Maria Caroline Rosé-Schmutzer (1909-1999)  1999.

La donazione originale del 1983

[articoli numerati 1-727]

La collezione Mahler-Rosé è stata donata all'Università dell'Ontario occidentale nell'ottobre 1983 da Maria Caroline Rosé-Schmutzer (1909-1999), vedova del prof Alfred Eduard Rose (1902-1975), che era il nipote del compositore Gustav Mahler e il figlio di Arnold Rosé (primo violino della Vienna Philharmonic Orchestra e leader del Rosé String Quartet).

La collezione è attualmente ospitata presso l'Archives and Research Collections Center nella DB Weldon Library. Questa raccolta rappresenta un'aggiunta significativa alla conoscenza di Gustav Mahler ed è materiale necessario per qualsiasi studioso serio coinvolto nella ricerca sulla vita e sui tempi del compositore, e sulla vita e sui tempi di suo cognato, Arnold Rosé, o suo nipote, Alfred Rosé.

La donazione originale può essere suddivisa in tre raggruppamenti distinti. La prima di queste consiste in 521 lettere personali di Mahler, principalmente a sua sorella Justine. Consiste anche di oltre 130 "lettere di celebrità" a Gustav Mahler e Arnold Rosé.

Le lettere scritte a Mahler a sua sorella Justine e ai suoi genitori rivelano i primi anni dello sviluppo di Mahler come musicista, la sua rapida padronanza di tutti i suoi studi e il grande successo accordato a questo giovane e promettente genio. I materiali contengono anche i commenti di Mahler sugli sviluppi storici e sociali del giorno: per esempio, è rimasto estasiato dalla saccarina - ha inviato campioni alla sua famiglia e ha assicurato loro che avrebbe potuto ottenere tutto quello che potevano usare.

Gli intrighi e la politica per ottenere un'ambita posizione nell'Opera di Stato di Vienna sono dettagliati, così come le varie somme pagate ai membri dell'orchestra. L'aspetto riflessivo di Mahler è rivelato in una lettera a Josef Steiner in cui contempla la vita e la natura, e nella sua nota che giustifica il suo Ritocco alla nona sinfonia di Beethoven [E7-MD-349].

Justine aveva una vasta collezione di autografi di celebrità. È stato per lei che suo fratello Gustav e suo marito Arnold Rosé hanno salvato le lettere personali, elogiative e di congratulazioni di persone famose come Nellie Melba, Adelina Patti, Principessa Metternich, Wanda Landowska, Moritz Rosenthal, Jacob Dont , Hans Schliessmann, Arnold Schoenberg, Max Bruch, Max Reger, Pietro Mascagni, Richard Strauss, Anton Bruckner, Anton Webern, Engelbert Humperdinck, Antonín Dvorák, Ethel Smyth, Erich Wolfgang Korngold e molti altri.

Il secondo raggruppamento di materiali Mahler-Rosé è costituito da lettere e cartoline scritte da Mahler alla sua famiglia durante il periodo di ca. 1880-1910. Queste lettere personali piene e franche mostrano il giovane genio che si è stabilito nelle comunità musicali di Praga, Lipsia, Budapest, Amburgo, Vienna e altre grandi città.

C'è un'atmosfera inebriante mentre Mahler racconta il brillante successo - fa il ciclo di Wagner; è nominato alla direzione dell'Opera di Stato di Vienna; "Stasera per la prima volta, Sigfrido!"; l'imperatore deve assistere; il tutto in contrapposizione a dettagli personali fastidiosi e meschini: ha il raffreddore; insoddisfazione per l'inverno; problemi di stomaco; e, travolgente, la sua euforia nell'incontrare colleghi compositori, direttori d'orchestra, musicisti: i suoi commenti su Richard Strauss "uno dei compositori più importanti che probabilmente ha un grande futuro davanti a sé", in contrasto con la realtà politica del giorno " l'atmosfera è molto bellicosa. "

Questo raggruppamento fornisce uno sguardo intimo senza precedenti sugli anni in via di sviluppo di un brillante giovane musicista e sui suoi commenti e opinioni perspicaci e penetranti su eventi e personalità della giornata.

Il terzo gruppo di materiali Mahler-Rosé è una raccolta di circa 61 lettere, 12 cartoline, 2 appunti e circa 20 articoli assortiti. Sono inclusi anche una serie di programmi, poster e biglietti di spettacoli di opere di Mahler, diretti da lui stesso, tra cui la Prima Sinfonia (27 ottobre 1893); la Seconda Sinfonia (9 aprile 1899 e 24 novembre 1907); e l'Ottava Sinfonia (12-13 settembre 1910).

C'è anche una poesia scritta in omaggio ad Arnold Rosé scritta e firmata dall'autore-poeta Franz Werfel, in onore del 70 ° compleanno di Arnold Rosé, celebrato dalla Filarmonica di Vienna il 24 ottobre 1933; e c'è la musica di Erich Wolfgang Korngold per Lieder des Abschieds, opus 14, recante nella pagina iniziale una dedica scritta a mano ad Alma Rosé.

All'interno di questo terzo raggruppamento si trovano anche i manoscritti e le partiture della Collezione. Alcuni dei punti salienti includerebbero il più antico manoscritto conosciuto della Sinfonia n. 1 (manoscritto del copista, con annotazioni di mano di Mahler). C'è una copia manoscritta, nelle mani di Alfred Rosé, del Clavier-Quartett di Mahler, 1. Satz. Su tre pagine di cancelleria dell'Opera di Stato di Vienna c'è il testo di Des Knaben Wunderhorn, in mano a Mahler.

Altri autografi di Mahler includono il Josephinen Lieder per tenore e pianoforte, diverse canzoni e alcune misure del secondo movimento della Quarta Sinfonia (1 gennaio 1902) con una nota di Mahler. C'è una copia del primo movimento originale di Das klagende Lied (Waldmärchen) nelle mani di Alfred Rosé e anche parti corali e una partitura vocale per pianoforte preparata da Rosé per la prima mondiale di Waldmärchen, che diresse nel 1934.

Sono presenti numerose fotocopie di manoscritti di opere di Mahler, oltre al manoscritto di un copista della Sonata per violino e pianoforte di Bruno Walter composta per Arnold Rosé. Questo raggruppamento include anche un manoscritto della Sonata per pianoforte di Alfred Rosé in la maggiore, 1937, e le sue canzoni composte nel 1939.

I supplementi alla donazione originale sono stati acquisiti successivamente, tramite acquisto o lascito, e sono descritti di seguito:

Supplemento 1 (acquistato da Alfred Rosé)

[articoli numerati 728-765]

Trentotto lettere di Mahler ai suoi genitori e alla sorella Justine costituiscono la maggior parte di questo supplemento. Delle tre lettere rimanenti, due sono scritte a Mahler: Carl Goldmark (11-01-1897) e Richard Strauss (22-04-1900); il secondo, una lettera ad Arnold Rosé di Max Reger (28-07-1908).

Supplemento 2 (acquistato da Sotheby's Sale n. 5256, 12 dicembre 1984)

[articoli numerati 766-775]

Questa raccolta era in possesso di Ernest Rosé di Washington, figlio di Emma Mahler e Eduard Rosé, e consiste in quattro lettere di Mahler (una scritta in collaborazione con sua sorella Justine) ai membri della famiglia; sei lettere di Justine a Emma; dieci lettere di Bruno Walter a Mahler, Justine o Emma; quattro fotografie di Walter in cartoncino; e una bozza di una lettera di Arnold Rosé (in mano a Mahler) che ritira l'offerta di un posto con il (Quartetto del Rosé) al violoncellista Rudolf Krasselt, citando una situazione spiacevole tra il fratello di Krasselt (Concertmaster a Weimar) e il suo comportamento verso il fratello di Arnold Eduard Rosé.

Supplemento 3 (donazione 1989 dalla signora Maria C. Rosé)

[articoli numerati 782-828]

In questo Supplemento è contenuto materiale aggiuntivo relativo a Mahler, pubblicato principalmente la prima e le prime edizioni delle sue opere, fotografie e cimeli, e un'unica lettera di Mahler a Ernestine Löhr. È inclusa una ciocca di capelli di Mahler, 44 fotografie di Mahler da solo e con altri, una foto di se stesso firmata e incisa che Mahler ha dato ad Arnold Rosé e numerose fotografie di membri della famiglia Mahler.

Supplemento 4 (donazione 1989 dalla signora Maria C.Rose - materiale relativo ad Arnold e Alfred Rosé)

[articoli 828a-972]

Le fotografie sono in primo piano in questo supplemento: i genitori e la famiglia di Arnold Rosé; il Quartetto Rosé durante la sua lunga carriera; Arnold con i musicisti Richard Strauss, Toscanini e Lotte Lehmann; e Alfred Rosé, da solo e con altri musicisti, e anche con sua moglie Maria Rosé. Sono incluse diverse lettere di Elisabeth Schumann ad Alfred Rosé, così come lettere di Lotte Lehmann, Arnold e Justine Rosé e Alice Strauss.

I cimeli di Alfred Rosé sono numerosi: elenchi di conferenze, spettacoli e composizioni; scritti e conferenze; programmi; saggi autobiografici; album di ritagli di giornale (1939-1975); corrispondenza con amici ed ex studenti; manoscritti e spartiti; articoli di giornale e appunti per il suo programma radiofonico CFPL sull'opera. Sono incluse anche le partiture di presentazione inscritte / firmate da vari compositori (John Cook, A. Louis Scarmolin, Gerald Cole) e date ad Alfred Rosé.

I cimeli della signora Maria Rosé sono presenti in questo supplemento: programmi, uno schizzo biografico di 70 pagine, articoli su questioni domestiche scritti da lei e pubblicati sulla Neue Freie Presse (1937) e articoli pubblicati su Ferdinand Schmutzer e Susanne Peschke-Smutzer , Padre e sorella della signora Rosé, entrambi artisti.

Supplemento 5 (donazione 1995 dalla signora Maria C. Rosé)

[articoli 973-1071]

Sculture, acqueforti e cimeli predominano in questo Supplemento, in particolare il busto in bronzo di Rodin di Mahler [“Busto“ B ”], modello B, incisioni di Ferdinand Schmutzer di: Richard Strauss; Arnold Rosé; e la Filarmonica di Vienna nella Musikvereinsaal, direzione di Weingartner (1926, 44/50), una grande acquaforte del Quartetto di Rosé dell'allievo di Schmutzer Stössel e un busto di Arnold Rosé di Susanne Peschke-Schmutzer.

Ulteriori cimeli di Mahler includono un bastone di legno (con un'attribuzione inchiostrata nella mano di sua sorella, Justine), il portafrutta argentato dato a Mahler alla sua partenza da Budapest (1891), il servizio d'argento della famiglia Mahler, fotografie di Mahler e Justine, e fotocopie o trascrizioni di lettere Mahler vendute da Alfred Rosé e corrispondenza relativa alla vendita delle stesse. Sopravvive anche una lettera estremamente rara, scritta dal fratello di Mahler, Otto, a un corrispondente sconosciuto.

Il Rosé Quartet e Alfred Rosé sono ben rappresentati da 90 programmi di diversi tour, con Alfred Rosé come pianista (1922-1938); sono inclusi programmi di recital tenuti da Alfred Rosé sia ​​come pianista che come accompagnatore. Le fotografie incorniciate firmate da Puccini, Johann Strauss Jr., Richard Strauss, Toscanini, Verdi sono iscritte (ad Arnold o Alfred Rosé) sono raggruppate sulla parete nord-ovest della Sala.

Arnold Rosé è stato il destinatario di molti onori e premi durante una lunga e illustre carriera musicale; mentre le citazioni e i certificati stampati sono stati ricevuti come parte della donazione originale, le medaglie di accompagnamento sono state ricevute nel 1995.

Supplemento 6 (materiali relativi ad Alma & Arnold Rosé)

Memorabilia relativi alla vita e alla carriera di entrambi Alma Maria Rose (1906-1944) e suo padre Arnold Josef Rose (1863-1946) figura in primo piano in questo Supplemento, che include fotografie, programmi e corrispondenza (questi ultimi sono principalmente lettere di famiglia, e comprese lettere di Bruno Walter, numerose carte di sostenitori in occasione dell'ottantesimo compleanno di Arnold e le condoglianze ad Alfred e Maria per Arnold's Morte).

Prende il nome da sua zia, Alma Mahler (moglie del compositore Gustav Mahler), Alma Rosé era una violinista che ha lasciato il segno musicale come leader della Wiener Walzermädeln - "The Vienna Waltzing Girls" - un'orchestra femminile in tournée attiva in tutta Europa negli anni '1930 . Diverse fotografie e programmi del Wiener Walzermädeln sopravvivono in questo supplemento.

Arnold Rosé ha formato e guidato il Quartetto Rosé (attivo dal 1883 al 1930; Rosé ha ricostituito il Quartetto mentre era in Inghilterra, esibendosi fino agli anni '80) ed è stato primo violino delle orchestre della Filarmonica e dell'Opera di Vienna dal 1884-1938. Il nazista Anschluss costrinse Arnold al ritiro dall'Orchestra Filarmonica di Vienna nel 1938; date le circostanze ristrette di Arnold, Carl Flesch ha avviato una "sottoscrizione" per conto di Arnold, a cui numerosi amici hanno contribuito a finanziare l'esilio di Arnold in Inghilterra. Alma e suo padre vi fuggirono all'inizio del 1939: le loro lettere a Maria e Alfred Rosé costituiscono la maggior parte della corrispondenza contenuta in questo Supplemento.

Mentre era in Inghilterra, Alma si rese conto che i fondi di suo padre sarebbero stati insufficienti per sostenerlo. Ha lasciato l'Inghilterra per i Paesi Bassi per riprendere la sua carriera di performer, dove ha suonato concerti house e ha inviato denaro ad Arnold in Inghilterra. Alla fine, essendo di discendenza ebraica, la sua situazione divenne precaria e il suo tentativo di fuggire da quel paese nel 1942 la portò alla cattura da parte dei nazisti. Fu internata ad Auschwitz-Birkenau, nel Blocco Sperimentale, Blocco 10. Alla fine, la sua vera identità e il suo talento musicale divennero noti, e Alma fu arruolata per guidare l'Orchestra femminile ad Auschwitz.

L'insistenza di Alma su standard musicali elevati e la necessità di arrangiare musica per un insieme disparato di cantanti e musicisti (flauti, flauti dolci, violini, violoncelli, contrabbasso, chitarre, fisarmonica, mandolini, pianoforte e percussioni) ha reso necessaria la formazione di copisti musicali per produrre arrangiamenti ed eseguire parti per l'ensemble e un bibliotecario per organizzarlo: il blocco 12 è diventato il "blocco musicale".

I prigionieri indispensabili all'Orchestra vivevano nel Blocco Musicale: la maggior parte di loro sopravvisse al loro incarico ad Auschwitz; Alma Rosé no. Morì a causa di una malattia, molto probabilmente botulica, subito dopo una cena di compleanno, e morì il 5 aprile 1944. 

L'Università dell'Ontario Occidentale è grata alla signora Rosé per questa generosa donazione. Man mano che la conoscenza dell'esistenza della Collezione si diffonde, la reputazione dell'Università e della Biblioteca musicale sarà, senza dubbio, rafforzata dalla sua presenza qui.

Se hai trovato degli errori, per favore, avvisaci selezionando quel testo e premendo Ctrl + Invio.

Rapporto sugli errori di ortografia

Il seguente testo verrà inviato ai nostri editori: