Albert Neisser (1855-1916).

  • Professione: Dottore in Medicina. Dermatologo, Microbiologo e Venereologo.
  • Residences: Villa Albert Neisser, Breslavia.
  • Relazione con Mahler: amico. Gustav Mahler rimase Villa Albert Neisser. Artlover (vedi Villa Albert Neisser). Cugino di Arnold Berliner (1862-1942).
  • Corrispondenza con Mahler: Sì.
    • 00-00-0000, anno 
  • Nato: 22-01-1855? Widnica, Polonia.
  • Morto: 30-07-1916 Breslavia (Wroc? Aw), Polonia. 61 anni.
  • Sepolto: 00-00-0000

Albert Ludwig Sigesmund Neisser era un medico tedesco che ha scoperto l'agente eziologico (patogeno) della gonorrea, un ceppo di batteri che è stato chiamato in suo onore (Neisseria gonorrhoeae).

Neisser è nato nella città slesiana di Schweidnitz (ora? Widnica, in Polonia), figlio di un noto medico ebreo, il dottor Moritz Neisser. Dopo aver completato la scuola elementare a Münsterberg, Neisser si iscrisse alla scuola di Santa Maria Magdalena a Breslavia (ora Wroc? Aw, in Polonia). In questa scuola era contemporaneo di un altro grande nome nella storia della medicina, Paul Ehrlich. Ha ottenuto la maturità nel 1872.

Neisser iniziò a studiare medicina all'Università di Breslavia, ma in seguito si trasferì a Erlangen, completando i suoi studi nel 1877. Inizialmente Neisser voleva essere un internista, ma non trovò un posto adatto. Trovò lavoro, però, come assistente del dermatologo Oskar Simon (1845-1892), concentrandosi sulle malattie sessualmente trasmissibili e la lebbra. Nei due anni successivi ha studiato e ottenuto prove sperimentali sul patogeno della gonorrea, Neisseria gonorrhoeae.

Neisser è stato anche il co-scopritore dell'agente eziologico della lebbra. Nel 1879 il medico norvegese Gerhard Armauer Hansen diede al giovane Neisser (che lo aveva visitato in Norvegia per esaminare circa 100 malati di lebbra) alcuni campioni di tessuto dei suoi pazienti. Neisser ha colorato con successo i batteri e ha annunciato le sue scoperte nel 1880, sostenendo di aver scoperto la patogenesi della lebbra. C'era un certo conflitto tra Neisser e Hansen, perché Hansen non era riuscito a coltivare l'organismo ea dimostrare inequivocabilmente il suo legame con la lebbra, sebbene avesse osservato il batterio dal 1872.

Nel 1882 Neisser fu nominato professore straordinario dall'Università all'età di 29 anni e lavorò come dermatologo presso l'ospedale universitario di Breslavia. Successivamente è stato promosso a direttore dell'ospedale. L'anno successivo si è sposato con Toni Neisser, nata Kauffmann.

Nel 1898 Albert Neisser pubblicò studi clinici sulla terapia sierica in pazienti con sifilide. Ha iniettato siero privo di cellule da pazienti con sifilide in pazienti ricoverati per altre condizioni mediche. La maggior parte di questi pazienti erano prostitute, che non erano state né informate dell'esperimento né chiesto il loro consenso. Quando alcuni di loro hanno contratto la sifilide, Neisser ha sostenuto che le donne non hanno contratto la sifilide a causa delle sue iniezioni di siero, ma hanno contratto la malattia perché lavoravano come prostitute.

Nel 1905 e nel 1906 Neisser si recò a Java, per studiare la possibile trasmissione della sifilide dalle scimmie all'uomo. In seguito collaborò con August Paul von Wassermann (1866-1925) per sviluppare il famoso test diagnostico per la rilevazione delle infezioni da Treponema pallidum, e anche per il test del primo agente chemioterapico per la sifilide, Salvarsan, scoperto dal suo ex compagno di scuola Paul Ehrlich nel 1910. Nel 1907, Neisser fu promosso professore ordinario di dermatologia e malattie sessualmente trasmissibili a Breslavia.

In qualità di leader scientifico, Neisser è stato anche molto attivo. Nel campo della salute pubblica, ha promosso vigorosamente misure preventive ed educative al pubblico e un migliore controllo sanitario delle prostitute, al fine di combattere le malattie veneree. Fu uno dei fondatori della Deutsche Gesellschaft zur Bekämpfung der Geschlechtskrankheiten (Società tedesca per la lotta contro le malattie veneree) nel 1902 e della Deutsche Dermatologische Gesellschaft (Società tedesca di dermatologia) nel 1888. Neisser morì di setticemia il 30 luglio 1916, all'età di 61 anni, a Breslavia.

Altro sul suo lavoro

Albert Ludwig Neisser è ricordato principalmente come lo scopritore dell'agente eziologico della gonorrea e perché è memorizzato eponimicamente con il genere batterico a cui appartiene. Il nome generico “Neisseria” era già stato proposto nel 1885 da V. Trevisan, un batteriologo italiano, ma fu adottato generalmente solo negli anni '1930. Così, ad esempio, la Neisseria meningitides, coltivata per la prima volta da Anton Weichselbaum (1845-1920, Vienna) nel 1887, rimase a lungo Diplococcus interellularis meningitides.

Non solo le circostanze dello sviluppo professionale di Neisser sono interessanti, ma la sua carriera scientifica è stata più complessa di una singola importante scoperta. Era nato il 22 gennaio 1855 in una piccola città prussiana vicino alla città universitaria di Breslavia. Suo padre, Moritz Neisser, era un medico che rimase vedovo durante l'infanzia di Albert e fu cresciuto in gran parte dalla sua matrigna. Dopo aver frequentato una scuola elementare locale, ha frequentato il Ginnasio a Breslavia. Paul Ehrlich (1854-1915) era un compagno di classe, che iniziò una relazione per tutta la vita.

Tra il 1872 e il 1877 frequenta l'Università di Breslavia, con qualche tempo anche all'Università di Erlangen (Norimberga). Ha conseguito la laurea in medicina e la licenza nel 1877. Neisser voleva rimanere a Breslavia, poiché la residenza che cercava in medicina interna non era disponibile, accettò una residenza in indermatologia-venereologia. Almeno i dipartimenti di patologia e dermatologia erano privi dell'antisemitismo prevalente, quest'ultimo dipartimento era già molto apprezzato nel 1878, quando era presieduto da Oscar Simon (1845-1882). L'interesse di Neisser per il nuovo campo della batteriologia fu probabilmente stimolato da Ferdinand Cohn (1828-1898), professore di botanica, batteriologo pioniere, e dal batteriologo danese Carl J. Salomonsen (1847-1924), temporaneamente a Breslavia. Neisser conosceva i patologi Julius Cohnheim (1839-1884) e Carl Weigert (1845-1904) abbastanza a lungo prima che partissero per l'Università di Lipsia nel 1877 e nel '78 per apprendere le tecniche di colorazione istologica. Al termine della sua formazione, Neisser nel 1880 ottenne un posto di docente presso l'Università di Lipsia. I due anni successivi divennero l'unico periodo durante il quale non fu affiliato all'Università di Breslavia.

Durante la sua residenza, il 24enne Neisser nel 1879 fece entrambe le sue principali scoperte. Ha dimostrato un coccus morfologicamente coerente in 26 adulti con tipica uretrite gonorrheal, sette casi di infezione neonatale e due casi adulti di oftalmia. Ha macchiato i "micrococchi" con violetto di metile. La scoperta microscopica di Neisser fu presto confermata, ma non fu in grado di trovare un mezzo di coltura affidabile. Nel 1882 Neisser fece una descrizione morfologica più dettagliata e introdusse il termine "gonococco". Sebbene i gonococchi fossero stati dimostrati microscopicamente nel liquido sinoviale in casi di artrite acuta già nel 1883 (8), Neisser nel 1893 fu il primo a riferire di aver coltivato il gonococco in coltura dal liquido sinoviale.

Il significato patologico del gonococco rimase in discussione negli anni 1890, principalmente a causa dell'incapacità di infettare gli animali da laboratorio con esso.

Simon morì improvvisamente nel 1882 e, forse aiutato dall'influenza politica, Neisser all'età di 27 anni fu richiamato da Lipsia per dirigere il dipartimento di dermatologia, una posizione che mantenne negli ultimi 34 anni della sua vita.Oltre al suo lavoro clinico e scientifico divenne un'efficace raccolta fondi, soprattutto nella comunità imprenditoriale ebraica. Questi sforzi culminarono nel 1892 con un nuovo edificio per ospitare il dipartimento di dermatologia venereologia.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: