La Sinfonia n. 3 di Gustav Mahler è stata scritta tra il 1893 e il 1896. È il suo brano più lungo ed è la sinfonia più lunga del repertorio standard, con un'esecuzione tipica della durata di circa novanta o cento minuti.

Nella sua forma finale, il lavoro ha sei movimenti, raggruppati in due parti. Il primo movimento da solo, con una durata normale di poco più di trenta minuti, a volte quaranta, forma la prima parte della sinfonia. La seconda parte consiste negli altri cinque movimenti e ha una durata che va dai sessanta ai settanta minuti.

Movimento 1: Kraftig. Entschieden

Movimento 2: Tempo di minuetto. Sehr massig

Movimento 3: Comodo. Scherzando. Ohne Hast

Movimento 4: Lied 1: Sehr langsam! Misterioso: O Mensch! gib Acht!

Movimento 5: Lied 2: Lustig im Tempo und keck im Ausdruck: Bimm bamm. Es sungen drei Engel einen Sussen Gesang

Movimento 6: Langsam. Ruhevoll. Empfunden

Come per ciascuna delle sue prime quattro sinfonie, Mahler originariamente fornì una sorta di programma per spiegare la narrazione del pezzo. In momenti diversi, ha condiviso versioni in evoluzione di un programma per la terza sinfonia con vari amici, tra cui Natalie Bauer-Lechner (1858-1921), un caro amico e confidente, Anna Bahr-von Mildenburg (1872-1947), il soprano drammatico e amante di Mahler durante l'estate del 1896 quando stava completando la sinfonia, e Max Marshalk (1863-1940), un critico musicale. Nella sua forma più semplice, il programma consiste in un titolo per ciascuno dei sei movimenti:

  1. "Pan Awakes, Summer Marches In"
  2. "Quello che mi dicono i fiori nel prato"
  3. "Quello che mi dicono gli animali della foresta"
  4. "Quello che mi dice l'uomo"
  5. "What the Angels Tell Me"
  6. "What Love Tells Me"

Mahler, tuttavia, elaborò questo schema di base in varie lettere. In una lettera del 1896 a Max Marschalk, ha chiamato l'intero "Sogno di mezzogiorno di un'estate", e all'interno della prima parte, distingueva due sezioni, "Introduzione: Pan si sveglia" e "I. Marce estive in (processione bacchica) ”. In una lettera del giugno 1896 ad Anna von Mildenburg, Mahler ribadiva di aver concepito il primo movimento in due sezioni: I. Cosa mi dicono le montagne rocciose; II. L'estate arriva. In un'altra lettera a Mildenburg dell'estate 1896, egli disse che "Pan" gli sembrava il miglior titolo assoluto (Gesamttitel) per la sinfonia, sottolineando che era affascinato dai due significati di Pan, un dio greco e una parola greca che significa "tutto".

Tutti questi titoli furono abbandonati prima della pubblicazione nel 1898.

Mahler originariamente aveva immaginato un settimo movimento, "Heavenly Life" (in alternativa, "What the Child Tells Me"), ma alla fine lo lasciò cadere, usandolo invece come ultimo movimento della Sinfonia n. 4. In effetti, diversi motivi musicali presi da "Heavenly Life" appare nel quinto movimento (corale) della Terza Sinfonia.

La sinfonia, in particolare a causa dell'ampio numero di movimenti e delle loro marcate differenze di carattere e costruzione, è un'opera unica. Mahler conosceva bene Natalie Bauer-Lechner (1858-1921), un violista, durante il periodo in cui ha composto questa terza sinfonia. La struttura e il contenuto non sono stati rivelati da Mahler al pubblico, ma ne ha informato Bauer-Lechner. Ha tenuto un diario privato su ciò che ha affermato su questa terza sinfonia. Mahler ha detto: "Non puoi immaginare come suonerà!"

Gustav Mahlers possiede una copia della prima partitura completa della Sinfonia n. 3 con i suoi segni su di essa.

Gustav Mahlers possiede una copia della prima partitura completa della Sinfonia n. 3 con i suoi segni su di essa.


Guida all'ascolto

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: