Eugen d'Albert (1864-1932) e sua moglie Hermine Finck.

  • Professione: Pianista.
  • Relazione con Mahler: ha lavorato con Gustav Mahler.
  • Corrispondenza con Mahler:
  • Nato: 10-04-1864 Glasgow, Schotland.
  • Morto: 03-03-1932 Riga, Lettonia.
  • Sepolto: 00-00-0000 Cimitero affacciato sul Lago di Lugano a Morcote, Svizzera.
  1. 23-01-1903 Anno 1903 c151. 1903 Concerto Wiesbaden 23-01-1903 - Sinfonia n. 4.
  2. 05-03-1906 Anno 1906 c182. Concerto 1906 Anversa 05-03-1906 - Sinfonia n. 5.

Eugen (originariamente Eugène) Francois Charles d'Albert era un pianista e compositore tedesco nato in Scozia.

Educato in Gran Bretagna, d'Albert ha mostrato un talento musicale precoce e, all'età di diciassette anni, ha vinto una borsa di studio per studiare in Austria. Sentendosi affine alla cultura e alla musica tedesca, presto emigrò in Germania, dove studiò con Franz Liszt e iniziò la carriera di pianista da concerto. D'Albert ha ripudiato la sua prima formazione e educazione in Scozia e si considerava tedesco.

Pur perseguendo la sua carriera di pianista, d'Albert si è concentrato sempre più sulla composizione, producendo 21 opere e una notevole produzione di opere per pianoforte, voce, camera e orchestra. La sua opera di maggior successo è stata Tiefland, che ha debuttato a Praga nel 1903. Le sue opere orchestrali di successo includevano il suo concerto per violoncello (1899), una sinfonia, due quartetti d'archi e due concerti per pianoforte. Nel 1907 d'Albert divenne il direttore della Hochschule für Musik di Berlino, dove esercitò un'ampia influenza sull'educazione musicale in Germania. Ha anche ricoperto la carica di Kapellmeister presso la Corte di Weimar.

D'Albert è stato sposato sei volte, inclusa la cantante-pianista Teresa Carreño, ed è stato successivamente cittadino britannico, tedesco e svizzero.

D'Albert nacque a 4 Crescent Place, Glasgow, in Scozia, da madre inglese, Annie Rowell, e da un padre tedesco di origini francesi e italiane, Charles Louis Napoléon d'Albert (1809-1886), i cui antenati includevano il i compositori Giuseppe Matteo Alberti e Domenico Alberti. Il padre di D'Albert era un pianista, arrangiatore e un prolifico compositore di musica da salotto che era stato maestro di ballo al King's Theatre e al Covent Garden. D'Albert è nato quando suo padre aveva 55 anni. The Musical Times scrisse nel 1904 che “Questa e altre circostanze spiegavano una certa solitudine nella vita familiare del ragazzo e negli anni della sua infanzia. E 'stato frainteso, e' paralizzato, imbrogliato e rinchiuso 'a tal punto da pregiudicarlo ampiamente nei confronti del paese che gli ha dato i natali ”.

D'Albert è cresciuto a Glasgow e ha insegnato musica da suo padre fino a quando non ha vinto una borsa di studio per la nuova National Training School for Music (precursore del Royal College of Music) a Londra, dove è entrato nel 1876 all'età di 12 anni. D'Albert ha studiato alla National Training School con Ernst Pauer, Ebenezer Prout, John Stainer e Arthur Sullivan. All'età di 14 anni, in un concerto dell'ottobre 1878, vinse le lodi del pubblico dal Times come "un suonatore di bravura di nessun ordine". Suonò il Concerto per pianoforte di Schumann al Crystal Palace nel 1880, ricevendo più incoraggiamento dal Times: "Raramente si è sentito un rendering migliore del lavoro." Sempre nel 1880, d'Albert organizzò la riduzione per pianoforte per la partitura vocale del dramma di musica sacra di Sullivan Il martire di Antiochia, per accompagnare il coro durante le prove. È anche accreditato di aver scritto l'ouverture dell'opera di Gilbert e Sullivan del 1881, Patience.

Per molti anni d'Albert ha respinto la sua formazione e il suo lavoro durante questo periodo come inutili. Il Times ha scritto che "è nato e ha studiato in Inghilterra, e ha vinto i suoi primi successi in Inghilterra, anche se, in uno scherzo di irruenza fanciullesca, ha ripudiato alcuni anni fa ogni connessione con questo paese, dove, secondo il suo stesso racconto, egli è nato per puro caso e dove non ha imparato nulla ". Negli anni successivi, tuttavia, ha modificato le sue opinioni: "Il precedente pregiudizio che avevo contro l'Inghilterra, che hanno suscitato diversi incidenti, è completamente svanito da molti anni".

Nel 1881 Hans Richter invitò d'Albert a suonare il suo primo concerto per pianoforte, che fu "accolto con entusiasmo". Questo sembra essere stato il concerto perduto di d'Albert in la maggiore, non l'opera pubblicata tre anni dopo come suo Concerto per pianoforte n. 1 in si minore op. 2. Nello stesso anno d'Albert vince la borsa di studio Mendelssohn, che gli consente di studiare a Vienna, dove incontra Johannes Brahms, Franz Liszt e altri importanti musicisti che influenzano il suo stile. D'Albert, conservando il suo iniziale entusiasmo per la cultura e la musica tedesca ("sentire Tristan und Isolde ha avuto un'influenza maggiore su di lui rispetto all'istruzione ricevuta da suo padre o ... alla National Training School for Music") ha cambiato il suo nome da Eugène a Eugen ed emigrò in Germania, dove divenne allievo dell'anziano Liszt a Weimar.

In Germania e in Austria, d'Albert ha costruito una carriera come pianista. Liszt lo chiamava "il secondo Tausig" e d'Albert può essere ascoltato in una prima registrazione di opere di Liszt. Ha suonato il suo concerto per pianoforte con l'Orchestra Filarmonica di Vienna nel 1882, il più giovane pianista che era apparso con l'orchestra. D'Albert fece numerosi tour, anche negli Stati Uniti dal 1904 al 1905. La sua tecnica virtuosistica fu paragonata a quella di Busoni. Fu lodato per la sua esecuzione dei preludi e delle fughe di JS Bach e delle sonate di Beethoven. "Come esponente di Beethoven, Eugen d'Albert ha pochi, se non nessuno, uguale." A poco a poco, il lavoro di d'Albert come compositore ha occupato il suo tempo sempre di più e ha ridotto il suo modo di suonare. Ha ricevuto numerose dediche, in particolare il Burleske in re minore di Richard Strauss, che ha debuttato nel 1890.

D'Albert è stato un compositore prolifico. La sua produzione include un grande volume di pianoforte, musica da camera e lieder di successo. Ha anche composto ventuno opere, in un'ampia varietà di stili, che hanno debuttato principalmente in Germania. Il suo primo, Der Rubin (1893) era una fantasia orientale; Die Abreise (1898), che lo ha stabilito come compositore d'opera in Germania, era una commedia domestica in un atto; Kain (1900) è stato l'ambientazione della storia biblica; e una delle sue ultime opere, Der Golem, era su un tema ebraico tradizionale. La sua opera di maggior successo è stata la sua settima, Tiefland, che ha debuttato a Praga nel 1903. Quando Thomas Beecham ha presentato l'opera a Londra, ha osservato il Times, “la colonna sonora deve più che poco alla disciplina di Sullivan; c'è anche una fragranza curiosamente inglese ”. Tiefland ha suonato nei teatri d'opera di tutto il mondo e ha mantenuto un posto nel repertorio standard tedesco e austriaco, con una produzione alla Deutsche Oper Berlin, nel novembre 2007. Secondo il biografo Hugh Macdonald, "fornisce un collegamento tra il verismo italiano e il tedesco opera espressionista, sebbene le trame orchestrali richiamino un linguaggio più wagneriano ". Un altro successo teatrale fu un'opera comica chiamata Flauto solo nel 1905. Le opere orchestrali di maggior successo di D'Albert includevano il suo concerto per violoncello (1899), una sinfonia, due quartetti d'archi e due concerti per pianoforte. "Sebbene non fosse un compositore di profonda originalità ... aveva un immancabile senso di appropriatezza drammatica e tutte le risorse di una tecnica sinfonica per darle espressione ed è stato così in grado di raggiungere il successo in così tanti stili".

D'Albert ha curato le edizioni critiche delle partiture di Beethoven e Bach, ha trascritto le opere per organo di Bach per pianoforte e ha scritto le cadenze per i concerti per pianoforte di Beethoven. Nel 1907 ci riuscì Giuseppe Gioacchino (1831-1907) come direttore della Hochschule für Musik di Berlino, in cui veste ha avuto un'ampia influenza sull'educazione musicale in Germania. Ha anche ricoperto la carica di Kapellmeister presso la Corte di Weimar.

Vita personale e morte

Gli amici di D'Albert includevano Richard Strauss, Hans Pfitzner, Engelbert Humperdinck, Ignatz Waghalter e Gerhart Hauptmann, il drammaturgo. È stato sposato sei volte e ha avuto otto figli. La prima moglie era Louise Salingré. La seconda, dal 1892 al 1895, fu la pianista, cantante e compositrice venezuelana Teresa Carreño, lei stessa molto sposata e notevolmente più vecchia di d'Albert. D'Albert e Carreño sono stati oggetto di una famosa barzelletta: “Vieni presto! I tuoi figli ei miei figli stanno litigando di nuovo con i nostri figli! " La linea, però, è stata attribuita anche ad altri. Le sue mogli successive erano il mezzosoprano Hermine Finck, che ha dato origine al ruolo della strega in Hansel e Gretel di Humperdinck; l'attrice Ida Fulda; Friederike (“Fritzi”) Jauner; e Hilde Fels. La sua ultima compagna è stata un'amante, Virginia Zanetti.

Nel 1914 d'Albert si trasferì a Zurigo e divenne cittadino svizzero. Morì nel 1932 all'età di 67 anni a Riga, in Lettonia, dove si era recato per il divorzio dalla sesta moglie. Nelle settimane precedenti la sua morte, d'Albert fu oggetto di attacchi da parte della stampa a Riga riguardanti la sua vita personale. D'Albert fu sepolto nel cimitero che si affaccia sul Lago di Lugano a Morcote, in Svizzera.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: