Jacques Offenbach (1819-1880).

  • Professione: violoncellista, impresario, compositore.
  • Residenze: Parigi, Vienna, Londra.
  • Relazione con Mahler:
  • Corrispondenza con Mahler:
  • Nato: 20-06-1819 Colonia, Germania.
  • Morto: 05-10-1880 Parigi, Francia.
  • Sepolto: Cimitero di Montmartre, Parigi, Francia.

Jacques Offenbach era un compositore, violoncellista e impresario francese di origine tedesca del periodo romantico. È ricordato per le sue quasi 100 operette degli anni 1850-1870 e la sua opera incompiuta The Tales of Hoffmann (Les contes d'Hoffmann, 1881). Ha avuto una forte influenza sui successivi compositori del genere dell'operetta, in particolare Johann Strauss, Jr. e Arthur Sullivan. Le sue opere più note sono state continuamente riprese durante il XX secolo e molte delle sue operette continuano ad essere messe in scena nel XXI. The Tales of Hoffman rimane parte del repertorio operistico standard.

Nato a Colonia, figlio di un cantore della sinagoga, Offenbach ha mostrato un talento musicale precoce. All'età di 14 anni, fu accettato come studente al Conservatorio di Parigi ma trovò gli studi accademici insoddisfacenti e se ne andò dopo un anno. Dal 1835 al 1855 si guadagnò da vivere come violoncellista, raggiungendo fama internazionale e come direttore d'orchestra. La sua ambizione, tuttavia, era quella di comporre pezzi comici per il teatro musicale. Trovando la direzione della compagnia dell'Opéra-Comique di Parigi disinteressata a mettere in scena le sue opere, nel 1855 prese in affitto un piccolo teatro sugli Champs-Élysées. Lì ha presentato una serie di suoi pezzi su piccola scala, molti dei quali sono diventati popolari.

Nel 1858 Offenbach produsse la sua prima operetta a figura intera, Orphée aux enfers ("Orpheus in the Underworld"), che fu eccezionalmente ben accolta ed è rimasta una delle sue opere più suonate. Durante il 1860, ha prodotto almeno 18 operette a figura intera, oltre a più pezzi in un atto. Le sue opere di questo periodo includevano La belle Hélène (1864), La vie parisienne (1866), La Grande-Duchesse de Gérolstein (1867) e La Périchole (1868). L'umorismo osé (spesso sull'intrigo sessuale) e le punte satiriche per lo più gentili in questi pezzi, insieme alla facilità di Offenbach per la melodia, li hanno resi noti a livello internazionale e le versioni tradotte hanno avuto successo a Vienna, Londra e altrove in Europa.

Offenbach divenne associato al Secondo Impero francese di Napoleone III; l'imperatore e la sua corte furono genialmente satirizzati in molte delle operette di Offenbach. Napoleone III gli concesse personalmente la cittadinanza francese e la Légion d'Honneur. Con lo scoppio della guerra franco-prussiana nel 1870, Offenbach si ritrovò in disgrazia a Parigi a causa dei suoi legami imperiali e della sua nascita tedesca. Tuttavia, ha avuto successo a Vienna e Londra. Si ristabilì a Parigi durante gli anni 1870, con revival di alcuni dei suoi primi preferiti e una serie di nuovi lavori, e intraprese un popolare tour negli Stati Uniti. Negli ultimi anni si è sforzato di finire The Tales of Hoffmann, ma è morto prima della prima dell'opera, che è entrata nel repertorio standard in versioni completate o editate da altri musicisti.

Jacques Offenbach (1819-1880) con il suo unico figlio, Auguste nel 1865.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: