Jan Raes (1959).

Jan Raes ha studiato flauto al Conservatorio di Anversa e alla Rijksuniversiteit Gent. La sua carriera musicale come flautista comprendeva esibizioni da solista, concerti di musica da camera e registrazioni. Ha anche fatto musica in varie orchestre.

Nel 1984 Jan Raes è diventato docente al Royal Flemish Conservatory di Anversa. Dal 1997 è direttore artistico. Ha inoltre fatto parte del Consiglio di amministrazione dell'Università di scienze applicate di Anversa. È co-fondatore del Flanders Operastudio e leader del KBC AQUARIUS Project, un progetto artistico-pedagogico per i giovani. Dal 2003 al 2009 è stato presidente della giuria del KBC Music Prize.

Nel 2000 è diventato direttore di crisi e successivamente intendente della Royal Philharmonic Orchestra of Flanders. In quel periodo lui e il direttore d'orchestra Philippe Herreweghe presero l'iniziativa di rinnovare la Queen Elisabeth Hall ad Anversa. Dal 2004 alla fine del 2008 è stato direttore generale della Rotterdam Philharmonic Orchestra e del Gergiev Festival. In quel periodo ha nominato il canadese Yannick Nézet-Séguin come nuovo direttore principale.

Nel dicembre 2008 è diventato direttore generale della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam. In occasione del 125 ° anniversario, questo ensemble ha realizzato un giro del mondo su sua iniziativa nel 2013, che per la prima volta ha navigato lungo sei continenti. Per celebrare la polifonia e trasmettere l'esperienza, l'Orchestra Concertgebouw si esibirà 'Side by Side' insieme alle orchestre giovanili locali durante un tour 'RCO incontra l'Europa' tra il 2016 e il 2018 in tutti i 28 stati membri europei.

Nel 2015 è membro di vari forum: l'Advisory Board del Nexus Institute, il Supervisory Board del Conservatorio di Amsterdam, i Platform Ambassadors Music Education e il Supervisory Board di Amsterdam Marketing.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: