Egon Schiele (1890-1918).

  • Professione: Pittore.
  • Residences:
  • Relazione con Mahler:
  • Corrispondenza con Mahler:
  • Nato: 12-06-1890 Tulln, Austria.
  • Morto: 31-10-1918 Vienna, Austria. Influenza spagnola. 28 anni.
  • Sepolto: cimitero di St.Veit, Ober-Sankt-Veit, Vienna, Austria. Tomba B-10-15 / 16

Egon Schiele era un pittore austriaco. Un protetto di Gustav Klimt (1862-1918), Schiele è stato un importante pittore figurativo dell'inizio del XX secolo. Il suo lavoro è noto per la sua intensità e la sua sessualità grezza, e per i numerosi autoritratti prodotti dall'artista, inclusi gli autoritratti nudi. Le forme del corpo contorte e la linea espressiva che caratterizzano i dipinti e i disegni di Schiele segnano l'artista come uno dei primi esponente dell'Espressionismo.

Schiele è nato nel 1890 a Tulln, nella Bassa Austria. Suo padre, Adolf Schiele, era capostazione della stazione di Tulln nelle Ferrovie dello Stato austriache; sua madre Marie, nata Soukupová, era una ceca di? eský Krumlov (Krumau), nella Boemia meridionale. Da bambino, Schiele era affascinato dai treni, e passava molte ore a disegnarli, al punto che suo padre si sentiva in dovere di distruggere i suoi quaderni. Quando aveva 11 anni, Schiele si trasferì nella vicina città di Krems (e successivamente a Klosterneuburg) per frequentare la scuola secondaria. A quelli intorno a lui, Schiele era considerato uno strano bambino. Timido e riservato, andava male a scuola tranne che in atletica leggera e disegno, e di solito era in classi composte da alunni più giovani. Ha anche mostrato tendenze incestuose nei confronti della sorella minore Gertrude (che era conosciuta come Gerti), e suo padre, ben consapevole del comportamento di Egon, una volta fu costretto ad abbattere la porta di una stanza chiusa in cui Egon e Gerti si trovavano per vedere cosa stavano facendo. stavano facendo (solo per scoprire che stavano sviluppando un film). A sedici anni ha portato in treno la dodicenne Gerti a Trieste senza permesso e ha trascorso con lei una notte in una camera d'albergo.

Quando Schiele aveva 15 anni, suo padre morì di sifilide e divenne un rione di suo zio materno, Leopold Czihaczec, anche un funzionario delle ferrovie. Sebbene volesse che Schiele seguisse le sue orme e fosse angosciato dalla sua mancanza di interesse per il mondo accademico, riconobbe il talento di Schiele per il disegno e gli concesse senza entusiasmo un tutore; l'artista Ludwig Karl Strauch. Nel 1906 Schiele fece domanda alla Kunstgewerbeschule (Scuola di Arti e Mestieri) di Vienna, dove una volta aveva studiato Gustav Klimt. Durante il suo primo anno lì, Schiele fu inviato, su insistenza di diversi membri della facoltà, alla più tradizionale Akademie der Bildenden Künste di Vienna nel 1906. Il suo insegnante principale all'Accademia era Christian Griepenkerl, un pittore la cui dottrina rigorosa e ultra-conservatrice stile frustrato e insoddisfatto Schiele ei suoi compagni di studio così tanto che se ne andò tre anni dopo.

Nel 1907, Schiele cercò Gustav Klimt, che generò generosamente mentore di giovani artisti. Klimt si interessò particolarmente al giovane Schiele, acquistando i suoi disegni, offrendosi di scambiarli con alcuni dei suoi, arrangiando modelli per lui e presentandolo a potenziali mecenati. Ha anche presentato Schiele alla Wiener Werkstätte, il laboratorio di arti e mestieri legato alla Secessione. Nel 1908 Schiele tenne la sua prima mostra, a Klosterneuburg. Schiele lasciò l'Accademia nel 1909, dopo aver completato il suo terzo anno, e fondò il Neukunstgruppe (“New Art Group”) con altri studenti insoddisfatti.

Klimt invitò Schiele a esporre alcuni dei suoi lavori alla Kunstschau di Vienna del 1909, dove incontrò, tra gli altri, il lavoro di Edvard Munch, Jan Toorop e Vincent van Gogh. Una volta libero dai vincoli delle convenzioni dell'Accademia, Schiele iniziò a esplorare non solo la forma umana, ma anche la sessualità umana. All'epoca molti trovavano inquietante l'esplicita 'delle sue opere.

Da quel momento in poi, Schiele partecipò a numerose mostre collettive, comprese quelle del Neukunstgruppe a Praga nel 1910 e Budapest nel 1912; il Sonderbund, Colonia, nel 1912; e diverse mostre secessioniste a Monaco, a partire dal 1911. Nel 1913, la Galerie Hans Goltz di Monaco allestì la prima mostra personale di Schiele. Una mostra personale del suo lavoro ha avuto luogo a Parigi nel 1914.

Nel 1911, Schiele incontrò il diciassettenne Walburga (Wally) Neuzil, che visse con lui a Vienna e servì da modello per alcuni dei suoi dipinti più sorprendenti. Si sa molto poco di lei, tranne che in precedenza aveva modellato per Gustav Klimt e avrebbe potuto essere una delle sue amanti. Schiele e Wally volevano sfuggire a quello che percepivano come il claustrofobico ambiente viennese e si recarono nella piccola città di? Eský Krumlov (Krumau) nella Boemia meridionale. Krumau era il luogo di nascita della madre di Schiele; oggi è sede di un museo dedicato a Schiele. Nonostante i legami familiari di Schiele a Krumau, lui e il suo amante furono cacciati dalla città dai residenti, che disapprovavano fortemente il loro stile di vita, incluso il suo presunto impiego delle ragazze adolescenti della città come modelli.

Insieme si sono trasferiti a Neulengbach, 35 km a ovest di Vienna, alla ricerca di un ambiente stimolante e di uno studio economico in cui lavorare. Come nella capitale, lo studio di Schiele divenne un luogo di ritrovo per i bambini delinquenti di Neulengbach. Lo stile di vita di Schiele suscitò molta animosità tra gli abitanti del paese, e nell'aprile 1912 fu arrestato per aver sedotto una ragazza di età inferiore al consenso.

Quando sono venuti nel suo studio per arrestarlo, la polizia ha sequestrato più di cento disegni che consideravano pornografici. Schiele è stato imprigionato in attesa del processo. Quando il suo caso è stato portato davanti a un giudice, le accuse di seduzione e rapimento sono state ritirate, ma l'artista è stato dichiarato colpevole di aver esposto disegni erotici in un luogo accessibile ai bambini. In tribunale, il giudice ha bruciato uno dei disegni incriminati sulla fiamma di una candela. Si tiene conto dei ventuno giorni già trascorsi in carcere e viene condannato ad altri tre giorni di reclusione. Mentre era in prigione, Schiele ha creato una serie di 12 dipinti raffiguranti le difficoltà e il disagio di essere rinchiuso in una cella di prigione.

Nel 1914, Schiele intravide le sorelle Edith e Adéle Harms, che vivevano con i genitori dall'altra parte della strada rispetto al suo studio nel sobborgo viennese di Hietzing, 101 Hietzinger Hauptstrasse. Erano una famiglia della classe media e protestanti per fede; il loro padre era un maestro fabbro. Nel 1915, Schiele scelse di sposare la più socialmente accettabile Edith, ma apparentemente si aspettava di mantenere una relazione con Wally. Tuttavia, quando ha spiegato la situazione a Wally, lei lo ha lasciato immediatamente e non lo ha più visto. Questo abbandono lo ha portato a dipingere La morte e la fanciulla, dove il ritratto di Wally è basato su un precedente accoppiamento, ma quello di Schiele è di recente colpito. (Nel febbraio 1915, Schiele scrisse una nota al suo amico Arthur Roessler affermando: "Ho intenzione di sposarmi, vantaggiosamente. Non con Wally.") Nonostante qualche opposizione da parte della famiglia Harms, Schiele ed Edith si sposarono il 17 giugno 1915, il anniversario del matrimonio dei genitori di Schiele.

Nonostante abbia evitato la coscrizione per quasi un anno, la prima guerra mondiale iniziò ora a plasmare la vita e il lavoro di Schiele. Tre giorni dopo il suo matrimonio, a Schiele fu ordinato di presentarsi per il servizio attivo nell'esercito, dove inizialmente era di stanza a Praga. Edith venne con lui e soggiornò in un albergo in città, mentre Egon viveva in una sala espositiva con i suoi compagni di leva. Sono stati autorizzati dall'ufficiale in comando di Schiele di vedersi di tanto in tanto. Nonostante il servizio militare, Schiele esponeva ancora a Berlino. Nello stesso anno, ha avuto anche spettacoli di successo a Zurigo, Praga e Dresda. I suoi primi compiti consistevano nel sorvegliare e scortare i prigionieri russi. A causa del suo cuore debole e della sua eccellente calligrafia, Schiele alla fine ottenne un lavoro come impiegato in un campo di prigionia vicino alla città di Mühling.

Egon Schiele (1890-1918).

Lì gli fu permesso di disegnare e dipingere ufficiali russi imprigionati, e il suo comandante, Karl Moser (che presumeva che Schiele fosse un pittore e decoratore quando lo incontrò per la prima volta), gli diede persino un magazzino in disuso da utilizzare come studio. Dato che Schiele era responsabile delle scorte di cibo nel campo, lui ed Edith potevano godersi il cibo oltre le razioni. Nel 1917 tornò a Vienna, in grado di concentrarsi sulla sua carriera artistica. La sua produzione è stata prolifica e il suo lavoro rifletteva la maturità di un artista al completo controllo dei suoi talenti. Fu invitato a partecipare alla 49a mostra della Secessione, tenutasi a Vienna nel 1918. Schiele fece accettare cinquanta opere per questa mostra e furono esposte nella sala principale. Ha anche disegnato un poster per la mostra, che ricorda l'Ultima Cena, con un ritratto di se stesso al posto di Cristo. Lo spettacolo è stato un successo trionfante e, di conseguenza, i prezzi per i disegni di Schiele sono aumentati e ha ricevuto molte commissioni di ritratto.

Nell'autunno del 1918, la pandemia di influenza spagnola che ha causato più di 20,000,000 di vite in Europa ha raggiunto Vienna. Edith, che era incinta di sei mesi, è morta a causa della malattia il 28 ottobre. Schiele morì solo tre giorni dopo la moglie. Aveva 28 anni. Durante i tre giorni che intercorrono tra le loro morti, Schiele ha disegnato alcuni schizzi di Edith; queste furono le sue ultime opere.

Nei suoi primi anni, Schiele fu fortemente influenzato da Klimt e Oskar Kokoschka (1886-1980). Sebbene le imitazioni dei loro stili, in particolare con il primo, siano notevolmente visibili nelle prime opere di Schiele, presto si è evoluto nel suo stile distintivo.

Le prime opere di Schiele tra il 1907 e il 1909 contengono forti somiglianze con quelle di Klimt, oltre a influenze dell'Art Nouveau. Nel 1910, Schiele iniziò a sperimentare con i nudi e nel giro di un anno uno stile definitivo con figure emaciate e di colore malaticcio, spesso con forti sfumature sessuali. Schiele iniziò anche a dipingere e disegnare bambini.

Progressivamente, il lavoro di Schiele divenne più complesso e tematico, e dopo la sua prigionia nel 1912 si occupò di temi come la morte e la rinascita, sebbene i nudi femminili rimasero la sua produzione principale. Durante la guerra i quadri di Schiele divennero più grandi e dettagliati, quando ebbe il tempo di produrli. Il suo servizio militare, tuttavia, gli diede un tempo limitato e gran parte della sua produzione consisteva in disegni lineari di paesaggi e ufficiali militari. In questo periodo anche Schiele iniziò a sperimentare il tema della maternità e della famiglia. Sua moglie Edith era il modello per la maggior parte delle sue figure femminili, ma durante la guerra a causa delle circostanze, molti dei suoi modelli erano maschi. Dal 1915, i nudi femminili di Schiele erano diventati più pieni di figura, ma molti furono deliberatamente illustrati con un aspetto simile a una bambola senza vita. Verso la fine della sua vita, Schiele ha disegnato molti soggetti naturali e architettonici. I suoi ultimi disegni consistevano in nudi femminili, alcuni in pose masturbatorie.

Alcuni vedono il lavoro di Schiele come grottesco, erotico, pornografico o inquietante, incentrato sul sesso, la morte e la scoperta. Si è concentrato sui ritratti degli altri oltre che di se stesso. Negli ultimi anni, mentre lavorava ancora spesso con i nudi, erano realizzati in modo più realista. Ha anche dipinto tributi ai girasoli di Van Gogh, nonché paesaggi e nature morte.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: