Hans Pfitzner (1869-1949).

  • Professione: compositore, direttore d'orchestra.
  • Residenze: Berlino.
  • Relazione con Mahler:
  • Corrispondenza con Mahler:
  • Nato: 05-05-1869 Mosca, Russia.
  • Morto: 22-05-1949 Salisburgo, Austria. 80 anni.
  • Sepolto: 30-05-1949 Cimitero centrale (14C-16), Vienna, Austria.

Hans Erich Pfitzner era un compositore tedesco e si autodefinisce antimodernista. La sua opera più nota è l'opera post-romantica Palestrina, liberamente ispirata alla vita del grande compositore cinquecentesco Giovanni Pierluigi da Palestrina. Pfitzner è nato a Mosca, dove suo padre suonava il violino in un'orchestra teatrale. La famiglia tornò nella città natale di suo padre, Francoforte nel 1872, quando Pfitzner aveva due anni, e considerò sempre Francoforte la sua città natale. Ricevette le prime lezioni di violino da suo padre e le sue prime composizioni furono composte all'età di 11 anni. Nel 1884 scrisse le sue prime canzoni.

Hans Pfitzner (1869-1949).

Dal 1886 al 1890 studiò composizione con Iwan Knorr e pianoforte con James Kwast al Conservatorio Hoch di Francoforte. (In seguito sposò la figlia di Kwast Mimi Kwast, una nipote di Ferdinand Hiller, dopo che lei aveva rifiutato le avances di Percy Grainger.) Insegnò pianoforte e teoria al Conservatorio di Coblenza dal 1892 al 1893. Nel 1894 fu nominato direttore allo Stadttheater di Mainz dove ha lavorato per alcuni mesi. Erano tutti lavori a bassa retribuzione e Pfitzner lavorava come Erster (Primo) Kapellmeister con il Berlin Theatre des Westens quando fu nominato a un posto di modesto prestigio di direttore d'opera e capo del conservatorio di Straßburg (Strasburgo) nel 1908, quando Pfitzner aveva quasi quarant'anni.

Gustav Mahler (dietro) e Hans Pfitzner (a destra).

A Strasburgo Pfitzner ebbe finalmente una certa stabilità professionale, e fu lì che acquisì un potere significativo per dirigere le proprie opere. Considerava il controllo della regia come il suo dominio particolare, e questa visione gli avrebbe causato particolari difficoltà per il resto della sua carriera. L'evento centrale della vita di Pfitzner fu l'annessione dell'Alsazia imperiale - e con essa Strasburgo - da parte della Francia all'indomani della prima guerra mondiale. Pfitzner perse i mezzi di sostentamento e rimase indigente all'età di 50 anni.

Ciò ha indurito diversi tratti difficili nella personalità di Pfitzner: un elitismo che credeva di avere diritto a sinecure per i suoi contributi all'arte tedesca e per il duro lavoro della sua giovinezza, il noto imbarazzo sociale e una mancanza di tatto, una sincera convinzione che la sua musica fosse sotto riconosciuto e sottovalutato con la tendenza dei suoi simpatizzanti a formare culti intorno a lui, uno stile paternalistico con i suoi editori e la sensazione che fosse stato personalmente disprezzato dai nemici della Germania. La sua amarezza e il suo pessimismo culturale si sono approfonditi negli anni '1920 con la morte della moglie nel 1926 e la meningite del figlio maggiore Paul, impegnato in cure mediche istituzionalizzate.

Nel 1895, Richard Bruno Heydrich ha cantato il ruolo del titolo nella prima della prima opera di Hans Pfitzner, Der arme Heinrich, basata sull'omonima poesia di Hartmann von Aue. Più precisamente, Heydrich ha "salvato" l'opera. L'opera magnum di Pfitzner fu Palestrina, che ebbe la sua prima a Monaco il 12 giugno 1917 sotto la direzione del direttore ebreo Bruno Walter. Il giorno prima di morire, nel febbraio 1962, Walter dettò la sua ultima lettera, che terminava: “Nonostante tutte le oscure esperienze di oggi sono ancora fiducioso che Palestrina rimarrà. L'opera ha tutti gli elementi dell'immortalità ”.

Hans Pfitzner (1869-1949).

Facilmente la più celebre delle espressioni in prosa di Pfitzner è il suo opuscolo Futuristengefahr ("Il pericolo dei futuristi"), scritto in risposta a Schizzo per una nuova estetica della musica di Ferruccio Busoni. “Busoni”, si lamenta Pfitzner, “ripone tutte le sue speranze per la musica occidentale nel futuro e comprende il presente e il passato come un inizio vacillante, come preparazione. Ma se fosse diversamente? E se ci trovassimo attualmente a un punto più alto, o addirittura che lo abbiamo già superato? " Pfitzner ha avuto un dibattito simile con il critico Paul Bekker.

Pfitzner ha dedicato il suo Concerto per violino in si minore op. 34 (1923) alla violinista australiana Alma Moodie. Lo ha eseguito per la prima volta a Norimberga il 4 giugno 1924, sotto la direzione del compositore. Moodie ne divenne il principale esponente e lo eseguì oltre 50 volte in Germania con direttori come Pfitzner, Wilhelm Furtwängler, Hans Knappertsbusch, Hermann Scherchen, Karl Muck (1859-1940), Carl Schuricht e Fritz Busch. A quel tempo, il concerto di Pfitzner era considerato l'aggiunta più importante al repertorio del concerto per violino dal primo concerto di Max Bruch, sebbene non sia suonato dalla maggior parte dei violinisti in questi giorni. In un'occasione nel 1927, il direttore d'orchestra Peter Raabe programmò il concerto per la trasmissione pubblica e l'esecuzione ad Aquisgrana, ma non fece un budget per la copia dello spartito; di conseguenza, il lavoro è stato "ritirato" all'ultimo minuto e sostituito con il familiare concerto di Brahms.

L'era nazista

Sempre più nazionalista nella sua mezza età e nella vecchiaia, Pfitzner fu inizialmente considerato con simpatia da importanti figure del Terzo Reich, in particolare da Hans Frank, con il quale rimase in buoni rapporti. Ma presto litigò con i capi nazisti, che erano alienati dalla sua lunga associazione musicale con il direttore ebreo Bruno Walter. Incorse in un'ira extra da parte dei nazisti rifiutando di obbedire alla richiesta del regime di fornire musica occasionale al Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare che potrebbe essere usata al posto della famosa ambientazione di Felix Mendelssohn, inaccettabile per i nazisti a causa della sua origine ebraica. Pfitzner ha sostenuto che l'originale di Mendelssohn era di gran lunga migliore di qualsiasi cosa lui stesso potesse offrire come sostituto.

Già nel 1923 Pfitzner e Hitler si incontrarono. Era il periodo in cui il primo era ricoverato in ospedale: Pfitzner aveva subito un'operazione alla cistifellea quando Anton Drexler, che conosceva bene entrambi gli uomini, organizzò una visita. Hitler ha parlato per la maggior parte, ma Pfitzner ha osato contraddirlo riguardo al pensatore omosessuale e antisemita Otto Weininger, facendo sì che Hitler se ne andasse sbuffando. Più tardi, Hitler disse all'architetto culturale nazista Alfred Rosenberg che non voleva "avere più niente a che fare con questo rabbino ebreo". Pfitzner, ignaro di questo commento, credeva che Hitler fosse in sintonia con lui.

Hans Pfitzner (1869-1949).

Quando i nazisti salirono al potere nel 1933, Rosenberg reclutò Pfitzner, un oratore notoriamente cattivo, per tenere una conferenza per la Lega militante per la cultura tedesca (Kampfbund für deutsche Kultur) quello stesso anno e Pfitzner accettò, sperando che lo avrebbe aiutato a trovare una posizione influente. Hitler, tuttavia, fece in modo che il compositore fosse ignorato a favore di hack di partito per le posizioni di direttore dell'opera a Düsseldorf e intendente generale dell'Opera municipale di Berlino, nonostante i suggerimenti delle autorità che entrambi gli incarichi fossero stati ricoperti per lui.

Molto presto durante il governo di Hitler, Pfitzner ricevette un'ingiunzione da Hans Frank (a quel tempo ministro della Giustizia in Baviera) e Wilhelm Frick (ministro degli interni nel gabinetto di Hitler) contro il viaggio al Festival di Salisburgo nel 1933 per dirigere il suo concerto per violino. Pfitzner era riuscito a ottenere un contratto di direzione stabile dall'opera di Monaco nel 1928, ma incappò in un trattamento umiliante dal direttore principale Hans Knappertsbusch e dall'intendente del teatro dell'opera, un uomo di nome Franckenstein.

Hans Pfitzner (1869-1949).

Nel 1934 Pfitzner fu costretto al pensionamento e perse il posto di direttore d'opera, direttore di scena e professore di accademia. Gli veniva anche data una pensione minima di poche centinaia di marchi al mese, che contestò fino al 1937, quando Goebbels risolse la questione. Per una manifestazione del partito nazista nel 1934, Pfitzner sperava di poter condurre; ma fu rifiutato per il ruolo, e alla manifestazione egli stesso apprese per la prima volta che Hitler lo considerava mezzo ebreo. Né Hitler fu la prima persona a supporlo. Ci credeva anche Winifred Wagner, direttore del Festival di Bayreuth e confidente di Hitler. Pfitzner fu costretto a dimostrare di avere, in effetti, un'ascendenza totalmente Gentile. Nel 1939 era diventato completamente disincantato dal regime nazista, ad eccezione di Frank, che continuava a rispettare.

Le opinioni di Pfitzner sulla "questione ebraica" erano contraddittorie e illogiche. Considerava l'ebraicità come un tratto culturale piuttosto che razziale. Un'affermazione del 1930 che gli causò difficoltà nell'affare delle pensioni era che sebbene gli ebrei potessero rappresentare "pericoli per la vita spirituale tedesca e la Kultur tedesca", molti ebrei avevano fatto molto per la Germania e che l'antisemitismo di per sé doveva essere condannato. Era disposto a fare eccezioni a una politica generale di antisemitismo.

Ad esempio, ha raccomandato l'esecuzione dell'opera di Marschner Der Templer und die Jüdin basata sull'Ivanhoe di Scott, ha protetto il suo allievo ebreo Felix Wolfes di Colonia, insieme al direttore Furtwängler ha aiutato il giovane direttore Hans Schwieger, che aveva una moglie ebrea, e ha mantenuto la sua amicizia con Bruno Walter e in particolare il suo amico giornalista d'infanzia Paul Cossman, un ebreo non praticante “disprezzato” che fu incarcerato nel 1933.

Hans Pfitzner (1869-1949).

I tentativi che Pfitzner fece per conto di Cossman potrebbero aver indotto il capo della Gestapo Reinhard Heydrich, per inciso il figlio dell'Holdentenor che ha presentato la prima opera di Pfitzner, a indagare su di lui. Le petizioni di Pfitzner probabilmente contribuirono al rilascio di Cossman nel 1934, sebbene alla fine fu nuovamente arrestato nel 1942 e morì di dissenteria nel campo di concentramento di Theresienstadt (Terezín), Repubblica Ceca. Nel 1938, Pfitzner scherzò dicendo che aveva paura di vedere un famoso oculista a Monaco perché "la sua bisnonna una volta aveva osservato un quarto di ebreo che attraversava la strada". Ha lavorato con musicisti ebrei per tutta la sua carriera. All'inizio degli anni Trenta accompagnava spesso nei recital il famoso contralto Ottilie Metzger-Lattermann, poi assassinato ad Auschwitz e aveva dedicato le sue quattro canzoni, op. 19, a lei già nel 1905.

Aveva dedicato le sue canzoni, op. 24, al critico ebreo e fondatore della società culturale ebraica Arthur Eloesser nel 1909. Tuttavia, Pfitzner mantenne uno stretto contatto con antisemiti virulenti come i critici musicali Walter Abendroth e Victor Junk, e non si fece scrupolo di usare invettive antisemite (abbastanza comuni tra le persone della sua generazione, e non solo in Germania) per perseguire determinati obiettivi.

La casa di Pfitzner fu distrutta durante la guerra dai bombardamenti alleati e la sua iscrizione all'Accademia di musica di Monaco fu revocata per aver parlato contro il nazismo, il compositore nel 1945 si ritrovò senza casa e malato di mente. Ma dopo la guerra fu denazificato e ritirato in pensione, i divieti di esibizione furono revocati e gli fu concessa la residenza nella casa di riposo a Salisburgo. Lì, nel 1949, morì. Furtwängler diresse un'esecuzione della sua Sinfonia in do maggiore al Festival di Salisburgo con l'Orchestra Filarmonica di Vienna nell'estate del 1949, subito dopo la morte del compositore. Dopo un lungo abbandono, la musica di Pfitzner iniziò a riapparire nei teatri dell'opera, nelle sale da concerto e negli studi di registrazione negli anni '1990, inclusa una controversa performance della produzione di Palestrina al Covent Garden nel Lincoln Center di Manhattan nel 1997.

Negli anni '1990 sempre più musicologi, principalmente tedeschi e britannici, iniziarono a esaminare la vita e il lavoro di Pfitzner. Il biografo Hans Peter Vogel ha scritto che Pfitzner è stato l'unico compositore dell'era nazista che ha tentato di venire alle prese con il nazionalsocialismo sia intellettualmente che spiritualmente dopo il 1945. Nel 2001, Sabine Busch ha esaminato il tiro alla fune ideologico del coinvolgimento del compositore con il Nazionalsocialisti, basati in parte su materiale precedentemente non disponibile. Ha concluso che, sebbene il compositore non fosse esclusivamente filo-nazista né puramente sciovinista antisemita spesso associato alla sua immagine, si è impegnato con i poteri nazisti che pensava avrebbero promosso la sua musica e si è amareggiato quando i nazisti hanno trovato il "vecchio maestro elitario spesso cupo musica "per essere" poco propagandistica ". Il resoconto in lingua inglese più completo delle relazioni di Pfitzner con i nazisti è di Michael Kater.

Hans Pfitzner (1869-1949).

Stile musicale e accoglienza

La sua musica, compresi brani di tutti i generi principali eccetto il poema sinfonico, era rispettata da contemporanei come Gustav Mahler e Richard Strauss, sebbene nessuno dei due si interessasse molto ai modi innatamente acerbi di Pfitzner (e Alma Mahler ripagò la sua adorazione con disprezzo, nonostante lei d'accordo con il suo intuitivo idealismo musicale, un fatto evidente nelle sue lettere alla moglie di Alban Berg). Sebbene la musica di Pfitzner tradisca le influenze wagneriane, il compositore non era attratto da Bayreuth, ed era personalmente disprezzato da Cosima Wagner, in parte perché Pfitzner cercava notorietà e riconoscimento da compositori "anti-wagneriani" come Max Bruch e Johannes Brahms.

Le opere di Pfitzner combinano elementi romantici e tardo romantici con uno sviluppo tematico esteso, un dramma musicale d'atmosfera e l'intimità della musica da camera. Il musicologo della Columbia University Walter Frisch ha descritto Pfitzner come un "modernista regressivo". La sua è una propaggine molto personale della tradizione classica / romantica e dell'estetica musicale conservatrice e Pfitzner ha difeso il suo stile nei suoi scritti. Particolarmente degni di nota sono i numerosi e delicati lieder di Pfitzner, influenzati da Hugo Wolf, ma con il loro fascino piuttosto malinconico. Molti di loro sono stati registrati negli anni '1930 dall'illustre baritono Gerhard Hüsch, con il compositore al pianoforte.

La sua prima sinfonia - la Sinfonia in do diesis minore - subì una strana genesi: non era affatto concepita in termini orchestrali, ma era una rielaborazione di un quartetto d'archi. Le opere tradiscono un'ispirazione tarda e pia e, sebbene assumano qualità tardo romantiche, ne mostrano altre associate alla minacciosa ingenuità di un linguaggio moderno. Ad esempio, il compositore Arthur Honegger scrive nel 1955, dopo aver criticato l'eccessiva polifonia e la scrittura orchestrale troppo lunga in un lungo saggio dedicato a Palestrina. Musicalmente, il lavoro mostra un design superiore, che richiede rispetto. I temi sono chiaramente formati, il che lo rende facile da seguire. 

Quartetto per archi n. 2 in re maggiore op. 13.

Il lavoro di Pfitzner è stato apprezzato dai contemporanei tra cui Richard Strauss e Gustav Mahler, che descrisse esplicitamente il secondo quartetto d'archi di Pfitzner del 1902/03 come un capolavoro. Thomas Mann elogiò Palestrina in un breve saggio pubblicato nell'ottobre 1917. Co-fondatore dell'Associazione Hans Pfitzner per la musica tedesca nel 1918. Le tensioni con Mann, tuttavia, si svilupparono e le due relazioni si interruppero entro il 1926. Dalla metà degli anni '1920, la musica di Pfitzner cadde sempre più all'ombra di Richard Strauss. La sua opera, Das Herz del 1932 non ebbe successo. Pfitzner rimase una figura periferica nella vita musicale del Terzo Reich, e la sua musica fu eseguita meno frequentemente che negli ultimi giorni della Repubblica di Weimar. 

Il critico tedesco Hans Heinz Stuckenschmidt, scrivendo nel 1969, vedeva la musica di Pfitzner con estrema ambivalenza: iniziata con nette dissonanze e duro contrappunto lineare determinato a essere considerato (e criticato per essere) modernista. Questa divenne una ribellione conservatrice contro ogni conformismo modernista. Il compositore Wolfgang Rihm ha commentato la crescente popolarità del lavoro di Pfitzner nel 1981: “Pfitzner è troppo progressista, non semplicemente, come si può considerare Korngold; è anche troppo conservatore, se questo significa essere influenzato da qualcuno come Schoenberg. Tutto ciò ha conseguenze udibili. Non riusciamo a trovare la frattura di oggi nel suo lavoro a prima vista, ma nemmeno l'ininterrotto ieri. Troviamo entrambi, cioè nessuno, e tutti i tentativi di classificazione vacillano ".

Studenti di Hans Pfitzner

  • Klemperer, Otto (1885-1973).
  • Orff, Carlo (1895-1982).

opere

Titolo Sottotitolo opus Librettista Data Prima Note
Povero Heinrich Dramma musicale in 3 atti WoO 15 James Grun (1868-1928) dopo Hartmann von Aue 1891-1893 1895, Magonza Richard Bruno Heydrich ha cantato nella prima
Die Rose vom Liebesgarten Opera romantica con un preludio, due atti e postludio WoO 16 James Grun 1897-1900 1901, Elberfeld  
Das Christ-Elflein (prima versione) Racconto di Natale Op. 20 Ilse von Stach 1906 1906, Monaco  
Das Christ-Elflein (2a versione) Spieloper in 2 atti Op. 20 Ilse von Stach e Pftizner 1917 1917, Dresda Ulteriore revisione inedita nel 1944
Palestrina Legenda musicale in 3 atti WoO 17 Pfitzner 1909-1915 1917, Monaco L'opera più famosa del compositore
Das Herz Drama for Music in 3 atti (4 scene) Op. 39 Hans Mahner-Mons (1883-1956) 1930-31 1930, Berlino e Monaco  

Opere orchestrali

Work opus Anno Note
Scherzo in do minore - 1887  
Concerto per violoncello in la minore Operazione. Inviare. 1888 per Esther Nyffenegger
Concerto per pianoforte in mi bemolle maggiore Op. 31 1922 per Walter Gieseking
Concerto per violino in si minore Op. 34 1923 per Alma Moodie
Sinfonia in C-sharp minore Operazione. 36a 1932 Adattato dal quartetto d'archi, op. 36
Concerto per violoncello in sol maggiore Op. 42 1935 per Gaspar Cassadó
Duo per violino, violoncello e piccola orchestra Op. 43 1937  
Piccola sinfonia in sol maggiore Op. 44 1939  
Elegy e Roundelay Op. 45 1940  
Sinfonia in do maggiore Op. 46 1940 "An die Freunde"
Concerto per violoncello in la minore Op. 52 1944 per Ludwig Hoelscher
Saluti di Cracovia Op. 54 1944  
Fantasie in La minore Op. 56 1947  

Opere da camera

Titolo opus Data Note
Trio per pianoforte in si bemolle maggiore - 1886  
Quartetto per archi [n. 1.] in re minore - 1886  
Sonata in fa diesis minore (violoncello e pianoforte) Op. 1 1890 "Das Lied soll schauern und beben ..."
Trio per pianoforte in fa maggiore Op. 8 1890-96  
Quartetto d'archi [No. 2] in re maggiore Op. 13 1902-03  
Quintetto per pianoforte in do maggiore Op. 23 1908  
Sonata in mi minore per violino e pianoforte Op. 27 1918  
Quartetto d'archi [Nr. 3] in do diesis minore Op. 36 1925  
Quartetto d'archi [Nr. 4] in do minore Op. 50 1942  
Fugato Unorthographic - 1943 per quartetto d'archi
Sestetto in sol minore Op. 55 1945 per clarinetto, violino, viola, violoncello, contrabbasso e pianoforte

Canzoni con accompagnamento di pianoforte

opus Titolo Anno Testo Note
- Sei canzoni in anticipo 1884-87 Julius Sturm, Mary Graf-Bartholomew, Ludwig Uhland, Oskar von Redwitz, Eduard Mörike, Robert Reinick voce alta
2 Sette canzoni 1888-89 Richard von Volkmann, Hermann Lingg, Aldof Böttger, Alexander Kaufmann, anon. N. 2, 5, 6, 7 orchestrati
3 Tre canzoni 1888-89 Friedrich Rückert, Friedrich von Sallet, Emanuel Geibel per voce media. No. 2, 3 orchestrato.
4 Quattro canzoni 1888-89 Heinrich Heine voce media. Anche orchestrato
5 Tre canzoni 1888-89 Joseph von Eichendorff per Soprano. N. 1 orchestrato
6 Sei canzoni 1888-89 Heine, Grun, Paul Nikolaus Cossmann per alto baritono
7 Cinque canzoni 1888-1900 Wolfgang von Königswinter, Eichendorff, Paul Heyse, Grun N. 3 orchestrato
9 Cinque canzoni 1894-95 Eichendorff  
10 Tre canzoni 1889-1901 Detlev von Lilencron, Eichendorff per voce media
11 Cinque canzoni 1901 Friedrich Hebbel, Ludwig Jacobowski, Eichendorff, Richard Dehmel, Carl Hermann Busse N. 4, 5 orchestrato
- Untreu und Trost 1903 Subito per voce media. Anche orchestrato.
15 Quattro canzoni 1904 Busse, Eichendorff, von Stach N. 2, 3, 4 orchestrati
18 Un den Mond 1906 Goethe Canzone più lunga (circa 8 min.). Anche orchestrato
19 Due canzoni 1905 Gli autobus  
21 Due canzoni 1907 Hebbel, Eichendorff per voce alta
22 Cinque canzoni 1907 Eichendorff, Adelbert von Chamisso, Gottfried August Bürger  
24 Quattro canzoni 1909 Walther von der Vogelweide, Petrarca (trad. Karl August Förster), Friedrich Lienhard No. 1 orchestrato
26 Cinque canzoni 1916 Friedrich Hebbel, Eichendorff, Gottfried August Bürger, Goethe No 2, 4 orchestrato
29 Quattro canzoni 1921 Hölderlin, Rückert, Goethe, Dehmel dedicato alla sua famiglia n. 3 orchestrato
30 Quattro canzoni 1922 Nikolaus Lenau, Mörike, Dehmel  
32 Quattro canzoni 1923 Corrado Ferdinando Meyer per baritono o basso
33 Alte Weisen 1923 Gottfried Keller  
35 Sei Liebeslieder 1924 Ricardo Huch Per una voce femminile
40 Sei canzoni 1931 Ludwig Jacobowski, Adolf Bartels, Ricarda Huch, Martin Greif, Goethe, Eichendorff N. 5, 6 orchestrato
41 Tre Sonetti 1931 Petrarca (trans. Bürger), Eichendorff Per una voce maschile
  • Der Blumen Rache. Ballata corale. 1881.
  • Das dunkle Reich. Fantasia corale. Operazione. 38. 1929.
  • Fons Salutifer. Inno. Operazione. 48. 1941.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: