1912 Bruno Walter (1876-1962).

  • Professione: pianista, direttore d'orchestra.
  • Residenze: Berlino, Vienna, Amburgo, New York, Beverly Hills.
  • Relazione con Mahler: amico, Pernerstorfer Circle (membro). Ha lavorato con Gustav Mahler ad Amburgo 1894-1896 e dal 1901 a Vienna.
  • Corrispondenza con Mahler: Sì.
  • Nato: 15-09-1876 Berlino, Germania come Bruno Schlesinger.
  • Matrimonio: Elsa (Else) Wirthschaft (nata nel 1871, morta il 26-03-1945, 74 anni). Inoltre: Elsa (Else) Korneck (nome da nubile).
  • Indirizzo: 1901: Neustiftgasse, Vienna.
  • 1907 consultato Sigmund Freud (1856-1939).
  • Figlia 1: Gretel Marguerite Neppach-Walter (1906-1939). Assassinato il 21-08-1939 a Berlino. Si innamora del baritono Ezio Pinza e viene assassinata dal marito geloso, Robert Neppach, che poi si suicida.
  • Figlia 2: Lotte Lindt-Walter (1910-1970).
  • Morto: 17-02-1962 Beverly Hills, America. Bruno Walter morì di infarto nella sua casa di Beverly Hills nel 1962.
  • Sepolto: Cimitero di Abbondio, Ticino, Svizzera.

Bruno Walter (nato Bruno Schlesinger) era un direttore d'orchestra, pianista e compositore di origine tedesca. Nato a Berlino, ha lasciato la Germania nel 1933 per sfuggire al Terzo Reich, stabilendosi infine negli Stati Uniti nel 1939. Ha lavorato a stretto contatto con Gustav Mahler, la cui musica ha contribuito a stabilire nel repertorio, ha ricoperto ruoli importanti con l'Orchestra Gewandhaus di Lipsia, New York Philharmonic, Concertgebouw Orchestra, Salzburg Festival, Vienna State Opera, Bavarian State Opera, Staatsoper Unter den Linden e Deutsche Oper Berlin, tra gli altri, hanno effettuato registrazioni di importanza storica e artistica ed è ampiamente considerato uno dei grandi direttori del 20 ° secolo .

vita in anticipo

Nato vicino ad Alexanderplatz a Berlino da una famiglia ebrea della classe media, ha iniziato la sua formazione musicale al Conservatorio Stern all'età di otto anni, facendo la sua prima apparizione pubblica come pianista quando ne aveva nove; ha eseguito un movimento di concerto con la Filarmonica di Berlino nel 1889 e un concerto completo con loro nel febbraio 1890.

Foto: Bruno Walter (1876-1962) da solo [J. van Ronzelen -Berlino]. Scritto e firmato sul retro [“Fraulein Emma Mahler zur freundlichen Erinnerung an ihren treu ergeben Bruno Schlesinger”]. Emma Marie Eleonora Rose-Mahler (1875-1933). Breve storia d'amore nel 1895.

Foto: Bruno Walter (1876-1962) da solo, di profilo [Hamburg -Benque & Kinderman]. Iscritta sul retro [“Fraulein Emma Mahler zur Erinnerung an gemeinsam schöne Stunden zugeeignet von”] e firmata sul davanti [“Bruno Schlesinger”]. Emma Marie Eleonora Rose-Mahler (1875-1933). Breve storia d'amore nel 1895.

Studiò composizione alla Stern con Robert Radeke (de: Robert Radecke), e rimase attivo come compositore fino al 1910 circa (vedi l'elenco delle composizioni sotto). Ma è stato vedere un concerto del 1889 della Filarmonica di Berlino guidata da Hans von Bülow, scrisse, che “ha deciso il mio futuro.

Foto: Anno 1895Bruno Walter (1876-1962) con un altro uomo in berretto bianco [fotografia montata]. Datato sul retro ["Sylt 1895"]. Sylt, Germania.

Ora sapevo per cosa ero destinato. Nessuna attività musicale se non quella di un direttore d'orchestra potrebbe più essere considerata da me. " Ha debuttato come direttore all'Opera di Colonia con Der Waffenschmied di Albert Lortzing nel 1894. Nello stesso anno è partito per l'Opera di Amburgo per lavorare come direttore del coro. Lì incontrò per la prima volta e lavorò con Gustav Mahler, che adorava e con la cui musica in seguito si identificò fortemente.

Direzione e Gustav Mahler

Nel 1896 fu nominato maestro di cappella dello Stadttheater (opera municipale) di Breslavia, su raccomandazione di Mahler al direttore del teatro, Theodor Löwe. Tuttavia, Löwe ha richiesto che prima di assumere questa posizione il giovane direttore cambiasse il suo cognome da Schlesinger, che letteralmente significa Slesia, "a causa della sua frequente presenza nella capitale della Slesia". In una lettera a suo fratello parafrasata da Erik Ryding e Rebecca Pechefsky, Walter ha detto di aver "suggerito diversi nomi, che Mahler ha scritto e dato a Löwe, che ha restituito il contratto con il nome Bruno Walter".

Questi biografi aggiungono che Walter scrisse ai suoi genitori di aver scoperto che "dover cambiare il suo nome era 'terribile'"; riferiscono che Mahler e le sue sorelle “hanno insistito” Walter per cambiare nome e aggiungono che, contrariamente a rapporti occasionali non comprovati, “non è noto” se la clausola di Löwe avesse qualcosa a che fare con il desiderio di nascondere le origini ebraiche di Walter.

Nel 1897, Walter divenne direttore principale dell'opera municipale di Pressburg (oggi Bratislava). Trovò la città provinciale e deprimente, e nel 1898 assunse la posizione di Direttore principale dell'Opera di Riga, in Lettonia. Mentre era lì, si convertì al cristianesimo, probabilmente al cattolicesimo romano. Nel 1899 Walter fu nominato direttore musicale dell'Opera di Temeswar, Austria-Ungheria (ora Timisoara, Romania), l'attuale Filarmonica Banatul di Timi? Oara.

Foto: Anno 1897Bruno Walter (1876-1962) da solo [Albert Meyer, Berlino]. Con iscrizione su 2 righe, firma [“Bruno”] e data [“Wien den 22.IX.97”] sul retro. 22-09-1897.

Walter tornò poi nel 1900 a Berlino, dove assunse l'incarico di direttore d'orchestra reale prussiano alla Staatsoper Unter den Linden, succedendo a Franz Schalk; compresi i suoi colleghi Richard Strauss (1864-1949) e Karl Muck (1859-1940). A Berlino ha anche diretto la prima di Der arme Heinrich di Hans Pfitzner (1869-1949), che è diventato un amico per tutta la vita.

Nel 1901, Walter accettò l'invito di Mahler a essere suo assistente all'Opera di Corte di Vienna. Walter ha guidato l'Aida di Verdi al suo debutto. Nel 1907 fu eletto dalla Filarmonica di Vienna per dirigere il suo Concerto Nicolai.

Anno 1908, PragaGustav Mahler (1860-1911) e Bruno Walter (1876-1962).

1908. Sonata per violino e pianoforte in la maggiore di Bruno Walter (1876-1962). Composto per Arnold Josef Rose (1863-1946) ea lui dedicato: “Dem Lieben Freunde und grossen Künstler / Arnold Rosé / gewidmet”. Composizione intorno al 1908. Presentata in anteprima da Bruno Walter e Arnold Rose a Vienna nel 09-03-1909 (Anno 1909). Prima pubblicazione 1910. Copia del copista.

Nel 1910, aiutò Mahler a selezionare e istruire cantanti solisti per la prima della Sinfonia n. 8. di Mahler. Negli anni successivi la reputazione di direttore di Walter aumentò vertiginosamente quando fu invitato a dirigere in tutta Europa - a Praga, a Londra, dove nel 1910 diresse Tristan und I relitti di Isolde ed Ethel Smyth al Covent Garden ea Roma.

Quando Mahler morì il 18-05-1911, Bruno Walter era sul letto di morte. Il 06-06-1911 scrisse a sua sorella che avrebbe diretto la prima di Mahler Das Lied von der Erde; lo fece a Monaco il 20-11-1911, nella prima metà di un concerto tutto Mahler (la seconda metà conteneva la Sinfonia n. 2 di Mahler). Il 26-06-1912 ha diretto la Filarmonica di Vienna nella prima mondiale di Sinfonia n. 9 di Mahler.

06-06-1911: Lettera da Bruno Walter (1876-1962) a Bad Gastein (Austria) a Justine (Ernestina) Rose-Mahler (1868-1938): Walter cerca di consolare se stesso e Justine per la morte di Mahler il 18-05-1911 precedente.

Vorrei solo dirti che i miei pensieri saranno con te domani mentre i tuoi cuori afflitti si solleveranno con nuova veemenza. Mi preme anche qui…. E posso sempre rinfrescarmi con la speranza di ridurre almeno un po 'del mio dolore e del mio dolore in azione: nelle due anteprime delle sue opere che darò il prossimo inverno. Questo sarà anche qualcosa per te, spero. Domani andrai con Elsa e Arnold a visitare la sua tomba: come sarei lieto anche io! Addio! In fedele ricordo, saluto te e Arnold. Cordialmente tuo, Bruno.

Ciò riguarda: Bruno Walters, moglie Elsa e Arnold Josef Rose (1863-1946).

06-06-1911: Lettera da Bruno Walter (1876-1962) a Justine (Ernestina) Rose-Mahler (1868-1938), firma Bruno (Walter).

Monaco

Anche se Walter divenne cittadino austriaco nel 1911, lasciò Vienna nel 1913 per diventare il direttore musicale della Baviera reale e direttore musicale generale dell'Opera di Stato della Baviera a Monaco. Mentre era lì, sostengono Erik Ryding e Rebecca Pechefsky, “il contributo di Walter alla storia della performance di Wagner è più significativo di quanto molti credano. Il Festival di Bayreuth fu sospeso dopo il 1914… e riprese solo nel 1924. Durante quei nove anni, Monaco fu il centro dell'autentica rappresentazione di Wagner; il suo Prinzregenttheather era strettamente modellato dopo il Festspielhaus di Bayreuth, e il suo Teatro Nazionale aveva visto le anteprime mondiali di Die Meistersinger von Nürnberg, Das Rheingold, Die Walküre e Tristan und Isolde. Walter è stato il direttore musicale della città per la maggior parte di questo periodo e ha presieduto la maggior parte del repertorio wagneriano ".

Nel gennaio 1914 Walter diresse il suo primo concerto a Mosca. Durante la prima guerra mondiale rimase attivamente coinvolto nella direzione d'orchestra, dando anteprime a Violanta e Der Ring des Polykrates di Erich Wolfgang Korngold e Palestrina di Hans Pfitzner. Nel 1920 ha diretto la prima di Die Vögel di Walter Braunfels.

A Monaco, Walter era un buon amico del cardinale Eugenio Pacelli (poi papa Pio XII). La stretta amicizia di Walter con Thomas Mann sembra essere iniziata a Monaco nel 1914.

United States

Walter terminò il suo appuntamento a Monaco nel 1922 e partì per New York nel 1923, lavorando con la New York Symphony Orchestra alla Carnegie Hall; ha poi diretto a Detroit, Minnesota e Boston.

Berlino, Lipsia, Vienna

Tornato in Europa, Walter ha debuttato sia con la Leipzig Gewandhaus Orchestra che con la Royal Concertgebouw Orchestra nel 1923, ed è stato Direttore Musicale della Deutsche Oper Berlin (Städtische Oper) dal 1925 al 1929. Ha debuttato alla Scala nel 1926, ed è stato direttore principale delle stagioni tedesche al Covent Garden di Londra dal 1924 al 1931.

Walter servì come Direttore Principale dell'Orchestra Gewandhaus di Lipsia dal 1929 fino al marzo 1933, quando il suo mandato fu interrotto dal nuovo governo nazista, come descritto di seguito.

Nei discorsi alla fine degli anni '1920, il leader nazista Adolf Hitler si era lamentato amaramente della presenza di direttori ebrei all'opera di Berlino e menzionò Walter diverse volte, aggiungendo al nome di Walter la frase, "alias Schlesinger". Quando i nazisti presero il potere, intrapresero un processo sistematico per escludere gli ebrei dalla vita artistica.

Come riportato dai biografi Erik Ryding e Rebecca Pechefsky, quando Hitler divenne cancelliere nel gennaio 1933, Walter stava dirigendo a New York, ma il mese successivo tornò a Lipsia pianificando di dirigere i suoi concerti precedentemente programmati con la Gewandhaus Orchestra a marzo. Tuttavia, il capo della polizia di Lipsia ha informato la direzione che avrebbe annullato i concerti se Walter li avesse diretti. La direzione resistette e Walter guidò le prove, ma il giorno in cui si sarebbe tenuto il primo concerto, la polizia, “in nome del ministero degli interni sassone”, proibì le prove generali ei concerti; Walter ha lasciato Lipsia.

Walter avrebbe dovuto dirigere la Filarmonica di Berlino il 20 marzo, ma i suoi dirigenti furono avvertiti da Joseph Goebbels che al concerto avrebbero potuto verificarsi "manifestazioni spiacevoli" e il Ministero della Propaganda lo chiarì dicendo che ci sarebbero state violenze in sala; sentito questo, Walter ha scelto di ritirarsi, dicendo alla direzione: "Allora non ho più affari qui". Il concerto, alla fine, è stato diretto da Richard Strauss. Walter in seguito scrisse: "Il compositore di Ein Heldenleben [" A Hero's Life "] si dichiarò effettivamente pronto a dirigere al posto di un collega allontanato con la forza". Anche un concerto che Walter avrebbe dovuto condurre a Francoforte è stato cancellato. Walter lasciò la Germania e non avrebbe più diretto lì fino a dopo la guerra.

L'Austria divenne il suo principale centro di attività per diversi anni. Lui e la sua famiglia si trasferirono a Vienna, dove diresse regolarmente la Filarmonica di Vienna (con la quale fece numerose registrazioni epocali durante questo periodo) e al Festival di Salisburgo, e nel 1936 accettò l'offerta di essere Direttore Artistico dello Stato di Vienna Musica lirica; lì, occupava lo stesso ufficio che una volta era stato di Mahler. È stato inoltre nominato Direttore Ospite Permanente del Orchestra Royal Concertgebouw di Amsterdam (RCO) dal 1934 al 1939 e fece apparizioni come ospiti come in concerti annuali con la Filarmonica di New York dal 1932 al 1936.

Quando il Terzo Reich annesse l'Austria - l'Anschluss - nel 1938, Walter era nei Paesi Bassi a dirigere la Concertgebouw Orchestra. La sua figlia maggiore Lotte era a Vienna in quel momento, e fu arrestata dai nazisti; Walter è stato in grado di usare la sua influenza per liberarla. Ha anche usato la sua influenza per trovare un alloggio sicuro per suo fratello e sua sorella in Scandinavia durante la guerra.

1939. Arrivo Bruno Walter (1876-1962) ad Amsterdam: Willem Mengelberg (1871-1951), porter, Elsa Walter (1871-1945) e Bruno Walter (1876-1962).

La figlia di Walter, Gretel, fu assassinata il 21 agosto 1939 a Berlino dal marito, che poi si suicidò; il suo motivo era la gelosia per il suo rapporto crescente con il basso italiano Ezio Pinza. La moglie di Walter cadde in una depressione permanente e morì nel 1945, e Walter si incolpò della tragedia, poiché sua figlia aveva conosciuto Pinza solo perché Walter aveva fatto sforzi speciali per assumerlo per cantare il ruolo di Don Giovanni.

Rientro negli Stati Uniti

Il 1 ° novembre 1939 salpò per gli Stati Uniti, che divennero la sua dimora permanente. Si stabilì a Beverly Hills, in California, dove i suoi numerosi vicini espatriati includevano Thomas Mann.

Los Angeles. Bruno Walter (1876-1962) con la Columbia Symphony Orchestra (CSO).

Mentre Walter ha avuto molte influenze all'interno della musica, nel suo Of Music and Making (1957) nota una profonda influenza del filosofo Rudolf Steiner. Egli osserva: “In età avanzata ho avuto la fortuna di essere iniziato al mondo dell'antroposofia e negli ultimi anni di studiare a fondo gli insegnamenti di Rudolf Steiner.

Qui vediamo viva e operante quella liberazione di cui parla Friedrich Hölderlin; la sua benedizione è fluita su di me, e quindi questo libro è la confessione della fede nell'antroposofia. Non c'è parte della mia vita interiore che non abbia avuto una nuova luce su di essa, o non sia stata stimolata, dagli alti insegnamenti di Rudolf Steiner ... Sono profondamente grato per essere stato così arricchito senza limiti ... È glorioso diventare di nuovo uno studente a il mio tempo della vita. Ho un senso di ringiovanimento di tutto il mio essere che dà forza e rinnovamento alla mia abilità musicale, anche al mio modo di fare musica. "

Durante i suoi anni negli Stati Uniti, Walter ha lavorato con molte famose orchestre americane. Nel dicembre 1942 gli fu offerta la direzione musicale della Filarmonica di New York, ma rifiutò, citando la sua età; poi nel febbraio 1947, dopo le dimissioni di Artur Rodzinski, accettò la carica ma cambiò il titolo in “Consulente musicale” (si dimise nel 1949). Tra le altre orchestre con cui ha lavorato c'erano la Chicago Symphony Orchestra, la Los Angeles Philharmonic, la NBC Symphony Orchestra e la Philadelphia Orchestra.

Dal 1946 in poi compie numerosi viaggi di ritorno in Europa, diventando una figura musicale importante nei primi anni del Festival di Edimburgo ea Salisburgo, Vienna e Monaco. Nel settembre 1950 tornò a Berlino per la prima volta dal concerto interrotto del 1933; ha diretto la Filarmonica di Berlino in un programma di Beethoven, Mozart, Richard Strauss e Brahms, e "ha tenuto una conferenza per gli studenti del Conservatorio Municipale - in precedenza la sua vecchia scuola, il Conservatorio Stern - su richiesta degli studenti"

1947. 25-10-1947 Bruno Walter (1876-1962) e  Orchestra Royal Concertgebouw di Amsterdam (RCO) durante le prove in Concertgebouw reale di Amsterdam.

1948. firma Bruno Walter (1876-1962) nel libro intitolato “Gustav Mahler Briefe” edito da Paul Zsolnay (1895-1961) nel 1924. Vienna, 16-05-1948. Per il professor Richard Marand (?)

Bruno Walter (1876-1962)Thomas Mann (1875-1955) e Arturo Toscanini (1867-1957).

La sua tarda età è stata segnata dalle registrazioni stereo con la Columbia Symphony Orchestra, un ensemble di musicisti professionisti assemblati dalla Columbia Records per le registrazioni.

1952 Bruno Walter (1876-1962) ed Elisabeth Schwarzkopf (1915-2006) nel Concertgebouw reale di Amsterdam dopo un'esibizione di Gustav Mahlers ' Sinfonia n. 4.

1959. 05-09-1959 Telegramma Bruno Walter (1876-1962) a Beverly Hills al sindaco di Steinbach am Attersee circa Gustav Mahler (1860-1911) placca.

Ha fatto la sua ultima apparizione in un concerto dal vivo il 4 dicembre 1960 con la Filarmonica di Los Angeles e il pianista Van Cliburn. La sua ultima registrazione è stata una serie di aperture di Mozart con la Columbia Symphony Orchestra alla fine di marzo del 1961. Bruno Walter morì di infarto nella sua casa di Beverly Hills nel 1962. Ma è sepolto in Cimitero di Abbondio, Gentilino nel Canton Ticino, Svizzera.

Più

Nel 1894, quando non aveva ancora 18 anni, Bruno Schlesinger fece il suo debutto come direttore, dirigendo un'esecuzione dell'opera leggera Waffenschmied di Albert Lortzing. Le recensioni sono state entusiaste. Pochi giorni dopo, ha condotto un'esecuzione di emergenza dello stesso lavoro. Il cast originale non era disponibile per questa performance non programmata. Due dei cantanti che erano stati chiamati all'ultimo minuto non cantavano i loro ruoli da anni. Una delle recensioni è stata piuttosto ostile. Poi un altro giornale è venuto in difesa di Schlesinger. La controversia può essere una fonte di pubblicità ancora migliore delle lodi. All'età di 17 anni, Schlesinger aveva raggiunto fama e successo.

Chi era questo Bruno Schlesinger? Il mondo lo conosce come Bruno Walter. Nel 1896 gli fu offerto un lavoro al Breslau Stadttheater a condizione che cambiasse nome. Forse il direttore dello Stadttheater pensava che il nome Schlesinger suonasse troppo ebreo. Bruno non era contento di cambiare nome, ma cedette alle pressioni; da allora è Bruno Walter. Tuttavia, nel 1921 il critico filo-nazista Hermann Esser lo descrisse come "il direttore d'orchestra ebreo Isidor Schlesinger, alias Walter". Esser stava provocando il nome "Isidor"; forse pensava che qualcuno che aveva cambiato il suo cognome dal suono ebraico dovrebbe essere accusato di aver cambiato anche un nome di battesimo.

Oltre a cambiare il suo nome, che era una risposta alle pressioni, Bruno Walter ha cambiato la sua religione. Non è del tutto chiaro a quale ramo del cristianesimo si unì, ma probabilmente era il cattolicesimo, poiché le sue ceneri furono sepolte in un cimitero cattolico. La sua conversione sembra essere stata abbastanza sincera. Si dice che sua figlia Lotte abbia detto: “Era un cristiano e molto bravo. E più cresceva, più diventava religioso ".

Un musicista diverso, il compositore britannico Gerald Finzi, non si considerava un ebreo ma non ha mai voluto diventare un cristiano o altro. Nel 1938 Finzi cercò di distruggere le prove delle sue origini ebraiche perché temeva che Hitler potesse vincere la guerra.1 La situazione di Walter era esattamente l'opposto. Voleva convertirsi. Inoltre, a differenza di Finzi, Walter sottovalutava il pericolo dell'antisemitismo. Quando Hitler prese il potere, Walter stava dirigendo alla Brooklyn Academy of Music, ma tornò in Germania dopo il fidanzamento. Pensò, per un brevissimo tempo, di poter ancora dirigere in Germania, finché un concerto che avrebbe dovuto dirigere al Gewandhaus di Lipsia non fu cancellato la mattina dello spettacolo.

Walter si è poi trasferito a Vienna. Ha coraggiosamente scelto il contralto afroamericano Marian Anderson come solista in una performance dell'Alto Rhapsody di Brahms che si sarebbe tenuto il 17 giugno 1936. Ha ricevuto una minaccia di morte, ma lo spettacolo è andato avanti. Quello stesso mese, i nazisti austriaci lanciarono bombe puzzolenti durante un'esibizione di Tristano e Isotta condotta da Walter, ma lo spettacolo continuò. Quando Hitler conquistò l'Austria nel 1938, Walter ancora una volta dirigeva all'estero, ad Amsterdam. Questa volta sapeva abbastanza per non tornare a casa. Alla fine si trasferì in America, dove ebbe lo stesso successo e ammirò un direttore d'orchestra come lo era stato in Germania e Austria.

Walter era un contemporaneo di Arturo Toscanini, probabilmente il direttore d'orchestra più ammirato al mondo all'epoca. Toscanini era noto per le sue interpretazioni accurate e precise e per i suoi tempi generalmente veloci. Lo stile di Walter era forse più vario e più romantico. Se non ci fosse stato Toscanini, Walter avrebbe potuto essere il direttore d'orchestra più famoso della terra. Tuttavia, Walter e Toscanini, che dovettero fuggire entrambi in America, erano amici.

Toscanini non ha mai diretto la musica di Gustav Mahler. Walter, d'altra parte, considerava Mahler, come Walter, un convertito al cristianesimo, il suo mentore. Walter amava e comprendeva la musica di Mahler e la dirigeva spesso. Oggi, Mahler è molto ammirato e rappresentato frequentemente, ma era piuttosto meno popolare durante la prima metà del XX secolo. Walter era uno dei campioni di Mahler. Mahler ha apprezzato la direzione di Walter; tuttavia, non gli piacevano le composizioni di Walter. Nemmeno gli altri, a quanto pare. Nonostante il successo ininterrotto di Walter come direttore, è stato un totale fallimento come compositore. Poche persone sanno nemmeno che ha composto.

La vita personale di Walter, nonostante il suo trionfo come direttore d'orchestra, fu piena di delusione e tragedia. Il fatto che le sue composizioni siano sconosciute è stata una fonte di tristezza. Un altro era la sua vita amorosa. Rimase sposato con sua moglie Elsa per quasi 44 anni fino alla sua morte nel 1945, ma amava una donna diversa, la cantante Delia Reinhardt. Era profondamente addolorato quando dovette fuggire dalla Germania e poi dall'Austria dopo che Hitler prese il potere. Peggio ancora, sua figlia minore, Gretel, si innamorò del baritono Ezio Pinza e fu assassinata dal marito geloso, un uomo di nome Robert Neppach, che poi si uccise.

Walter era ben informato, letterato e intellettuale. Ha annoverato tra i suoi amici l'autore vincitore del premio Nobel Thomas Mann. Allo stesso tempo, credeva nell'antroposofia, un sistema di spiritualità antimaterialista altamente controverso sviluppato da Rudolf Steiner. Fu Delia Reinhardt a far conoscere a Walter questa convinzione, ma la sua passione non può essere spiegata semplicemente dal suo amore per Reinhardt. È diventato sempre più coinvolto. Non vedeva una contraddizione tra la sua fede cristiana e il fatto che Steiner disse che Gesù "era stato visitato dallo spirito che un tempo aveva abitato Mosè e Zoroastro". Né vedeva un conflitto tra il misticismo di Steiner e la sua stessa intellettualità. Walter non sembrava nemmeno essere turbato dalla contraddizione tra la sua stessa fede nella "libertà di pensiero e di comprensione e pace tra i singoli e tra le nazioni" e l'apparente visione di Steiner che "la razza nera appartiene alla notte, la razza gialla corsa al mattino, i bianchi al giorno. "

Ryding e Pechefsky hanno scritto una biografia dettagliata e ben documentata di un musicista rispettato la cui carriera come direttore è stata lunga e di successo. Rimane molto che non sono riusciti a trovare. Cosa diavolo stava pensando Walter quando ha abbracciato l'antroposofia? Sapeva cosa aveva scritto Steiner sulla razza? O ha trovato altri passaggi negli scritti di Steiner che rendevano il razzismo innocuo? E i sentimenti di Walter per Elsa, sua moglie? Amava lei e Delia Reinhardt allo stesso tempo? O è rimasto con Elsa a causa del senso del dovere? Cosa ha pensato Walter quando è stato descritto come "il direttore d'orchestra ebreo Isidor Schlesinger"? Cosa ha pensato quando è dovuto fuggire dalla Germania e poi dall'Austria? Si è identificato come ebreo in quel momento? O si considerava un cristiano accusato ingiustamente dei suoi antenati?

Registrazioni

Il lavoro di Walter è stato documentato su centinaia di registrazioni effettuate tra il 1900 (quando aveva 24 anni) e il 1961. La maggior parte degli ascoltatori lo ha familiarizzato attraverso le registrazioni stereo fatte nei suoi ultimi anni, quando la sua salute stava peggiorando. Ma molti critici concordano sul fatto che queste registrazioni non trasmettono appieno come doveva suonare l'arte di Walter nel suo periodo migliore. Per prima cosa, le ultime registrazioni a volte hanno una genialità che contrasta con le performance più volubili, intense ed energiche che Walter ha registrato nei decenni precedenti. Dall'altro, le ultime registrazioni si concentrano principalmente sulla musica da Mozart a Mahler, ma nella giovinezza di Walter spesso dirigeva quella che allora era musica più recente (incluso Mahler).

Walter ha lavorato a stretto contatto con Mahler come assistente e pupillo. Mahler non visse per eseguire il suo Das Lied von der Erde o la Sinfonia n. 9, ma la sua vedova, Alma Mahler, chiese a Walter di presentare entrambi in anteprima. Walter guidò la prima rappresentazione di Das Lied nel 1911 a Monaco e del Nono nel 1912 a Vienna con la Filarmonica di Vienna. Decenni dopo, Walter e la Filarmonica di Vienna (con il cognato di Mahler Arnold Rosé ancora un primo violino) fecero le prime registrazioni di Das Lied von der Erde nel 1936 e della Nona Sinfonia nel 1938. Entrambi furono registrati dal vivo in concerto, il quest'ultimo solo due mesi prima che il nazista Anschluss mandasse in esilio Walter (e Rosé).

Queste registrazioni sono di particolare interesse per le pratiche esecutive dell'orchestra e anche per l'intensità dell'espressione. Walter doveva registrare nuovamente entrambe le opere con successo nei decenni successivi. La sua famosa Decca Das Lied von der Erde con Kathleen Ferrier, Julius Patzak e la Filarmonica di Vienna è stata realizzata nel maggio 1952, e l'ha registrata di nuovo in studio con la Filarmonica di New York nel 1960. Ha diretto la Filarmonica di New York nel 1957 registrazione stereo della seconda sinfonia. Ha registrato il Nono in stereo nel 1961.

Poiché lo stesso Mahler non ha mai diretto la Nona Sinfonia e Das Lied von der Erde, le esecuzioni di Walter non possono essere prese come documentazioni delle interpretazioni di Mahler. Ma alla luce del legame personale di Walter con il compositore e del fatto che egli abbia eseguito le esecuzioni originali, hanno un altro tipo di autenticità primaria. Nelle altre sue (molto stimate) registrazioni di Mahler - varie canzoni e la Prima, Seconda, Quarta e Quinta sinfonie - c'è il grande interesse aggiunto che aveva ascoltato le esecuzioni di Mahler della maggior parte di esse.

Walter ha realizzato molte registrazioni acclamate di altri grandi compositori germanici, come Mozart, Haydn, Beethoven, Schubert, Johannes Brahms, Johann Strauss Jr. e Anton Bruckner, nonché di Bach, Wagner, Schumann, Dvorak, Richard Strauss, Tchaikovsky , Smetana e altri. Walter è stato uno dei principali direttori d'opera, particolarmente noto per il suo Mozart, e le registrazioni di alcuni brani della Metropolitan Opera e del Festival di Salisburgo sono ora disponibili su CD. Così sono le esibizioni di Wagner, Verdi e il Fidelio di Beethoven. Di grande interesse sono anche le registrazioni degli anni '1950 delle sue prove di Mozart, Mahler e Brahms, che danno un'idea delle sue priorità musicali e del modo caldo e non tirannico (in contrasto con alcuni dei suoi colleghi) con cui si è relazionato. orchestre.

Composizioni

Walter ha composto attivamente almeno fino al 1910. Come dettagliato nella biografia di Erik Ryding e Rebecca Pechefsky, le sue composizioni includono:

  • Sinfonia n. 1 in re minore (composta intorno al 1907; premiata a Vienna, 1909; registrata da CPO # 777-163, 2).
  • Sinfonia n. 2 in mi (composta intorno al 1910).
  • Symphonic Fantasia (composta 1904; presentata per la prima volta da Richard Strauss nel 1904).
  • Quartetto d'archi in re maggiore (1903; debuttato a Vienna dal Rose Quartet).
  • Piano Quintet (debuttato nel 1905 a Vienna dal Rose Quartet).
  • Piano Trio (debuttato nel 1906 a Vienna da Walter e dai membri del Rose Quartet).
  • Sonata per violino e pianoforte in la (1908; composta per Arnold Josef Rose (1863-1946), e a lui dedicata: “Dem Lieben Freunde und grossen Künstler / Arnold Rosé / gewidmet”. Composizione intorno al 1908. Presentata da Bruno Walter e Arnold Rose a Vienna nel 09-03-1909. Prima pubblicazione 1910. L'apertura di Allegro con espressione inizia con aria fiduciosa. Tuttavia, con il progredire del movimento, sentiamo il battito ritmico di un motivo del destino che crea dubbi e un senso di presentimento. Il secondo movimento, Andante serioso, sebbene in parte lirico, conserva una certa spigolosità ritmica. Il finale, Moderato, inizia in minore, segnato calmo. Tuttavia, non rimane calmo a lungo, né nell'umore né nella tonalità, poiché alla fine si sposta nella tonalità più calda del La maggiore. Vedi frontespizio su questa pagina web.
  • Musiche di scena per "King Oedipus" (1910. La produzione era un adattamento dell'opera di Sofocle di Hugo von Hofmannsthal. Fu diretta da Max Reinhardt e fu rappresentata per la prima volta nel settembre 1910 a Monaco, seguita da rappresentazioni a Berlino, Colonia e Vienna. .
  • Numerose canzoni.
  • Opere corali.

Opere scritte

  • III di Gustav Mahler. Symphonie. In: Der Merker 1 (1909), 9-11.
  • Mahlers Weg: ein Erinnerungsblatt. In: Der Merker 3 (1912), 166-171.
  • Über Ethel Smyth: ein Brief von Bruno Walter. In: Der Merker 3 (1912), 897-898.
  • Kunst und Öffentlichkeit. In: Süddeutsche Monatshefte (ottobre 1916), 95-110.
  • Beethovens Missa solemnis. In: Münchner Neueste Nachrichten (30 ottobre 1920), Suppl. Beethoven, 3–5.
  • Von den moralischen Kräften der Musik. Vienna 1935.
  • Gustav Mahler. Vienna 1936.
  • Bruckner e Mahler. In: Chord and Discord 2/2 (1940), 3-12.
  • Thema und Variationen - Erinnerungen und Gedanken. Stoccolma 1947.
  • Von der Musik und vom Musizieren. Francoforte 1957.
  • Mein Weg zur Antroposofia. In: Das Goetheanum 52 (1961), 418-21.
  • Briefe 1894-1962. Hg. LW Lindt, Francoforte aM 1969.

Registrazioni notevoli

  • 1935: Richard Wagner, Die Walküre (Atto I), con l'Orchestra Filarmonica di Vienna, feat. solisti Lotte Lehmann, Lauritz Melchior, Emanuel List, et al. (EMI Great Recordings of the Century, Naxos Historical).
  • 1938: Gustav Mahler, Sinfonia n. 9, con l'Orchestra Filarmonica di Vienna. (Dutton, EMI Great Artists of the Century, Naxos Historical).
  • 1941: Ludwig van Beethoven, Fidelio, con la Metropolitan Opera, feat. i solisti Kirsten Flagstad, Alexander Kipnis, Herbert Janssen, et al. (Naxos Historical).
  • 1952: Gustav Mahler, Das Lied von der Erde, con l'Orchestra Filarmonica di Vienna, feat. i solisti Kathleen Ferrier e Julius Patzak. (Decca Legends, Naxos Historical).
  • 1956: La nascita di una performance: le prove di Walter e l'esecuzione finale della Sinfonia "Linz" di Mozart, con la Columbia Symphony Orchestra. Un raro esempio di prove di un'esibizione pubblicata su una registrazione commerciale. (Sony Masterworks).
  • 1958–1961: Ludwig van Beethoven, Sinfonia n. 4 e Sinfonia n. 6, con la Columbia Symphony Orchestra. (Sony Bruno Walter Edition).
  • 1960: Johannes Brahms, Sinfonia n. 2 e Sinfonia n. 3, con la Columbia Symphony Orchestra. (Sony Bruno Walter Edition).

Bibliografia

  • Dalin, David G. (2005). Il mito del papa di Hitler: Papa Pio XII e la sua guerra segreta contro la Germania nazista. Washington, DC: pubblicazione Regency. ISBN 9780895260345.
  • Fischer, Jens Malte (2011). Gustav Mahler. Tradotto da Stewart Spencer. Yale University Press. ISBN 9780300134445.
  • Friedländer, Saul (1997). La Germania nazista e gli ebrei, volume 1: The Years of Persecution, 1933-39. HarperCollins. ISBN 9780753801420.
  • Hemleben, Johannes (2000). Rudolf Steiner: una biografia illustrata. Sophia Books.
  • Holden, Raymond (2005). I virtuosi direttori: la tradizione mitteleuropea da Wagner a Karajan. New Haven, CT: Yale University Press. ISBN 978-0-300-09326-1.
  • Ross, Alex (2007). Il resto è rumore: ascoltare il ventesimo secolo. Farrar, Straus e Giroux. ISBN 9780374249397.
  • Ryding, Erik; Pechefsky, Rebecca (2001). Bruno Walter: un mondo altrove. New Haven, CT: Yale University Press. ISBN 978-0-300-08713-0.
  • Walter, Bruno (1961). Della musica e del fare musica. New York: WW Norton & Company. OCLC 394450.
  • Walter, Bruno; Galston, James A. (1946). Tema e variazioni: un'autobiografia. New York: AA Knopf. OCLC 564814.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: