La Sinfonia n. 1 in re maggiore di Gustav Mahler (1860-1911) fu composta principalmente tra la fine del 1887 e il 03-1888, sebbene incorpori la musica che Mahler aveva composto per opere precedenti. È stato composto mentre Mahler era secondo direttore all'Opera di Lipsia, in Germania.

Sebbene nelle sue lettere Mahler si riferisse quasi sempre all'opera come a una sinfonia, le prime due esecuzioni la descrissero come un "poema sinfonico" o "poema a toni".

Il lavoro è stato presentato in anteprima al Vigado (ampio salone) Budapest nel 1889, ma non fu ben accolta. Vedere Concerto del 1889 Budapest 20-11-1889 - Sinfonia n. 1 (prima).

Mahler ha fatto alcune importanti revisioni per la seconda performance, data ad Amburgo 1893 Concert Hamburg 27-10-1893 - Sinfonia n. 1, Des Knaben Wunderhorn (anteprime). Ulteriori modifiche furono apportate negli anni precedenti la prima pubblicazione, alla fine del 1898.

Alcune performance e registrazioni moderne danno al lavoro il titolo Titano, nonostante Mahler usasse questa etichetta solo per due prime esecuzioni, e mai dopo che l'opera aveva raggiunto la sua forma definitiva a quattro movimenti nel 1896.

Structure

Nella sua forma finale, la sinfonia ha quattro movimenti:

Movimento 1: Langsam, schleppend; Immer sehr gemachlich

Movimento 2: Kraftig bewegt, doch nicht zu schnell

Movimento 3: Feierlich und gemessen, ohne zu schleppen

Movimento 4: Sturmisch bewegt

I movimenti sono organizzati in una configurazione a quattro movimenti abbastanza tipica. Normalmente, il Minuet-Trio è il terzo movimento e il movimento lento il secondo, ma Mahler li ha scambiati, cosa che a volte è stata eseguita anche da Beethoven. Le tonalità sono Re maggiore per il primo movimento, La maggiore per il secondo, Re minore per terzo e Fa minore per ultimo, con un gran finale alla fine in Re maggiore. L'uso del fa minore per l'ultimo movimento è stato una rottura drammatica rispetto all'uso convenzionale.

Per le prime tre esibizioni (Budapest, Amburgo e Weimar), c'era un movimento aggiuntivo, Blumine ('Fiore pezzo'), tra il primo e il secondo movimento del brano così com'è ora. Questo movimento è stato originariamente scritto nel 06-1884 come il numero di apertura "Ein Ständchen am Rhein" nella musica incidentale di Mahler per una serie di sette tableaux vivants basati su Joseph Victor von Scheffel (1826-1886)la poesia 'Der Trompeter von Säckingen', che, Blumine a parte, da allora è andato perduto.

L'aggiunta di questo movimento sembra essere stata un ripensamento e Mahler lo scartò dopo lo spettacolo di Weimar nel 1894, e non fu scoperto di nuovo fino al 1966, quando Donald Mitchell (1925-2017) portato alla luce. L'anno successivo, Benjamin Britten ne diresse la prima esecuzione dai tempi di Mahler al Festival di Aldeburgh.

La sinfonia non viene quasi mai suonata con questo movimento incluso oggi, sebbene a volte venga ascoltata separatamente. Negli anni '1970, Eugene Ormandy e la Philadelphia Orchestra fecero la prima registrazione della sinfonia da una grande orchestra per includere Blumine. Attualmente esistono circa 20 registrazioni che includono Blumine; tuttavia, la maggior parte di loro lo combina con l'edizione rivista degli altri movimenti, creando così una versione "mista" della sinfonia che non è stata mai autorizzata da Mahler.

Tuttavia, Mahler cita il tema principale del Blumine movimento nel movimento finale, così come altri temi degli altri movimenti, quindi è più in armonia con la pratica di Beethoven nella sua nona sinfonia di citazioni di temi del primo, secondo e terzo movimento all'inizio del movimento finale. (Beethoven dà l'impressione di rifiutare i temi precedenti, dopo averli citati, e poi introduce il famoso tema "Inno alla gioia".)

È interessante notare che la versione a cinque movimenti dura generalmente circa un'ora, proprio come le sinfonie successive di Mahler (ad eccezione della quarta sinfonia) durano un'ora o più. Mahler in realtà ha seguito un precedente, stabilito da Beethoven nella sua nona sinfonia e da Anton Bruckner in molte delle sue sinfonie, di sviluppo più lungo e dettagliato dei temi, che di solito si traduce in un tempo di esecuzione di un'ora o più.

In questo primo schema a cinque movimenti, il lavoro fu immaginato da Mahler come un grande poema sinfonico in due parti, e scrisse un programma per descrivere il pezzo, ma senza aggiungere alcun altro titolo per la prima di Budapest del 1889. La prima parte consisteva nei primi due movimenti della sinfonia come è ora conosciuta più Bluminee il secondo costituito dalla marcia funebre e dal finale.

Per le esibizioni di Amburgo del 1893 e di Weimar del 1894, Mahler diede il titolo al pezzo Titano dopo il romanzo di Giovanni Paolo (1763-1825), sebbene Mahler abbia specificato che il pezzo non era in alcun modo "sul" libro; il soprannome è spesso usato oggi, ma si applica correttamente solo a queste due versioni.

L'apertura del terzo movimento vede un solista di contrabbasso che esegue una variazione sul tema di “Frère Jacques”, distinguendolo come uno dei pochi pezzi sinfonici ad utilizzare lo strumento in questo modo. Mahler usa la canzone, che cita come "Bruder Martin", modificata da maggiore a minore, conferendo così al pezzo il carattere di una marcia funebre. Il cambio di modalità in minore non è un'invenzione di Mahler, come spesso si crede, ma piuttosto il modo in cui questo giro è stato cantato nel XIX e all'inizio del XX secolo in Austria.

Note

La sinfonia di Mahler, come alla fine pubblicata, esiste nella tradizionale forma a quattro movimenti. Il primo movimento è in forma di sonata modificata. Il secondo è uno scherzo e un trio basato su un Ländler, un valzer austriaco tradizionale. La terza è una marcia funebre più lenta e la quarta funge da finale espansivo. Inizialmente, esisteva un secondo movimento aggiuntivo, intitolato Blumine ma fu rimosso da Mahler per la pubblicazione finale nel 1899.

Nelle prime esecuzioni, sono state attribuite alla sinfonia le seguenti note di programma:

Parte I: Dai giorni della giovinezza, "giovinezza, frutta e pezzi di spine":

  1. Primavera e senza fine. Questa introduzione descrive il risveglio della natura alle prime luci dell'alba.
  2. Capitolo Fiorito (Andante).
  3. Set con vele piene (Scherzo).

Parte II: Commedia umana:

  1. Incagliato. Una marcia funebre alla maniera di Callot.
  2. Dall'inferno al Paradiso, come l'espressione improvvisa di un cuore profondamente ferito.

Queste note programmatiche furono abbandonate a partire dalla performance del 1896 a Berlino, perché Mahler non voleva che il pubblico fosse ingannato da tali note e dalle loro intrinseche ambiguità.

Giaceva nella sinfonia

Uno dei segni più importanti che Mahler ha lasciato nella sinfonia come genere è l'incorporazione di un altro genere importante del 19 ° secolo; mentì il tedesco. Nella sua prima sinfonia, Mahler ha preso in prestito materiale dal suo ciclo di canzoni Lieder eines fahrenden Gesellen, innovando così la forma sinfonica e potenzialmente rispondendo a domande sugli elementi programmatici e personali nella musica.

Sebbene alcuni dei predecessori sinfonici di Mahler abbiano sperimentato il lirismo nella sinfonia, l'approccio di Mahler era molto più ampio. Attraverso l'uso del secondo lied del suo ciclo Lieder eines fahrenden Gesellen, Lied 2: Ging heut 'Morgen uber's Feld, possiamo vedere come il compositore manipola la forma della canzone per adattarla alla forma sinfonica.

All'interno del movimento sinfonico, la melodia "Ging heut" Morgen "è un'esposizione luminosa in contrasto con l'introduzione più lenta e cupa. Sebbene la canzone abbia un ruolo simile nel ciclo della canzone, essendo circondata da canzoni a tema più scuro, Mahler cambia l'ordine delle strofe come originariamente trovato nella canzone. Dei tre versi, il terzo verso più rilassato viene utilizzato all'inizio dell'esposizione, mentre il primo e il secondo verso più cromaticamente e ritmicamente attivi si trovano nella sezione di chiusura, aiutando a costruire l'energia fino alla fine dell'esposizione.

Nel terzo movimento della sinfonia, la citazione del Lied 4: Die zwei blauen Augen von meinem Schatz dimostra la sottigliezza con cui Mahler ha combinato i due generi. All'interno di questa marcia funebre, possiamo vedere l'unione di forma e significato del compositore, e anche elementi di un programma.

Nell'ultima strofa del ciclo di canzoni, l'oratore riconosce l'indolore della morte, dicendo: "(sotto il tiglio) non sapevo come andava la vita, (lì) tutto andava di nuovo bene!" Questa melodia è impiegata come contromelodia al tema "Frère Jacques" nel modo minore, ma il contrappunto che Mahler usa non è convenzionale e le due melodie non sono mai adeguatamente consolidate.

Questo contrappunto irrisolto è stato interpretato come un conflitto tra le implicazioni cattoliche del tema "Frère Jacques" e le qualità klezmer ebraiche del tema "Die zwei blauen Augen", alludendo così a un conflitto sociale di cui Mahler era molto consapevole.

La sottigliezza e le implicazioni dell'incorporazione da parte di Mahler della canzone Gesellen nella marcia funebre ci portano alla questione del programma. Le idee del compositore sul contenuto programmatico non sono concrete.

La questione della soggettività emerge quando si discute quali significati Mahler intendeva che il lieder portasse al lavoro orchestrale. Guardando i programmi che ha fornito, si possono vedere molte connessioni tra il ciclo della canzone e gli elementi programmatici della sinfonia, ma bisogna anche considerare che Mahler ha successivamente rimosso i programmi.

Tra questa incertezza, però, è chiaro che alcuni elementi narrativi associati al poeta e compositore di un lied sono stati trasferiti dal ciclo della canzone alla sinfonia. La mancanza di parole, rende molto più difficile per il compositore essere soggettivo nella sinfonia, quindi è necessario trovare un messaggio più universale. I commenti del compositore sul "mondo" creato da una sinfonia sembrano rafforzare questa idea.

Espressione

  • 001-054 Introduzione in fa minore (Stürmisch bewegt) [Stormily moving]: Inferno.
  • 055-142 Primo complesso di temi in fa minore (Energisch) [Energetico]: Inferno.
  • 143-166 Sequenze di rigonfiamenti di ottoni (Mit großer Wildheit) [Con grande ferocia]: Inferno.
  • 167-174 Transizione.
  • 175-237 Sezione secondaria in re bemolle maggiore (Sehr gesangvoll) [Very songlike].
  • 238-253 Epilogo in Re bemolle maggiore (Langsam) [Lentamente]: Richiamo della lenta introduzione della sezione principale e del motivo dell'inferno.
  • 254-289 Prima parte in sol minore (come all'inizio).
  • 290-316 Prima affermazione del motivo “vittorioso” in do maggiore, pianissimo.
  • 317-369 Seconda parte in do minore.
  • 370-427 Seconda entrata del motivo “vittorioso” (Pesante) (Modulazione da Do maggiore a Re maggiore) e Tema corale in Re maggiore (Paradiso).
  • 428-457 Richiamo del motivo della sezione principale (molto lento); Mahler, "wundervoller Anklang an die Jugend des Helden" ["meravigliosa allusione alla giovinezza dell'eroe"].
  • 458-532 Sezione secondaria con transizione in fa maggiore.
  • 533-573 Tema principale in Fa minore (Tempo I): l'immagine dell'Inferno ora è stata spostata a distanza (ppp).
  • 574-622 Intensificazione del materiale dalla sezione principale.
  • 623-695 Höchste Kraft (Massima forza): svolta, terza occorrenza del motivo "vittorioso" e tema corale in re maggiore (Paradiso).
  • 696-731 Cod.

Segna New York

Mahler ha diretto per ultimo la sua prima sinfonia Concerto del 1909 New York 16-12-1909 - Sinfonia n. 1 e Concerto del 1909 New York 17-12-1909 - Sinfonia n. 1, quando ha guidato il Orchestra Filarmonica di New York (NYPO / NPO) nella prima degli Stati Uniti dell'opera.

Dopo la sua morte nel 1911, la partitura che usò in quelle esibizioni rimase nella Biblioteca dell'Orchestra Filarmonica e fu timbrata di conseguenza. Fu usato nelle successive esibizioni della Filarmonica e reca i segni di Bruno Walter nel 1933 (vedi nota in alto nel frontespizio: "49 minuti BW") e Leonard Bernstein nel 1959 o 1962 (vedi pagina 3, angolo inferiore sinistro: "LB " tra gli altri. 

Concerto del 1909 New York 17-12-1909 - Sinfonia n. 1.

Concerto del 1909 New York 17-12-1909 - Sinfonia n. 1.

Concerto del 1909 New York 17-12-1909 - Sinfonia n. 1.


Guida all'ascolto

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: