Max Klinger (1857-1920). Ritratto di Emil Orlik (1870-1932) 1902.

  • Professione: Sculpter, pittore.
  • Residenze: Lipsia, Karsruhe.
  • Relazione con Mahler: 
  • Corrispondenza con Mahler: 
  • Nato: 18-02-1957 Lipsia, Germania.
  • Morto: 05-07-1920, Grossjena, Naumburg (Saale), Germania.
  • Sepolto: 08-07-1920 Weinberg, Naumburg (Saale) Germania.

Max Klinger era un pittore, scultore, incisore e scrittore simbolista tedesco. Klinger è nato a Lipsia e ha studiato a Karlsruhe. Ammiratore delle acqueforti di Menzel e Goya, divenne in breve un abile e fantasioso incisore a pieno titolo. Ha iniziato a creare sculture all'inizio del 1880. Dal 1883 al 1893 visse a Roma e divenne sempre più influenzato dal Rinascimento e dall'antichità italiani.

La sua opera più nota è una serie di dieci incisioni intitolata Parafrasi sul ritrovamento di un guanto (stampata nel 1881). Queste immagini erano basate su immagini che arrivavano a Klinger in sogno dopo aver trovato un guanto in una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Nel dispositivo leitmotivico di un guanto - appartenente a una donna di cui non vediamo mai il viso - Klinger ha anticipato la ricerca di Freud e Krafft-Ebing sugli oggetti fetish.

In questo caso, il guanto diventa un simbolo delle aspirazioni romantiche dell'artista, trovandosi, in ogni piatto, in diverse situazioni drammatiche, e recitando il ruolo che potremmo aspettarci che la figura stessa dell'amato svolga. I semiotici hanno anche visto nel simbolo del guanto un esempio di significante scorrevole, o significante senza significato - in questo caso, l'identità della donna che Klinger sta attento a nascondere. Le tavole suggeriscono vari stati psicologici o crisi esistenziali affrontate dall'artista protagonista (che ha una sorprendente somiglianza con il giovane Klinger).

Parafrasi sul ritrovamento di un guanto di Max Klinger (1857-1920). Stampato nel 1881.

Klinger viaggiò a lungo nei centri d'arte d'Europa per anni prima di tornare a Lipsia nel 1893. Dal 1897 si concentrò principalmente sulla scultura; la sua statua in marmo di Beethoven era parte integrante della mostra sulla Secessione viennese del 1902.

Beethoven (gesso) di Max Klinger (1857-1920) 1902.

1902 Statua di Beethoven alla Secessione

La quattordicesima mostra della Secessione viennese, dedicata a Ludwig van Beethoven, fu uno degli spettacoli più frequentati e apprezzati del movimento. I Secessionisti hanno rivelato le loro idee sull'arte, lo spazio e l'esperienza attraverso vari contributi artistici che rendevano omaggio al grande compositore.

Anno 1902Ludwig van Beethoven (1770-1827) statua di Max Klinger (1857-1920)Secessione (associazione).

Alla mostra hanno partecipato in totale ventuno artisti. Due dei più riconoscibili erano Max Klinger, un membro onorario della Secessione di Lipsia, e Gustav Klimt, il presidente della Secessione. La statua di Klinger di Beethoven era il fulcro della mostra e, come tale, è stata collocata al centro della sala principale della Secession House. Il fregio di Klimt era originariamente pensato per integrare il pezzo di Klinger, ma in seguito divenne il più famoso dei due e una delle opere più riconoscibili di Klimt.

Anno 1902Ludwig van Beethoven (1770-1827) statua di Max Klinger (1857-1920)Secessione (associazione).

La statua di Klinger di Beethoven è stata duramente criticata. Mentre il più venerato Beethoven come un moderno padre della musica, Klinger ha scelto di raffigurare l'icona nuda e accovacciata. La maggior parte dei critici internazionali e viennesi trovavano l'interpretazione di Klinger di Beethoven confusa, se non repellente. Uno ha scritto: “L '' Omaggio 'che la Secessione esalta sulla statua di Beethoven di Max Klinger. . . rivela inconfondibilmente che non potevano pensare a un onore più grande per Beethoven che ficcarlo nel mezzo di uno stabilimento balneare assiro ”(Celenza,“ Music and the Vienna Secession: 1897–1902 ”, 210).

Sebbene la maggior parte dei critici non abbia compreso la rappresentazione di Klinger (le recensioni della comunità musicale viennese sono decisamente assenti), alcuni hanno riconosciuto la magnificenza della scultura e hanno riconosciuto il suo simbolismo dettagliato. Klinger aveva dedicato quindici anni (e un investimento significativo di 150,000 marchi) alla sua visione.

Sul retro del trono compaiono scene bibliche, una delle quali, secondo alcuni studiosi, raffigura Beethoven come Giovanni Evangelista, tesi sostenuta dall'aquila (simbolo biblico di Giovanni) vicino ai piedi di Beethoven. La statua è realizzata con i migliori marmi, avorio e bronzo e pesa 5,000 chili.

Anno 1902Ludwig van Beethoven (1770-1827) statua di Max Klinger (1857-1920)Secessione (associazione).

La summenzionata critica secondo cui la statua di Klinger assomiglia a un frequentatore di stabilimenti balneari assiro, tuttavia, non è infondata; piuttosto, rivela un obiettivo particolare dei Secessionisti: creare Raumkunst o "arte spaziale". Gli uomini della Secessione volevano che la loro mostra (l'edificio, l'arte, i mobili e persino il "terzo spazio" della stampa a stampa) fosse un'esperienza spaziale onnicomprensiva per lo spettatore - qualcosa che si potesse astrattamente paragonare al momento accattivante di entrare in uno stabilimento balneare.

Con questo obiettivo in mente, i Secessionisti progettarono la sala principale, la casa della statua di Klinger, come un Tempelkunst o un luogo specificamente progettato per completare l '"essenza visiva e filosofica" di un'opera d'arte ("Music and the Vienna Secession: 1897 -1902, "208). Simile forse a un tempio assiro piuttosto che a uno stabilimento balneare, la sala principale era un luogo di venerazione.

Anno 1902Ludwig van Beethoven (1770-1827) statua di Max Klinger (1857-1920)Secessione (associazione).

L'obiettivo dei secessionisti di fornire una mostra esperienziale, tuttavia, non è iniziato e terminato con l'edificio, la stampa e il design degli interni. Anche le opere d'arte erano esse stesse intrise di questa idea. Richard Wagner, il direttore di una delle più famose esecuzioni della Nona Sinfonia di Beethoven (1846), ha coniato il termine "musica assoluta" nel libretto del programma dello spettacolo. Il termine si riferisce a un brano musicale, come la Nona Sinfonia di Beethoven, che è così completo in sé e per sé da essere quasi perfetto.

Wagner, insieme ad alcuni contemporanei (in particolare Friedrich Nietzsche), rifiutò questa idea di "musica assoluta". Invece, ha promosso l'idea che la musica trascendente come la Nona Sinfonia di Beethoven abbia bisogno di parole, in particolare poesia, affinché le persone possano comprendere appieno il pezzo.

A tal fine, Wagner ha inserito il Quarto Movimento del Nono di Beethoven nella poesia di Friedrich Schiller "Ode to Joy". Il rifiuto di Wagner della "musica assoluta" ha influenzato le idee dei secessionisti sul loro spazio espositivo, e anche in particolare Gustav Klimt, che ha modellato parte del suo famoso Fregio di Beethoven, un segmento denominato "Inno alla gioia (Questo bacio a tutto il mondo), ”Dopo le idee alla base della performance di Wagner del 1846.

Anno 1902Ludwig van Beethoven (1770-1827) statua di Max Klinger (1857-1920)Secessione (associazione).

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: