L'uomo solitario in autunno

  • Der Einsame im Herbst.
  • Tonalità: re minore.
  • Etwas schleppend. Ermudet. (Un po 'trascinante. Stanco.)
  • Dopo il poeta cinese: Qian Qi.
  • Voce: Alto (o Baritono).
  • Solo: strumenti a fiato.
  • Durata: 10 minuti.

Questo movimento è molto più morbido e meno turbolento. Contrassegnato come "un po 'trascinante ed esausto", inizia con un ripetitivo rimescolamento delle corde, seguito da strumenti a fiato solisti. L'orchestrazione in questo movimento è scarsa e simile alla musica da camera, con linee contrappuntistiche lunghe e indipendenti.

I testi, basati sulla prima parte di una poesia dell'era della dinastia Tang di Qian Qi, lamentano la morte dei fiori e il passaggio della bellezza, oltre a esprimere un desiderio esausto per il sonno.

Der Einsame im Herbst

Herbstnebel wallen bläulich überm See;
Vom Reif bezogen stehen alle Gräser;
Man meint ', ein Künstler habe Staub vom Jade
Über die feinen (Blüten) 1 ausgestreut.

Der süße Duft der Blumen è verflogen;
Ein kalter Wind beugt ihre Stengel nieder.
Bald werden die verwelkten, goldenn Blätter
Der Lotosblüten auf dem Wasser ziehn.

Mein Herz ist müde. Meine Kleine Lampe
Erlosch con Knistern;
(es gemahnt mich an den Schlaf.) 2
Ich komm zu dir, traute Ruhestätte!
Sì, gib mir (Ruh) 3, ich hab Erquickung no!

Ich weine viel in meinen Einsamkeiten.
Der Herbst in meinem Herzen währt zu lange.
Sonne der Liebe, willst du nie mehr scheinen,
Um meine bittern Tränen (lieve) 4 aufzutrocknen?

Note:

1 Hans Bethge (1876-1946): "Halme".
2 Bethge: "an den Schlaf gemahnend".
3 Bethge: "Schlaf".
4 Aggiunto da Gustav Mahler.

L'uomo solitario in autunno

Le nebbie autunnali si diffondono, sfumate di blu sul lago ...
Ricoperta di brina, tutta l'erba è rigida;
Si potrebbe pensare che un artista abbia spruzzato polvere di giada
Sopra i fiori delicati.

Il profumo dolce dei fiori è svanito.
Un vento freddo piega i loro steli:
Presto i petali dorati sbiaditi
Del loto fluttuerà sull'acqua.

Il mio cuore è stanco. Con un suono scoppiettante la mia piccola lampada
È uscito; mi ricorda il sonno! ...
Vengo da te, caro luogo di riposo,
Sì, dammi riposo, ho bisogno di conforto.

Spesso piango nei miei giorni solitari. . .
L'autunno nel mio cuore è durato troppo a lungo.
Sole d'amore, non brillerai mai più
Per asciugare delicatamente le mie lacrime amare?


Guida all'ascolto

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: