con lo stesso compositore, dirigendo le prime berlinesi delle Sinfonie n. 6 (1906) e 8 "Sinfonia dei mille" (1910).

Con la crescita della reputazione di Fried, aumentò anche la domanda internazionale per i suoi servizi come direttore d'orchestra, al punto che nel 1913 decise di rinunciare del tutto alla composizione. Nello stesso anno, insieme ad altri direttori contemporanei, è stato invitato dalla Messler Film Company di Berlino a dirigere sul mezzo relativamente nuovo del cinema muto; ma mentre agli altri direttori fu chiesto di dirigere brevi aperture, Fried fu invitato a eseguire la Sinfonia Fantastica completa di Berlioz. Evidentemente questo film ha avuto una forte impressione su un altro importante direttore d'orchestra contemporaneo, Felix Weingartner, egli stesso un noto esponente di questo lavoro. Dopo la prima guerra mondiale, la difesa della musica di Mahler da parte di Fried continuò e nel 1920 diresse un ciclo completo delle sinfonie a Vienna. L'anno successivo, dopo aver diretto la prima esecuzione russa della Sinfonia "Resurrezione" di Mahler a San Pietroburgo nel 1906, fu personalmente accolto in Russia da Lenin come il primo grande musicista occidentale a visitare il nuovo stato socialista. Ha continuato a fare più di venti altre visite.

Con la crescente concorrenza nel settore discografico, Fried è stato invitato a registrare diversi lavori su larga scala della compagnia tedesca Polydor. Queste includevano le prime registrazioni, effettuate nel 1924, della Sinfonia n. 2 di Mahler, Eine Alpensinfonie di Richard Strauss e della Sinfonia n. 7 di Bruckner, con l'orchestra dell'Opera di Stato di Berlino, la Staatskapelle di Berlino; ha anche stabilito un repertorio consolidato come la Sinfonia n. 3 di Beethoven e la Sinfonia n. 1 di Brahms. L'apparizione di Fried sull'etichetta Polydor, insieme ad altri importanti musicisti tedeschi del periodo come Richard Strauss, Hans Pfitzner e Wilhelm Furtwängler, consolidò la sua reputazione. Ha fondato e diretto l'Orchestra Sinfonica di Berlino (in realtà l'Orchestra Blüthner in altre forme) durante le stagioni 1925 e 1926 e successivamente ha effettuato tournée in Europa, Unione Sovietica e Stati Uniti. Continuò la sua collaborazione con la Polydor, registrando nel 1928 un memorabile resoconto con la Staatskapelle di Berlino della Sinfonia n. 9 "Choral" di Beethoven, per rivaleggiare con la prima registrazione di Weingartner, realizzata nel 1926, dello stesso lavoro per l'etichetta Columbia. Altre registrazioni di questo periodo per Polydor includevano potenti resoconti di Les Préludes e Mazeppa di Liszt e la Suite del balletto di Stravinsky The Firebird, tutti con l'Orchestra Filarmonica di Berlino. Fried ha anche registrato la Sinfonia n. 6 "Pathétique" di Tchaikovsky, con l'Orchestra della Royal Philharmonic Society for Columbia.

L'ascesa al potere nel 1933 in Germania del Partito nazionalsocialista, con le sue politiche razziste, rese impossibile a Fried, un ebreo, rimanere in quel paese. A differenza della maggior parte dei musicisti nella stessa situazione, scelse di andare a est piuttosto che a ovest, stabilendosi a Mosca nel 1934. Fu presto nominato direttore principale dell'Opera Tiflis e terminò la sua carriera come direttore principale della USSR State Symphony Orchestra. Una registrazione di una trasmissione del 1937 di Fried che dirige questa orchestra in un'esecuzione della Symphonie Fantastique di Berlioz testimonia i suoi continui e straordinari poteri come interprete della musica orchestrale romantica. Divenne cittadino sovietico nel 1941, anno della sua morte.

Otto Klemperer ha descritto Fried come "un brillante direttore e un compositore estremamente dotato". Il suo stile di direzione può sembrare sfrenato all'orecchio moderno, ma forse lo è meno a quello dei suoi contemporanei, ai quali le brusche fluttuazioni di tempo, l'applicazione coerente di un sottile rubato e forti contrasti dinamici erano tutti più comuni nell'esecuzione. Fried cambiava spesso le sue interpretazioni, sperimentando costantemente. Le sue registrazioni dimostrano chiaramente l'individualità dell'interpretazione, caratterizzata da una grande flessibilità di fraseggio, che fiorì fino alla metà del secolo scorso e con la quale i musicisti venivano giudicati prima che sorgesse il concetto di `` singola esecuzione definitiva '', esso stesso un prodotto dello sviluppo strategie di marketing dell'industria discografica.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: