Alexander von Zemlinsky (1871-1942).

  • Professione: pedagogo, direttore d'orchestra, compositore.
  • Residenze: Vienna, New York.
  • Relazione con Mahler: storia d'amore con Alma Schindler.
  • Corrispondenza con Mahler: Sì.
    • 00-00-0000, anno 
  • Nato: 14-10-1871 Vienna, Austria.
  • Morto: 15-03-1942 Larchmont, New York, America. 70 anni.
  • Sepolto: 00-00-0000 sconosciuto
  • Reburied: 18-07-1985 Cimitero centrale, Vienna, Austria. Tomba 33G-71.

Alexander Zemlinsky o Alexander von Zemlinsky era un compositore, direttore d'orchestra e insegnante austriaco. Zemlinsky è nato a Vienna da una famiglia altamente multiculturale. Il nonno di Zemlinsky, Anton Semlinski, emigrò da Žilina, Ungheria (ora in Slovacchia) in Austria e sposò una donna austriaca. Entrambi provenivano da famiglie fedelmente cattoliche e il padre di Alessandro, Adolf, fu cresciuto come cattolico.

La madre di Alexander è nata a Sarajevo da padre ebreo sefardita e madre bosniaca musulmana. L'intera famiglia di Alessandro si convertì alla religione di suo nonno materno, il giudaismo, e Zemlinsky nacque e crebbe ebreo. Suo padre aggiunse un aristocratico "von" al suo nome, anche se né lui né i suoi antenati furono nobilitati. Ha anche iniziato a scrivere il suo cognome "Zemlinszky".

Alexander ha studiato pianoforte fin dalla giovane età. Durante le vacanze suonava l'organo nella sua sinagoga e nel 1884 fu ammesso al Conservatorio di Vienna. Studiò pianoforte con Anton Door, vincendo il premio per pianoforte della scuola nel 1890. Continuò i suoi studi fino al 1892, studiando teoria con Robert Fuchs e composizione con Johann Nepomuk Fuchs e Anton Bruckner. In questo momento ha iniziato a scrivere musica.

Zemlinsky aveva un prezioso sostenitore a Johannes Brahms. Nel 1893, su invito dell'insegnante di Zemlinsky Johann Nepomuk Fuchs, Brahms assistette a un'esibizione della Sinfonia in re minore di Zemlinsky. Subito dopo, Brahms ha assistito all'esibizione di uno dei quartetti di Zemlinky da parte dell'Hellmesberger Quartet. Brahms, impressionato dalla musica di Zemlinsky, raccomandò il Trio di clarinetti del più giovane compositore (1896) alla compagnia N. Simrock per la pubblicazione. 

Zemlinsky incontrò anche Arnold Schoenberg quando quest'ultimo si unì a Polyhymnia, un'orchestra in cui suonava il violoncello e aiutò a fondare nel 1895. I due divennero amici intimi e in seguito ammiratori e cognati comuni quando Schoenberg sposò sua sorella Mathilde. Zemlinsky diede lezioni di contrappunto a Schoenberg, diventando così l'unico insegnante di musica formale che Schoenberg avrebbe avuto.

Nel 1897 la Sinfonia n. 2 di Zemlinsky (cronologicamente la terza che aveva scritto, e talvolta numerata come tale) fu un successo quando fu presentata in anteprima a Vienna. La sua reputazione di compositore fu ulteriormente aiutata quando Gustav Mahler diresse la prima della sua opera Es war einmal (C'era una volta) all'Hofoper nel 1900. Nel 1899 Zemlinsky si assicurò il posto di Kapellmeister al Carltheater di Vienna. 

Nel 1900, Zemlinsky incontrò e si innamorò di Alma Schindler, uno dei suoi studenti di composizione. All'inizio ricambiava i suoi sentimenti; tuttavia, Alma ha sentito una grande pressione da parte di amici intimi e familiari per porre fine alla relazione. Erano principalmente preoccupati per la mancanza di reputazione internazionale da parte di Zemlinsky e per un aspetto fisico poco attraente. Ha rotto il rapporto con Zemlinsky e successivamente ha sposato il compositore Gustav Mahler nel 1902. 

06-10-1906: Alexander von Zemlinsky (1871-1942) viene eletto nuovo direttore del Opera di Stato di Vienna. Nel 1906 Zemlinsky fu nominato primo maestro di cappella della nuova Volksoper di Vienna, dal 1907/1908 all'Hofoper di Vienna. Zemlinsky sposò Ida Guttmann nel 1907, ma il matrimonio fu infelice. 

Alexander von Zemlinsky e Arnold Schoenberg (1874-1951) a Praga (1917).

Dal 1911 al 1927 fu direttore d'orchestra al Deutsches Landestheater di Praga, presentando l'Erwartung di Schoenberg nel 1924. Zemlinsky si trasferì poi a Berlino, dove insegnò e lavorò con Otto Klemperer come direttore alla Kroll Opera. Con l'ascesa del partito nazista, nel 1933 fuggì a Vienna, dove non ricoprì incarichi ufficiali, concentrandosi invece sulla composizione e facendo l'apparizione occasionale come direttore ospite. Nel 1938 si trasferisce negli Stati Uniti e si stabilisce a New York City. Sebbene il collega emigrato Schoenberg fosse celebrato e festeggiato nella Los Angeles degli anni '1930 e '40 - insegnando all'Università della California, Los Angeles (UCLA) e alla University of Southern California (USC) e ottenendo una nuova generazione di accoliti - Zemlinsky fu trascurato e praticamente sconosciuto nel suo paese di adozione. Si ammalò, subì una serie di ictus e smise di comporre. Zemlinsky è morto a Larchmont, New York di polmonite. Nel 1930 Zemlinsky si convertì al protestantesimo. Ha alluso alla croce cristiana ea Gesù nel testo di Turnwächterlied, e ha incluso versetti dei Salmi in molte delle sue composizioni.

Dopo la morte di Ida nel 1929, Zemlinsky sposò Luise Sachsel nel 1930, una donna di ventinove anni più giovane di lui, e alla quale aveva dato lezioni di canto dal 1914. Questa fu una relazione molto più felice, che durò fino alla morte di Zemlinsky. Ida morì nel 1929 e sposò Luise nel 1930. Dal 1930 al 1933 fu direttore ospite dell'Opera di Stato di Berlino, ma quando i nazisti salirono al potere fuggirono a Vienna.

Nel 1938 si trasferì a Praga e poi negli Stati Uniti, dove arrivarono a Ellis Island il 23 dicembre 1938. Ma la salute di Zemlinsky stava peggiorando e non riuscì a imparare l'inglese. Vivevano in cattive condizioni e morì nel 1942 a Larchmont. Luise si prese cura della sua eredità musicale e continuò la sua pittura. Nel 1985 ha accompagnato le sue ceneri in una tomba al Cimitero centrale a Vienna. Morì a Manhattan nel 1992.

Musica

L'opera più nota di Zemlinsky è la Lyric Symphony (1923), un brano in sette movimenti per soprano, baritono e orchestra, su poesie del poeta bengalese Rabindranath Tagore (in traduzione tedesca), che Zemlinsky ha paragonato in una lettera al suo editore al Das Lied von der Erde di Mahler (sebbene anche la prima parte del Gurre-Lieder di Schoenberg abbia una chiara influenza). Il lavoro a sua volta ha influenzato la Lyric Suite di Alban Berg, che ne cita ed è dedicata a Zemlinsky.

Altre opere orchestrali includono il poema sinfonico su larga scala Die Seejungfrau (La sirena). Questo lavoro, presentato per la prima volta nel 1905 nello stesso concerto di Pelleas und Melisande di Schoenberg, è stato considerato "perduto" fino al 1984, da quando è diventato uno degli spartiti più frequentemente eseguiti da Zemlinsky. Una Sinfonietta in tre movimenti scritta nel 1934, ammirata da Schoenberg e Berg, è scritta in uno stile paragonabile alle opere contemporanee di Paul Hindemith e Kurt Weill. 

Altre opere includono otto opere, tra cui Eine florentinische Tragödie (1915-16) e il semi-autobiografico Der Zwerg (Il nano, 1919-21), entrambi dopo Oscar Wilde; musica da camera (compresi quattro quartetti d'archi) e il balletto Der Triumph der Zeit (1901). Ha anche composto tre impostazioni di salmi per coro e orchestra e numerosi cicli di canzoni, sia con pianoforte che con orchestra, di cui il Sechs Gesänge, op. 13, ai testi di Maurice Maeterlinck è il più noto.

Mentre l'influenza di Brahms è evocata nei primi lavori di Zemlinsky (incoraggiando lo stesso Brahms), una voce originale è presente sin dai primi lavori, gestendo le dissonanze in un modo molto più libero di Brahms. Le opere successive adottano il tipo di armonie estese che Wagner aveva introdotto mentre traeva anche influenza da Mahler. A differenza del suo amico Schoenberg, non ha mai scritto musica atonale e non ha mai usato la tecnica dei dodici toni.

Tuttavia, gli ultimi lavori come la Symphonische Gesänge, la Sinfonietta e il terzo e quarto quartetto per archi si allontanano dal post-romanticismo verso un idioma più snello e duro che incorpora elementi di Neue Sachlichkeit, neoclassicismo e persino jazz.

Come direttore, Zemlinsky era ammirato, tra gli altri, da Kurt Weill e Stravinsky, non solo per le sue notevoli interpretazioni di Mozart, ma anche per la sua difesa di Mahler, Schoenberg e di molta altra musica contemporanea. Come insegnante, i suoi allievi includevano Erich Wolfgang Korngold, Hans Krása e Karl Weigl.

Alexander von Zemlinsky di Emil Orlik (1870-1932).

ALTRO

Alexander Zemlinsky è uno di quei compositori che non godono di grande fama e tuttavia erano molto apprezzati ai loro tempi. Le sue opere non hanno cambiato la storia della musica ma sono un'autentica testimonianza dei turbolenti sviluppi della musica tra il 1890 e il 1940. Zemlinsky si pone tra i tempi e gli stili ma in questa posizione intermedia ha trovato un linguaggio musicale ricco, inconfondibile. La sua personalità e il suo lavoro incarnano una delle epoche artistiche più affascinanti d'Europa.

Zemlinsky nacque nel 1871 a Vienna e crebbe nel quartiere Leopoldstadt, caratterizzato dai numerosi abitanti ebrei che vi abitavano. Il suo talento musicale divenne evidente in tenera età e così i suoi genitori lo iscrissero al Conservatorio della Società degli Amici della Musica quando aveva appena 13 anni. Zemlinsky studiò in questa istituzione fino al 1892, componendo opere sue che furono influenzate da quelle del suo modello e mecenate Johannes Brahms.

Dopo aver completato i suoi studi, attraverso contatti personali e un forte impegno nel lavorare per una serie di istituzioni e società, Zemlinsky riuscì presto a crearsi una certa posizione nella pulsante vita musicale di Vienna. In questi anni i suoi incontri con Arnold Schoenberg e Alma Schindler - divenuta poi moglie di Gustav Mahler - furono particolarmente significativi sia sul piano umano che artistico. Per un breve periodo Zemlinsky istruì Schoenberg nel contrappunto e dal 1906 divenne suo cognato, infatti Schoenberg sarebbe diventato il più importante amico e partner artistico di Zemlinsky. Zemlinsky ebbe una relazione amorosa intensa e infelice con la sua allieva Alma Schindler, che terminò solo quando incontrò Mahler.

Dopo il 1900 Zemlinsky si affermò saldamente come una figura musicale di spicco a Vienna, sia come compositore che come direttore. Tuttavia, non ha ottenuto una svolta davvero importante. Dal 1900 al 1904 Zemlinsky fu maestro di kapell al Carltheater e al Theater an der Wien dove gli fu affidata solo la direzione di operette. Fu solo nel 1904, quando fu nominato kapellmeister alla Volksoper e per una stagione (1907-8) all'Hofoper, che poté dirigere le principali opere del repertorio. Durante questo periodo concentra il suo lavoro compositivo sul teatro musicale: fino al 1910 Zemlinsky scrisse quattro opere che mostrano in modo molto vario la sua infallibile affinità per il genere.

Nel 1911 Zemlinsky si recò a Praga dove ricoprì la carica di direttore d'opera del Deutsches Landestheater fino al 1927. Fu qui che celebrò i suoi maggiori successi come direttore, soprattutto per le sue letture della musica di Mozart e Wagner ma anche attraverso esecuzioni di opere di Mahler e Schoenberg, il nome di Zemlinsky divenne sinonimo di un'interpretazione naturale e percettiva che serviva alla musica. Il suo lavoro di direttore ha concesso a Zemlinsky solo un po 'di tempo per comporre e tuttavia opere come il Quartetto per archi n. 2, la Lyrische Symphonie e le due opere in un atto basate su opere di Oscar Wilde sono alcuni dei punti salienti della sua opera. 

Nel 1927 Zemlinsky si trasferì a Berlino, dove fu kapellmeister alla Kroll Opera (fino alla chiusura). Qui ha diretto una serie di produzioni che hanno suscitato interesse a causa dell'estetica della loro messa in scena e tuttavia Zemlinsky è stato oscurato dall'ascesa di giovani direttori come Otto Klemperer, Georg Szell ed Erich Kleiber. Nel 1931 assume un incarico di insegnante presso l'Accademia di musica ma dopo la presa del potere da parte dei nazisti e nel 1933 l'approvazione della legge che proibisce agli ebrei di essere impiegati nel servizio statale dovette dimettersi. Ritornò nella città natale con la sua seconda moglie Louise (la sua prima moglie Ida era morta nel 1929) - Vienna divenne ora il suo esilio. 

Alexander von Zemlinsky (1871-1942).

Poiché la vita culturale a Vienna veniva sempre più influenzata dagli sviluppi politici, Zemlinsky non fu più in grado di affermarsi. Tuttavia, aveva più tempo per comporre. Le opere di questo periodo successivo erano varie per stile e forma, la principale era l'opera Der König Kandaules. Dal 1938 la situazione a Vienna gli rese impossibile continuare a lavorare e, dopo l'invasione di Hitler, Zemlinsky e la sua famiglia progettarono di fuggire. Nell'autunno del 1938 lasciarono Vienna e fuggirono a New York. Zemlinsky era un uomo distrutto quando è arrivato nel Nuovo Mondo. Ha anche dovuto abbandonare la sua opera e ha composto solo poche opere minori. Dopo aver subito diversi ictus Zemlinsky morì il 15 marzo 1942 nella sua casa di Larchmont vicino a New York.

Per diversi decenni dopo la sua morte la musica di Zemlinsky fu più o meno ignorata. Fu solo negli anni '1970 che le sue opere principali furono eseguite e registrate. La rivalutazione della sua biografia ha portato anche alla rinascita di un compositore la cui musica unisce in maniera incomparabile le tendenze di mezzo secolo. Si può considerare che la fase della riscoperta sia giunta a buon fine con la prima mondiale di Der König Kandaules all'Opera di Stato di Amburgo nel 1996. Ora il pubblico ha di nuovo la musica di un compositore di cui Schoenberg disse nel 1949: "Ho sempre creduto fermamente che era un grande compositore e ci credo ancora. È possibile che il suo momento arrivi prima di quanto pensiamo ”.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: