Karl Goldmark (1830-1915).

  • Sigfrido Lipiner (1856-1911) ha scritto un libretto per la sua opera Merlin.
  • Membro della giuria del premio Beethoven 15-12-1881 Anno 1881 che ha rifiutato Gustav Mahler.
  • Figura di spicco nel mondo della musica viennese.
  • Gustav Mahler non amava molto la sua musica.

Più

Karl (Carl) Goldmark, nato come Karoly Goldmark e successivamente noto come Carl Goldmark, era un compositore ungherese. Goldmark proveniva da una numerosa famiglia ebrea, uno di 20 bambini. Suo padre, Ruben Goldmark, era un chazan della congregazione ebraica di Keszthely, in Ungheria, dove nacque Karl. Il fratello maggiore di Karl Goldmark, Joseph Goldmark, divenne medico e in seguito fu coinvolto nella rivoluzione del 1848 e costretto a emigrare negli Stati Uniti. La prima formazione di Karl Goldmark come violinista fu all'accademia musicale di Sopron (1842–44).

Qui continuò i suoi studi musicali e due anni dopo fu mandato dal padre a Vienna, dove poté studiare per circa diciotto mesi con Leopold Jansa prima che finisse i soldi. Si preparò per l'ingresso prima alla Vienna Technische Hochschule e poi al Conservatorio di Vienna per studiare il violino con Joseph Böhm e l'armonia con Gottfried Preyer. La rivoluzione del 1848 costrinse il Conservatorio a chiudere i battenti. Era in gran parte un autodidatta come compositore.

Si è sostenuto a Vienna suonando il violino in orchestre teatrali, al Carlstheater e all'istituzione viennese sostenuta privatamente, il Theater in der Josefstadt, che gli ha dato esperienza pratica con l'orchestrazione, un'arte che ha più che imparato. Ha anche dato lezioni: Jean Sibelius ha studiato brevemente con lui. Il primo concerto di Goldmark a Vienna (1858) incontrò ostilità e tornò a Budapest, tornando a Vienna nel 1860.

Per sbarcare il lunario, Goldmark ha anche intrapreso una carriera secondaria come giornalista musicale. "La sua scrittura si distingue per la sua equa promozione sia di Brahms che di Wagner, in un momento in cui il pubblico (e la maggior parte dei critici) era saldamente nel campo di un compositore o dell'altro e vedeva quelli dalla parte opposta con ostilità palese". (Liebermann 1997) Johannes Brahms e Goldmark hanno sviluppato un'amicizia mentre cresceva l'importanza di Goldmark a Vienna. Goldmark, tuttavia, alla fine avrebbe preso le distanze a causa della personalità pungente di Brahms.

Tra le influenze musicali assorbite da Goldmark c'era quella inevitabile, per un colorista musicale, di Richard Wagner, il cui antisemitismo ostacolava ogni genuino calore tra loro; nel 1872 Goldmark ha assunto un ruolo di primo piano nella formazione della Vienna Wagner Society. È stato nominato membro onorario della Gesellschaft der Musikfreunde, ha ricevuto un dottorato onorario dall'Università di Budapest e ha condiviso con Richard Strauss l'appartenenza onoraria all'Accademia di Santa Cecilia, Roma.

Joseph Hellmesberger Sr. (1828-1893) presenta il punteggio Karl Goldmark (1830-1915), organizzato da Giulio Epstein (1832-1926).

L'opera di Goldmark Die Königin von Saba ("La regina di Saba"), op. 27 fu celebrato durante la sua vita e per alcuni anni dopo. Eseguita per la prima volta a Vienna il 10 marzo 1875, l'opera ebbe un tale successo che rimase nel repertorio della Staatsoper di Vienna ininterrottamente fino al 1938. Scrisse anche altre sei opere (vedi elenco).

The Rustic Wedding Symphony (Ländliche Hochzeit), op. 26 (prima assoluta nel 1876), opera conservata nel repertorio di Sir Thomas Beecham, comprende cinque movimenti, come una suite composta da poesie coloristiche: una marcia nuziale con variazioni raffiguranti gli invitati al matrimonio, una canzone nuziale, una serenata, una dialogo tra gli sposi in un giardino e un movimento di danza.

Il suo Concerto per violino n. 1 in la minore op. 28, una volta era il suo pezzo più suonato. Il concerto ebbe la sua prima a Brema nel 1877, inizialmente godette di grande popolarità e poi scivolò nell'oscurità. Un'opera molto romantica, ha una marcia magiara nel primo movimento e passaggi che ricordano Dvo? Ák e Mendelssohn nel secondo e terzo movimento. Ha iniziato a rientrare nel repertorio, attraverso le registrazioni di solisti di violino di spicco come Itzhak Perlman e Joshua Bell. Nathan Milstein ha anche sostenuto il lavoro e la registrazione di Milstein del Concerto (1963) è ampiamente considerata quella definitiva. Goldmark ha scritto un secondo concerto per violino, ma non è mai stato pubblicato.

Una seconda sinfonia in mi bemolle op. 35, è molto meno noto. (Goldmark scrisse anche una prima sinfonia in do maggiore, tra il 1858 e il 1860 circa. A quest'opera non fu mai assegnato un numero d'opera, e sembra che solo lo scherzo sia mai stato pubblicato.)

La musica da camera di Goldmark, in cui le influenze di Schumann e Mendelssohn sono fondamentali, sebbene accolta positivamente dalla critica nel corso della sua vita, è ora raramente ascoltata. Include il quintetto d'archi in la minore op. 9 che ha fatto la sua prima fama a Vienna, la Sonata per violino in re maggiore op. 25, due quintetti per pianoforte in si bemolle maggiore op. 30 e do diesis minore, op. 54, la Sonata per violoncello op. 39, e il lavoro che per primo ha portato il nome di Goldmark alla ribalta nel mondo musicale viennese, il Quartetto per archi in si bemolle op. 8 (la sua unica opera in quel genere).

Goldmark ha composto anche musica corale, due suite per violino e pianoforte (in re maggiore, op.11 e in mi bemolle maggiore, op.43) e numerose aperture di concerti, come la Sakuntala Overture op. 13 (un'opera che ha consolidato la sua fama dopo il suo Quartetto per archi), la Penthesilea Overture op. 31, l'Ouverture In the Spring op. 36, l'Ouverture Prometeo incatenato op. 38, la Saffo Overture op. 44, l'Ouverture In Italy op. 49, e l'Aus jungendtagen Overture, op. 53. Altre opere orchestrali includono il poema sinfonico Zrínyi, op. 47, e due scherzi orchestrali, in mi minore, op. 19 e in la maggiore op. 45.

Anche il nipote di Karl Goldmark, Rubin Goldmark (1872-1936), allievo di Dvo? Ák, fu un compositore, che trascorse la sua carriera a New York. Molti dei suoi manoscritti autografi sono nella collezione della National Széchényi Library, con la "G" numeri di catalogo allegati a varie opere (comprese quelle senza numero di opera.)

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: