Francesco Giuseppe I, imperatore (1830-1916) in 1898.

  • Professione: Imperatore d'Austria e Re d'Ungheria. L'Austria-Ungheria.
  • Residenze: Vienna.
  • Relazione con Mahler:
  • Nato: 18-08-1830, Castello di Schonbrunn, Vienna, Austria.
  • Morto: 21-11-1916, Castello di Schonbrunn, Vienna, Austria.
  • Sepolto: cripta imperiale, Vienna, Austria.

Quando Mahler raggiunse Vienna, l'imperatore Francesco Giuseppe aveva 67 anni e regnava da quasi cinquant'anni. Il suo era liberale, aveva una natura tollerante e odiava l'antisemitismo. Lo stesso Francesco Giuseppe era cattolico. Il fatto che abbia nominato un ebreo di provincia a capo della più importante istituzione culturale dell'impero rivela uno stato d'animo sorprendentemente liberale. Ha anche sovvenzionato la Secessione. 1897: Il declino politico di Vienna e dell'impero austriaco accresce il gusto viennese per la cultura in generale e per la musica in particolare. Poiché la monarchia austriaca aveva abbandonato la maggior parte delle sue ambizioni politiche e aveva perso la faccia sul campo di battaglia, l'orgoglio patriottico dei sudditi dell'imperatore prese la forma di un forte desiderio di supremazia artistica.

Francesco Giuseppe I, imperatore d'Austria e re d'Ungheria nacque il 18 agosto 1830, il figlio maggiore dell'arciduca Francesco Carlo, fratello ed erede dell'imperatore Ferdinando I.Francesco Giuseppe divenne erede dopo che suo padre aveva rinunciato al diritto alla corona , diventando imperatore d'Austria nel 1848 all'età di 18 anni in seguito all'abdicazione di Ferdinando verso la fine della rivoluzione ungherese di quell'anno. Già in declino come grande potenza, con Franz Josef che perdeva rapidamente la guerra con i francesi subito dopo la sua adesione nel 1848, l'influenza dell'Austria diminuì ulteriormente durante il regno di Francesco Giuseppe, per una serie di motivi.

Le relazioni dell'Austria con la Russia furono irrimediabilmente danneggiate come conseguenza della mancata adesione dell'Austria durante la guerra anglo-russa di Crimea del 1853-56, un fattore nella crisi di luglio del 1914. Alla fine la Russia entrò in un'alleanza con la Francia e la Gran Bretagna schierò contro la Germania, Austria-Ungheria e Italia, non sentendo persistente lealtà all'Austria-Ungheria. Inoltre, la crescente forza dell'Italia in seguito alla sua riunificazione portò alla perdita di quasi tutti i possedimenti italiani dell'Austria, comprese la Lombardia e il Veneto.

Infine, e forse la cosa più importante, l'ascesa al dominio della Germania dopo la sua guerra vittoriosa con l'Austria nel 1866 e la sua riunificazione sotto Bismarck nel 1871, resero l'Austria la minore delle due potenze germaniche. Nel frattempo, Franz Josef ha dovuto affrontare le crescenti richieste di autonomia dell'Ungheria. Dopo i negoziati, le due nazioni hanno deciso di creare una doppia monarchia in cui entrambi fossero partner alla pari; l'impero dell'Austria-Ungheria fu quindi fondato nel 1867. Franz Josef era il suo monarca, servendo insieme alla moglie Elisabetta che sposò nel 1853 (e che era considerata da molti ungheresi come il loro vero monarca). Elisabeth ha svolto un ruolo nelle discussioni che hanno portato agli accordi di potere condiviso.

Uniforme di gala Franz Josef I.

In base ai termini dell'accordo di compromesso, l'Ungheria ha mantenuto il controllo dei propri affari interni. Nelle questioni relative agli affari esteri i due paesi agirebbero insieme. Ora che ha servito come doppio monarca, Franz Josef ha annunciato la sua intenzione di concedere una forma di autogoverno alla popolazione slava austriaca. Tuttavia era frustrato in questo dai politici tedeschi e magiari che gestivano efficacemente l'impero e che si opponevano fermamente a qualsiasi estensione della condivisione del potere per includere gli slavi.

L'incapacità di Franz Josef di attuare il cambiamento portò a una maggiore insoddisfazione tra i cechi e i serbi austriaci, oltre a causare un'ulteriore tensione nei rapporti con la Russia, il campione naturale dei popoli slavi. La tragedia colpì i parenti stretti di Franz Josef negli anni 1880 e 1890. Il suo unico figlio, l'arciduca Rodolfo, si suicidò nel 1889. Suo fratello, Karl Ludwig, morì nel 1896 a causa di una malattia causata dal bere acqua infetta durante un pellegrinaggio in Terra Santa. Alla fine sua moglie, Elisabeth, fu assassinata a Ginevra nel 1898 da un anarchico italiano.

La questione della successione al trono di Francesco Giuseppe era complessa. Con il suicidio di Rudolf, il prossimo in linea per la successione fu il fratello minore di Franz Josef, Massimiliano. Tuttavia era stato colpito da un plotone di esecuzione messicano nel 1867 dopo un regno di tre anni senza successo come imperatore del Messico. Pertanto, il figlio maggiore del fratello morto Karl Ludwig, Franz Ferdinand, emerse come erede. Franz Josef aveva poco affetto per Franz Ferdinand, disapprovando l'uomo stesso, e il suo matrimonio con Sophie Chotek von Chotkova, che considerava al di sotto del rango di Ferdinand. Il matrimonio di Ferdinando è andato avanti solo dopo che ha accettato di rinunciare a tutti i diritti dei suoi figli per succedergli come imperatore; anche questo accordo fu estratto da Franz Josef in seguito alle rappresentazioni del Kaiser tedesco, Guglielmo II, e dello zar russo, Nicola II.

Nondimeno, non assistette né al matrimonio di Ferdinando né, in seguito al suo assassinio a Sarajevo il 28 giugno 1914, al suo funerale. Nonostante la sua avversione per l'arciduca Francesco Ferdinando, Francesco Giuseppe accettò il consiglio del suo ministro degli esteri, Leopold von Berchtold, prima di emettere un inaccettabile ultimatum alla Serbia, e poi dichiarare guerra dopo che la Serbia aveva litigato con una delle richieste austro-ungariche. Franz Josef ha lasciato la condotta della guerra rigorosamente ai suoi ufficiali militari, anche se nel 1916 credeva che la vittoria fosse impossibile e la rottura del suo impero probabile. L'ultimo importante monarca asburgico, rimasto popolare fino alla fine della sua vita, l'imperatore Francesco Giuseppe morì il 21 novembre 1916 dopo aver regnato per 66 anni. Suo pronipote, Carlo I, salì al trono fino al 1918 come ultimo monarca asburgico.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: